Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Modena

NOTIZIE

 

 LETTERA DEL PREFETTO DI MODENA AL PRESIDENTE DELLA COMUNITÀ EBRAICA DI MODENA E REGGIO EMILIA IN OCCASIONE DELLA RICORRENZA DEL CAPODANNO EBRAICO

          Modena, 18 settembre 2017

           

 

 

mi è particolarmente gradito, in occasione della ricorrenza del Capodanno ebraico dell'anno 5778 e delle altre celebrazioni di questo periodo, rivolgerLe un cordiale saluto ed un sentito augurio, che La prego di partecipare al Rabbino Capo Beniamino Goldstein e a tutti gli appartenenti alla Comunità modenese, insieme ai migliori auspici per questo intenso periodo, ricco di significati spirituali ed etici.

La Città di Modena, accogliente e sensibile alle diversità culturali, ha storicamente favorito il radicamento della Comunità, stabilendo proficui rapporti nei più svariati settori con i suoi appartenenti che, parte viva ed integrante del tessuto del territorio, contribuiscono con impegno e talento allo sviluppo ed alla crescita di Modena.

 Desidero assicurare che, come di consueto, sarà dedicata ogni attenzione affinché le Ricorrenze si svolgano nel segno della più assoluta serenità e Le invio

i più cordiali saluti.

                                                                        

 

 

 

                                                                                     Maria Patrizia Paba

Pubblicato il :

 VERTENZA POLIZIA MUNICIPALE DI SASSUOLO CONCILIAZIONE IN PREFETTURA

Si è svolto questa mattina, presso la Prefettura di Modena, il tentativo di conciliazione previsto dalla legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali, in relazione allo stato di agitazione degli appartenenti alla Polizia Municipale di Sassuolo,  preannunciato da parte della Organizzazione Sindacale SIL.PO.

Durante la riunione, alla quale erano presenti, Dirigenti del Comune di Sassuolo , il Comandante della Polizia Municipale ed il Segretario provinciale del SIL.PO, sono stati affrontate sotto varie angolature le ragioni che hanno dato origine alla protesta, inducendo l'Organizzazione di rappresentanza ad attivare la procedura prevista dalla legge 146/90, che disciplina la materia delle astensione dal lavoro nelle attività considerate essenziali per l'utenza.

Dopo ampia e articolata discussione, preso atto della disponibilità dell'Amministrazione ad incontrare, sin dalla giornata di domani, i rappresentanti degli Operatori della Polizia municipale in un tavolo di confronto per affrontare nel merito le problematiche sul tappeto, da parte della Prefettura è stato richiesto di sospendere lo stato di agitazione.

La proposta è stata accettata dalle parti.

Soddisfazione per l'accordo è stata espressa dai rappresentanti dell'Amministrazione e dai Dirigenti sindacali che hanno manifestato il proprio apprezzamento per l'attenta ed equilibrata opera di mediazione svolta dalla Prefettura.
Pubblicato il :

 IL SINDACO DI FINALE EMILIA RICEVUTO DAL PREFETTO SUL TEMA MIGRANTI

Questa mattina il Sindaco di Finale Emilia, Sandro Palazzi, accompagnato dal Vice Sindaco Lorenzo Biagi e dal Presidente del Consiglio comunale, Maurizio Boetti, è stato ricevuto dal Prefetto di Modena, Maria Patrizia Paba.

Oggetto dell'incontro il tema del previsto trasferimento in quel Comune di un primo gruppo di stranieri richiedenti protezione internazionale.

Nel corso del colloquio, svoltosi in un clima di cordialità e di collaborazione istituzionale, il Sindaco Palazzi ha sottolineato che la Comunità finalese ancora risente degli effetti del terremoto del maggio 2012 e annovera una cospicua percentuale di immigrati regolari, circostanze che hanno indotto ad auspicare l'esclusione del Comune di Finale Emilia dalla distribuzione di profughi secondo le aliquote applicate sul restante territorio nazionale.

Il Prefetto ha preliminarmente dato atto del regime di costante interazione con le Amministrazioni locali sul tema dell'accoglienza e della puntuale comunicazione agli Amministratori del trasferimento di  migranti nei Comuni nel momento in cui gli enti gestori dell'accoglienza informano circa l'individuazione di una nuova struttura. Ha illustrato, altresì, le puntuali verifiche che la Prefettura svolge, sia sulla qualità della gestione che sul rispetto delle regole contrattuali, i costanti controlli sviluppati dalle Forze di polizia nei confronti degli stranieri ospitati ed i rassicuranti riscontri sotto il profilo sanitario, sia con rifermento alle profilassi applicate che alla situazione generale, così come attestato periodicamente e di recente dalla Azienda USL.

Il Prefetto ha quindi ricordato i vari momenti di interlocuzione sul tema avuti con i Sindaci del "cratere" e con l'Amministrazione di Finale, sia nelle riunioni in Prefettura che nella seduta straordinaria del Consiglio dell'Unione dei Comuni dell'Area Nord, ed ha riassunto la posizione della Prefettura in proposito, più volte oggetto di comunicazione pubblica, circa le condizioni alle quali i profughi sarebbero stati trasferiti nei territori colpiti da calamità nella consapevolezza della particolare sensibilità delle popolazioni.

In sintonia con tali orientamenti l'inserimento dei profughi a Finale Emilia, così come negli altri Comuni della "bassa", sarà graduale e riguarderà stranieri già presenti da tempo sul territorio modenese ed ospitati in altre strutture e quindi munti di permesso di soggiorno e oggetto di verifiche sanitarie. Gli stessi saranno impegnati da subito in attività volontarie di utilità sociale, sulla base di un protocollo d'intesa tra Prefettura Comune ed ente gestore il cui testo è stato sottoposto al Sindaco già nei giorni scorsi. Inoltre il Prefetto ha precisato che, così come avvenuto nei giorni scorsi a Carpi, prima dell'arrivo dei profughi presso la struttura destinata ad ospitarli, sarà effettuata un sopralluogo da parte di Funzionari della Prefettura, Della Azienda USL, dei Vigili del Fuoco e del Comune per una verifica generale sul piano logistico.

Al termine dell'incontro il Prefetto Paba ha auspicato che, nella gestione di questa missione nazionale, l'Amministrazione comunale di Finale Emilia sia "alleata" della Prefettura per adempiere ad un compito istituzionale che coinvolge e impegna il Paese intero ed al quale nessun segmento della società civile può sottrarsi.

Pubblicato il :

 Modena "Paint your school" Gli stranieri richiedenti protezione internazionale collaborano per rendere più bella la scuola Paoli

Nella mattinata di oggi il Prefetto di Modena, Maria Patrizia Paba, è intervenuto alla presentazione dei risultati del progetto "Paint your school" in cui è stata presentata la Scuola "Pasquale Paoli" di Modena, rinnovata dai lavori di tinteggiatura eseguiti nel mese di luglio scorso da genitori, insegnanti e da un gruppo di circa trenta stranieri richiedenti protezione internazionale ospitati in Città.

La semplice cerimonia si è svolta in un clima festoso con la partecipazione di alunni, genitori, docenti e richiedenti asilo che hanno prestato la loro opera nella scuola.

Si è conclusa, così, con successo l'iniziativa promossa dall'Assessorato ai Servizi sociali del Comune di Modena, d'intesa con l'Ufficio scolastico provinciale, la Dirigenza dell'Istituto e con gli operatori affidatari della gestione.

I diversi interventi hanno sottolineato il valore del dialogo e dell'impegno comune quali fattori di integrazione e di costruzione di una società pacifica e coesa.

L'iniziativa si inquadra nelle azioni scaturite dal protocollo sottoscritto nel marzo scorso tra Prefettura, Comune di Modena, Arcidiocesi di Modena Nonantola, Unioni dei Comuni, Associazione Servizi per il Volontariato di Modena e Forum Provinciale del Terzo Settore di Modena, finalizzato alla realizzazione di attività di volontariato sociale, ambientale e sportivo, per i richiedenti protezione umanitaria, quale strumento primario per migliorare l'inclusione e il rafforzamento della consapevolezza civica.

 In tale quadro generale, lo scorso 7 settembre il Prefetto e il Sindaco hanno tenuto una riunione con i rappresentanti degli enti gestori dell'accoglienza operanti nel Comune di Modena nel corso della quale è stata decisa, tra l'altro, la costituzione di un Tavolo finalizzato alla più efficace gestione, nei rispettivi ambiti di competenza, dei temi connessi al fenomeno migratorio ed alle sue relazioni con il territorio, mettendo a fattor comune esperienze, conoscenze e contributi.

Tra i diversi temi trattati nell'incontro, attenzione particolare è stata dedicata all'equa suddivisione dei profughi su tutta la provincia, mediante una progressiva redistribuzione da Modena agli altri Comuni, nel rispetto dei parametri numerici in vigore a livello nazionale.
 
Pubblicato il :

 MODENA. RIUNITO IL COMITATO PROVINCIALE PER L’ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA.

Nella mattinata odierna il Prefetto di Modena, Maria Patrizia Paba, ha presieduto una riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica in vista dello svolgimento delle celebrazioni del decimo anniversario della scomparsa del Maestro Luciano Pavarotti , in programma per la serata del 5 settembre prossimo, che prevedono la esecuzione della “Messa da Requiem” di Giuseppe Verdi all’interno della Cattedrale e l’allestimento di un maxi schermo nell’attigua Piazza Grande per consentire l’ascolto dell’opera anche a coloro che non troveranno posto all’interno del Tempio.

Alla presenza anche di un rappresentante della Diocesi, sono stati presi in esame complessivamente gli aspetti organizzativi e di sicurezza al fine di assicurare che la manifestazione, che richiamerà un rilevante pubblico, sia nella Cattedrale che in Piazza, si svolga nella necessaria cornice di sicurezza e di tranquillità.

Inoltre il Comitato, alla presenza del Sindaco di Carpi Alberto Bellelli, ha affrontato il tema della manifestazione preannunciata da un esponente del movimento politico “Forza Nuova”, che si terrà nella serata odierna in quella Piazza Ramazzini a partire dalle ore 21.

In proposito il Comitato ha condiviso il dispositivo di sicurezza da attuare nella circostanza in forma coordinata da parte delle le Forze di polizia nazionali e locale per garantire il pacifico svolgimento dell’iniziativa e prevenire possibili turbative dell’ordine e della sicurezza pubblica.
Pubblicato il :

 
Torna su