Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Mantova

NOTIZIE

 

 NUOVO MODELLO PER AUTODICHIARAZIONE

È​ disponibile on line il nuovo modello di autodichiarazione per gli spostamenti, modificato sulla base delle nuove disposizioni introdotte dal D.P.C.M. 22 marzo 2020. Il modello è reperibile in allegato a questa comunicazione, su questo sito, nel settore coronavirus e sul sito del Ministero dell'Interno.
Pubblicato il 27/03/2020
Ultima modifica il 27/03/2020 alle 15:19:24

 24.3.2020 - CHIARIMENTI SUGLI SPOSTAMENTI CONSENTITI

Fra le misure contenute nel D.P.C.M. del 22.3.2020, di particolare rilievo, ai fini del contenimento del contagio, è il divieto per tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati dal comune in cui attualmente si trovano.

Tali spostamenti rimangono consentiti solo per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute .

La disposizione persegue la finalità di scongiurare spostamenti in ambito nazionale, collegati, in particolare, alla sospensione delle attività produttive, che possano favorire la diffusione dell'epidemia.

Resta, inoltre, in vigore la disposizione prevista dal precedente D.P.C.M. dell'8 marzo scorso, nella parte in cui si raccomanda l'effettuazione di spostamenti all'interno del medesimo comune solo se motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

Rimangono consentiti, ai sensi del citato art. 1, lett. a), del D.P.C.M. 8 marzo 2020, i movimenti effettuati per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute, che rivestano carattere di quotidianità o comunque siano effettuati abitualmente in ragione della brevità delle distanze da percorrere.

Rientrano, ad esempio, in tale casistica gli spostamenti per l'approvvigionamento di generi alimentari nel caso in cui il punto vendita più vicino e/o accessibile alla propria abitazione sia ubicato nel territorio di un altro comune.

Tutte le disposizioni del D.P.C.M. del 22.3.2020 saranno efficaci sino al 3 aprile e si applicano in aggiunta a quelle del D.P.C.M. 11 marzo 2020 e del decreto del Ministro della Salute del 20 marzo scorso, i cui termini di efficacia, prima fissati al 25 marzo, sono prorogati fino al 3 aprile.

Le motivazioni aggiornate, riguardanti i casi che giustificano gli spostamenti in ambito comunale o fuori dai confini del comune di residenza, sono, inoltre, correttamente elencate nel nuovo modello di autodichiarazione che contempla tutte le ipotesi di spostamento sopra specificate, scaricabile dal sito di questa Prefettura e da quello del Ministero dell'Interno.

Pubblicato il
:

 23.3.2020 - D.P.C.M. 22 MARZO 2020 - COMUNICAZIONE ALLE IMPRESE

Si comunica che è stato adottato il D.P.C.M. 22 marzo 2020 che dispone nuove misure sulle attività produttive e commerciali.

Le comunicazioni relative alla prosecuzione delle attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere dei settori di cui all'allegato n. 1 del citato decreto, dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali di cui alla legge n. 146/1990, dovranno essere inviate alla casella P.E.C. della Prefettura protocollo.prefmn(at)pec.interno.it da parte del legale rappresentante dell'impresa interessata, avendo cura di indicare nell'oggetto "DPCM 22 marzo 2020 - comunicazione attività" complete delle seguenti informazioni:

  • sede dello stabilimento;
  • tipologia di attività;
  • imprese ed Amministrazioni beneficiarie dei prodotti e dei servizi attinenti alle attività consentite, da comprovare con copia di contratti commerciali, commesse, ovvero con copia di documenti di fatturazione.
Analoga comunicazione, con medesimo oggetto, dovrà essere presentata anche dai legali rappresentanti degli impianti a ciclo produttivo continuo presenti nella provincia, avendo cura di precisare il grave pregiudizio o il pericolo di incidenti derivanti dall'interruzione delle attività.

Richiesta di autorizzazione allo svolgimento di attività dovrà essere prodotta, invece, dai legali rappresentanti delle attività dell'industria dell'aerospazio e della difesa, nonché delle altre attività di rilevanza strategica nazionale.

La Prefettura di Mantova è competente solamente per le attività produttive ubicate nel territorio della provincia di Mantova.

Per le attività espressamente autorizzate in forza dell'art. 1, lett. a) del D.P.C.M. 22 marzo 2020 non è necessario alcun tipo di formale adempimento.

Pubblicato il
:

 ORDINANZA DEL MINISTRO DELLA SALUTE D'INTESA CON IL MINISTRO DELL'INTERNO DEL 22.3.2020

Si comunica che nella giornata odierna è stata adottata l'ordinanza del Ministro della Salute di concerto con il Ministro dell'Interno con cui, al fine di limitare ulteriormente la diffusione del contagio da Covid-19, è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi dal Comune in cui attualmente si trovano, sia con mezzi di trasporto pubblici che con mezzi privati, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Le prescrizioni saranno in vigore sino all'adozione di un nuovo D.P.C.M. per l'attuazione delle misure di contenimento epidemiologico, così come previsto dall'art. 3 del decreto-legge n. 6/2020.
 Su disposizione del Prefetto di Mantova, sono già operativi i controlli da parte delle Forze di Polizia lungo le vie di comunicazione.
Il testo dell'ordinanza è reperibile su questa Home Page nel settore dedicato all'emergenza Coronavirus.
Pubblicato il
:

 DA OGGI DISPONIBILE LA NUOVA AUTODICHIARAZIONE DA PRESENTARE ALLE FORZE DI POLIZIA

E' disponibile da oggi il nuovo modulo di autodichiarazione che dovrà essere compilato ed esibito alle Forze di Polizia in caso di controllo su strada effettuato per garantire il rispetto delle prescrizioni e delle misure imposte per il contenimento del contagio.
 
Il modulo è reperibile e scaricabile da questo sito, nel settore dedicato al Coronavirus, sezione "Avvisi" ed anche dal sito del Ministero dell'Interno.
Pubblicato il
:

 9.3.2020 - CORONAVIRUS: D.P.C.M. 08.03.2020 - RIUNIONE TECNICA DI COORDINAMENTO DELLE FORZE DI POLIZIA

In mattinata si è tenuta, in videoconferenza, una riunione di coordinamento delle Forze di Polizia, presieduta dal Prefetto, che fa seguito a quella del Comitato Provinciale per l'Ordine e la sicurezza pubblica di ieri.

La riunione è stata finalizzata a concordare le misure di controllo e sorveglianza da attuare in ottemperanza alla direttiva diramata ieri dal Ministro dell'Interno.

Già dalla mattinata odierna sono comunque stati attivati i primi servizi di controllo e di monitoraggio da parte delle Forze di Polizia, soprattutto con riferimento alla prescrizione di evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata ed in uscita dai territori della zona "a contenimento rafforzato" nonché all'interno degli stessi.

Nella riunione, anche con il supporto del Servizio tecnico viabilità della Provincia e della Polizia Stradale, sono stati individuati gli itinerari di maggior flusso e deflusso dalle 8 province confinanti con quella di Mantova e si è stabilito che le Forze di Polizia effettuino posti di controllo dinamici, per consentire una sorveglianza a largo raggio, in primis sulla rete autostradale ed ai caselli presenti in provincia, ma anche su quella ordinaria.

Analoghi controlli saranno effettuati sulle linee ferroviarie.

Le persone controllate dalle Forze di Polizia dovranno comprovare le ragioni degli spostamenti e potranno essere invitate a compilare una apposita autodichiarazione, fornita dagli stessi organi di controllo, sulla cui veridicità saranno effettuati, a campione, successivi controlli.

Per comprovare debitamente gli spostamenti, le persone in movimento, oltre all'autodichiarazione, potranno anche avvalersi di documenti attestanti l'effettiva sussistenza di esigenze lavorative, anche non indifferibili, a condizione che, naturalmente, l'attività lavorativa o professionale dell'interessato non rientri tra quelle sospese ai sensi delle vigenti disposizioni (ad esempio, le attività didattiche) ovvero di situazioni di necessità o per motivi di salute (ad esempio, sottoposizione a terapie o cure mediche non effettuabili nel comune di residenza o di domicilio).

Il mancato rispetto degli obblighi previsti dal D.P.C.M. dell'8.3.2020 può configurare la violazione dell'art. 650 c.p., ferma restando la possibile qualificazione penale dei comportamenti rilevati anche ai sensi dell'art. 452 c.p. (delitti colposi contro la salute pubblica).

Tale ultimo reato si potrebbe configurare, ancor più, nell'ipotesi in cui sia violata la raccomandazione, rivolta a coloro che presentano sintomi da infezione respiratoria e rialzo della temperatura maggiore di 37,5 C°, di rimanere in casa e limitare al massimo i contatti sociali.

I servizi delle Forze di Polizia dello Stato - per i quali sarà diramata apposita ordinanza dal Questore - saranno integrati da quelli che le Polizie Locali, che saranno messi in campo nei rispettivi territori urbani.

A tal riguardo, nella giornata odierna sarà diramata una nuova direttiva ai Sindaci, per il coinvolgimento delle Polizie Locali nello svolgimento delle attività di controllo sul rispetto delle ulteriori prescrizioni date dal Decreto dell'8 marzo, quali quelle riguardanti le attività degli esercizi commerciali, bar, ristoranti e strutture per cui è stata stabilita la sospensione di ogni attività (piscine, palestre, ecc.). 

A tutti viene chiesto di tenere il massimo rigore nell'assicurare il rispetto di tutte le prescrizioni previste nel Decreto, nella delicata fase che stiamo vivendo e che deve renderci tutti responsabili ed attenti ai comportamenti corretti da tenere nell'interesse dell'intera comunità.

Pubblicato il
:

 10.3.2020 - CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI DELLA PREFETTURA DI MANTOVA

Gli Uffici della Sede di via Principe Amedeo e di via Teatro Vecchio dal giorno 10 marzo saranno CHIUSI AL PUBBLICO fino a successiva comunicazione, pur continuando ad operare in backoffice. Per informazioni, rivolgersi agli indirizzi e-mail e all'utenza telefonica segnalata nel prospetto allegato.
Pubblicato il 09/03/2020
Ultima modifica il 08/04/2020 alle 19:49:05

 4.3.2020 - CORONAVIRUS - COSTITUZIONE DEL CENTRO COORDINAMENTO SOCCORSI - C.C.S.

Nella giornata odierna, in attuazione delle indicazioni operative diramate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Protezione Civile, il Prefetto di Mantova dott.ssa Carolina Bellantoni ha decretato la costituzione del Centro di Coordinamento Soccorsi - C.C.S., presso la Prefettura. Si unisce al presente comunicato il provvedimento costitutivo.

Il C.C.S., principale organo provinciale di coordinamento del Sistema di Protezione Civile, presieduto, appunto, dal Prefetto, avrà il compito di implementare e dare impulso alle attività di prevenzione e contenimento della diffusione del nuovo "Coronavirus" (2019-nCoV) che sta riguardando anche la provincia di Mantova, coordinando le iniziative degli Enti e delle Strutture operative presenti sul territorio.

In particolare, nell'ambito del C.C.S. sarà attivata, tenuto conto della specifica situazione in atto, un'Unità di Crisi, composta da funzionari della Prefettura, rappresentanti delle Forze di Polizia, del 4° Reggimento Artiglieria Contraerea "Peschiera", del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e dell'Autorità Sanitaria, dedicata, nello specifico, al monitoraggio delle azioni di supporto necessarie a garantire l'efficace gestione delle misure adottate sul piano socio-sanitario e garantire il pieno funzionamento dei servizi alla cittadinanza.

Il C.C.S. aggiornerà periodicamente le relative valutazioni in relazione all'andamento della situazione.

Le misure indicate dal Dipartimento della Protezione Civile di cui sopra prevedono, tra l'altro, la costituzione dei Centri Operativi Comunali - C.O.C. nei Comuni in cui sono stati riscontrati casi di positività al "Coronavirus" (2019-nCoV).

Pubblicato il 04/03/2020
Ultima modifica il 04/03/2020 alle 19:47:06

 2.3.2020 - CORONAVIRUS: NUOVA RIUNIONE DEL COMITATO PROVINCIALE PER L'ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA.

Nella mattinata odierna, per le valutazioni successive all'entrata in vigore del D.P.C.M. 1° marzo 2020, adottato per rimodulare le misure destinate al contenimento della diffusione del nuovo "Coronavirus" (2019-nCoV), che ha riguardato, negli ultimi giorni, anche la provincia di Mantova, si è tenuta una riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduta dal Prefetto di Mantova, dott.ssa Carolina Bellantoni.

Alla riunione hanno preso parte il Questore, i Comandanti Provinciali dell'Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza il Sindaco di Mantova, il dott. Paolo Galeotti in rappresentanza dell'Amministrazione Provinciale, il Direttore Generale dell'ATS Val Padana ed il Direttore Generale dell' ASST "Carlo Poma" di Mantova, unitamente ai rispettivi collaboratori di staff.

Il Prefetto, nella circostanza, ha illustrato il contenuto del D.P.C.M. adottato, evidenziando la necessità che tutti gli attori coinvolti, precisamente i Sindaci, nel territorio di competenza, le Forze di Polizia e le Autorità Sanitarie mantengano elevato il livello di attenzione, assicurando, contestualmente, la massima omogeneità degli interventi da porre in essere, al fine di rendere efficaci le misure di contenimento e di prevenzione generale attualmente in vigore.

Il Prefetto ha ribadito, quindi, l'importanza di mantenere, come avvenuto la scorsa settimana, un canale informativo equilibrato e corretto con la popolazione, presupposto imprescindibile per garantire la piena osservanza delle prescrizioni diramate e scongiurare la diffusione di sentimenti di panico non giustificati. Pertanto, in esito alla riunione del Comitato odierno, il Prefetto ha adottato la direttiva che si unisce in allegato al presente comunicato, in cui è stato, tra l'altro, fornito un chiarimento sul rapporto tra il D.P.C.M. del 1° marzo scorso e gli altri strumenti ordinamentali previsti per la gestione di emergenze sanitarie da parte delle Autorità Locali.

Pubblicato il 03/03/2020
Ultima modifica il 03/03/2020 alle 13:20:58

 
Torna su