Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Lecco

Comunicati Stampa

 

 ARRIS - APPLICATIVO PER LA RILEVAZIONE RAPIDA DEGLI INCIDENTI STRADALI

Si chiama Arris ed è l'applicativo sviluppato da Prefettura di Lecco e Regione Lombardia per la rilevazione rapida degli incidenti stradali, a supporto delle attività dell'Osservatorio Provinciale per il monitoraggio degli incidenti stradali in attuazione della direttiva del Ministero Interno del 14 agosto 2009.

La presentazione dell'applicativo è stata effettuata questa mattina presso la Prefettura di Lecco da esperti di Lombardia Informatica alla presenza del Prefetto Formiglio, del Direttore Generale alla Sicurezza di Regione Lombardia, Donno, del Sindaco del Comune di Mandello, delle Forze dell'Ordine, della Polizia Stradale, della Polizia Provinciale e delle Polizie Locali.

L'obiettivo perseguito è quello di migliorare i sistemi di conoscenza e monitoraggio del fenomeno dell'incidentalità stradale, nonché di favorire la cooperazione degli Enti in attività di prevenzione e contrasto all'incidentalità stradale.

L'applicativo, che potrà essere utilizzato da tutte le forze dell'ordine impegnate sul territorio provinciale nell'attività di infortunistica stradale ed è dotato di reportistica tabellare e cartografica, rientra nell'ambito degli impegni assunti con la sottoscrizione del Patto per la Sicurezza rinnovato nello scorso mese di gennaio.

Lecco è la prima provincia in cui viene sperimentato l'applicativo che potrà essere successivamente esteso a tutto il territorio regionale.
 
 
 
 
 
 
 
Il Capo di Gabinetto
        (Nicoletti)

 

 
Pubblicato il :

 GESTIONE RIFIUTI SULLA SS36

Si è svolto questa mattina in Prefettura, presieduto dal Capo di Gabinetto, Marcella Nicoletti, un incontro per la definizione degli accordi relativi alla gestione condivisa dei rifiuti abbandonati lungo la Strada Statale 36 per i tratti ricadenti nella provincia di Lecco.

All'incontro hanno partecipato La Regione Lombardia, i Sindaci dei Comuni di Abbadia Lariana e di Mandello del Lario, i Vicesindaci dei Comuni di Varenna e Colico, il Dirigente del Settore Ambiente del Comune di Lecco, i rappresentanti delle Forze di Polizia, la Polizia Stradale, rappresentanti di Anas ed i Responsabili della società Silea.

Nel corso della riunione, Anas ha comunicato che, a far data da lunedì 13 maggio, entrerà in funzione tutto il sistema di videosorveglianza e lettura targhe lungo l'intero tratto che va da Lecco a Colico. Nel dettaglio sono state installate ulteriori n. 19 telecamere, alcune del tipo Dome , con l'integrazione del sistema con telecamere fisse di ultima generazione in ingresso nelle piazzole e telecamere di lettura targhe in uscita.

Ciascuna piazzola sarà costantemente monitorata da due differenti punti (ingresso ed uscita) in modo che si possa visualizzare il momento in cui avviene l'abbandono rifiuti. Per far ciò si procederà utilizzando tre telecamere di nuova generazione poste in ingresso e uscita della piazzola.

Le telecamere sono di nuova generazione, quella con visione in uscita è a lettura targhe, mentre quelle con visione sulla piazzola sono di nuova generazione con attivazione di un allarme che segnala l'ingresso di un veicolo in piazzola, veicolo fermo, veicolo contromano, presenza pedone, ostacoli in carreggiata, ecc...

Quando il veicolo esce dalla piazzola viene letta la targa posteriore.

Incrociando le immagini delle telecamere di osservazione dalle quali si riscontra il veicolo ed il momento in cui avviene l'abbandono rifiuti con quelle di lettura targhe, si identifica il mezzo dal quale sono stati abbandonati i rifiuti.

La registrazione e l'acquisizione dei dati saranno continue. Sarà avviata nell'immediato l'attività sanzionatoria.

Nella foto, esemplificativamente, una delle piazzole di sosta con l'illustrazione del sistema di funzionamento integrato delle telecamere.
 
 
 
Il Capo di Gabinetto
       (Nicoletti)

 
Pubblicato il :

 COMITATO PROVINCIALE PER L'ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA DEL 2 MAGGIO 2019

Entra nel vivo l'attività di gestione dell'ordine e della sicurezza pubblica del Prefetto di Lecco, Michele Formiglio, che mette subito sul tavolo l'esame del fenomeno dei furti in abitazione.

" Per governare un fenomeno, occorre conoscerlo ". E' con questo intento che il Prefetto Formiglio ha convocato e riunito, questo pomeriggio, in Prefettura, il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica per un esame condiviso e approfondito dei reati predatori che maggiormente destano allarme nella popolazione della provincia di Lecco.

All'incontro erano presenti il Vicesindaco di Lecco, Francesca Bonacina, il Questore, Filippo Guglielmino, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Pasquale Del Gaudio, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Massimo dell'Anna, e il Comandante della Polizia Provinciale, Raffaella Forni.

L'esigenza, unanimemente condivisa, è quella di migliorare le condizioni di sicurezza della provincia di Lecco e rinsaldarne il relativo sentimento di fiducia. A detto risultato il Prefetto intende addivenire con diverse iniziative che presuppongono un fronte comune fra Istituzioni, Forze di polizia e società civile, in un contesto anche di sicurezza partecipata ed allargata.

Lecco, 2 maggio 2019

 

Il Capo di Gabinetto

(Nicoletti)

Pubblicato il :

 
Torna su