Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Napoli

NOTIZIE

 

 Sopralluogo della Commissione d’inchiesta sul femminicidio del Senato della Repubblica.

La Commissione d’inchiesta sul femminicidio del Senato della Repubblica, nell’ambito del sopralluogo svolto a Napoli il 14 e 15 novembre scorso, ha incontrato, nel secondo giorno dei lavori, presso questa Prefettura, i vertici o i rappresentanti della Corte d’Appello, della Procura Generale, del Tribunale e della Procura della Repubblica di Napoli, del Tribunale e della Procura minorile di Napoli, del Tribunale e della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, del Tribunale e della Procura della Repubblica di Nola, del Tribunale e della Procura della Repubblica di Napoli Nord, nonché il Questore ed il Comandante provinciale dei Carabinieri di Napoli.


Pubblicato il
:

 Esercitazione 'Squalo 2019"

Alle ore 07,00 della mattinata odierna,  12 novembre, si è svolta in questo capoluogo una esercitazione internazionale di ricerca e soccorso aeromarittimo, denominata "Squalo 2019".

 Lo scopo dell' esercitazione è stato quello di testare l'organizzazione e l'attuazione  di tutte le  procedure  di soccorso in  mare e a terra definite nel " Piano di emergenza per il soccorso ad aeromobili sinistrati in mare"

L'esercitazione  ha visto  coinvolti mezzi aereonavali della Guardia Costiera, FF.AA.,VV.F., FF.O. e di altri Enti/Amministrazioni dello Stato nonché di mezzi aerei dei Paesi aderenti , Francia, e ha avuto  per oggetto l'attività di ricerca e soccorso di un aeromobile di linea civile incidentato in mare a seguito dell'avaria a entrambi i motori.

La direzione dell'esercitazione per l'attività del soccorso a mare è attestata presso la Capitaneria di Porto di Napoli mentre la direzione e il coordinamento delle attività di soccorso e assistenza a terra è attestata presso la Prefettura di Napoli.

Lo scenario è stato il seguente: il Comandante di un aereo passeggeri modello "BOEING 737", con a bordo 60 passeggeri e 4 persone di equipaggio (totale 64 persone a bordo), decollato dall'aeroporto di Genova Sestri e diretto all'aeroporto di Napoli, prima di iniziare il sorvolo dell'isola di Ischia dichiara avaria  ha  comunicato, all'aeroporto di Capodichino, l'improvvisa perdita di potenza di un motore con repentina perdita di quota.

 Poco prima del punto di riporto Ischia, avendo ormai raggiunto quota 4.000 piedi, il Comandante  ha ribadito  lo stato di  grave difficoltà riportando il repentino spegnimento di entrambi i motori e l'intenzione, laddove non fosse riuscito a riavviarli, di tentare un ammaraggio con rotta verso Sorrento.

Da quel momento l'aeroporto di  "Capodichino Avvicinamento"  ha perso  sia il contatto radio sia il contatto radar.

La Torre di Controllo di Capodichino ha  fatto scattare le procedure interne di emergenza  e ha comunicato la situazione di pericolo alla Sala Operativa di Napoli, precisando, altresì, che sono stati  persi i contatti radio e radar del BOEING 737 a una distanza presunta D.L. circa 22 miglia nautiche ad ovest del porto di Napoli.

La Sala Operativa della Capitaneria di Porto ha  applicato  le procedure per l'invio in zona delle unità di guardia e l'allertamento dei mezzi disponibili in area, attuando le procedure previste dal locale piano di emergenza e  ha allertato , contestualmente, la Prefettura di Napoli per l'attivazione delle Pianificazioni di  Coordinamento dei soccorsi a terra.

La Prefettura di Napoli alla ricezione della notizia dello stato di allerta da parte della Capitaneria di Porto  ha convocato  immediatamente il CCS dando attuazione  alle procedure  definite  per  la prova esercitativa.

L' esercitazione è terminata alle ore 10,00, e al fine di ridurre al minimo  possibile il disagio per la cittadinanza conseguente agli interventi di simulazione sul campo, sono state assicurate e messe in atto, con la massima tempestività ,  le modalità più idonee a corrispondere  alle esigenze dello scenario e  a quelle di testare l'efficienza delle procedure definite nelle rispettive pianificazioni di dettaglio.

Pubblicato il
:

 Area metropolitana di Napoli: incidentalità stradale 2018

Si è svolta nella mattinata odierna presso la Prefettura di Napoli la riunione della Conferenza provinciale permanente nel corso della quale sono stati resi noti ed esaminati i dati ufficiali raccolti in materia di incidentalità stradale interessante l'Area metropolitana compreso il Capoluogo e riferiti all'annualità 2018 .

Hanno partecipato i rappresentanti delle Forze di Polizia territoriali, di Specialità, unitamente a quelli delle Polizie municipali e della locale Motorizzazione civile.

La variazione regionale della Campania rispetto all'anno 2017 ha fatto registrare un decremento sia per quanto concerne gli incidenti ( - 1,4%), che dei morti ( - 1,3%) e dei feriti ( -1,6%) .

Nell'Area metropolitana rispetto all'anno 2017 la percentuale degli incidenti è diminuita dell'- 1,6 %, quella dei morti del - 7,37 % ; solo quella dei feriti ha fatto registrare un minimo incremento (0,6%).

Il sensibile decremento di mortalità si è registrato nei Comuni di : Giugliano, Pozzuoli, Castellammare di Stabia, Nola, Torre Annunziata, Somma Vesuviana, Marigliano, Ercolano, Caivano, Sant'Agnello, Sant'Antimo, Piano di Sorrento, Pompei, Sorrento, Agerola e Liveri.

Nel solo Capoluogo si è registrato il dato in controtendenza, riferito alla mortalità, con 32 vittime della strada nel 2018 rispetto alle 25 del 2017 (+ 28%) ed al numero di feriti, incrementati dell'1,28%.

Nell'anno 2018 è stata incrementata da parte delle Forze di Polizia l'attività di prevenzione e di repressione delle violazioni al codice della strada  ( art. 142 eccesso di velocità, artt. 186 e 187 - uso di alcol e di sostanze stupefacenti) , con conseguente aumento rispetto all'anno 2017 delle ordinanze prefettizie di sospensione patenti ( + 28,6% per la contestazione dell'art. 142, +23,7% per quella dell'art. 186 e +33,3% per la contestazione dell'art. 187).

Grazie all'attività propulsiva e di coordinamento della Prefettura svolta nei confronti degli EE.LL. l'impegno finanziario dei Comuni dell'Area metropolitana in ordine alla manutenzione delle strade, all'acquisto di automezzi e del potenziamento della segnaletica stradale è stato maggiore (+11,21%)  rispetto all'anno 2017; impegnati euro 9.796.250,00 nell'anno 2018, rispetto ad euro 8.808.134,00 dell'anno 2017.

 

Pubblicato il
:

 
Torna su