Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Massa-Carrara

NOTIZIE

 

 Focus in Prefettura sulla sicurezza nei luoghi di lavoro

 
Si è riunita questa mattina, presieduta dal Prefetto Menghini, la Conferenza Provinciale Permanente delle Pubbliche Amministrazioni,  allo scopo di monitorare il fenomeno degli infortuni sul lavoro in questa Provincia, facendo il punto sia sulle dimensioni che sulle tematiche specifiche del fenomeno e, in particolare, contribuendo ad analizzare l’argomento anche sotto una diversa prospettiva, fornendo indicazioni sull’utilità di sviluppare ed incentivare la creazione di forme di collaborazione, previste dalla normativa vigente, tra datore di lavoro e lavoratori.

Nel corso dell’incontro, realizzato nell’ambito delle celebrazioni della “Settimana europea per la sicurezza e la salute sul lavoro”, cui hanno partecipato rappresentanti delle Amministrazioni locali, delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del Fuoco, delle Associazioni e degli Ordini Professionali ed i rappresentanti sindacali, sono intervenuti il Procuratore Capo della Repubblica di Massa Carrara, dr. Aldo Giubilaro, il Sostituto Procuratore, dr.ssa Alessandra Conforti, il Direttore provinciale della DTL di Lucca e Massa Carrara, dr.ssa Annamaria Venezia, il Direttore provinciale dell’I.N.A.I.L., dr. Carmine Cervo ed il rappresentante dell’A.S.L. 1 di Massa Carrara, Ing. Domenico Gullì.

La riunione ha rappresentato l’occasione per affrontare la sensibile tematica della sicurezza nei luoghi di lavoro, rafforzando la collaborazione interistituzionale con nuove forme di sinergia e raccordo, individuando proprio nella Conferenza Permanente la sede privilegiata per ricercare il coordinamento tra realtà pubbliche e private operanti nel territorio.

Nel corso dell’incontro è stata, preliminarmente, analizzata l’entità del fenomeno degli infortuni sul lavoro. Sono stati acquisiti i nuovi dati statistici da parte degli enti competenti in materia intervenuti, in particolare dalla locale I.N.A.I.L. (il cui dato tiene conto della residenza del lavoratore) è stato fornito un quadro sostanzialmente analogo a quello precedentemente rilevato, prospettandosi una leggera flessione degli infortuni sul lavoro denunciati complessivamente nel 2014 rispetto all’anno 2013, essendo essi attestati al numero di 2.931 rispetto ai precedenti 3.107.

Per quanto riguarda, invece,  gli infortuni mortali, l’I.N.A.I.L. ha comunicato che nel 2014 se ne sono verificati 5, rispetto al singolo episodio dell’anno precedente.

Si è evidenziato, altresì, l’aumento delle denunce di malattie professionali, che nel 2014 risultano 632, rispetto al precedente numero di 435 del 2013.

Anche la locale A.S.L. ha confermato un sostanziale andamento stazionario degli infortuni sul lavoro ed un aumento di quelli con conseguenze mortali.

Di seguito all’analisi del fenomeno degli infortuni, nell’ambito della Conferenza, nella consapevolezza che il lavoro irregolare non è un lavoro sicuro, è stato proposto di sperimentare nuovi metodi di controllo in grado di raggiungere l’obiettivo dell’eliminazione delle forme peggiori di lavoro a rischio,  perseguendo il rafforzamento delle tutele per i lavoratori, quali quelle in tema di igiene, salute e sicurezza sul posto di lavoro e migliorando i relativi controlli sia in senso qualitativo che quantitativo, garantendo, per il tramite della competente Direzione Territoriale del Lavoro, una costante azione ispettiva mirata al contrasto del lavoro nero – anche in considerazione delle inevitabili conseguenze pregiudizievoli in relazione ai profili di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori.

Per quanto concerne, invece, lo sviluppo di forme di collaborazione, nell’ottica della salvaguardia della salute e della sicurezza dei lavoratori, tra datore di lavoro e rappresentanti dei lavoratori, si è svolto un approfondito esame e dibattito sugli Organismi Paritetici, costituiti dalle associazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro, con particolari compiti in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro. Al riguardo, di seguito all’esame della normativa di riferimento da parte del Direttore dell’I.N.A.I.L. di Lucca e Massa Carrara, sono state espresse le testimonianze sul loro funzionamento da parte del Presidente Nazionale dell’Organismo Paritetico del Lapideo, dr. Giancarlo Tonini, e dai rappresentanti provinciali degli Organismi paritetici del lapideo, dell’edilizia e dell’artigianato, dr. Massimo Bani; dr. Lorenzo Melani; Ing. Antonio Giorgini; dr. Paolo Desolati.

Alla discussione dei relatori è seguito un ampio e costruttivo dibattito che ha visto la partecipazione del referente dell’Ufficio Scolastico Territoriale, dr.ssa Donatella Ciuffolini;  del Segretario della FILLEA-CGIL, Sig. Roberto Venturini e del Vicepresidente della CIA Toscana Nord, Sig. Vittorio Marcelli.

Il Prefetto ha evidenziato come la necessità di affermare la sicurezza sul lavoro sia un valore da perseguire con perseveranza ed impegno quotidiano. “Proporre e diffondere la cultura della prevenzione – ha aggiunto -  è fondamentale per garantire la salute dei lavoratori, bene costituzionalmente garantito, insieme al diritto al lavoro. La sinergia tra le Istituzioni e quella tra datore di lavoro e lavoratori è di grande importanza per lavorare sull’adozione delle misure atte ad assicurare, nel territorio provinciale, il rispetto della legalità a tutela delle condizioni di sicurezza negli ambienti di lavoro e la diffusione della consapevolezza nella cittadinanza, ed in particolare nelle giovani generazioni, anche in età scolare, dell’importanza di tale tema.”

 
Il Capo di Gabinetto
 (Montemarano)
Pubblicato il :

 STELLA AL MERITO DEL LAVORO – ANNO 2016

 
Il 31 ottobre p.v. scadrà il termine per la presentazione delle candidature all’onorificenza della “Stella al Merito del lavoro” per l’anno 2016, conferita, annualmente, con Decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali (di concerto con il Ministro degli Affari Esteri per i lavoratori italiani all’estero).

Le proposte di candidatura per l’anno 2016, fermo restando l’osservanza dei requisiti previsti dalla normativa di riferimento, possono essere inoltrate, seguendo le modalità già in uso, dalle aziende, dalle organizzazioni sindacali ed assistenziali e direttamente dai lavoratori interessati, alle Direzioni Interregionali del Lavoro e alle Direzioni territoriali del Lavoro aventi sede nei capoluoghi di Regione diversi da quelli su cui insistono le D.I.L., entro e non oltre il termine tassativo del 31 ottobre 2015, corredate dai seguenti documenti in carta semplice:

1)    Autocertificazione relativa alla nascita;

2)    Autocertificazione relativa alla cittadinanza italiana;

3)    Attestato di servizio o dei servizi prestati presso una o più aziende fino alla data della proposta o del pensionamento;

4)    Attestato relativo alla professionalità, perizia, laboriosità e condotta orale in azienda;

5)    Curriculum vitae;

6)  Autorizzazione da parte dell’interessato al trattamento dei dati personale (D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196);

7)    Residenza, recapito telefonico ed e-mail ove disponibile.

Le attestazioni di cui ai punti 3) e 4) ed eventualmente il curriculum di cui al punto 5) possono essere anche contenuti in un documento unico rilasciato dalla Ditta presso cui il lavoratore presta servizio.

Nel caso in cui l’interessato abbia prestato servizio presso più aziende, occorrerà allegare gli attestati relativi ai servizi precedenti.

Per ogni ulteriore informazione, il candidato potrà rivolgersi direttamente alle Direzioni Interregionali o alle Direzioni Territoriali del Lavoro.
 
 
L'UFFICIO STAMPA

                                                                                                          
Pubblicato il :

 Pubblicità della situazione patrimoniale dei titolari di cariche elettive e direttive di enti.

Il Segretariato Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha trasmesso alla Prefettura il Bollettino,  redatto ai sensi della Legge 5 luglio 1982, n. 441, relativo all’anno 2014 (redditi 2013), concernente le dichiarazioni patrimoniali e reddituali dei titolari di cariche elettive e direttive di alcuni enti.

I dati contenuti nel Bollettino sono accessibili (artt. 8 e 9 della Legge nr. 441 del 1982) secondo le modalità indicate nella circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 18 gennaio 2013.

In particolare, è possibile consultare il predetto bollettino anche presso questa Prefettura, previa apposita richiesta da parte dell’interessato all’Ufficio di Gabinetto.

 
L’Ufficio Stampa
Pubblicato il :

 IMMIGRAZIONE: pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando SPRAR.

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) per l’ampliamento della capienza della rete di accoglienza di 10.000 posti.

Al fondo possono accedere i Comuni, anche in forma associata, le Unioni di Comuni, le Province, in partenariato con le realtà del privato sociale. Le domande possono essere presentate unicamente on-line accedendo al sito https://fnasilo.dici.interno.it a partire dalle ore 9:00 del 14 ottobre 2015 e fino alle ore 12:00 del 14 gennaio 2016 .
 
 
L'Ufficio Stampa
Pubblicato il :

 
Torna su