Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Napoli

Comunicati Stampa

 

 Celebrazione giorno della memoria

 
  

I GIOVANI E LE ISTITUZIONI CELEBRANO IN PREFETTURA IL “GIORNO DELLA MEMORIA” - MERCOLEDÌ’ 27 GENNAIO 2016, ORE 12.00

 

 

 

Nella mattinata odierna, presso il Palazzo di Governo, il Prefetto di Napoli Gerarda Maria Pantalone ha consegnato le medaglie d’onore alla memoria ai familiari di quattro cittadini della Provincia di Napoli, internati in Germania dal 1943 al 1945. La speciale benemerenza è prevista dalla legge 27 dicembre 2006, n. 296, per rendere omaggio, nel modo più solenne, a quanti - nel corso della lotta alle barbarie nazifasciste - pagarono un tragico prezzo nei lager o asserviti al lavoro coatto.

Presenti alla cerimonia, oltre ai parenti degli insigniti, i sindaci dei rispettivi comuni di residenza – Napoli, Scisciano, Mugnano di Napoli e Casandrino - l’avv. Raffaele Arcella, Presidente dell’ANEI (Ass.ne naz.le ex internati italiani) e il vicepresidente della Comunità Ebraica, dr. Pierluigi Campagnano. La voglia di partecipazione e testimonianza ha animato l’impegno dei più giovani protagonisti della giornata, i ragazzi dell’Istituto Comprensivo Statale “Omodeo- Beethoven” di Scisciano, che hanno eseguito alcuni brani musicali e svolto riflessioni sul tema della memoria e sul valore irrinunciabile del rispetto dei fondamentali Diritti dell’Uomo. Gli Studenti dell’Istituto Superiore Statale “Casanova” di Napoli hanno, invece, realizzato la video documentazione dell’evento, nell’ambito di un progetto su memoria e comunicazione.

 

 

– INSIGNITI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI -

 

 

Alla memoria del sig. Francesco Nicola SILVESTRE di Casandrino, militare dell’Esercito Italiano catturato a Trieste nel 1943 e deportato nei lager in Germania.

 

Alla memoria del prof. Gioacchino GALLOZZI, di Mugnano di Napoli, già volontario della Libertà, catturato dai tedeschi nel 1943 e deportato nei lager in Germania.

Alla memoria del sig. Rodolfo SERPICO, di Scisciano, perito nel febbraio del 1944 nel naufragio del piroscafo Oria, a bordo del quale era stato imbarcato per la deportazione in Germania assieme ad altri 4000 prigionieri.

 

Alla memoria del sig. Marcello ARCURI, di Napoli, protagonista, assieme ad altri 43 ufficiali, della vicenda dei cd. eroi di Unterluss, che, dopo la cattura da parte dei tedeschi, rifiutarono di aderire alla Repubblica sociale e si ribellarono alle imposizioni naziste, sostituendosi volontariamente a 21 loro compagni condannati alla fucilazione.

 

 

 

 

 
Pubblicato il :

 
Torna su