Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Milano

Cartella esattoriale

Ufficio Ruoli Esattoriali
In generale, le amministrazioni pubbliche predispongono i ruoli per la riscossione coattiva in caso di mancato o errato pagamento delle sanzioni pecuniarie relative alle violazioni amministrative.
Successivamente all'iscrizione a ruolo, il Concessionario della riscossione territorialmente competente (ovvero quello della provincia di residenza del debitore), notifica all'interessato un documento, denominato cartella esattoriale , con cui viene chiesto il pagamento dell'importo dovuto, oltre agli interessi ed alle spese.
Nel caso di mancato pagamento delle sanzioni per violazioni amministrative del Codice della Strada commesse nel territorio provinciale di Milano, ed accertate da organi accertatori statali (in particolare: Polizia Stradale, Carabinieri, Guardia di Finanza), l'ente creditore è la Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo - di Milano, ed il Concessionario della riscossione è l'Agenzia delle Entrate Riscossione.
Qualora un verbale di accertamento/contestazione di violazione sia stato notificato sia al trasgressore che al proprietario del veicolo (obbligato in solido ai sensi dell'art.196 C.d.S.), vengono emesse due cartelle esattoriali di pari importo, una nei confronti del trasgressore ed una nei confronti dell'obbligato in solido, e deve essere pagata una sola di tali due cartelle. Se per errore vengono pagate entrambe le suddette cartelle, il secondo pagante potrà ottenere il rimborso dal Concessionario della riscossione.
 
Capo Ufficio di Staff:Dott.ssa Donatella CERA
Email Capo Ufficio di Staff: donatella.cera(at)interno.it

Cartella Esattoriale per Violazione Codice della Strada

Orari di ricevimento: Il Martedì dalle 09:00 alle 13:00
Ubicazione dell'Ufficio: Corso Monforte, 29 - Piano Terra
Email dell'ufficio:
Telefoni:
P.E.C. dell'ufficio:   protocollo.prefmi(at)pec.interno.it (indicando nell'Oggetto "AREA III RUOLI CDS")

 
Istanza di discarico di cartella esattoriale:
Solo i soggetti ai quali sia stata già notificata una cartella esattoriale possono chiedere il discarico totale o parziale della medesima cartella, purché ne sussistano i presupposti, ad esempio qualora l'integrale pagamento dell'importo dovuto sia stato correttamente effettuato entro i termini di legge.
Nel caso che la cartella esattoriale sia conseguita al mancato pagamento della sanzione indicata in un verbale redatto dalla Polizia Locale di un determinato Comune, il discarico deve venir richiesto a tale Comune. Il discarico può essere richiesto alla Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Milano unicamente in relazione a violazioni del Codice della Strada commesse nel territorio della provincia di Milano e rilevate da organi accertatori statali (principalmente: Polizia Stradale, Carabinieri, Guardia di Finanza).
Documentazione richiesta:
  1. istanza di discarico della cartella esattoriale (vedi modulo)
  2. documentazione probatoria atta a verificare la fondatezza della richiesta di discarico (ad esempio, copia della ricevuta dell'avvenuto pagamento dell'importo dovuto)
 
 
L'eventuale ricorso avverso la cartella esattoriale deve essere proposto (come indicato nella medesima cartella) all'autorità giudiziaria competente per territorio, ai sensi degli artt. 22 e 22bis della legge n.689 del 24.11.81. Tale opposizione deve essere proposta, a pena di decadenza, entro 30 giorni decorrenti dalla data di notifica della cartella esattoriale. E' obbligatorio allegare all'opposizione la cartella impugnata da cui risulti la data della notifica.
Per eventuali richieste di sospensione delle procedure di riscossione, nonché per eventuali richieste di pagamento rateale degli importi indicati sulla cartella esattoriale, l'interessato può rivolgersi all'Agenzia delle Entrate Riscossione.

Riferimenti normativi principali: 
  • D. L.vo 30.4.92, n. 285 (in particolare l'art.206);
  • D.P.R. 16.12.1992, n. 495;
  • Legge 24.11.1981, n. 689.





Data pubblicazione il 26/09/2006
Ultima modifica il 15/01/2021 alle 12:10

 
Torna su