Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Lecce

ASSUNZIONE LAVORATORI STRANIERI

Richiesta di rilascio di nulla osta per l´instaurazione di un rapporto di lavoro subordinato, a tempo determinato, indeterminato o a carattere stagionale, con un cittadino straniero residente all´estero da presentarsi sull´apposita modulistica a lettura ottica ( Mod. A-dom B-sub , C-stag ), sulla base dei flussi d'ingresso stabiliti annualmente con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.
Il decreto riguardante i flussi d´ingresso dei lavoratori extracomunitari per l´anno 2006 (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15 febbraio 2006, che ha stabilito la quota massima di 170.000 lavoratori stranieri non comunitari residenti all´estero da ammettere nel territorio dello Stato per l´anno 2006) è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - serie generale, n. 55 del 7 marzo 2006. Nella stessa data è stata emanata la circolare illustrativa del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che stabilisce anche la distribuzione delle quote sul territorio nazionale. In calce al suddetto decreto è stata riportata l´avvertenza che le domande possono essere presentate agli uffici postali abilitati a partire dalle ore 14,30 di martedì 14 marzo 2006. Si precisa al riguardo, d´intesa con Poste Italiane, che ogni persona in fila allo sportello potrà consegnare fino a un massimo di cinque domande alla volta.
Presentazione delle domande

  1. Il datore di lavoro che intende assumere un lavoratore extracomunitario residente all´estero, a tempo determinato o indeterminato, deve compilare l´apposita domanda di nulla osta, indirizzata al competente Sportello Unico per l´Immigrazione, utilizzando esclusivamente i moduli predisposti per la lettura ottica "A-Dom" (lavoro domestico), "B-Sub" (lavoro subordinato) e "C-Stag" (lavoro stagionale) -disponibili gratuitamente presso tutti gli uffici postali dal 18 febbraio 2006.Il kit comprende anche una scheda riepilogativa - dove vanno riportati i principali dati della domanda - nonché una busta prestampata, che deve essere obbligatoriamente utilizzata per la spedizione dell´istanza, il cedolino dell´assicurata postale, nonché le istruzioni per la compilazione. Lo Sportello Unico per l´Immigrazione presso la Prefettura (o l´Ufficio competente a svolgere le funzioni dello Sportello Unico nelle Regioni a Statuto Speciale) da indicare sull´indirizzo, può essere, in alternativa, quello della provincia di residenza del datore di lavoro ovvero della provincia ove ha sede legale l´impresa o quello della provincia ove avrà luogo la prestazione dell´attività lavorativa. Lo Sportello Unico che rilascia il nulla osta al lavoro è, in ogni caso, quello del luogo in cui verrà svolta l´attività lavorativa.
  2. Unicamente dalla data stabilita nel Decreto di programmazione dei flussi d´ingresso dei lavoratori extracomunitari nel territorio dello Stato per l´anno 2006 (14 marzo 2006), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - e dall´ora precisata nel comunicato pubblicato in calce allo stesso decreto (H.14,30) - l´istanza può essere presentata agli uffici postali abilitati (il cui elenco è affisso, dal 18 febbraio 2006, in tutti gli uffici postali)che accettano le istanze a partire dalla stessa ora su tutto il territorio nazionale. Detti uffici postali sono dotati di un sistema di rilevazione elettronico centralizzato della data e dell´orario d´accettazione.Si avverte che le eventuali domande presentate prima della data e dell´ora stabilite sono considerate irricevibili.
  3. La domanda, redatta sul modulo compilato a mano, corredata dalla fotocopia del documento di identità del datore di lavoro e del passaporto (o documento equipollente indicato nelle istruzioni del modulo) del cittadino extracomunitario, nonché dalla suddetta scheda riepilogativa, deve essere consegnata, nell´apposita busta, chiusa, allo sportello postale e spedita come posta assicurata (pagando la normale tariffa postale di Euro 5,70). Si precisa che ciascuna busta deve contenere una sola domanda, che viene contrassegnata da codice assicurata/codice istanza. Il codice istanza corrisponde al numero prestampato sulla prima pagina del modulo e deve essere trascritto dal richiedente sul cedolino dell´assicurata, mentre il codice assicurata è già presente, prestampato, sul medesimo cedolino. L´operatore dell´ufficio postale procede, quindi, all´accettazione della busta, apponendo la stampigliatura recante data e orario dell´accettazione, e consegna all´utente la ricevuta dell´assicurata. Le associazioni di categoria interessate alle attività stagionali - che, ai sensi dell´art. 38, comma 3 del D.P.R. 394/99, possono presentare le richieste di nulla osta per conto dei loro associati - possono essere abilitate a trasmettere, anche cumulativamente, le richieste dei propri associati via internet. A tal fine, le associazioni di categoria possono rivolgersi al. n. tel. 0646527121 oppure all'indirizzo e-mail: asscat.sui(at)interno.it per avere le necessarie istruzioni. Attenzione: i predetti recapiti sono riservati esclusivamente alle suddette richieste e non possono essere utilizzati per altre informazioni.
  4. Nell´ambito delle quote stabilite nel Decreto flussi 2006, è previsto che gli stranieri extracomunitari titolari di permesso di soggiorno per studio o per formazione professionale in corso di validità possano chiedere la conversione di tali titoli in permessi di soggiorno per lavoro subordinato o per lavoro autonomo. Nel caso di richiesta di conversione in permesso di soggiorno per lavoro subordinato, lo straniero deve compilare la domanda sul modulo " V " . Nel caso di richiesta di conversione in permesso di soggiorno per lavoro autonomo, lo straniero deve compilare la domanda sul modulo "Z". Dette domande, pertanto, non debbono essere redatte sui moduli a lettura ottica distribuiti negli uffici postali e possono essere spedite allo Sportello Unico competente, a mezzo raccomandata A.R., dagli stessi uffici postali abilitati all'accettazione delle altre domande compilate sui moduli a lettura ottica, a partire dalle ore 14,30 del 14 marzo 2006 . Allo stesso modo dovranno essere spedite le domande per la conversione del permesso di soggiorno per lavoro stagionale in permesso per lavoro a tempo determinato o indeterminato. Peraltro, come indicato nella circolare del Ministero del Lavoro n. 7 del 7.3.2006, il decreto flussi 2006 non prevede una specifica quota per tale tipo di conversione e, pertanto, nella valutazione delle richieste di conversione lo Sportello Unico verificherà la sussistenza di una quota per lavoro subordinato.
Informazioni sulla successiva procedura
  1. Tutte le domande saranno inviate dagli uffici postali all´apposito Centro Servizi delle Poste Italiane (CSA) che, effettuata la scansione dei dati con lettore ottico, le trasmetterà al competente Centro Elaborazione Dati del Ministero dell´Interno, il quale a sua volta provvederà alla trasmissione telematica delle pratiche agli Sportelli Unici. Contestualmente, il CSA di Poste Italiane invierà agli Sportelli le domande cartacee.
  2. Le richieste di nulla osta all´assunzione dei lavoratori stranieri verranno quindi trasmesse per via telematica alle Questure e alla Direzioni Provinciali del Lavoro, le quali, effettuate le prescritte verifiche, comunicheranno agli Sportelli Unici il parere di competenza circa il rilascio del nulla osta.In caso di parere positivo, lo Sportello Unico richiederà all´Agenzia delle Entrate l´attribuzione di un codice fiscale provvisorio, o la verifica dell´eventuale esistenza di un codice fiscale definitivo, e trasmetterà la richiesta di lavoro al competente Centro per l´Impiego per la verifica della disponibilità di lavoratori italiani, comunitari o extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia.
    Il Centro per l´impiego comunicherà l´esito della propria verifica allo Sportello e al datore di lavoro. La richiesta di nulla osta rimarrà sospesa finché lo Sportello Unico non riceverà una comunicazione del datore di lavoro (entro quattro giorni in caso di certificazione negativa) circa la conferma o meno della sua richiesta di nulla osta relativa al lavoratore straniero.
  3. In caso di certificazione negativa del Centro per l´Impiego o di espressa conferma della richiesta di nulla osta da parte del datore di lavoro, o comunque decorsi 20 giorni senza alcun riscontro da parte del Centro per l´Impiego, lo Sportello Unico convocherà il datore di lavoro per la consegna del nulla osta e la sottoscrizione del contratto di soggiorno, predisposto dallo stesso Sportello sulla base della proposta di contratto contenuta nell´istanza.
  4. Lo Sportello Unico trasmetterà, quindi, per via telematica il nulla osta e la proposta di contratto contenuta nella domanda del datore di lavoro alla competente Rappresentanza diplomatico-consolare italiana all´estero per la consegna al lavoratore straniero. Acquisita la richiesta di visto del lavoratore e verificata la sussistenza dei presupposti di legge, la Rappresentanza gli rilascerà il visto di ingresso, dandone comunicazione allo Sportello Unico.
    All´atto del rilascio del visto, lo straniero verrà, altresì, avvertito dell´obbligo di presentarsi allo Sportello entro otto giorni dall´ingresso in Italia.
  5. Lo straniero o il datore di lavoro provvederà, quindi, a richiedere l´appuntamento presso lo Sportello, per la sottoscrizione del contratto e la richiesta del permesso di soggiorno. La data di convocazione sarà confermata con una comunicazione all´interessato, nella quale verrà, altresì, elencata la documentazione da allegare alla richiesta di permesso di soggiorno (copia integrale del passaporto recante il visto di ingresso, 4 fotografie e 1 marca da bollo da 14,62 euro).
  6. Presentatosi presso lo Sportello il giorno stabilito, lo straniero dovrà esibire il titolo idoneo a comprovare la disponibilità dell´alloggio e la ricevuta dell´avvenuta richiesta all´Ufficio Tecnico Comunale del certificato attestante che l´alloggio rientra nei parametri minimi previsti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica. In alternativa, il lavoratore potrà esibire la ricevuta dell´avvenuta richiesta alla A.S.L. del certificato di idoneità igienico-sanitaria dell'alloggio stesso.Contestualmente lo straniero sottoscriverà il contratto - il cui originale verrà conservato presso lo Sportello Unico - e chiederà il rilascio del permesso di soggiorno sottoscrivendo il modulo di richiesta prestampato dallo Sportello Unico. La Questura, provvederà, quindi, a fissare la convocazione dello straniero per il fotosegnalamento e la consegna del permesso di soggiorno.

Richiesta di rilascio di nulla osta per l´instaurazione di un rapporto di lavoro subordinato con un cittadino straniero residente all´estero, per le particolari categorie di lavoro previste dall´art.27, comma 1, del Testo Unico sull´immigrazione, che non rientrano nella programmazione dei flussi d´ingresso: Modelli D , E , F , G , H , I , L , M , N , O e DS -

L´invio delle istanze per il rilascio del nulla osta all´accesso al lavoro nei casi particolari previsti dall´art. 27, I comma, lett. a), b), c), d), e), f), g), i), r) e r-bis) del T.U. sull´immigrazione va effettuato con raccomandata A.R. - indirizzata, in alternativa, allo Sportello Unico della provincia di residenza del datore di lavoro ovvero a quello della provincia ove ha sede legale l´impresa o a quello della provincia ove avrà luogo la prestazione dell´attività lavorativa - utilizzando la modulistica scaricabile dai siti www.interno.gov.it e www.welfare.gov.it . (modelli D , E , F , G , H , I , L , M , N , O e DS ). Lo Sportello Unico competente al rilascio del nulla osta al lavoro è, comunque, quello del luogo in cui verrà svolta l´attività lavorativa; pertanto, lo Sportello Unico ricevente, ove diverso, trasmetterà la richiesta a quello competente, dandone comunicazione al datore di lavoro. La procedura per il rilascio del nulla osta è analoga a quella sopra descritta.
Per i casi previsti dalle lettere l) ,m) ,n) e o) dell´art. 27 del T.U. [lavoratori occupati presso circhi o spettacoli viaggianti all´estero; personale artistico e tecnico per spettacoli lirici, teatrali, concertistici o di balletto; ballerini, artisti e musicisti da impiegare presso locali di intrattenimento; artisti da impiegare da enti musicali teatrali o cinematografici o da imprese radiofoniche o televisive, pubbliche o private, o da enti pubblici, nell´ambito di manifestazioni culturali o folcloristiche] le istanze - anziché allo Sportello - vanno presentate alla Direzione Generale del Mercato del Lavoro - Ufficio per il collocamento nazionale lavoratori dello spettacolo , competente al rilascio del relativo nulla osta.
Per gli stranieri destinati a svolgere qualsiasi tipo di attività sportiva professionistica presso società sportive italiane, ai sensi della lett. p) del citato art. 27, il nulla osta al lavoro è sostituito dalla dichiarazione nominativa di assenso che viene rilasciata dal CONI.
I predetti nulla osta e dichiarazioni debbono, quindi, essere comunicati, da parte degli Uffici competenti, allo Sportello Unico al fine della stipula del contratto di soggiorno: per i lavoratori dello spettacolo, a quello della provincia ove ha sede legale l´impresa; per gli sportivi, a quello della provincia ove ha sede la società destinataria delle prestazioni sportive. In tali ipotesi, pertanto, lo Sportello è competente solo per le fasi finali relative alla sottoscrizione del contratto di soggiorno e al rilascio del permesso di soggiorno.
Non è, invece, previsto il rilascio del nulla osta per i lavoratori marittimi e per i giornalisti corrispondenti ufficialmente accreditati in Italia e dipendenti regolarmente retribuiti da organi di stampa quotidiani o periodici, ovvero da emittenti radiofoniche o televisive straniere - art. 27, rispettivamente lett. h) e q), nonché per i lavoratori occupati alle dipendenze di rappresentanze diplomatiche o consolari o enti di diritto internazionale aventi sede in Italia). In tali ipotesi, pertanto, non viene svolta alcuna procedura presso lo Sportello Unico.

Richiesta nominativa e numerica di nulla osta al lavoro subordinato riguardante docenti di scuole e università straniere operanti in Italia (L. n. 103 del 24 maggio 2002) Modello DS (V.SOPRA)


Data pubblicazione il 01/01/2001
Ultima modifica il 22/05/2009 alle 12:48

 
Torna su