Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Modena

NOTIZIE

 

 RIUNITO IL TAVOLO SULLA ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO

Presieduta dal Prefetto di Modena, Maria Patrizia Paba, si è svolta questa mattina una riunione del Tavolo sull'accoglienza con la partecipazione del Comune Capoluogo, di altri Amministratori del territorio interessati dall'accoglienza dei profughi richiedenti protezione internazionale, e degli enti affidatari del servizio di accoglienza.

            Nel corso dell'incontro, al quale era presente l'Assessore del Comune di Modena Giuliana Urbelli, l'Assessore del Comune di Carpi Daniela De Pietri ed i rappresentanti di tre degli otto enti gestori attualmente operanti nella provincia, sono stati affrontati vari temi connessi all'accoglienza, comprese alcune situazioni riportate dalla stampa locale in queste settimane che hanno comunque formato oggetto di attenta verifica.

In particolare il Prefetto ha ulteriormente ribadito la necessità di una redistribuzione sul territorio provinciale dei profughi presenti nel Capoluogo, nell'ottica di un'equa ripartizione in base alle quote stabilite dagli accordi tra il Governo e l'ANCI.

Nella stessa ottica, tenuto conto che l'attuale riduzione di trasferimenti di profughi in provincia consente di affrontare il tema fuori dalla dimensione emergenziale, ha sottolineato l'opportunità di alleggerire le presenze nelle strutture collettive destinate alla prima accoglienza in favore di strutture di dimensioni ridotte, nel segno dell'accoglienza diffusa".

 È stato posto, altresì, ancora una volta l'accento sull'importanza essenziale delle attività volontarie di utilità sociale che costituiscono un efficace veicolo di inclusione di forte valenza motivazionale.

Una specifica raccomandazione è stata rivolta ai gestori circa l'attenzione da dedicare ai profili di convivenza, intervenendo, con azioni educative e persuasive, anche su quei comportamenti che, pur non rappresentando violazione a regole o a norme di legge, possono essere causa di incomprensione e di tensione con i cittadini residenti.

Il Prefetto ha fatto inoltre cenno all'attività ispettiva svolta dalla Prefettura presso le strutture, eseguita sovente insieme a funzionari dei Comuni interessati ed a medici del servizio igiene pubblica della Azienda USL, nonché alla correlata, analoga attività che il Ministero dell'Interno sviluppa nell'ambito del progetto "MIRECO" con la partecipazione di propri funzionari ed Osservatori appartenenti ad Organizzazioni internazionali del settore.

Sul fronte della assistenza sanitaria, il Prefetto ha confermato che i riscontri mensilmente forniti dall'Azienda USL circa il piano di vaccinazione e l'andamento complessivo, non presentano elementi di preoccupazione e che l'incidenza della morbilità tra gli stranieri non si discosta dall'andamento generale della provincia. Nello stesso tempo il Prefetto ha precisato che, sulla base di intese esistenti con l'Azienda USL, di recente rinnovate in occasione di un incontro tenutosi presso la Prefettura, a tutti i profughi richiedenti protezione internazionale viene garantita l'assistenza sanitaria.
Pubblicato il :

 CELEBRAZIONE COMMEMORATIVA DEL GIORNO DEL RICORDO

Questa mattina il Prefetto di Modena  Maria Patrizia Paba ha partecipato alla cerimonia commemorativa del Giorno del Ricordo delle Vittime delle Foibe e dell'Esodo Giuliano - Dalmata organizzato dal Comitato Provinciale  dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e dal Comune di Modena.

L'Arcivescovo Abate di Modena-Nonantola Mons. Erio Castellucci ha benedetto il Monumento ai Martiri delle Foibe, presso il quale il Prefetto Paba, il Sindaco Muzzarelli e il Presidente del Comitato Gen. Pani  hanno deposto una corona d'alloro.

Mons. Erio Castellucci ha celebrato la  Messa nella Chiesa monumentale del Tempio dei Caduti recentemente restaurata e restituita alla Comunità modenese.

Al termine della cerimonia religiosa il Prefetto ha dato lettura del messaggio  che ha indirizzato al Presidente Gen. Pani in occasione del Giorno del Ricordo.

Il Gen. Pani  ha consegnato al Sindaco di Modena l'onorificenza di Benemerente dell'Associazione Venezia Giulia e Dalmazia.

Pubblicato il :

 Giorno del Ricordo - Messaggio del Prefetto al Presidente della Sezione di Modena dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia

Si pubblica il messaggio del Prefetto di Modena Maria Patrizia Paba indirizzato al Presidente della Sezione di Modena dell'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia in occasione del Giorno del Ricordo
Pubblicato il 10/02/2018 ultima modifica il 10/02/2018 alle 13:40:41

 ELEZIONI POLITICHE DEL 4 MARZO 2018. RIUNIONE SULLA PROPAGANDA ELETTORALE

In vista delle prossime consultazioni politiche, nella mattinata odierna, il Prefetto Patrizia Paba ha tenuto una riunione in Prefettura che ha riguardato le principali disposizioni che regolano la propaganda elettorale, a cui sono intervenuti i vertici delle Forze dell'Ordine, i Sindaci della provincia ed i rappresentanti dei partiti che parteciperanno alla competizione elettorale del 4 marzo p.v..

In tal modo sono stati forniti gli opportuni chiarimenti e delucidazioni in materia, affinchè il confronto politico si svolga in un clima di serena e civile dialettica democratica nel rispetto delle norme vigenti.

Al riguardo, sul sito della Prefettura è stato pubblicato il "Memorandum sulla propaganda elettorale" riportante in maniera più dettagliata le modalità di svolgimento della campagna elettorale.

Pubblicato il :

 MONTESE. RAGGIUNTO ACCORDO IN PREFETTURA SUI PROFUGHI RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE

Si è svolto questa mattina in Prefettura il preannunciato incontro convocato a seguito delle doglianze espresse da Sindaco di Montese in ordine al numero ed alla gestione degli stranieri richiedenti protezione internazionale attualmente presenti in detto Comune.

            Nel corso della riunione, alla quale ha partecipato il Sindaco di Montese Luciano Mazza ed il responsabile della cooperativa che gestisce l'accoglienza, si è preliminarmente dato atto concordemente che la gestione dei profughi nel Centro appenninico non ha determinato problematiche, che molteplici sono state le attività in cui i giovani stranieri sono stati impegnati e che l'Amministrazione comunale ha mantenuto un costante rapporto di collaborazione e di dialogo con gli operatori della cooperativa per affrontare in modo al meglio le varie necessità.

            Si è dato atto inoltre che la struttura, ispezionata ripetutamente da Funzionari della Prefettura, anche con la presenza di medici del servizio igiene pubblica della Azienda Usl e dallo stesso Sindaco, rientra negli standard abitativi per ospitare il gruppo di stranieri presenti, possiede i profili di vivibilità e agibilità e non presenta problematicità di carattere igienico sanitario.   

Al termine dell'incontro si è concordato che, entro sessanta giorni dalla data odierna, l'ente gestore, concluso l'iter di iscrizione presso il Centro Servizi di Volontariato regionale, propedeutica alla formalizzazione delle collaborazioni con gli Enti locali, sottoscriverà una convenzione con il Comune di Montese e con la Prefettura per l'impiego dei profughi in attività volontarie di utilità sociale come previsto dalla legge 46/17.

Si è convenuto altresì che, entro lo stesso termine di sessanta giorni, il numero di stranieri presenti a Montese, sarà ridotto a sedici rispetto ai venti attualmente presenti.

Pubblicato il :

 I TITOLARI DELLA CASTELFRIGO RICEVUTI DAL PREFETTO

Nella mattinata odierna il Prefetto di Modena, Maria Patrizia Paba, ha incontrato i titolari dell'azienda "Castelfrigo" di Castelnuovo Rangone, presso la quale è in atto, come noto, una protesta da parte di lavoratori addetti al settore della lavorazione carni a causa del mancato rinnovo del contratto a partire dal 1 gennaio 2018.

            Nel corso dell'incontro il Prefetto ha ascoltato le argomentazioni espresse dai titolari, sottolineando l'assoluta esigenza di riportare il confronto in atto in un ambito di legalità con l'impegno e la disponibilità di tutte le parti coinvolte.

Dalla riunione è, tra l'altro, emerso che l'azienda ha avviato l'assunzione a tempo determinato di dieci unità attraverso un'agenzia di lavoro interinale e che sei di esse sono state già individuate.

Aderendo quindi ad una precisa richiesta del Prefetto Paba, i titolari della "Castelfrigo" hanno assunto l'impegno che i quattro ulteriori lavoratori che verranno assunti, saranno scelti tra coloro che dal primo gennaio del 2018 non hanno visto rinnovato il proprio contratto di lavoro.

Pubblicato il :

 VERTENZA CASTELFRIGO - COMUNICATO DELLA PREFETTURA

Nel quadro delle iniziative avviate a molteplici livelli al fine di trovare soluzioni alla vertenza Castelfrigo, il Prefetto di Modena Maria Patrizia Paba ha invitato la Segreteria provinciale dell'Organizzazione sindacale CGIL ad un incontro, secondo un calendario di riunioni avviato questa mattina con i titolari dell'azienda, che prevede l'ascolto dei soggetti interessati alla vicenda.

La finalità dell'iniziativa è di contribuire ad un clima di distensione e di catalizzare energie costruttive verso la soluzione della vertenza, nel solco dell'accordo raggiunto nella sede della Regione Emilia Romagna nel dicembre 2017.

La Prefettura continuerà ad operare per la salvaguardia dei diritti di tutti auspicando che il prosieguo della vertenza si svolga con equilibrio e responsabilità, particolarmente necessarie nell'attuale fase preelettorale.
Pubblicato il :

 ELEZIONI POLITICHE DEL 4 MARZO 2018. MEMORANDUM SULLA PROPAGANDA ELETTORALE

 
Pubblicato il 05/02/2018 ultima modifica il 05/02/2018 alle 12:43:40

 RIUNITO L'OSSERVATORIO SULLA SICUREZZA STRADALE

Presieduta dal Prefetto di Modena Maria Patrizia Paba, si è svolta, una riunione dell'Osservatorio provinciale per la Sicurezza stradale, organismo composto dal Comandante della Polizia Stradale, e da rappresentanti dell'Arma di Carabinieri, della Provincia, della Polizia Municipale di Modena, della Motorizzazione Civile, dell'ANAS, dell'Automobile Club, e dai Presidenti delle Associazioni "Vittime della Strada" e "Giovani Vittime della Strada".

 Nel corso dell'incontro un Funzionario del Servizio statistico della Regione Emilia Romagna, invitato per la circostanza, ha illustrato ai componenti del Tavolo il sistema "Mister". Si tratta di un programma di raccolta e catalogazione e indicazione georeferenziata degli incidenti stradali avvenuti nel territorio regionale, realizzato in collaborazione con l'ISTAT e i Ministeri competenti, che viene alimentato dalle Forze di polizia nazionali e locali e che consente una lettura ragionata dell'andamento della sinistrosità sulle strade con possibilità di gestione ed elaborazione dei dati.

 L'accreditamento al sistema, che sarà fornito quanto prima dalla Regione agli enti istituzionali partecipanti all'Osservatorio, permetterà di svolgere analisi e valutazioni circa il grado di rischio dei singoli tratti viari, allo scopo di modulare e indirizzare le azioni di vigilanza e controllo e, nel contempo, intervenire su eventuali aspetti strutturali, come l'illuminazione o il tracciato, per innalzare i profili di sicurezza.

 È stato altresì concordato di sviluppare ulteriormente il tema della educazione stradale e del rispetto delle condotte di guida, soprattutto per scoraggiare l'impiego di telefoni, smartphone e tablet o apparecchi tecnologici, il cui uso risulta essere la causa principale di incidenti stradali.

 A tale riguardo l'obiettivo è quello di mettere a fattor comune le azioni in buona parte già svolte singolarmente da alcuni dei partecipanti al tavolo, per rendere omogenee e coordinate tali iniziative offrendo, inoltre alle Autorità Scolastiche iniziative per diffondere e trasmettere tra gli studenti, soprattutto di secondo grado, la cultura della sicurezza e dell'autoprotezione, sottolineando il rischio di conseguenze gravissime che possono causare comportamenti ritenuti apparentemente e superficialmente innocui.

Pubblicato il :

 MODENA - PREFETTURA E COMUNITA' EBRAICA CELEBRANO IL GIORNO DELLA MEMORIA

Si è svolta oggi in Prefettura a Modena, in collaborazione con la Comunità Ebraica, la cerimonia commemorativa del "Giorno della Memoria"; hanno partecipato, oltre alla Presidente e al Rabbino Capo della Comunità ebraica modenese, le massime Autorità provinciali civili, militari e religiose, i Sindaci e le Associazioni rappresentative interessate.

L'iniziativa, che si è svolta in un clima attento e partecipato e alla quale era presente un folto ed interessato pubblico, ha visto, in primo luogo, un'introduzione del Prefetto Maria Patrizia Paba ed un intervento di saluto della Presidente della Comunità ebraica di Modena, Tiziana Ferrari.

Successivamente il Presidente dell'Istituto storico di Modena Giuliano Albarani, ha presentato una relazione dal titolo "Discriminare, deportare, distruggere: dalle leggi razziali alla Shoah", la Direttrice della Fondazione del Campo di concentramento di Fossoli, Marzia Luppi, si è soffermata sulle vicende che hanno condotto alla realizzazione del Museo del deportato di Carpi, e la Presidente dell'Associazione "Alma Finalis" di Finale Emilia, Maria Pia Balboni, ha tracciato un profilo del "Giusto tra le Nazioni" Don Benedetto Richeldi.

         E' stata data lettura di un brano tratto dal libro "16 ottobre 1943" di Giacomo Debenedetti, accompagnato dalle commosse parole di una testimone, Marta Affricano. Un gruppo di studenti della Scuola Media Galileo Ferraris, accompagnati dai loro docenti, ha eseguito brani musicali della tradizione ebraica.

         Nel suo intervento il Prefetto Paba ha posto in evidenza che la manifestazione, organizzata in collaborazione con la Comunità Ebraica, testimonia l'impegno istituzionale, civile ed etico a vigilare affinché non si ripetano i tragici eventi basati sulla discriminazione e sull'odio; occorre, quindi, coltivare e rinnovellare la memoria della Shoah, delle leggi razziali, dei deportati e degli internati civili e militari e di coloro che si opposero al progetto di sterminio.

Il Prefetto ha consegnato le Medaglie d'Onore concesse dal Presidente della Repubblica al Sig. Antonio Solmi,  internato militare, accompagnato dal figlio Mons. Enrico Solmi, Vescovo di Parma, e al Sig, Donato Spina, per il padre scomparso Sig. Nino Antonio Spina, internato militare.
 
 
 
Pubblicato il :

 
Torna su