Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Oristano

ACCESSO AL CREDITO Attribuzioni del Prefetto e ricorso all'Arbitro bancario

La legge 18 maggio 2012 n. 62 prevede nuove disposizioni finalizzate a favorire un miglioramento delle condizioni di accesso al credito attribuendo al Prefetto la possibilità di rivolgersi all'Arbitro Bancario Finanziario (istituito ai sensi dell'art. 128 bis del Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia) per segnalare specifiche problematiche relative alle valutazioni del merito del credito da parte delle Banche.
L'Arbitro Bancario Finanziario è un sistema di risoluzione delle liti tra i clienti e le banche che riguarda operazioni e servizi bancari.
La procedura di ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario è avviata dal Prefetto su istanza dell'interessato ed è cosi articolata:
-Istanza dell'interessato al Prefetto, redatta sull'apposito modulo *, di carattere riservato, prodotta tramite posta elettronica certificata all'indirizzo: protocollo.prefor(at)pec.interno.it
-Invito del Prefetto alla banca a fornire una risposta, argomentata sulla meritevolezza del credito.
-Risposta della Banca contenente le proprie osservazioni, anche sugli eventuali rilievi formulati dal cliente o dal Prefetto.
-Il Prefetto, ove ritenuti fondati gli elementi conoscitivi acquisiti, invia una relazione alla segreteria tecnica dell'Arbitro Bancario Finanziario del collegio competente (ROMA per la Sardegna) e, contestualmente, anche all'interessato ed alla banca, contenente l'oggetto del ricorso e le ragioni per le quali ritiene necessario sottoporre la controversia all' Arbitro Bancario Finanziario.
-La decisione dell'Arbitro Bancario Finanziario viene comunicata alle parti, e per conoscenza, al Prefetto.
* Modulo per l'istanza disponibile attraverso la sottostante sezione 'documenti scaricabili'.
Data pubblicazione il 26/11/2014
Ultima modifica il 26/11/2014 alle 13:22:35


 
Torna su