Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Modena

NOTIZIE

 

 COMUNE DI MONTESE: NOMINA COMMISSARIO PREFETTIZIO

In relazione all'avvenuta presentazione a Montese delle dimissioni da parte del Sindaco Sig.ra Adelaide Zaccaria, il Prefetto di Modena Pierluigi Faloni, secondo quanto previsto dal Testo Unico delle Leggi sull'Ordinamento degli Enti Locali, ha proposto al Ministro dell'Interno lo scioglimento del Consiglio Comunale di Montese, che sarà adottato con Decreto del Presidente della Repubblica.

Il Prefetto, inoltre, ravvisata la sussistenza dei motivi di necessità ed urgenza connessi all'esigenza di assicurare la continuità dell'azione amministrativa dell'Ente, ai sensi dell'art.141, comma 7, del D. Lgs. 18 agosto 2000 n. 267, ha disposto la sospensione del Consiglio Comunale di Montese e la nomina del Dirigente di II Fascia Funzioni Centrali (ex Area I) Dr. Valerio ZAMBELLI, in servizio presso questa Prefettura, quale Commissario prefettizio per la gestione provvisoria del Comune.

Il Commissario si insedierà nel Comune nella mattinata di domani, mercoledì 22 luglio.

Pubblicato il
:

 Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica del 16 luglio

Si è svolto oggi 16 luglio 2020 un Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto Pierluigi Faloni, a cui hanno partecipato il Questore Maurizio Agricola, i Comandanti provinciali dell' Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza Col. Marco Pucciatti e col. Adriano D'Elia, il Sindaco Muzzaarelli, il Presidente della Provincia Gian Domenico Tomei e i Signori Marcello Costatntino, Andrea Giordani e Angelo Marati quali rappresentanti del "Comitato viale Gramsci e dintorni",  per esaminare congiuntamente la petizione " Darsena 2020 " presentata lo scorso 30 giugno al Sindaco ed al Prefetto di Modena.

Con tale petizioni i citati rappresentanti del Comitato cittadino hanno voluto portare all'attenzione delle citate Istituzioni lo stato di degrado sociale del quartiere in cui vivono dove tra l'altro vengono commessi reati da parte dalla criminalità.

Il confronto che si è svolto nella riunione è stato costruttivo e, del corso dello stesso, si è avuto modo di approfondire ogni aspetto messo in luce nella petizione.

Appare evidente che la situazione che è stata rappresentata è una problematica che risala a diverso tempo fa ma altrettanto evidente è che la situazione di disagio non può essere affrontata solo con misure ed azioni di polizia ma deve avere un approccio multidisciplinare che veda nella riqualificazione dell'area una sinergica azione tra cittadini e istituzioni.

Il Prefetto ha evidenziato che i problemi dell'Area sono stati oggetto di analisi già in altre riunioni del C.P.O.S.P. e in altre riunioni tra le forze di Polizia nel corso delle quali sono state decise misure che sono già in atto e che stanno portando a risultati concreti nei confronti della criminalità e di chi adotta comportamenti non conformi alle regole. Il confronto e la collaborazione con il Sindaco sulle questioni di degrado sociale evidenziate dal Comitato cittadino è quotidiana ed è massima l'attenzione nei confronti del disagio rappresentato. Si sta lavorando con profonda attenzione ed anche a questo fine è stato costituito un gruppo di lavoro, nell'ambito del "Patto Modena Sicura", al quale è stato dato il compito di produrre proposte che possano essere adottate ed elaborate nel breve, medio e lungo periodo per la riqualificazione dell'intera Area.

Ai cittadini è stata richiesta la massima collaborazione con le Istituzione al fine di creare quella sinergia di forze che possa essere di esempio a tutta la collettività e, nel contempo, essere un forte baluardo contro ogni forma di criminalità e di comportamento incivile.

Ci saranno ulteriori incontri al fine di poter confrontarsi sulle misure adottate, i risultati raggiunti e le nuove proposte per migliorare la collaborazione.

 
 
 
 
Pubblicato il
:

 Incontro in Prefettura tra il Sig. Prefetto e il Nuovo Comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna Generale di Brigata Davide Angrisani

Il Prefetto di Modena Pierluigi Faloni ha incontrato in Prefettura il Nuovo Comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna  Generale di Brigata Davide Angrisani.

Nel corso del cordiale incontro sono stati affrontati profili di comune interesse con particolare riguardo alle attività svolte dall'Arma dei Carabinieri nel quadro del generale sistema di sicurezza.

Il Prefetto ha condiviso con il Generale  Angrisani l'impegno istituzionale per proseguire le future attività nel segno della sempre più efficace cooperazione.
 
Pubblicato il
:

 Ancora casi di positività al COVID-19 in provincia di Modena. La Prefettura e l'AUSL ricordano ai cittadini l'importanza del rispetto delle misure precauzionali anticontagio

 
Nel corso dell'odierna riunione dell'Osservatorio provinciale sul monitoraggio dell'evoluzione dell'epidemia da COVID-19 sul territorio modenese e sulle misure di tutela della salute, costituito dalla Prefettura nell'ambito della Conferenza Provinciale Permanente della Pubblica Amministrazione, le Autorità sanitarie hanno rappresentato che i eri nel territorio della provincia di Modena i casi di positività al COVID-17 sono stati 7 .
Finché si registreranno ancora casi positivi, appare sempre più importante rinnovare alla popolazione la raccomandazione di continuare ad osservare comportamenti improntati al rispetto delle vigenti misure di protezione individuale , anche per non vanificare gli sforzi compiuti dai cittadini e dalle Istituzioni che hanno concorso a condividere tutte le misure per la gestione dell'emergenza .
I partecipanti all'Osservatorio hanno ancora una volta ribadito che il corretto comportamento di ognuno di noi é la prima regola per evitare il contagio .
Il mantenimento della massima prudenza serve ancora oggi a tutelare noi e le persone che amiamo , oltre a consentire ai professionisti sanitari di continuare a lavorare in sicurezza per meglio assistere la collettività.
Ora più che mai le libertà acquisite in virtù del buon andamento  delle scorse settimane  devono coniugarsi con la responsabilità nel rispetto delle misure di protezione nonché dei Protocolli di sicurezza definiti in ambito nazionale e regionale.
Un appello viene rivolto ai cittadini e, in particolare, a quelli più giovani di continuare ad osservare il distanziamento interpersonale, ad utilizzare le mascherine, ad evitare gli assembramenti, ad attenersi alle misure di sicurezza sui luoghi di lavoro, a seguire tutte le prescrizioni indicate dalle vigenti disposizioni in caso di viaggio, spostamento e rientro nel proprio territorio.
A questo fine, si ricordano ancora una volta le indicazioni di protezione individuale riassunte in 10 punti dalla campagna di comunicazione regionale "Nuove sane abitudini":
  1. mantenere almeno 1 metro di distanza
  2. lavare spesso le mani
  3. non toccarsi il viso
  4. indossare i guanti solo se necessario
  5. indossare la mascherina
  6. indossare correttamente la mascherina
  7. usare la piega del gomito quando si tossisce o si starnutisce
  8. arieggiare spesso i locali
  9. pulire e disinfettare le superfici
  10. in caso di sospetto contagio, stare in casa ed avvertire il medico
L'Osservatorio provinciale sul monitoraggio dell'evoluzione dell'epidemia da COVID-19 e sulle misure di tutela della salute  é composto da rappresentanti della Prefettura, dell'Agenzia Regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, della Provincia di Modena, del Comune di Modena, della Questura, del Comando Provinciale Carabinieri, del Comando Provinciale Guardia di Finanza, della Sezione Polizia Stradale, della Direzione dell'Azienda Unità Sanitaria Locale e dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, della Centrale Operativa 118 Modena Soccorso, della Consulta Provinciale del Volontariato, della Croce Rossa Italiana.
 
 
 
 
 
Pubblicato il
:

 
Torna su