Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Pavia

Comunicati Stampa

 

 Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica del 20/11/2017

PREFETTURA DI PAVIA

COMUNICATO STAMPA

20 NOVEMBRE 2017

 

                Nel pomeriggio odierno il Prefetto ha presieduto un incontro del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica al quale hanno preso parte, oltre ai vertici delle Forze dell’Ordine, anche il Sindaco del Capolugo ed il Presidente della Provincia di Pavia.

                In detta occasione il Prefetto ha appresso il suo apprezzamento circa le iniziative assunte dall’attuale Giunta comunale per aver stanziato ingenti risorse economiche e aver programmato progetti, compresi quelli di carattere regolamentare, per favorire un maggior controllo del territorio sia rispetto alla commissione dei reati più comuni sia rispetto a certe condotte, sanzionabili amministrativamente, che contribuiscono pesantemente al degrado di alcune zone urbane, comprese quelle riconducibili alla cd “malamovida”.

                In tale ottica, il Prefetto ha annunciato l’intenzione di promuovere, a supporto dell’Amministrazione locale, una serie di iniziative, anche di tipo congiunto con le Forze di Polizia, finalizzate ad una mappatura delle aree cittadine dove si concentrano i fenomeni criminosi o atti di vandalismo e, quindi, ad attivare ancor più efficaci forme di controllo con finalità preventive e di contrasto.

                Il comitato ha, altresì, preso atto della volontà dell’Amministrazione di Pavia di individuare, con la collaborazione delle Forze dell’Ordine, le aree dove sarà utile e possibile attivare il c.d. “minidaspo” nonché quelle dove occorre operare attività di riqualificazione urbana attraverso interventi di pulizia e sfalcio ma anche attraverso misure atte a potenziare i sistemi di illuminazione.

                Il Prefetto, dal canto suo, ha annunciato l’intenzione di avviare progetti mirati a potenziare l’attuale rete di videosorveglianza urbana anche con il censimento dei sistemi appartenenti al settore privato al fine di migliorare l’attività di prevenzione e contrasto da parte delle Forze dell’Ordine. Tale attività presuppone, peraltro, un attento studio dell’esistente, la raccolta e la elaborazione di una vasta quantità di dati nonché la stipula di mirati protocolli d’intesa, da rimettere ad un apposito gruppo di lavoro da istituirsi in Prefettura.

               L’ incontro ha costituito un passo concreto verso la creazione di un sistema sinergico interistituzionale che, nel mettere a fattor comune le professionalità e le risorse delle diverse componenti, vuole dare un risposta completa alla domanda di maggiore sicurezza avanzata dai cittadini.

                Pavia, 20 novembre 2017

                                                                                                                                                             Il capo di Gabinetto

  1. B. Bortone
Pubblicato il :

 Sottoscrizione Protocollo d'Intesa per la prevenzione della criminalità in banca nella provincia di Pavia

COMUNICATO STAMPA DEL 16 NOVEMBRE 2017

 

 

Valutazione periodica dei rischi, potenziamento verifica e manutenzione dei dispositivi di sicurezza, rafforzamento della collaborazione tra le Banche e le Forze di Polizia.

Queste le principali novità contenute del “Protocollo d’intesa per la prevenzione della criminalità in Banca nella provincia di Pavia”, sottoscritto, alla presenza dei vertici delle Forze di Polizia, al Palazzo del Governo tra la Prefettura, l’ABI e gli Istituti di credito pavesi.

Il Protocollo si pone quale obiettivo quello di favorire una più stretta collaborazione tra il personale delle le Forze di Polizia e gli Istituti di credito, per migliorare gli standard di prevenzione e contrasto delle rapine in danno degli sportelli bancari e dei bancomat, anche attraverso un’attività integrata di analisi del fenomeno e di individuazione delle più efficaci misure di collaborazione tra le Forze dell’Ordine e le Banche.

L’accordo prevede, tra l’altro, che gli Istituti di credito si impegnino a dotare, entro tre mesi, ciascuna filiale di almeno cinque sistemi di sicurezza, ad utilizzare la tecnologia digitale per i nuovi dispositivi di videoregistrazione ed assicurare entro sei mesi maggiore protezione alle apparecchiature ATM (sportelli bancomat) dotandole almeno di tre sistemi di sicurezza.

Per aumentare la deterrenza delle misure di sicurezza è , inoltre, previsto che le Banche adottino strumenti di comunicazione (vetrofanie o similari) che pubblicizzino alcune delle soluzioni presenti nelle proprie agenzie e si impegnano, altresì, a

 

 

 

 

 

 

prevenire gli attacchi multivettoriali ossia gli attacchi realizzati con tecniche di cyber physical security a danno delle dipendenze bancarie, che integrano le tecniche di violazione di tipo fisico con quelle di tipo informatico e di ingegneria sociale.

Attraverso OSSIF (il Centro di Ricerca dell’ABI sulla sicurezza anticrimine), saranno censiti gli attacchi realizzati ai danni delle dipendenze bancarie con le nuove tecniche di cyber physical security e i dati raccolti saranno messi a disposizione delle Forze dell’ordine.

OSSIF si impegna, inoltre, ad attivare specifiche iniziative per monitorare la diffusione degli attacchi “multivettoriali”, promuovere la creazione e la condivisione di metodologie di prevenzione e mitigazione, nonché stimolare lo sviluppo della cultura della cyber physical security.

All’iniziativa hanno aderito l’Associazione Bancaria Italiana, Banca CARIGE, Banca Centropadana - C.C., Banca Monte dei Paschi di Siena, Banca Nazionale del Lavoro, Banca Sella, Banco BPM, Banca Popolare di Sondrio, Cassa di Risparmio di Asti, Credit Agricole CARIPARMA, Credito Valtellinese, Deutsche Bank, FIDEURAM, Intesa San Paolo Private, Intesa San Paolo, Unione di Banche Italiane, UNIPOL Banca.

Pubblicato il :

 Sicurezza durante eventi e manifestazioni

COMUNICATO STAMPA DEL 10 NOVEMBRE 2017

 

 

A seguito della circolare diramata da questa Prefettura relativa alle direttive ministeriali del Capo della Polizia in tema di misure di sicurezza in occasione di eventi e manifestazioni che vedono la partecipazione di un significativo numero di persone e al fine di supportare le istituzioni provinciali e locali competenti nella valutazione delle misure da predisporre in occasione delle iniziative in discorso, si è ravvisata l’opportunità di istituire, presso questa Prefettura, un apposito organismo, presieduto dal Capo di Gabinetto, all’interno del quale saranno condivise non solo le linee guida necessarie per dare applicazione alla cennata direttiva ma anche le soluzioni più adeguate alle diverse circostanze.

Per tale ragione il sig. Prefetto ha invitato a partecipare al primo incontro del citato organismo, previsto per il 23 novembre p.v. alle ore 10,30 presso questa Prefettura, le seguenti componenti istituzionali:

  • - Sindaci dei Comuni di Pavia, Vigevano e Voghera
  • - Questore
  • - Comandante Provinciale Arma dei Carabinieri
  • - Comandante Provinciale Guardia di Finanza
  • - Comandante Provinciale Vigili del Fuoco
  • - Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Territoriale
  • - Presidente Confindustria
  • - Presidente Camera di Commercio
  • - Presidente Provinciale Confartigianato
  • - Presidente Provinciale Associazione Commercianti
  • - Presidente Provinciale Confcommercio
  • - Presidente Provinciale CONFAPI Industria Lombardia
  • - Presidente Federazione Provinciale Coldiretti
  • - Presidente Provinciale CIA – Confederazione Italiana Agricoltori
  • - Presidente Provinciale Confagricoltura
  • - Presidente Provinciale CNA – Confederazione Nazionale Artigianato e piccola e media impresa
  • - Presidente Provinciale Confesercenti
-          Associazioni di categoria interessate

 

Pavia 10/11/2017

                                                                       f.to      IL CAPO DI GABINETTO

                                                                                         (B. Bortone)

Pubblicato il :

 
Torna su