Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Napoli

Comunicati Stampa

 

 IL MINISTERO DELL´INTERNO DA´ IL VIA AL RIPRISTINO ED INCREMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA NELLA CITTA´ DI NAPOLI

Partono i lavori per l’integrazione e il potenziamento tecnologico del sistema  di videosorveglianza nelle aree Vomero, Lungomare Mergellina e Vomero Alto finanziati   dal Ministero dell’Interno con le risorse del PON “ Sicurezza per lo Sviluppo – Obiettivo Convergenza” .

La gara d’appalto è stata   aggiudicata il 13 ottobre scorso al RTI composto dalla mandataria Vitrociset s.p.a.e dalla mandante Telecom Italia s.p.a.  

E’ un concreto intervento nel percorso di ripristino ed incremento dei sistemi videosorveglianza nella città di Napoli, sulla cui valenza  strategica ai fini investigativi e di prevenzione generale  si era soffermato il Ministro dell’Interno in sede di Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.  

 

Napoli   20 ottobre 2015

Pubblicato il :

 Comunicato stampa

COMUNICATO STAMPA

 

                   

 

Comune di  Castellammare di Stabia  – Sospensione del Consiglio e nomina del Commissario prefettizio

 

Il Prefetto di Napoli, Gerarda Pantalone, a seguito delle dimissioni contestuali  dalla carica di 13 su 24 consiglieri del Comune di Castellammare di Stabia, ha sospeso quel civico consesso fino alla definizione della procedura di scioglimento e nominato Commissario prefettizio il Viceprefetto Claudio Vaccaro, in servizio presso il Ministero dell’Interno, per la provvisoria amministrazione dell’Ente.

 

Napoli 13 ottobre  2015

 

Pubblicato il :

 STRUMENTI DI CONTRASTO ALLE MAFIE PER LA TUTELA DELLE ISTITUZIONI E DELL´ECONOMIA

Nella cornice  del “salone delle muse”  della Prefettura di Napoli, gremito fino all’ultimo posto disponibile, si è svolta  una tavola rotonda su un tema di grande attualità. Al dibattito su “Azione e  strumenti  di contrasto alle mafie  per la tutela delle istituzioni e dell’economia”, moderato dall'inviato del “Sole 24 ore” Roberto Galullo, hanno partecipato il Procuratore nazionale antimafia Franco Roberti il Prefetto di Napoli Gerarda Maria Pantalone e gli altri  Prefetti della regione.  In primo piano gli effetti e le tematiche dello scioglimento degli enti locali per infiltrazioni di tipo mafioso, con particolare riferimento al difficile contesto della Campania.

Dalle esperienze delle varie province sono emersi interessanti spunti sull'attuazione di norme in continua evoluzione, spunti che consentono di individuare e migliorare linee comuni di intervento per un comune obiettivo: prevenzione e contrasto alla criminalità organizzata.

Il confronto ha registrato la condivisione sulle buone prassi adottate dalla Prefetture, in una più estesa rete territoriale e con continui scambi di informazioni, così come sono apparse positive  nuove ipotesi di  spazi di interazione con l'Autorità Giudiziaria.

Una significativa svolta proprio nell'imminenza della Banca dati Antimafia, con inizio previsto nel gennaio del prossimo anno.

Apprezzando l'iniziativa, il procuratore nazionale antimafia si è soffermato sull'importanza di incontri come quello di Napoli per l'impegno sociale tutte le istituzioni contro la criminalità organizzata, precondizione per uno sviluppo economico del territorio ed una reale crescita democratica.

Erano infatti presenti  i vertici della Magistratura, dell'Avvocatura dello Stato, delle forze dell'ordine con i funzionari prefettizi e le commissioni straordinarie, tutte componenti  dello Stato  quotidianamente  impegnate  nella lotta alle mafie, per  il recupero della legalità in amministrazioni ed aree fortemente a rischio.
 
 
 
 
 
Pubblicato il :

 
Torna su