Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Nuoro

NOTIZIE

 

 Visita al Prefetto di Nuoro Anna Aida Bruzzese del nuovo Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Nuoro, Ing. Antonio Giordano, e del Comandante del Compartimento Regionale Polizia Stradale

Nella mattinata odierna, il Prefetto di Nuoro Anna Aida Bruzzese ha ricevuto la visita di cortesia del nuovo Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Nuoro, Ing. Antonio Giordano, che da ieri ha preso servizio nella sede istituzionale di Funtana Buddia , al posto dell'Ing. Fabio Sassu, a cui è stato affidato l'incarico di dirigente dell'Ufficio Gestione Servizio di Salvataggio Antincendio Aeroportuale alla Direzione Centrale Emergenza di Roma e la reggenza provvisoria del Comando Provinciale di Oristano.
 
Per l'Ing. Giordano si tratta di un ritorno a Nuoro, dopo aver svolto per diversi anni il ruolo di funzionario tecnico, per essere promosso nel 2016 a primo dirigente, con l'incarico di pianificare e coordinare le operazioni dei Vigili del fuoco nelle province dell'Italia centrale colpite dal terremoto dell'Abruzzo dello stesso anno, presso il Centro Operativo Nazionale del Palazzo del Viminale di Roma. Nel 2017 gli è stato assegnato l'incarico di dirigente referente del soccorso e della prevenzione incendi della Direzione Sardegna, dove ha operato nel campo del soccorso tecnico, contribuendo in modo significativo alla pianificazione dell'attività di prevenzione incendi.
 
Dall'inizio del 2018 e sino alla presa di servizio per l'attuale incarico, ha svolto le funzioni di vicario del Comandante provinciale dei Vigili del fuoco di Cagliari.
 
Nel corso della propria carriera, l'Ing. Giordano ha partecipato alle attività di soccorso relative all'evento sismico dell'Aquila del 2009, per cui ha ricevuto il diploma di benemerenza della protezione civile, all'alluvione verificatasi in Sardegna nel 2013, al terremoto di Amatrice del 2016 e all'evento alluvionale verificatosi nel 2018 nel Sud Sardegna. Infine, ha ricoperto l'incarico di direttore dei lavori e coordinatore della sicurezza in occasione dei lavori di efficientamento energetico delle sedi dei Vigili del fuoco della Sardegna, della Calabria e della Campania.
 
Nel corso dell'incontro odierno, svoltosi in un clima di viva cordialità, si è parlato in della Campagna antincendio 2020 e, in particolare, degli aspetti da ritenersi prioritari a titolo di prevenzione, in base oltre che all'esperienza maturata negli ultimi anni e alle disposizioni del Piano regionale valevole fino al 2022, all'emergenza da Covid -19, che ha generato nuove e specifiche esigenze operative.
 
A conclusione della visita è stata sottolineata l'eccezionale livello di interazione tra il Comando dei Vigili del Fuoco di Nuoro e la Prefettura, da sempre garanzia di risolutiva gestione delle numerose emergenze di protezione civile che interessano il territorio, in particolar modo in questa stagione. 
 
 
 
                                          ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
 
Sempre nel corso della mattinata odierna, il Prefetto ha ricevuto anche la visita di cortesia del Comandante del Compartimento della Polizia Stradale della Sardegna, Dr. Giuseppe Giardina, accompagnato dal Comandante Provinciale reggente della Sezione di Nuoro, Dr. Raffaele Angioni e dai responsabili delle articolazioni territoriali della Specialità. L'incontro, svoltosi all'insegna della massima cordialità, è stato occasione per un saluto, in vista della conclusione a breve dell'esperienza lavorativa del Prefetto, ma anche per un confronto sulle tematiche relative alla sicurezza stradale in questo territorio, in relazione all' afflusso turistico veicolare correlato alla stagione estiva e alle criticità in concomitanza di eventi incendiari interessanti il litorale orientale.   
 
 
Pubblicato il
:

 COMUNICATO STAMPA ISTITUZIONE ORGANISMO DI MONITORAGGIO SUL CENTRO DI PERMANENZA PER I RIMPATRI SITO IN MACOMER

A seguito dell'avvenuta attivazione, in data 20 gennaio 2020, del Centro di Permanenza per i Rimpatri di Macomer, in data 25 giugno 2020, con Decreto prefettizio è stato costituito l'Organismo di Monitoraggio previsto dall' "Accordo per la promozione della sicurezza integrata" stipulato in data 27 febbraio 2018 tra il Ministero dell'Interno e la Regione Autonoma della Sardegna.

Il predetto Accordo, all'art. 6, ha individuato "la struttura già ospitante l'ex carcere mandamentali di Macomer quale sede dell'istituendo Centro di permanenza per i rimpatri al servizio dell'intero territorio regionale, in relazione al crescente fenomeno degli sbarchi diretti di cittadini extracomunitari non richiedenti asilo sulle coste meridionali della Sardegna ed all'eventuale riscontrata presenza, sul territorio regionale, di cittadini stranieri non aventi titolo al soggiorno in Italia".

Con il discendente "Patto per la sicurezza urbana" sottoscritto in data 28 febbraio 2018 tra questa Prefettura, la Regione Autonoma della Sardegna, il Comune di Nuoro, il Comune di Macomer, l'ANCI Sardegna e il Consiglio delle Autonomie locali Regione Sardegna è stata prevista l'istituzione dell'Organismo in parola, costituito da un rappresentante, rispettivamente della Regione, della Prefettura, del Comune di Macomer e dell'Ente gestore del CPR.

Lo scopo è quello di vigilare sull'andamento delle attività che vi si svolgono e ad assicurarne il raccordo con il territorio, in un'ottica di prevenzione e garanzia delle generali condizioni di sicurezza dei trattenuti e degli operatori, nonché della stessa collettività ospitante.

La prima riunione dell'Organismo è in corso di calendarizzazione.






Pubblicato il 29/06/2020
Ultima modifica il 29/06/2020 alle 18:47:50

 Comunicato stampa - Campagna antincendio 2020

Nella mattinata del 25 giugno u.s., il Prefetto di Nuoro, dott.ssa Anna Aida Bruzzese, ha presieduto, presso la Prefettura, una riunione indetta in forma di videoconferenza per il coordinamento e la condivisione degli assetti normativi e delle linee guida operative in materia di attività antincendio boschivo per la stagione estiva 2020.

All'incontro hanno preso parte i referenti dei seguenti Uffici e/o Enti:
- Amministrazioni Comunali di Nuoro, Lanusei, Macomer, Orosei, San Teodoro e Tortolì;
- Ufficio territoriale di Nuoro con delega della Protezione Civile regionale;
- Amministrazione provinciale di Nuoro;
- Ispettorati Ripartimentali C.F.V.A. di Nuoro e Lanusei;
- Questura, Comando Provinciale dell'Arma dei Carabinieri, Comando Provinciale della Guardia di Finanza, Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e Sezione Polstrada Nuoro;
- Direzione Marittima di Olbia, Uffici Circondariali Marittimi di Arbatax e Bosa;
- ANAS
- AREUS - 118.

Nel corso degli interventi è stata effettuata una ricognizione delle dotazioni organiche e strumentali messe in campo nel sistema di protezione civile da tutte le forze statali, regionali, locali e del volontariato per l'azione di prevenzione e spegnimento, in linea con il Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi 2020-2022, approvato dalla Giunta regionale lo scorso 4 giugno, integrato, per quanto concerne in particolare le procedure da adottare nel caso di incendi periurbani e di interfaccia, dal Protocollo di collaborazione con i Vigili del Fuoco, stipulato in questi giorni tra il referente regionale del Dipartimento dei Vigili del Fuoco e la Regione Autonoma della Sardegna.

Richiamate in premessa le indicazioni della circolare prot. n. 14522 del 17 giugno 2020 diramata dal Capo di Gabinetto del Ministro dell'Interno, avente ad oggetto "Attività antincendio boschivo per la stagione estiva 2020. Individuazione dei tempi di svolgimento e raccomandazioni operative della Presidenza del Consiglio dei Ministri per un più efficace contrasto agli incendi boschivi, di interfaccia ed ai rischi conseguenti", con l'apporto dei Comuni intervenuti sono stati affrontati in particolare alcuni aspetti da ritenersi prioritari, a titolo di prevenzione, perché legati all'aumento della popolazione in specie sul litorale orientale per effetto dell'afflusso turistico. Tale incremento antropico è previsto, peraltro, in forma ben più ridotta rispetto agli anni passati, in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, non ancora superata.
Tenuto conto dell'aggiornamento delle misure antincendio di cui al Piano regionale valevole fino al 2022, sono state condivise le linee guida speditive elaborate dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Nuoro - sostanzialmente confermative delle analoghe previsioni dello scorso anno - per la messa in sicurezza, mediante misure di difesa attiva e passiva - non ultima la riduzione della massa combustibile prospiciente la rete viaria - delle aree boschive sensibili perché prossime al litorale e caratterizzate da elevata frequenza turistica stagionale.

Non si è mancato di approfondire i meccanismi di intervento e supporto collaborativo affidati, nell'attività di prevenzione e gestione dell'emergenza, alle Forze di Polizia e alle Autorità Marittime (posti di blocco, evacuazione ecc.) nonché le nuove problematiche derivanti sul piano operativo dall'obbligo di rispetto del distanziamento sociale e di divieto di assembramento riguardanti sia gli operatori della rete di protezione civile che i cittadini assistiti.

Va inoltre tenuto conto del fatto che il lockdown ha impedito le consuete attività di formazione e le esercitazioni nei mesi precedenti l'inizio della campagna antincendi e che le risorse umane occorrenti per il soccorso pubblico risentono delle modalità di lavoro a distanza imposte su larga scala.

In particolare, da quanto emerso, tale sofferenza si evidenzierebbe ad avvio della campagna antincendio soprattutto per quanto riguarda le unità dell'Agenzia Forestas che svolgono anche funzioni di avvistamento.

Ampie garanzie sono comunque state acquisite, all'esito della disamina, in merito alla capacità di risposta del sistema e alla disponibilità della flotta antincendio statale e regionale, che risulta confermata anche per quanto riguarda la prossimità dei vettori.





Pubblicato il
:

 Monitoraggio attuazione misure di contenimento e contrasto dell'emergenza da Covid-19 all'interno delle aziende ai sensi dell'art. 10 D.P.C.M. del 17 maggio 2020

Si è svolta in data odierna, con il sistema della videoconferenza, la terza riunione del Gruppo Misto, coordinato dal Prefetto di Nuoro e costituito per le finalità indicate dall'art. 10 del D.P.C.M. del 17 maggio 2020 in materia di contenimento e contrasto dell'emergenza da COVID-19 all'interno dei luoghi di lavoro delle aziende con sede nella Provincia di Nuoro. L'organismo ha il compito di monitorare l'attuazione delle misure previste dai Protocolli di settore, oltre che dalla specifica normativa emergenziale.

Il Gruppo Misto - di cui fanno parte il Comandante Provinciale Guardia di Finanza, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, il Capo dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro, il Comandante del Nucleo Carabinieri tutela del lavoro, il Direttore dello SPRESAL dell'A.S.L. e il Comandante Polizia Municipale di Nuoro - ha effettuato un nuovo punto di situazione valutando l'esito degli accesi ispettivi.

Secondo la reportistica acquisita, nella fase temporale 1 - 25 giugno, sono stati effettuati un totale di 259 accessi ispettivi di cui 69 del Dipartimento SPRESAL, 23 dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro, 42 del Nucleo Carabinieri tutela del lavoro, 10 del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco. Nel Comune di Nuoro, la Polizia Municipale ha sottoposto a controllo 148 tra locali commerciali, pubblici esercizi, attività artigianali. La Guardia di Finanza ha acquisito le fatture di acquisto DPI e prodotti igienizzanti per tracciare l'effettiva fornitura dei materiali occorrenti per le sanificazioni.

I suddetti controlli hanno portato alla contestazione di sei (6) infrazioni per mancato rispetto dei Protocolli o delle Linee Guida stabilite per gli ambienti di lavoro e a due (2) sospensioni delle attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza, per ipotesi di significativa inosservanza della normativa di contenimento COVID - 19, ai sensi dell'articolo 1, comma 15, del Decreto Legge 16 maggio 2020, n. 33.

Preso atto del pregevole lavoro finora svolto e della proficuità della formula di interazione è stata concordata la prosecuzione delle attività in parola con le attuali modalità fissando un ulteriore focus per l'ultima decade di luglio, in vista della auspicabile completa riattivazione dei comparti economici.










Pubblicato il
:

 Comunicato stampa - Riunione tecnica di coordinamento del 24.06.2020

Nella mattinata odierna, il Prefetto Anna Aida Bruzzese ha presieduto, presso questa Prefettura, la Riunione Tecnica di Coordinamento delle Forze di Polizia, in videoconferenza con il Vice Questore Vicario, dott. Renato Panvino, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Col. Alessandro Ferri e il Vice Comandante Provinciale dei Carabinieri, Ten. Col. Saverio Aucello, con all'ordine del giorno, tra i vari argomenti attinenti l'ordine e la sicurezza pubblica, la rapina avvenuta ad Oliena (NU) nella mattinata del 22 giugno scorso ai danni di Giuseppe Cattide, titolare di un supermercato in quel centro. L'episodio è connotato da particolare gravità, considerato che la vittima, obbligata a scendere dalla propria autovettura, è stata percossa perché consegnasse la somma che si apprestava a versare in banca come incasso del fine settimana. A seguito dell'aggressione il sig. Cattide ha riportato lesioni guaribili in 10 giorni. Analogo episodio era occorso al malcapitato anche nel luglio dello scorso anno, ma in tale occasione la rapina non era andata a buon segno per la pronta reazione dello stesso.
Nel corso dell'incontro, cui è intervenuto da remoto anche il Sindaco della cittadina dell'hinterland nuorese, Sebastiano Antioco Congiu, è stata analizzata in modo approfondito la situazione di contesto, che, al di là di un trend di delittuosità contenuto, ha evidenziato singoli episodi avvertiti con preoccupazione dalla comunità per le modalità eclatanti con cui si sono svolti (è il caso del bancomat postale divelto con l'uso di una motopala nel gennaio scorso) e, nel caso di specie, per la reiterata violenza.
Il Consesso ha preso atto che le indagini, condotte dall'Arma, si svolgono a largo raggio - senza al momento alcun contributo testimoniale - e che l'autovettura usata per la rapina, risultata rubata in provincia di Cagliari e data alle fiamme dai malviventi, è stata ritrovata abbandonata nella stessa giornata in località Su Sune del territorio di Oliena.
Poiché al momento dell'ultimo episodio criminoso risultava calendarizzata in quell'area, e a decorrere dalla giornata odierna, uno specifico rafforzamento dell'attività di vigilanza e controllo generico del territorio in forma coordinata con il coinvolgimento dei Reparti speciali prevenzione crimine, con i referenti provinciali delle FF.PP. sono state concordate più mirate linee di azione al fine di rafforzare l'attività svolta dalla polizia locale per garantire l'osservanza delle regole, in particolare nei luoghi di aggregazione e nei pubblici esercizi, ove, tra l'altro, è ancora indispensabile tenere comportamenti prudenziali di prevenzione sanitaria.
Nella convinzione che una più consapevole attenzione da parte della comunità locale sulla necessità di un rispetto diffuso della legalità riduca di fatto gli spazi per qualsiasi forma di devianza, orientando correttamente anche la socialità delle nuove generazioni nella fase attuale di uscita dal lockdown, vi sarà una fattiva collaborazione con le forze di polizia per tutte le possibili iniziative di sensibilizzazione a cura dell'Amministrazione comunale.
Nella circostanza, il sindaco è stato tra l'altro sollecitato a definire le procedure connesse al progetto della videosorveglianza del centro urbano, tenuto conto che l'iniziativa accede ad apposito finanziamento regionale per 100.000 euro.
Il consesso difatti non ha mancato di sottolineare la valenza delle misure di questa natura, per un effettivo innalzamento dei livelli di controllo dell'area e un significativo valore aggiunto sul piano della sicurezza percepita dalla cittadinanza.
Pubblicato il
:

 Nuoro, 2 giugno 2020 - 74° anniversario della Proclamazione della Repubblica Italiana

Martedì 2 giugno 2020, alle ore 10:00, circa presso la Piazza Vittorio Emanuele di Nuoro, si è celebrato il 74° anniversario della proclamazione della Repubblica italiana.
Quest'anno l'evento, che si è svolto con una particolare sobrietà e in assenza di pubblico, per le norme di contenimento del contagio da CORONAVIRUS, assumeva una particolare valenza quale momento identificativo dell'immane sacrificio sostenuto dal nostro Paese durante la pandemia.
La celebrazione ha avuto inizio con la cerimonia dell'alzabandiera e l'esecuzione dell'Inno d'Italia. Il Prefetto, Anna Aida Bruzzese, ha deposto una corona d'allora in onore ai caduti nuoresi della Grande guerra e, per l'occasione, in ricordo delle vittime del Coronavirus.
Il Prefetto ha poi dato lettura del messaggio augurale ai Prefetti del sig. Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
La cerimonia si è conclusa con la consegna delle Onorificenze dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana all'Appuntato dei Carabinieri Mauro Brusca, Capo dell'Aliquota Radiomobile di Isili, e al Sindaco di Isili Luca Pilia, per il sig. Giovanni Mura, che per motivi di salute non ha potuto essere presente.
L'Appuntato Mauro Brusca, 38 anni, accompagnato dal Sindaco di Orroli, Comune in cui risiede, si è distinto per il suo impegno nella sicurezza di quel centro e nelle numerose azioni umanitarie svolte in favore delle popolazioni bisognose, di Haiti e della Bosnia Erzigovina.
Il Sig. Giovanni Mura, 83 anni, ha svolto per 35 anni l'attività di insegnante presso la Scuola elementare di Isili, diventando un punto di riferimento per la comunità locale, nei confronti della quale ha dimostrato uno straordinario attaccamento e una non consueta generosità.
2 giugno 2020 1
2 giugno 2020 2
2 giugno 2020 3
2 giugno 2020 4
Pubblicato il
:

 COMUNICATO STAMPA - MONITORAGGIO ATTUAZIONE MISURE DI CONTENIMENTO E CONTRASTO DELL'EMERGENZA DA COVID-19 ALL'INTERNO DELLE AZIENDE AI SENSI DALL'ART. 10 DEL D.P.C.M. DEL 17 MAGGIO 2020

Si è svolta in data odierna, con il sistema della videoconferenza, la seconda riunione del Gruppo Misto, coordinato dal Prefetto di Nuoro, costituito per le finalità indicate dall'art. 10 del D.P.C.M. del 17 maggio 2020 ovvero per assicurare l'esecuzione delle misure, previste dal Decreto stesso e dai Protocolli di Settore, di contenimento e contrasto dell'emergenza da COVID-19 all'interno dei luoghi di lavoro delle aziende con sede nella Provincia di Nuoro e per monitorare l'attuazione delle misure da parte delle Amministrazioni competenti.

Il coordinamento del Gruppo Misto - di cui fanno parte il Comandante Provinciale Guardia di Finanza, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, il Capo dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro, il Comandante del Nucleo Carabinieri tutela del lavoro, il Direttore del Dipartimento SPRESAL Zona Centro e il Comandante Polizia Municipale di Nuoro - è stato indirizzato a definire le linee di intervento con moduli operativi di controllo omogenei per garantire l'attuazione delle misure di contenimento del rischio da contagio all'interno delle aziende del nuorese, mettendo a punto check - list comuni e assegnando i diversi comparti produttivi alle singole istituzioni coinvolte, in base alla vocazione istituzionale degli stessi.

Secondo la reportistica acquisita, nella fase temporale 15 maggio - 31 maggio, sono stati effettuati in totale 76 accessi ispettivi presso le realtà produttive di maggiori dimensioni con riguardo al numero dei dipendenti addetti. Nel solo Comune di Nuoro sono inoltre stati sottoposti a controllo 243 locali commerciali, 111 pubblici esercizi, 12 cantieri edili e stradali, 43 attività artigianali e 11 verifiche relative al Trasporto Pubblico Locale.

I suddetti controlli hanno dato luogo alla contestazione di quattro (4) infrazioni per il mancato rispetto dei Protocolli o delle Linee Guida stabilite per gli ambienti di lavoro e a due (2) sospensioni delle attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza, per significativa inosservanza della normativa di contenimento COVID - 19, ai sensi dell'articolo 1, comma 15, del Decreto Legge 16 maggio 2020, n. 33.

Preso atto della proficuità del raccordo ispettivo, è stata concordata la prosecuzione delle attività in parola con le attuali modalità fissando un ulteriore punto di situazione al 25 giugno prossimo.

Pubblicato il
:

 
Torna su