Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Lodi

Comunicati Stampa

 

 'Un ponte con la Cina". Visita delegazione studenti di Shanghai in Prefettura

delegazione cinese 1 Il Prefetto di Lodi, Patrizia Palmisani, ha ricevuto nella mattinata di oggi una delegazione di studenti ed insegnanti dell'Istituto Pudong Foreign Affairs Services School di Shanghai, ospiti dell'istituto tecnico economico "Bassi" di Lodi. Gli studenti partecipano al progetto "Un ponte con la Cina", fortemente voluto dall'Istituto Bassi e già attivo dallo scorso anno scolastico,  che prevede la possibilità di scambi culturali tra i due istituti al fine di conoscere i rispettivi Paesi.

Dopo la visita degli studenti del Bassi l'anno scorso a Shangai, sono ora gli studenti cinesi a conoscere la realtà lodigiana, ospiti per una settimana presso alcune della famiglie della città. delegazione cinese 2

L'incontro, alla presenza anche del Dirigente scolastico, prof. Corrado Sancilio, è stata l'occasione per presentare agli studenti le funzioni e le principali competenze della Prefettura e mettere a confronto i diversi modelli organizzativi tra i due ordinamenti statali. 

"Promuovere la conoscenza e la cultura delle istituzioni è una parte necessaria del percorso educativo dei nostri ragazzi e anche dei loro ospiti stranieri" ha sottolineato il Prefetto.
Pubblicato il :

 Squadre miste composte da Vigili del Fuoco e gruppi comunali di volontariato di Protezione Civile in caso di emergenze

In data 23 maggio u.s. si è svolta presso la Prefettura-U.T.G. di Lodi una riunione, presieduta dal Prefetto dott.ssa Patrizia Palmisani, con la partecipazione del Presidente della Provincia, del Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco e di Funzionari della Regione Lombardia-Direzione Sicurezza e Protezione Civile, allo scopo di concordare nuove procedure operative per l'utilizzo dei Gruppi comunali di volontariato di Protezione Civile a supporto dell'attività del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco in caso di emergenza.

Il nostro territorio è particolarmente ricco di gruppi di  volontariato di protezione civile, se ne contano 42, riuniti in un Coordinamento istituito presso l'Amministrazione provinciale.

L'idea generale -ha dichiarato il Prefetto-   è quella di strutturare il modello organizzativo attivato in modo estemporaneo nella gestione dell'emergenza idraulico-idrogeologica del novembre 2014: in quell'occasione i volontari  e il personale effettivo dei Vigili del Fuoco furono impiegati in squadre "miste" sotto il coordinamento dei Vigili del Fuoco e ciò permise di massimizzare la capacità operativa dei soccorsi sia in termini di numero di interventi effettuati che di copertura temporale per l'intera durata della fase di emergenza . Questa modalità di intervento richiede però una veste organica che consenta alle varie componenti di avere ben chiaro "chi fa che cosa", per garantire in caso di emergenza un sostegno alla popolazione più capillare e soprattutto già testato .

La Regione Lombardia ha espresso un parere di massima favorevole all'iniziativa, che potrebbe essere avviata in via sperimentale sul territorio lodigiano e rappresentare un "progetto pilota" (della durata di 1 o 2 anni) da esportare alle altre provincie lombarde e creare, quindi, un modello  operativo/amministrativo omogeneo per tutta la Regione.

Allo studio anche momenti comuni di addestramento e formazione tra volontari e vigili del fuoco secondo le nuove direttive contenute nel Codice della Protezione Civile entrato in vigore il 22 gennaio 2018.

Pubblicato il :

 
Torna su