Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Lecco

Rilascio licenza che abilita all'esercizio dell'attività di vigilanza


Dirigente Dell'Area:Dott.ssa Marcella NICOLETTI
Email Dirigente Dell'Area: marcella.nicoletti(at)interno.it

Ufficio Armi

Ricevimento: Per appuntamento
Ubicazione dell'Ufficio: I piano
Email dell'ufficio:
Telefoni:

 
Enti o privati che intendano prestare opera di vigilanza o di  custodia di proprietà mobiliari o immobiliari ed eseguire investigazioni , ricerche , raccogliere informazioni per conto di privati devono chiedere al Prefetto il rilascio della licenza per l'esercizio dell'attività.
Competente a rilasciare e rinnovare l'autorizzazione è il Prefetto della provincia ove è fissata la sede dell' Istituto di Vigilanza Privata
 
Chi può fare la richiesta
La domanda  per ottenere il rilascio della licenza deve essere firmata dall'interessato.
Nel caso in cui il richiedente sia una società, la domanda deve essere sottoscritta dal legale rappresentante della stessa.

Cosa fare
La domanda, unitamente alla documentazione richiesta, deve essere presentata  o inviata alla Prefettura ove è fissata la sede dell' istituto di vigilanza privata
 
Documentazione richiesta     
  1. domanda in bollo da € 16,00 (vedi il modello 1)
  2. documenti attestanti la capacità tecnica richiesta dall'art. 136 del R.D. 18.06.1931, n. 773    (ad esempio con curriculum vitae , specifiche conoscenze tecniche, esperienze lavorative nelle Forze di Polizia ecc.)
  3. due copie della tabella delle operazioni che si intendono compiere con le relative tariffe , da indicare nella misura massima
  4. dichiarazione sostitutiva di certificazione sottoscritta dall'interessato da presentare insieme all'istanza, attestante la cittadinanza, il luogo e la data di nascita, la residenza, la posizione riguardo gli obblighi militari, iscrizione al Registro Imprese della C.C.I.A.A. e precedenti penali iscritti nel casellario giudiziale e carichi pendenti o assenza degli stessi ( se trattasi di società la dichiarazione sostitutiva dei certificati deve essere presentata da tutti i componenti del Consiglio di amministrazione) ovvero i relativi certificati  (vedi il modello di  autocertificazione 1)
Se  il richiedente è una società la domanda , di cui al punto 1, dovrà essere firmata dal rappresentante legale dell'Istituto. Inoltre, dovrà essere prodotta la seguente documentazione aggiuntiva:
  1. copia conforme del verbale dell'Assemblea dei soci concernente la nomina del Consiglio di Amministrazione della società (qualora la richiesta fosse fatta in nome e per conto di una società).
  2. copia conforme dell'atto costitutivo e dello statuto della società
  3. certificato integrale della Camera di Commercio
  4. partita IVA
 
NOTA In caso di accoglimento dell'istanza, il richiedente dovrà versare un deposito cauzionale ( il cui importo  sarà determinato in rapporto alla natura ed all'ampiezza dell'attività che l'Istituto dovrà svolgere e comunicato direttamente all'interessato) e provvedere alla regolarizzazione della licenza rilasciata e del provvedimento di approvazione della tabella delle operazioni , con la consegna di due marche da bollo.


Riferimenti normativi
  • R.D. 18.06.1931,n.773, artt.133,134,136,137,138 (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza).
  • R.D. 06.05.1940, n.635, artt. 257 e 259 ( Regolamento di attuazione del T.U.L.P.S.).

Data pubblicazione il 26/09/2006
Ultima modifica il 16/06/2020 alle 10:22

 
Torna su