]]>

Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Milano

F.A.Q.


Argomenti disponibili

  • DROGA

  • [16/06/2011 13:12] A CHI POSSO CHIEDERE INFORMAZIONI SE VENGO TROVATO IN POSSESSO DI SOSTANZA STUPEFACENTE PER “USO PERSONALE”?
    Presso ogni Prefettura-UTG troverai un ufficio chiamato N.O.T (Nucleo Operativo Tossicodipendenze) dove lavorano assistenti sociali e personale amministrativo disponibile a fornirti tutte le informazioni necessarie. Puoi inviare una mail a: norme.depenalizzate@prefettura.milano.it
  • [16/06/2011 13:12] DI CHE COSA SI OCCUPA IL N.O.T. DELLA PREFETTURA?
    Il NOT si occupa dei procedimenti attivati nei confronti delle persone che vengono segnalate dalle Forze dell’Ordine per detenzione di sostanza stupefacente destinata al solo uso personale, per quanto riguarda sia gli aspetti amministrativo sanzionatori che quelli relativi al benessere socio- personale.
  • [16/06/2011 13:11] COSA MI SUCCEDE DOPO CHE SONO STATO TROVATO IN POSSESSO DI SOSTANZA STUPEFACENTE PER USO PERSONALE?
    Se, a seguito di controllo delle Forze dell’Ordine, vieni trovato in possesso di sostanze stupefacenti per uso personale vieni segnalato al NOT della Prefettura del luogo di residenza. La sostanza viene sequestrata ed esaminata per determinare la qualità ed il quantitativo di principio attivo in essa contenuto. Se al momento del fermo hai la “diretta ed immediata disponibilità “ di veicoli a motore, le Forze dell’Ordine ti ritirano la patente di guida per un periodo di trenta giorni e la trasmettono all’Ufficio NOT della Prefettura di residenza (a meno che non decidano di trattenerla presso i loro Uffici- in questo caso provvedono anche alla restituzione). L’Ufficio NOT la spedisce al comando dei vigili urbani della tua città di residenza così puoi ritirarla da loro senza dover venire in Prefettura. Se invece guidavi un ciclomotore ti viene ritirato anche il certificato di idoneità tecnica per trenta giorni e viene disposto il fermo amministrativo del ciclomotore per lo stesso periodo.
  • [16/06/2011 13:10] QUALI SONO LE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE?
    Le sanzioni consistono nella sospensione o nel divieto di conseguire (se non sei già in possesso in quel momento) per un periodo che va da 1 a 12 mesi, a seconda della gravità della violazione, dei seguenti documenti: - carta d’identità, passaporto o ogni altro documento equipollente; - licenza di porto d’armi; - sospensione del permesso di soggiorno per motivi di turismo, se sei un cittadino extracomunitaro. La patente di guida può essere sospesa fino a tre anni.
  • [16/06/2011 13:10] QUALI CONSEGUENZE PUO’ AVERE IL RITIRO DEI DOCUMENTI?
    Nel caso di ritiro della carta d’identità e del passaporto viene apposta la dicitura “non valida per l’espatrio per mesi…” e al termine del periodo di sanzione indicato puoi richiedere nuovamente la validità per l’espatrio all’Anagrafe del tuo Comune di residenza. Prima, però, devi recarti alla Questura di Milano, Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, Ufficio Passaporti in via Cordusio 4 (dal lunedì al venerdì’ dalle ore 8.30 alle 12.30) e chiedere di aggiornare la validità ai fini dell’espatrio.
  • [16/06/2011 13:09] CON CHI SOSTERRÒ IL COLLOQUIO?
    Il colloquio, proprio per la sua caratteristica di intervento sociale all’interno di un procedimento amministrativo, viene svolto da un assistente sociale dell’Ufficio Not presso la Prefettura oppure presso il CEP (Centro Educativo Polivalente) della zona dove vivi, ma solo se sei residente in Milano e provincia ed hai meno di 26 anni.
  • [16/06/2011 13:09] CHE COSA SUCCEDE SE NON MI PRESENTO?
    In caso di impedimento puoi telefonare subito al NOT o al CEP per chiedere di spostare la data del colloquio. Alla telefonata dovrà necessariamente seguire una richiesta scritta trasmessa per posta o fax, con la documentazione attestante i motivi della richiesta di rinvio. Se non ti presenti senza avere un giustificato e certificato motivo, si applicano le sanzioni amministrative previste dalla legge.
  • [16/06/2011 13:08] COSA VUOL DIRE REVOCA DEL PROVVEDIMENTO?
    Se ti sei sottoposto ad un programma terapeutico, che ha avuto un esito positivo, le sanzioni che erano state applicate, vengono eliminate (comma 11 art. 75 DPR 309/90).
  • [16/06/2011 13:08] POSSO FARE RICORSO?
    Sì, entro trenta giorni dalla data di notifica della contestazione e delle analisi, puoi produrre e trasmettere documenti e scritti difensivi al Prefetto ed eventualmente chiedere un’audizione (cioè di essere ascoltato) ai sensi dell’art. 18 della legge 689/81, ma solo per questioni attinenti lo svolgimento dei fatti. Inoltre, entro 10 giorni dalla data di notifica, puoi fare opposizione al Giudice di pace contro l’ordinanza con il quale il Prefetto ti convoca. Allo stesso modo puoi fare opposizione al Decreto con il quale il Prefetto, a conclusione del procedimento, ritiene eventualmente di irrogarti una sanzione.
  • [16/06/2011 13:06] CI SONO ALTRE SANZIONI OLTRE AL RITIRO DEI DOCUMENTI?
    Ai sensi dell’art. 75 bis della legge 309/90, se sei già stato condannato, anche non definitivamente, per reati contro la persona, contro il patrimonio o per quelli previsti dalla legge sulle Tossicodipendenze o dalle norme del Codice della Strada, e sei sanzionato per la violazione dell’art. 75 della legge 309/90 o sei destinatario di una misura di prevenzione o di sicurezza, il Questore può decidere di applicare una o più delle seguenti misure fino a due anni: - obbligo di presentarsi almeno due volte a settimana presso il locale Ufficio di Polizia di Stato o presso il Comando dell’Arma dei Carabinieri territorialmente competente; - obbligo di rientrare nella propria abitazione, o in altro luogo di privata dimora, entro una determinata ora e di non uscirne prima di un’altra ora prefissata; - divieto di frequentare determinati locali pubblici; - divieto di allontanarsi dal comune di residenza; - obbligo di comparire in un ufficio o comando di Polizia specificamente indicato, negli orari di entrata ed uscita dagli istituti scolastici; - divieto di condurre veicoli a motore.
  • [16/06/2011 13:06] SE VENGO SEGNALATO DALLE FORZE DELL’ORDINE O DA ALTRI PERCHE’ USO DROGHE COSA MI SUCCEDE?
    L’Ufficio NOT quando viene a conoscenza che fai uso di sostanze stupefacenti, ti segnala, ai sensi dell’art. 121 del DPR 309/90 al SERT territorialmente competente. Il SERT ti inviterà con una lettera per un colloquio con il proprio personale.
  • [16/06/2011 13:05] C’E’ UN TERMINE PER LA PRESCRIZIONE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO?
    Se hai commesso una violazione e non ti è mai stato comunicato l’avvio del procedimento dalla Prefettura e/o non sei mai stato convocato, dopo 5 anni dalla data del fatto, gli atti vengono archiviati per decorrenza dei termini.
  • [16/06/2011 13:00] COSA SUCCEDE SE VENGO FERMATO ALLA GUIDA SOTTO INFLUENZA DI DROGHE?
    Si applicano le norme previste dal Codice della Strada e non quelle per possesso di sostanza stupefacente per uso personale. Si tratta di un procedimento diverso che viene trattato dall’Ufficio Patenti della Prefettura del luogo dove è successo il fatto.
  • [16/06/2011 12:58] LE FORZE DELL’ORDINE POSSONO PERQUISIRE SENZA MANDATO?
    Si, quando ricorrono motivi di particolare urgenza e necessità o pensano di trovare della droga (art. 103 DPR 309/90).
  • [16/06/2011 12:58] POSSO RIVOLGERMI AD UN AVVOCATO?
    Non è necessaria l’assistenza di un legale. Puoi comunque decidere di farti assistere da un avvocato in qualsiasi momento.
  • [16/06/2011 12:57] LA SEGNALAZIONE PUÒ DARE PROBLEMI PER I CONCORSI PUBBLICI O PER IL LAVORO?
    No. Le segnalazioni possono essere usate “solo” ai fini del procedimento amministrativo o per l’applicazione dell’art. 75 bis del DPR 309/90

INVIA
Torna su