Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Pavia

NOTIZIE

 

 Patto di Integrità per i contratti pubblici dell'Amministrazione dell'Interno

Patto di Integrità per i contratti pubblici dell'Amministrazione dell'Interno
 
La legge 6 novembre 2012, n. 190, recante "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione", tra le specifiche misure volte alla prevenzione amministrativa della corruzione, all' art. 1, comma 17, prevede che "...le stazioni appaltanti possono prevedere negli avvisi, bandi di gara o lettere di invito che il mancato rispetto della clausole contenute nei protocolli di legalità o nei patti di integrità costituisce causa di esclusione dalla gara" .

La ratio della disciplina si inserisce nel più generale ambito volto ad assicurare che i rapporti economici instaurati con le pubbliche amministrazioni vengano delimitati a quelle imprese che siano meritevoli di "fiducia" da parte delle Istituzioni.

In ottemperanza al citato dettato normativo ed in relazione a quanto contenuto nel Piano Triennale della prevenzione della corruzione 2016-2018 del Ministero dell'Interno, è stato, pertanto, predisposto un apposito Patto di Integrità , valido per tutte le procedure di affidamento sopra e sotto soglia indette dal citato Dicastero.

Il documento contiene una serie di obblighi che rafforzano comportamenti già doverosi sia per l'Amministrazione che per gli operatori economici, per i quali l'accettazione del Patto costituisce presupposto necessario e condizionante la partecipazione alle singole procedure di affidamento dei contratti pubblici.

Il Patto d'Integrità sarà, pertanto, inserito nella documentazione di ogni procedura di gara, per essere, poi, obbligatoriamente prodotto da ciascun partecipante, dopo essere stato firmato per accettazione.

Nel caso di carenza della dichiarazione di accettazione del Patto o di mancata produzione dello stesso debitamente sottoscritto dal concorrente, sarà applicabile l'istituto del soccorso istruttorio di cui all' art. 83, comma 9, del D. Lgs. n. 50/2016, con l'erogazione della sanzione pecuniaria stabilita nella relativa procedura di gara.
Pubblicato il 20/04/2017 ultima modifica il 20/04/2017 alle 13:47:53

 Raffineria ENI di Sannazzaro de' Burgondi - Scheda di consultazione della popolazione

Leggasi scheda allegata
Pubblicato il 03/04/2017 ultima modifica il 30/03/2017 alle 09:26:40

 
Torna su