Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Napoli

Comunicati Stampa

 

 Comune di Trecase - Nomina Commissario prefettizio

Il Prefetto di Napoli, Francesco Antonio Musolino, ha sospeso il Consiglio comunale di Trecase a seguito delle dimissioni di oltre la metà dei consiglieri e nominato Commissario prefettizio il dr. Massimo De Stefano, Viceprefetto aggiunto in servizio presso la Prefettura di Napoli, nell’attesa del decreto di scioglimento da parte del Presidente della Repubblica.

Per la provvisoria amministrazione dell’Ente, al Commissario prefettizio sono state affidate le funzioni del Sindaco, della Giunta e del Consiglio comunale.


Pubblicato il :

 Stato di emergenza umanitaria Nord-Africa

Si è chiuso in questa provincia lo stato di emergenza umanitaria Nord-Africa, che ha avuto inizio nella primavera del 2011.

In questa provincia, al 31 dicembre 2012, risultavano presenti presso le strutture di accoglienza, alberghi e comunità 1.200 cittadini migranti.

Tutte le iniziative poste in essere dalla Prefettura sono state adottate a seguito di condivisione in sede di Tavolo Regionale di Coordinamento con le Prefetture e le Questure della regione, del confronto con gli operatori delle associazioni ed il supporto dei responsabili delle strutture di accoglienza.

Ai migranti che hanno volontariamente lasciato i centri è stato corrisposto un contributo straordinario di € 500,00 pro-capite previsto dal Ministero dell’Interno, quale misura di accompagnamento all’ uscita.

Allo stato risultano presenti ancora in alcune strutture di accoglienza circa 200 immigrati per i quali continua l’erogazione delle misure di accoglienza in quanto appartenenti alle categorie “vulnerabili” ossia nuclei familiari con minori, persone in attesa del rilascio/rinnovo dei permessi di soggiorno o con problemi di salute.

Tutte le operazioni di avvio al percorso di uscita si sono svolte senza particolari riflessi sul piano dell’ordine e sicurezza pubblica.


Pubblicato il :

 Tavolo tecnico per i primi interventi su “Città della Scienza”

Dopo l’incendio le istituzioni si sono riunite in prefettura per condividere subito il piano da attivare per il rilancio della struttura

 

 

L’area dove sorgeva Città della Scienza continuerà ad avere la stessa destinazione per ritornare ad essere simbolo di cultura e progresso. E’ questo il messaggio che i rappresentanti delle istituzioni hanno voluto lanciare intorno al tavolo che si è tenuto oggi pomeriggio presso la prefettura di Napoli.

Un incontro che segna l’inizio di un percorso avviato immediatamente per mettere in campo le misure necessarie ad affrontare e risolvere i problemi strutturali, economici ed occupazionali determinati dalla perdita del centro eccellenza di Bagnoli.

Alla riunione, coordinata dal capo di gabinetto del prefetto, Francesco Esposito, hanno partecipato gli assessori regionali Caterina Miraglia, Lucio Trombetti, e Severino Nappi, il vicesindaco di Napoli, Tommaso Sodano, l’assessore Antonella Di Nocera, il rappresentante della Provincia, il presidente della Fondazione Idis, Vittorio Silvestrini e i segretari generali dei sindacati CGIL, CISL, UIL e UGL.

Si è convenuto sulla necessità di quantificare in tempi brevi i danni per individuare gli strumenti giuridici e finanziari più adeguati. Un primo significativo passo sarà compiuto dando nuovo impulso agli interventi già programmati sull’area per il completamento della struttura e che, invece, ora rappresenteranno il punto di partenza per il rilancio dell’importante realtà.

Fin da subito sarà attivato dalla regione Campania un tavolo tecnico di confronto con la Fondazione Idis e le organizzazioni sindacali per l’attivazione degli ammortizzatori sociali a beneficio dei lavoratori di Città della Scienza.

Si è convenuto sulla opportunità di prevedere periodici momenti di verifica in prefettura sull’andamento delle iniziative che saranno ulteriormente approfondite nei prossimi giorni.


Pubblicato il :

 
Torna su