Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Nuoro

NOTIZIE

 

 gara d'appalto gestione CAS Provincia Nuoro periodo 2020-2022

Si rende noto che è indetta gara d'appalto europea a procedura aperta per l'affidamento mediante accordo quadro con più operatori economici, dei servizi di gestione di centri di accoglienza di cui all' art. 1 comma 2 lett. b) del Capitolato approvato con Decreto del Ministro dell'Interno del 20 novembre 2018, costituiti da centri collettivi messi a disposizione dal concorrente, con capacità recettiva massima di 50 posti. Il fabbisogno presunto di posti per la Provincia di Nuoro è pari a 100 per il biennio 2020/2022.
Per approfondimenti visionare il seguente link:
Pubblicato il
:

 Comunicato stampa - Riunione tecnica di coordinamento delle Forze di Polizia del 22.04.2020



Si è svolta nella mattinata odierna, in videoconferenza, una riunione tecnica di coordinamento interforze presieduta dal Prefetto, Anna Aida Bruzzese, cui hanno partecipato il Questore di Nuoro, dott. Massimo Alberto Colucci, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Col. Alessandro Ferri e il Vice Comandante Provinciale dei Carabinieri, Ten. Col. Saverio Aucello.
Sono state esaminate le principali tematiche afferenti l'ordine e la sicurezza pubblica nella Provincia, con particolare attenzione alle attività di monitoraggio e controllo del territorio per il contrasto dell'emergenza epidemiologica Covid-19, che saranno implementate e intensificate in vista delle prossime festività del 25 aprile e del 1° maggio.
In linea con le misure straordinarie di contenimento del contagio adottate dal Governo, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha infatti disposto che per sabato 25 aprile, data in cui ricorre il 75° anniversario della liberazione nazionale, le eventuali iniziative di deposizione delle corone da parte delle Istituzioni territoriali o locali dovranno svolgersi alla sola presenza dell'Autorità deponente. Non potranno dunque avere luogo celebrazioni in presenza di pubblico, al fine di evitare la formazione di possibili assembramenti allo stato vietati.
Per analoghe finalità preventive, non potranno altresì svolgersi le consuete manifestazioni in occasione della Festa dei Lavorati del prossimo 1 maggio.
Nel corso della riunione si è discusso, inoltre, degli aspetti di ordine e sicurezza pubblica rilevanti alla luce della direttiva del Ministro dell'Interno, datata 10 aprile 2020, che dà particolare impulso ai Prefetti nel contrasto all'emergenza da Coronavirus. Considerati gli effetti negativi prodotti sulle famiglie e sulle attività imprenditoriali dalle attuali misure restrittive, la citata circolare affida infatti ai Prefetti il compito di svolgere un attento monitoraggio sul territorio, attraverso l'attivazione di forme di ascolto, dialogo e confronto con gli attori istituzionali, rappresentanti territoriali delle categorie produttive, delle parti sociali e del sistema finanziario e creditizio, per individuare le possibili criticità e prevenirle, ove possibile. In tale ottica sono state programmate, già nel corso di questa settimana, più riunioni con istituzioni e stakeholder.
Nell'ambito del citato monitoraggio e al fine di adeguare il più possibile il livello di risposta alle criticità che la complessa situazione può generare, prevenendo il rischio di derive di illegalità, una particolare attenzione è riservata alle nuove fragilità sociali ed economiche e alle misure di sostegno alla liquidità attivate dal Governo.
Il Consesso ha poi proceduto alla valutazione finale del progetto di potenziamento dell'impianto cittadino di videosorveglianza presentato dal Comune di Budoni, che accede ad apposito finanziamento regionale di 100.000 euro.
All'incontro è intervenuto da remoto il Sindaco di Budoni, Sig. Giuseppe Porcheddu, che ha illustrato la valenza dell'intervento sottoposto all'esame del consesso interforze - che ha già passato il vaglio con esito favorevole sotto il profilo della conformità alla normativa vigente e della rispondenza alle esigenze di ordine e sicurezza pubblica da parte del gruppo di lavoro interforze operante presso questa Prefettura - fornendo precisazioni sulle caratteristiche tecniche e sui punti di ripresa delle telecamere.
In sostanza verranno ad aggiungersi alle 49 telecamere esistenti ulteriori 11, tutte con lettura targhe, rendendo così possibile il monitoraggio delle reti viarie principali (ingressi principali Nord/Sud alla SS 131 - SS 125 - SP 24) e secondarie, con punti di ripresa nella circonvallazione, direzione Ottiolu.
Il Prefetto, fatto riferimento al protocollo per la promozione e la diffusione della cultura della legalità e all'atto aggiuntivo in tema di videosorveglianza, a suo tempo stipulato tra Regione Sardegna, Prefetture e ANCI, ha sottolineato il pregio delle iniziative di questa natura nell'ottica della sicurezza partecipata, per prevenire e contrastare l'illegalità con un effettivo innalzamento dei livelli di controllo dell'area e un significativo valore aggiunto sul piano della sicurezza percepita dalla cittadinanza.
All'esito della disamina, il Consesso ha espresso parere favorevole.
Pubblicato il
:

 Comunicato stampa. Attività di monitoraggio e controllo sul rispetto delle disposizioni in materia di contenimento epidemiologico da COVID-19

Si rende noto che in data odierna il Prefetto di Nuoro, Anna Aida Bruzzese, nell'ambito della Riunione Tecnica di Coordinamento delle Forze di Polizia ha voluto effettuare un bilancio delle complessive attività messe in campo dalle Forze dell'Ordine (pattuglie della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, delle Specialità e delle Polizie Locali) durante le trascorse festività pasquali ai fini del monitoraggio e controllo sul rispetto delle disposizioni in materia di contenimento epidemiologico da COVID-19.
Questi i dati aggregati relativi al periodo che va da venerdì 10 a lunedì 13 incluso:
Controlli effettuati sulle persone : 5371 di cui 229 sanzionate ex art. 4 co. 1 D.L. 25 marzo 2020, n. 19.
Controlli sugli esercizi commerciali : 2745 di cui 2 sanzionati ex art. 4 co. 1 D.L. 25 marzo 2020, n. 19.
Il Prefetto ha espresso il più vivo apprezzamento alla task force di unità in divisa (circa 500 per ciascuna giornata) che in queste festività ha così intensamente e proficuamente lavorato per assicurare h.24 e senza sovrapposizioni operative il presidio del territorio, per scongiurare violazioni dell'obbligo di distanziamento sociale, attuando la pianificazione dei servizi disposta dal Questore di Nuoro sulla base delle determinazioni assunte nelle Riunioni di Coordinamento interforze svoltesi in Prefettura.
Va detto che per prevenire comportamenti non in linea con le precauzioni e le cautele contemplate nelle disposizioni governative e nelle ordinanze regionali emanate per il contenimento del COVID -19, nella provincia di Nuoro era già in essere un consolidato significativo sistema di controlli coordinati interforze, con il coinvolgimento delle Specialità e il concorso delle Polizie Locali, ma in occasione delle ricorrenze pasquali per scongiurare spostamenti ingiustificati è stata garantita una complessiva elevazione dei livelli di controllo con consistente potenziamento dei servizi per l'intero fine settimana e massima intensificazione per la giornata del lunedì 13 aprile p.v. In tale ottica sono state mobilitate le pattuglie elicotteristiche interforze per il sorvolo di zone costiere, reti viarie di maggior percorrenza e il monitoraggio in generale delle zone più attrattive per le gite fuori porta.
Tenuto conto delle ordinanza del Presidente della Giunta regionale n. 17 del 24/03/ 2020, in cui si vieta l'apertura degli esercizi commerciali di qualsiasi dimensione per la vendita di generi alimentari nella giornata di domenica, e n. 18 del 7 aprile 2020 che ha esteso il divieto anche alla giornata di lunedì 13 aprile 2020, le persone controllate dalle Forze di Polizia, per essere in regola, potevano giustificare lo spostamento dal domicilio unicamente per motivi ben individuati di assoluta necessità e urgenza.
Peraltro, nell'odierna occasione di approfondimento si è preso atto di una risposta sostanzialmente responsabile e rispettosa delle regole da parte della stragrande maggioranza delle collettività sottoposte ad osservazione: la percentuale di violazioni si è attestata attorno al 4% delle persone controllate.
Sul fronte delle attività produttive si precisa che con provvedimento del Prefetto in data 25 marzo u.s. è stato, con immediatezza, attivato un apposito Gruppo di Consultazione costituito oltre che dal Prefetto o suo delegato, dal Comandante Provinciale della Guardia di Finanza o suo delegato e dal Presidente della Camera di Commercio dell'Industria e dell'Artigianato o suo delegato per l'analisi istruttoria delle istanze pervenute, sotto forma di comunicazione o di richiesta di autorizzazione, ai fini della prosecuzione dell'attività in deroga alle misure restrittive previste per il contenimento della pandemia.
Ad oggi sono pervenute in Prefettura n. 104 comunicazioni relative all'art. 1, co. 1, di cui 103 lettera d) e 1 lettera g).
Relativamente all'art. 1, co. 1, lett. h) è stata concessa n. 1 autorizzazione. Per effetto dell'intervenuto D.P.C.M. del 10 aprile le nuove richieste di autorizzazione al medesimo titolo, a far data da ieri, saranno assoggettate al sistema di comunicazione cui può conseguire l'eventuale sospensione dell'attività interessata, sentito il Presidente della Regione.
Delle comunicazione ricevute vengono via via informati, ai sensi dell'art. 1 comma 2 del D.P.C.M. 22 marzo, i Ministeri dell'Interno, dello Sviluppo Economico, del Lavoro e Politiche Sociali, Presidenza della Regione Sardegna e i vertici provinciali delle Forze di Polizia.
Il medesimo D.P.C.M. del 10 aprile 2020 ha introdotto all'art. 2 comma 12 una nuova ipotesi di comunicazione in relazione all'accesso ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati per lo svolgimento di attività di vigilanza, attività conservative e di manutenzione, gestione dei pagamenti nonché attività di pulizia e sanificazione come anche per la spedizione verso terzi di merci giacenti in magazzino e la ricezioni in magazzino di beni e forniture.
Nuoro, 15 aprile 2020


F.TO L'ADDETTO STAMPA
Pubblicato il
:

 Riunione Tecnica di Coordinamento delle Forze di Polizia del giorno 8 aprile 2020

Nella mattinata odierna, il Prefetto di Nuoro, Dott.ssa Anna Aida Bruzzese, ha presieduto presso questa Prefettura una Riunione Tecnica di Coordinamento delle Forze di Polizia, in videoconferenza con il Questore di Nuoro, dott. Massimo Alberto Colucci, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Col. Franco di Pietro e il Comandante della Guardia di Finanza, Col. Alessandro Ferri. La riunione, con diversi argomenti all'ordine del giorno, era finalizzata, tra l'altro, a delineare il quadro delle misure e dei servizi di ordine e sicurezza pubblica da assicurarsi in occasione delle prossime ricorrenze pasquali, tenuto conto delle particolarissime condizioni in cui le stesse dovranno svolgersi, a causa della pandemia da Coronavirus in atto.
Per prevenire comportamenti che possono rivelarsi non in linea con le precauzioni e le cautele contemplate nelle disposizioni governative e nelle ordinanze regionali emanate per il contenimento del COVID -19 è stato messo a punto un articolato e significativo sistema di controlli coordinati interforze, con il coinvolgimento delle Specialità e il concorso delle Polizie Locali.

La complessiva elevazione dell'attenzione operativa da parte delle Forze di Polizia prevede un potenziamento dei servizi di controllo per l'intero fine settimana, con intensificazione il lunedì 13 aprile p.v., con intervento delle pattuglie elicotteristiche interforze per il sorvolo delle zone costiere, delle reti viarie di maggior percorrenza (tra cui le Strade Statali 131 DCN, 389 VAR, SS129, SS125) e il monitoraggio delle zone per consuetudine maggiormente attrattive per le gite fuori porta..

Verranno, in sostanza, attivati mirati servizi di controllo nei punti nevralgici del territorio al fine di garantire la più ampia osservanza della normativa di emergenza e scongiurare spostamenti ingiustificati.

Tenuto conto delle ordinanza del Presidente della Giunta regionale n. 17 del 24/03/ 2020, in cui si vieta l'apertura degli esercizi commerciali di qualsiasi dimensione per la vendita di generi alimentari nella giornata di domenica, e n. 18 del 7 aprile 2020 che ha esteso il divieto anche alla giornata di lunedì 13 aprile 2020, è stato concordato che le persone controllate dalle Forze di Polizia saranno legittimate a comprovare che lo spostamento dal domicilio avviene unicamente per motivi ben individuati di assoluta necessità e urgenza.

Il Prefetto, a conclusione della riunione ha rimarcato come l'attuale andamento dell'epidemia nell'isola non consenta, purtroppo, di allentare l'azione di contrasto alle violazioni delle misure anti-contagio, poiché ad oggi non vi è alcuna certezza di un'inversione di tendenza nella diffusione del virus.
Per non vanificare gli sforzi delle strutture pubbliche e soprattutto l'enorme sacrificio degli operatori sanitari nella lotta alla pandemia, occorre che il cittadino acquisti consapevolezza, facendosene pienamente carico, della diretta responsabilità di un contagio in tutti i casi in cui non vengano osservati gli obblighi imposti per il distanziamento sociale.
Ciò dovrà essere tenuto ancor più presente in occasione della prossima ricorrenza pasquale, che la tradizione sarda, in particolare, lega a forme di convivialità in questo momento assolutamente non consentite, stante la delicata fase che il Paese e il mondo intero stanno attraversando.


Pubblicato il
:

 CENTRO ANTIVIOLENZA DELL'UNIONE COMUNI D'OGLIASTRA

Si ritiene utile comunicare che nell'ambito del " Protocollo di Intesa per la promozione di strategie condivise finalizzate alla prevenzione e al contrasto del fenomeno della violenza nei confronti delle donne e dei minori", stipulato lo scorso 10 dicembre 2019 presso questa Prefettura", le operatrici del CENTRO ANTIVIOLENZA DELL'UNIONE COMUNI D'OGLIASTRA, anche con l'emergenza sanitaria da Covid-19 , continuano a garantire telefonicamente l'accoglienza, il sostegno psicologico, la consulenza sociale e la consulenza legale.

I colloqui, presso la sede del Centro sono consentiti solo in casi di estrema urgenza e nel rispetto delle norme di cautela previste dalle disposizioni nazionali.

Tutte le attività del Centro antiviolenza sono gratuite e si svolgono nel rispetto e nella tutela dell'anonimato e della riservatezza.

Le operatrici possono essere contattate ai seguenti numeri di telefono: 366 6803600 - 366 6803601
Pubblicato il
:

 
Torna su