Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Lucca

NOTIZIE

 

 5 PER MILLE IRPEF - FONDO EDIFICI DI CULTO

Anche per il 2019 è possibile donare il 5 per mille IRPEF al Fondo Edifici di Culto (F.E.C.) nell'ambito dell'IRPEF da destinare , a scelta del contribuente, al finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali ed ambientali.

Il Fondo, legalmente rappresentato dal Ministro dell'interno, possiede sul territorio nazionale numerose Chiese ( circa 830) , alcune universalmente note, quali: S. Chiara con annesso Monastero, S. Domenico Maggiore e S. Gregorio Armeno a Napoli, la Basilica di Santa Croce e S. Maria Novella a Firenze; S. Maria in Aracoeli, S. Maria del Popolo, S. Maria della Vittoria, S. Ignazio, S. Maria Sopra Minerva, la Basilica dei Ss. Giovanni e Paolo al Celio a Roma; la Chiesa del Gesù-Casa Professa e S. Maria dell' Ammiraglio o della Martorana a Palermo; S. Domenico, S. Maria dei Servi e la Chiesa del Corpus Domini a Bologna; altre, seppure meno famose, sono altrettanto importanti perché da secoli continuano ad essere un centro di aggregazione urbana per i fedeli e per i cittadini.

Michelangelo, Guido Reni, Paolo Veneziano, Caravaggio, Gian Lorenzo Bernini, Domenico Antonio Vaccaro, Cavalier d'Arpino, Tiziano sono alcuni degli autori più illustri e rappresentativi dei più grandi capolavori della storia dell'arte internazionale, le cui opere sono conservate nelle chiese del Fondo Edifici di Culto.

Insieme alle chiese, il Fondo annovera nel suo patrimonio importanti aree museali, un'area naturale incontaminata come la Foresta di Tarvisio e un fondo librario antico con oltre 400 volumi.

Negli ultimi 5 anni sono stati finanziati interventi di manutenzione e restauro per oltre 34 milioni di euro. Ciò grazie ai proventi derivanti dalla gestione del patrimonio fruttifero e con il contributo annuale dello Stato attualmente pari ad € 1.679.723,00 annui.

Per l'anno in corso è previsto, tra gli altri, un intervento di restauro e consolidamento della cupola della Chiesa di San Biagio e San Carlo ai Catinari, per dimensioni la seconda a Roma dopo quella di San Pietro, con una spesa. di oltre 3 milioni di euro.

Da oggi, grazie alla possibilità di donare a favore del FEC il 5 per mille IRPEF, potranno essere implementate ulteriori attività di restauro: ogni cittadino potrà, quindi, attraverso la sua scelta, contribuire a tutelare il patrimonio affidato alla cura del FEC, a protezione della nostra storia e cultura.

La destinazione del 5 per mille in favore del FEC può essere effettuata mediante compilazione dell' apposito riquadro della dichiarazione dei redditi denominato "SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL 5 PER MILLE IRPEF" firmando il riquadro relativo al "FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI TUTELA, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI (SOGGETTI DI CUI ALL'ARTICOLO 2, COMMA 2, DEL D.P.C.M. 28 LUGLIO 2016) e apponendo, infine, il codice fiscale 97051910582

Pubblicato il :

 Il saluto del Prefetto Simonetti

"La città di Viareggio ringrazia il Prefetto Maria Laura Simonetti per l'attenzione che ha mostrato alla nostra Comunità. Un lavoro fatto con coerenza, rettitudine e passione, testimonianza tangibile dell'altissima figura umana e professionale".
Queste le parole riportate nella targa che, al Museo di Arte Moderna di Viareggio, il Sindaco Giorgio Del Ghingaro, a nome di tutta la cittadinanza, ha consegnato al Prefetto di Lucca Maria Laura Simonetti, giunta al termine del suo mandato, per il servizio prestato alla comunità.

All'iniziativa erano presenti oltre al Sindaco Giorgio Del Ghingaro e all'assessore Maurizio Manzo, il Questore Maurizio Dalle Mura, il Comandante dei Carabinieri Giuseppe Arcidiacono, il Comandante della Compagnia della Guardia di Finanza di Viareggio Filippo Capineri, il Comandante della Capitaneria di Porto di Viareggio Giovanni Calvelli, il Comandante dei Vigili del Fuoco di Lucca Geremia Coppola, il Comandante della Polizia Municipale di Viareggio Iva Pagni e Manuela Granaiola già Senatrice.

Nel suo intervento, Il Sindaco ha evidenziato l'impegno del Prefetto nel territorio viareggino, soprattutto per la tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica ma anche in tutti gli altri contesti, costituendo un sicuro punto di riferimento per amministratori e cittadini.

Nell'occasione il Prefetto, nel ricordare, con profonda partecipazione, anche la sua attività prestata presso la Prefettura di Lucca come Vicario e soprattutto il tragico evento della strage ferroviaria, ha rivolto parole di apprezzamento per tutti i presenti per la preziosa collaborazione assicurata nei confronti della Prefettura e per l'encomiabile attività prestata in sinergia con le forze di polizia.

L'incontro ha rappresentato per tutti un momento di forte valenza Istituzionale.
 
Anche il Sindaco di Forte dei Marmi Bruno Murzi ha voluto ringraziarla per il lavoro svolto a favore della sua comunità consegnandole una targa.

Inoltre, nel pomeriggio, si è tenuto a Palazzo Ducale il saluto ufficiale del Prefetto.

Erano presenti, oltre all'Arcivescovo Italo Castellani, il Sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, il Presidente della Provincia Luca Menesini ed altri Sindaci del territorio. Presenti altresì  i parlamentari eletti sul territorio, i consiglieri regionali, il sottosegretario agli Esteri Guglielmo Picchi, il Procuratore della Repubblica di Lucca, Pietro Suckan, il Procuratore Generale presso la Corte d'Appello di Firenze Marcello Viola  il Procuratore Distrettuale Antimafia di Firenze Giuseppe Creazzo, il Prefetto di Firenze Laura Lega, accompagnata dagli altri Prefetti della Toscana, il Questore di Lucca Maurizio Dalle Mura, il Comandante provinciale dei Carabinieri Giuseppe Arcidiacono, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza Massimo Mazzone e gli altri vertici delle Forze dell'Ordine e della Sicurezza della provincia, i Presidenti delle associazioni di categoria, degli ordini professionali e numerose altre autorità locali.

Nel corso della cerimonia in tanti hanno voluto ringraziare il Prefetto per l'unanimemente apprezzato lavoro svolto durante il mandato, con particolare riferimento alla gestione dei grandi eventi che hanno interessato la provincia ma anche per la costante e quotidiana attenzione alle istanze del territorio ed ai cittadini.

Per queste motivazioni, il Sindaco di Lucca, anche a nome dell'intera comunità lucchese, ha voluto conferire al Prefetto Maria Laura Simonetti la "Medaglia Città di Lucca" e il Presidente della Provincia "la Medaglia dei 150 anni dell'Unità d'Italia".

 

foto n. 1

foto n. 2

foto n. 3

PREF SALUTO 2  
PREF SALUTO 3
  PREF SALUTO 4
Pubblicato il :

 
Torna su