Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Modena

NOTIZIE

 

 IL PREFETTO DI MODENA E IL SINDACO DI SASSUOLO SOTTOSCRIVONO IL PROTOCOLLO "SCUOLE SICURE"

II Prefetto di Modena, Pierluigi Faloni, e il Sindaco di Sassuolo, Gian Francesco Menani, hanno sottoscritto nella giornata odierna il Protocollo d'Intesa "Scuole Sicure 2020/2021, che vede impegnati il Ministero dell'Interno e il Comune di Sassuolo in un'azione congiunta di prevenzione e contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici.

L'iniziativa si pone come strumento delle "Linee guida per l'attuazione della sicurezza urbana", adottate su proposta del Ministro dell'Interno con accordo sancito in sede di conferenza Stato-città e autonomie locali, ed ha formato oggetto di approvazione in seno al locale Comitato Provinciale per la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto, che ha valutato positivamente la domanda di accesso ai contributi ministeriali presentata dall'Ente civico.

Attraverso il finanziamento, il Comune di Sassuolo intende realizzare nuovi impianti di videosorveglianza in prossimità dei plessi scolastici del territorio e sviluppare campagne d'informazione sul tema in collaborazione con gli Istituti d'istruzione, oltre ad acquisire mezzi e attrezzature dedicati e prevedere un maggior impiego dell'unità cinofila antidroga.

Il Prefetto ha espresso il proprio apprezzamento per l'iniziativa, che intende ribadire l'impegno e l'attenzione riservata dalla Prefettura, dalle Forze dell'Ordine e dalle locali Istituzioni cittadine al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti e più in generale alla repressione di ogni forma di illegalità diffusa.

Pubblicato il
:

 AZIENDA SCAM DI MODENA - ESERCITAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

Giovedì 19 novembre, intorno alle 9, con il suono delle sirene d'allarme, avrà inizio un'esercitazione per testare il Piano d'emergenza previsto per l'impianto industriale dell'impresa Scam di Via Bellaria a Modena¸ che produce e commercializza prodotti per la nutrizione e la difesa vegetale (fertilizzanti e agrofarmaci) e che rientra tra quelli a rischio di incidente rilevante.

Questa esercitazione, prevista nell'ambito della definizione del nuovo Piano d'emergenza esterno e coordinata dalla Prefettura, era programmata per la primavera ed è stata rinviata per l'emergenza sanitaria.

Si tratta comunque di un'esercitazione per "posti di comando", cioè sviluppata solo in maniera virtuale, con la partecipazione di tutti i soggetti di cui il Piano prevede l'intervento: dai Vigili del Fuoco alla centrale operativa del 118 e al Dipartimento di sanità pubblica, dalla Polizia locale e alle Forze dell'ordine e ad Arpae e al sistema della Protezione civile, fino alla convocazione del Centro coordinamento soccorsi di Marzaglia.

Coinvolti anche tutti gli altri soggetti interessati dal Piano: il settore viabilità della Provincia, Anas e la società Autostrade, le società Seta, Hera e Inrete per la distribuzione di energia e gas, il Consorzio di Bonifica Burana.

Non ci saranno però interventi operativi in azienda e all'esterno dello stabilimento, ma ci si limiterà a testare il Piano per quello che riguarda le comunicazioni necessarie a predisporre l'arrivo dei soccorsi, l'organizzazione della viabilità, la definizione degli interventi di salvataggio.

L'unico elemento "visibile" dell'esercitazione, quindi, sarà il suono delle sirene; già nella giornata di mercoledì gli altoparlanti della Polizia locale informeranno la popolazione della zona per evitare che giovedì si crei un allarme ingiustificato. In distribuzione anche volantini.

Nel caso non fosse un'esercitazione, al suono delle sirene i cittadini dovrebbero evitare di avvicinarsi allo stabilimento, rimanere all'interno degli edifici e chiudere porte, finestre e sistemi di condizionamento, spegnere i sistemi di riscaldamento ed eventuali fiamme libere per poi aspettare il cessato allarme, senza impegnare, se non per emergenze, le linee telefoniche dei diversi soggetti al lavoro per organizzare gli eventuali soccorsi.

 

Pubblicato il
:

 RIUNIONE DEL COMITATO PROVINCIALE ORDINE E SICUREZZA PUBBLICA

Il Prefetto di Modena Pierluigi Faloni ha presieduto il C.P.O.S.P. che nella seduta del 28 ottobre 2020 ha valutato positivamente i progetti per la installazione dei sistemi di video sorveglianza presentati dalle Unioni dei Comuni del Frignano e Unione dei Comuni Area Nord nonché quelli pervenuti dai Comuni di Modena, Maranello, Formigine, Nonantola, Montese e Zocca.

 Tali progetti di un valore complessivo di 2.417.276 euro saranno cofinanziati dallo Stato per 1.427.744 euro per un intervento percentuale che va dal 15% all'80% e potranno costituire un valido ausilio al potenziamento dei servizi esterni di Polizia, alle eventuali attività di indagine, contribuendo nel mentre ad accrescere il senso di sicurezza da parte dei cittadini.   

Pubblicato il
:

 IL PREFETTO PARTECIPA ALLE CELEBRAZIONI PER LA GIORNATA DELL'UNITA' NAZIONALE E DELLE FORZE ARMATE

Il Prefetto di Modena Pierluigi Faloni ha partecipato con il Sindaco di Modena, il Comandante dell'Accademia militare e le massime Autorità della provincia, alle celebrazioni per la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate.

Il percorso commemorativo è iniziato con la deposizione di una corona ai Caduti presso il monumento di Via Rimembranze; poi è proseguito in Prefettura con la deposizione di una corona presso la Lapide che ricorda il sacrificio di Ferdinando Ruffini, Sottoprefetto del Frignano, che rifiutò l'esonero per arruolarsi e cadere in combattimento il 6 novembre 1915 a San Michele del Carso ed infine nel rendere onore ai Caduti presso il Sacrario della Ghirlandina.





Pubblicato il
:

 
Torna su