Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Massa-Carrara

NOTIZIE

 

 La Prefettura di Massa Carrara adotta il progetto “SAN.A.”

 
Nella giornata odierna si è svolta, presso questa Prefettura, la conferenza di presentazione del progetto “SAN.A.” (Sistema Sanzionatorio Amministrativo), messo a punto dai Servizi Informatici del Ministero dell’Interno, finalizzato alla gestione informatizzata e dematerializzata delle procedure sanzionatorie connesse alle violazioni in materia di circolazione stradale.

Alla conferenza, che ha visto gli interventi del Prefetto Menghini e dei funzionari dell’Ufficio di innovazione tecnologica per l’Amministrazione Generale del Ministero dell’Interno, dr. Francesco Pugliese e dr. Antonello Gramignano, hanno preso parte i vertici delle Forze dell’Ordine ed i rappresentanti delle Polizie Municipali dei Comuni della Provincia che, tramite questo innovativo sistema, potranno snellire e velocizzare le procedure amministrative connesse alla applicazione del sistema sanzionatorio.

La citata progettualità, che sarà avviata nei prossimi giorni nel territorio provinciale di Massa Carrara, prevede la gestione dei procedimenti amministrativi in materia di sanzioni per le violazioni del Codice della Strada mediante la dematerializzazione di tutti i documenti necessari per la trattazione; la previsione di modalità telematiche di trasmissione di ricorsi e controdeduzioni da parte degli Organi Accertatori e l’ interazione via internet con i ricorrenti, gli Organi Accertatori e gli Uffici Giudiziari, nell’assoluto rispetto delle norme sulla riservatezza dei dati personali.

In particolare, i cittadini potranno presentare istanze e ricorsi ricevendo, in tempo reale, notizie sullo stato del procedimento che li riguarda.

Il Prefetto Menghini, che ha fortemente voluto l’adozione del progetto SAN.A. al fine di migliorare l’interrelazione con le forze di polizia e di rendere più efficienti e trasparenti i rapporti con il cittadino, ha sottolineato che lo stesso rappresenta un significativo passo avanti nell'applicazione del Codice dell'Amministrazione Digitale, nell'ottica della dematerializzazione dei processi, quale esigenza ineludibile anche ai fini del necessario contenimento della spesa pubblica.

 
 Il Capo di Gabinetto
    (Montemarano)
Pubblicato il :

 Anticorruzione: stage in Prefettura per studenti dell’Università di Pisa

 
E’ operativo dal primo settembre corrente un progetto di collaborazione tra la Prefettura di Massa Carrara e l’Università degli Studi di Pisa, finalizzato ad implementare le misure di prevenzione della corruzione alla luce delle vigenti disposizioni in materia.

Si tratta di un primo progetto formativo che, in attuazione della convenzione siglata con l’ateneo pisano, vede coinvolta una studentessa del master di secondo livello in “Analisi prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e della corruzione”, con l’obiettivo principale di individuare nuove tecniche di prevenzione dei fenomeni corruttivi.

Nell’ambito delle competenze più generali del Prefetto in materia di anticorruzione, il progetto parte dall’analisi dei processi organizzativi e gestionali della Prefettura, così come individuati nel piano di prevenzione della corruzione, per arrivare a migliorare gli strumenti di contrasto del fenomeno.

La tirocinante, che svolgerà, sotto la guida di un tutor, la predetta attività pratica, redigerà, al termine dell’esperienza, una relazione sul percorso seguito e le competenze acquisite.
Pubblicato il :

 FOCUS dell’ Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze.

Si è tenuta il 31 agosto u.s., presieduta dal Prefetto, dott.ssa Giovanna Menghini, la riunione  plenaria dell'Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze cui  hanno partecipato rappresentanti  delle  Forze dell'Ordine, Comuni, Unione dei Comuni Montani della Lunigiana, Ufficio Scolastico provinciale, A.S.L., Presidente dell’Ordine dei Medici e  rappresentanti dell’Ordine dei  Farmacisti della Provincia.

L'incontro ha costituto  l’occasione per presentare il report statistico sull’attività svolta dagli Enti competenti nel 2014, nonché un utile momento di analisi delle tematiche riconducibili alle diverse forme di dipendenza e di riflessione sulle attività di prevenzione attuate e da programmare.

Il Prefetto ha avviato i lavori focalizzando l'attenzione sulla validità del progetto di sensibilizzazione e ricerca rivolto ai genitori, sui pericoli del Web, già esaminato in altre riunioni dell’Osservatorio, auspicando l’avvio  della fase sperimentale all’inizio del corrente anno. Ha inoltre  illustrato  i dati statistici relativi al  fenomeno droga e l'attività svolta nel 2014 dal Nucleo Operativo Tossicodipendenze che opera presso la Prefettura.

E' stata  evidenziata  la stretta collaborazione e sinergia esistente tra la Prefettura ed il Ser.T. dell'Azienda Sanitaria Locale, che grazie alla qualità dei servizi erogati ha reso possibile l'attuazione di mirati percorsi terapeutici, educativi ed informativi che, in  più  casi, si sono conclusi con positivi risultati.

I dati mostrano, nel complesso, un andamento sostanzialmente costante, nell’ultimo quinquennio,  delle  segnalazioni  giunte al Prefetto  dalle Forze dell’Ordine  per  detenzione e consumo di  stupefacenti con  oscillazioni in  lieve  diminuzione nel 2014. L’hashish e la Marijuana  sono risultate le sostanze  maggiormente usate, seguono la cocaina e per ultimo l’eroina, in significativa riduzione.  Inoltre,  dal  confronto  delle segnalazioni con le altre province toscane, Massa Carrara  è risultata  al 7° posto  con un’incidenza del 6,02%   sul totale  regionale.

Il  trend  del consumo di alcoolici  risulta  in aumento,  sia come richieste di aiuto ai Ser.T.  della  provincia di Massa Carrara che per le violazioni  ai sensi dell’art. 186 del codice della strada,  per guida sotto l’effetto  di  sostanze alcooliche.

Complessivamente  il fenomeno  droga  appare sommerso  poiché, oltre ad essere trasversale ai vari ceti sociali, è diffuso  prevalentemente  tra consumatori di ceti medi che  nella maggior parte dei casi sono restii a rivolgersi alle strutture sanitarie.

Il dato complessivo evidenzia una marcata differenza di genere per cui oltre l'80% dei consumatori è risultato di sesso maschile.

L'Osservatorio, nell’affrontare il tema derivante dalle dipendenze senza sostanze, quali il gioco d'azzardo patologico e l'utilizzo smodato di internet, ha rilevato come  il "gioco d'azzardo patologico", spesso associato anche ad un forte consumo di alcolici, sta assumendo nella provincia connotazioni meritevoli di particolare attenzione con conseguenze dannose che generano gravi conflitti familiari e che incidono sulla qualità della vita, dei nuclei familiari.

A conclusione dell'incontro, l'Osservatorio ha deciso:

1.       la costituzione di un  gruppo di lavoro che opererà  per la realizzazione  del progetto   rivolto ai genitori sui  pericoli del Web, composto da rappresentanti di Prefettura, A.S.L., Ufficio scolastico provinciale e della Polizia Postale;

2.       la prosecuzione, nell’imminente anno scolastico, del progetto di prevenzione Creativamente, con  l’integrazione di  momenti formativi sia rivolti agli insegnanti, come già effettuato nella ultima edizione del progetto, nonché,  ove  possibile,  anche ai genitori che costituiscono un target molto difficile da raggiungere nei progetti di prevenzione.
Pubblicato il :

 
Torna su