Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Lodi

Comunicati Stampa

 

 Sicurezza pubblica e sicurezza urbana

Come anticipato in occasione della recente seduta ‘straordinaria’ del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, tenutasi il 6 marzo u.s. presso la Sala dei Comuni della Provincia di Lodi alla presenza dei Sindaci del territorio, è stata diramata in data odierna l’allegata circolare riguardo le ordinanze sindacali in materia di ‘sicurezza urbana’.
In particolare, il Prefetto ha richiamato l’attenzione dei Sindaci sui requisiti di contingibilità e urgenza - che costituiscono presupposti fondanti del potere di ordinanza ex art. 54, c. 4, T.U.E.L. - e, nel proporre taluni motivi di riflessione sulle differenze intercorrenti tra le nozioni di ‘ordine e sicurezza pubblica’ e ‘incolumità pubblica e sicurezza urbana’, ha fornito concrete indicazioni applicative.

La prefettizia si inquadra nell’ambito dell’innovativa strategia avviata per incrementare ulteriormente i livelli di sicurezza del territorio attraverso pure la migliore conoscenza degli strumenti a disposizione.
Pubblicato il 28/03/2014
Ultima modifica il 28/03/2014 alle 22:26:22

 Sicurezza pubblica e sicurezza urbana

Come anticipato in occasione della recente seduta ‘straordinaria’ del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, tenutasi il 6 marzo u.s. presso la Sala dei Comuni della Provincia di Lodi alla presenza dei Sindaci del territorio, è stata diramata in data odierna l’allegata circolare riguardo le ordinanze sindacali in materia di ‘sicurezza urbana’.
In particolare, il Prefetto ha richiamato l’attenzione dei Sindaci sui requisiti di contingibilità e urgenza - che costituiscono presupposti fondanti del potere di ordinanza ex art. 54, c. 4, T.U.E.L. - e, nel proporre taluni motivi di riflessione sulle differenze intercorrenti tra le nozioni di ‘ ordine e sicurezza pubblica ’ e ‘incolumità pubblica e sicurezza urbana ’, ha fornito concrete indicazioni applicative.
La prefettizia si inquadra nell’ambito dell’innovativa strategia avviata per incrementare ulteriormente i livelli di sicurezza del territorio attraverso pure la migliore conoscenza degli strumenti a disposizione.
Il Prefetto
(Corona)
Pubblicato il :

 Elenco provinciale dei veicoli giacenti, da oltre due anni, presso le depositerie autorizzate

E’ stato pubblicato l’elenco provinciale dei veicoli giacenti, da oltre due anni, presso le depositerie autorizzate ai sensi dell’art. 8 del D.P.R. 29.7.1982 n. 571, a seguito di sequestro o dell’applicazione di sanzioni accessorie previste dal Codice della Strada.
L’elenco indica, per ciascun veicolo, il tipo, il modello, il numero di targa o di telaio e i dati identificativi del proprietario, risultanti dal pubblico registro automobilistico.
E’ stato, altresì, pubblicato un avviso pubblico con il quale si rende noto ai proprietari dei veicoli ricompresi nel suddetto elenco, ed ai soggetti indicati nell’art. 196 del Codice della Strada, che entro i successivi 60 giorni dalla data di pubblicazione, hanno facoltà di assumere la custodia del veicolo. Ove non si avvalgono di tale facoltà, si procederà all’alienazione del mezzo al custode, anche ai soli fini della rottamazione.
Pubblicato il 26/03/2014
Ultima modifica il 26/03/2014 alle 16:30:11

 Il Prefetto in visita dai Vigili del Fuoco

    Il Prefetto, Antonio Corona, martedì 4 marzo scorso, si è recato al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Lodi, dove è stato ricevuto dal Comandante Enrico Porrovecchio.
    Nel corso della visita della struttura, il Prefetto ha salutato il vice comandante, i funzionari, il personale operativo e amministrativo e sono state, altresì, affrontate diverse tematiche, nel cui ambito, la stretta collaborazione tra Prefettura e Comando che consente di raggiungere efficaci ed importanti risultati nell’attività di soccorso in occasione di eventi di protezione civile.
    Il Prefetto ha poi sottolineato l’importanza per il prezioso lavoro svolto dai Vigili del Fuoco  quotidianamente evidenziando la loro professionalità unitamente all’impegno profuso nelle attività a favore della comunità, apprezzandone le doti di competenza, solidarietà e altruismo che gli stessi dimostrano nell’assicurare risposte tempestive alle esigenze di sicurezza della collettività.

Lodi, 5 marzo 2014

 
            Il Prefetto, Antonio Corona, martedì 4 marzo scorso, si è recato al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Lodi, dove è stato ricevuto dal Comandante Enrico Porrovecchio.
            Nel corso della visita della struttura, il Prefetto ha salutato il vice comandante, i funzionari, il personale operativo e amministrativo e sono state, altresì, affrontate diverse tematiche, nel cui ambito, la stretta collaborazione tra Prefettura e Comando che consente di raggiungere efficaci ed importanti risultati nell’attività di soccorso in occasione di eventi di protezione civile.
            Il Prefetto ha poi sottolineato l’importanza per il prezioso lavoro svolto dai Vigili del Fuoco   quotidianamente evidenziando la loro professionalità unitamente all’impegno profuso nelle attività a favore della comunità, apprezzandone le doti di competenza, solidarietà e altruismo che gli stessi dimostrano nell’assicurare risposte tempestive alle esigenze di sicurezza della collettività.
 
Lodi, 5 marzo 2014
Pubblicato il :

 Seduta del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica allargata alla presenza di tutti i Sindaci del territorio lodigiano

Si è svolta oggi, nella suggestiva cornice di Palazzo San Cristoforo, sede della Provincia di Lodi, una seduta ‘straordinaria’ del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, allargata alla presenza di tutti i Sindaci del territorio.
All’ordine del giorno, le problematiche di ordine e sicurezza pubblica connesse al fenomeno dei furti in abitazione, già costantemente attenzionate in sede di Riunione Tecnica di Coordinamento con le Forze di Polizia.
Nell’introdurre i lavori, il Prefetto Antonio Corona ha spiegato ai Sindaci - cuore pulsante del territorio e della vita amministrativa, intervenuti in gran numero - il senso dell’iniziativa: “Siamo tutti parte del medesimo ‘sistema’; l’attività di ‘pubblica sicurezza’ svolta dalle Forze dell’Ordine per prevenire e contrastare i fenomeni delinquenziali – che tanti ottimi frutti ha dato e continuerà a dare – per risultare ancora più incisiva necessita di un innalzamento degli accorgimenti di sicurezza passiva, riguardanti sia la videosorveglianza, sia le abitazioni, sia gli esercizi commerciali”.
Il Prefetto ha poi anticipato la prossima diramazione di specifiche indicazioni in materia di ordinanze ex art. 54 T.U.E.L. (‘sicurezza urbana’).
I Sindaci hanno espresso unanime apprezzamento per l’iniziativa, che ha dato voce, per la prima volta in contemporanea, a tutti gli amministratori locali, così agevolando un confronto pragmatico, sereno e costruttivo, su tematiche di rilievo per l’intero territorio. Corale, infine, la gratitudine per l’operato delle Forze dell’Ordine.

 
Si è svolta oggi, nella suggestiva cornice di Palazzo San Cristoforo, sede della Provincia di Lodi, una seduta ‘straordinaria’ del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, allargata alla presenza di tutti i Sindaci del territorio.

All’ordine del giorno, le problematiche di ordine e sicurezza pubblica connesse al fenomeno dei furti in abitazione, già costantemente attenzionate in sede di Riunione Tecnica di Coordinamento con le Forze di Polizia.

Nell’introdurre i lavori, il Prefetto Antonio Corona ha spiegato ai Sindaci - cuore pulsante del territorio e della vita amministrativa, intervenuti in gran numero - il senso dell’iniziativa: “ Siamo tutti parte del medesimo ‘sistema’; l’attività di ‘pubblica sicurezza’ svolta dalle Forze dell’Ordine per prevenire e contrastare i fenomeni delinquenziali – che tanti ottimi frutti ha dato e continuerà a dare – per risultare ancora più incisiva necessita di un innalzamento degli accorgimenti di sicurezza passiva, riguardanti sia la videosorveglianza, sia le abitazioni, sia gli esercizi commerciali”.

Il Prefetto ha poi anticipato la prossima diramazione di specifiche indicazioni in materia di ordinanze ex art. 54 T.U.E.L. (‘sicurezza urbana’).

I Sindaci hanno espresso unanime apprezzamento per l’iniziativa, che ha dato voce, per la prima volta in contemporanea, a tutti gli amministratori locali, così agevolando un confronto pragmatico, sereno e costruttivo, su tematiche di rilievo per l’intero territorio. Corale, infine, la gratitudine per l’operato delle Forze dell’Ordine.

Pubblicato il :

 
Torna su