Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Macerata

NOTIZIE

 

 COMUNICATO STAMPA - Tolentino, riunione del Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica

Si è svolta questa mattina a Tolentino, presieduta dal Prefetto Iolanda Rolli, una riunione del Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica itinerante, alla presenza dei vertici dell'Arma dei Carabinieri, Comandante provinciale Col. Michele Roberti, e della Guardia di Finanza, Amedeo Gravina. Per la Polizia di Stato ha partecipato il dr. Andrea Innocenzi.

Questo è il secondo degli incontri che il Prefetto, dopo il contatto diretto con i Sindaci di tutti i Comuni della provincia, ha voluto organizzare per avviare un costante, concreto rapporto con il territorio, prevedendo che periodicamente si svolgano riunioni del COSP nelle aree delle 4 Compagnie C.C. della Provincia, per rendere sempre più prossima l'azione del comparto sicurezza ai cittadini, alle istituzioni e alle loro istanze.

Sono intervenuti tutti i Sindaci - o loro delegati - della zona che comprende i Comuni di Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Colmurano, Gualdo, Loro Piceno, Monte San Martino, Penna San Giovanni, Ripe San Ginesio, Sant'Angelo in Pontano, San Ginesio, San Severino, Sarnano, Serrapetrona, Tolentino, Urbisaglia.

La riunione del Comitato è stata preceduta da un incontro tecnico con il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Tolentino e con i Comandanti delle Stazioni dipendenti e dei Reparti Sede nel corso del quale è stata illustrata al Prefetto la situazione dell'area. 

Dopo una prima analisi dei dati statistici, da cui è emerso un complessivo calo del numero dei reati rispetto agli anni passati, i lavori si sono anzitutto concentrati su una programmazione delle attività da porre in essere sul territorio nel prossimo periodo, rispetto alla quale si è registrata una completa unità di intenti nella condivisione degli obiettivi da raggiungere per garantire migliori condizioni di sicurezza.

Le suddette azioni potranno essere favorite anche dalla concreta attuazione degli strumenti forniti dai più attuali sistemi di videosorveglianza e dalla c.d. "sicurezza partecipata", che forniscono un importante contributo nel perseguimento delle comuni finalità.

Particolare attenzione è stata riservata, anche, alle azioni di contrasto alle truffe, che già nel recente passato hanno visto poste in essere numerose operazioni della Polizia locale e delle Forze di polizia, che saranno ulteriormente implementate nel prossimo periodo anche con lo scopo di sensibilizzare la popolazione più anziana, a tutela della quale appare decisivo sviluppare campagne di informazione e rafforzare, con iniziative mirate, le politiche di collaborazione tra le Forze dell'ordine e i Comuni, per una efficace attività di prevenzione.

L'incontro è stata anche l'occasione per affrontare il tema dello spaccio di sostanze stupefacenti e delle dipendenze in generale prevedendo un rafforzamento sinergico dell'attività di contrasto, secondo le indicazioni fornite dalla circolare recentemente diramata dal Ministro Lamorgese. I presenti hanno concordato sulla necessità che tutto quanto verrà programmato dalle Forze di Polizia dovrà trovare la partecipazione anche delle Polizie locali nell'ambito delle rispettive competenze istituzionali.

E' stata, poi, richiamata l'attenzione dei Sindaci del cratere sui rischi connessi a eventuali fenomeni di infiltrazione della criminalità organizzata nei cantieri presenti in quel territorio.

Occorre - ha ribadito il Prefetto - un grande patto di legalità e trasparenza che coinvolga le istituzioni, oltre alla Prefettura, alle Forze dell'Ordine e all'Autorità Giudiziaria, per emarginare ed escludere dal sistema economico produttivo chi, perseguendo obiettivi illeciti e operando fuori dalle regole, mina alla base i principi di correttezza e lealtà, incrina il clima di fiducia tra gli operatori economici, indebolisce il tessuto economico maceratese.

Macerata, 19 novembre 2019

L'ADDETTO STAMPA

 

 

 

Pubblicato il
:

 COMUNICATO STAMPA - Comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica, Camerino 12 novembre 2019

Si è svolta questa mattina a Camerino, presieduta dal Prefetto Iolanda Rolli, la prima riunione del Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica itinerante, alla presenza dei vertici della Polizia di Stato - Questore Antonio Pignataro -, dell'Arma dei Carabinieri - Comandante provinciale Col. Michele Roberti -, della Guardia di Finanza, Amedeo Gravina.

Sono intervenuti i rappresentanti dei Comuni di Camerino, Castelraimondo, Gagliole, Matelica, Esanatoglia, Pioraco, Sefro, Fiuminata, Fiastra, Muccia, Pieve Torina, Visso, Castelsantangelo sul Nera, Ussita.

Dopo un primo contatto diretto con i Sindaci di tutti i Comuni della provincia, il Prefetto ha avviato una nuova modalità di rapporto prevedendo che periodicamente si svolgano riunioni del COSP itineranti, tenendo come riferimento le 4 Compagnie C.C. della Provincia.

Nelle prossime due settimane, dopo Camerino, le riunioni verranno organizzate a Tolentino, Civitanova Marche e Macerata.   L'obiettivo è quello di instaurare un rapporto diretto e continuo tra il territorio - attraverso i Sindaci -, la Prefettura e i vertici delle Forze dell'Ordine e rendere sempre più visibile e concreta la vicinanza del comparto sicurezza ai cittadini e alle istituzioni della provincia e alle loro istanze.

Nel corso dell'incontro sono state gettate le basi per dare vita ad uno strumento operativo, agile, in grado di favorire lo scambio informativo su tutte le tematiche riguardanti la sicurezza. Uno strumento di lavoro collegiale utile a promuovere piani di intervento non limitati al singolo territorio comunale, per una prevenzione sempre più efficace di tutti quei fenomeni che incidono sul quotidiano dei cittadini, il rafforzamento dello scambio informativo tra Polizie Locali e Forze dell'Ordine e delle misure di sicurezza stradale, il monitoraggio delle cooperative di lavoro che forniscono manodopera agricola, il contrasto al caporalato e al lavoro irregolare.

La riunione è stata anche l'occasione per affrontare il tema dello spaccio di sostanze stupefacenti e delle dipendenze in generale prevedendo un rafforzamento sinergico dell'attività di contrasto, secondo le indicazioni fornite dalla circolare recentemente diramata dal Ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese.

Il Prefetto ha, poi, richiamato l'attenzione dei Sindaci e dei Comandanti delle Stazioni C.C. del cratere sui rischi connessi a eventuali fenomeni di infiltrazione della criminalità organizzata nei cantieri presenti in quel territorio.

Occorre - ha ribadito il Prefetto - un grande patto di legalità e trasparenza che coinvolga le istituzioni, oltre alla Prefettura, alle Forze dell'Ordine e all'Autorità Giudiziaria, per emarginare ed escludere dal sistema economico produttivo chi, perseguendo obiettivi illeciti e operando fuori dalle regole, mina alla base i principi di correttezza e lealtà, incrina il clima di fiducia tra gli operatori economici, indebolisce il tessuto economico maceratese.

La riunione del Comitato è stata preceduta da un incontro tecnico con il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Camerino, capitano Cara e con i Comandanti delle Stazioni dipendenti e dei Reparti Sede nel corso del quale è stata illustrata al Prefetto la situazione del territorio. 

Macerata, 12 novembre 2019 

 

L'ADDETTO STAMPA

 

 

 
Pubblicato il
:

 
Torna su