Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Isernia

NOTIZIE

 

 Progetto ADITUS in materia di tratta degli esseri umani: giornata di formazione in Prefettura

Ieri, presso la Prefettura di Isernia, si è tenuta una giornata formativa in materia di tratta degli esseri umani nell'ambito del progetto "ADITUS", cofinanziato dal Dipartimento Libertà Civili e Immigrazione del Ministero dell'Interno con fondi FAMI 2014-2020 ed avviato all'inizio del 2017 in collaborazione con l'OIM-Organizzazione Internazionale per le Migrazioni.
Partendo dall'aumento esponenziale degli stranieri "vittime di tratta" registratosi recentemente, con un incremento delle donne e dei minori non accompagnati, il Governo Italiano ha varato il 1° Piano Nazionale d'Azione contro la tratta e il grave sfruttamento di esseri umani, con la costituzione di una cabina di regia presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Il progetto "ADITUS" si inserisce proprio tra le iniziative intraprese per contrastare il fenomeno e si propone, tra gli obiettivi, quello di rafforzare le attività di identificazione precoce ed assistenza delle vittime di tratta nei luoghi di sbarco nonché la capacità degli operatori dei centri di accoglienza e del personale delle Prefetture e delle Questure nel riconoscere i soggetti vulnerabili.
In tale contesto è stato realizzato un vero e proprio piano di formazione sulle modalità di identificazione e tutela delle vittime di tratta, con l'organizzazione di corsi formativi come quello svoltosi ieri, al quale sono intervenuti gli operatori dei centri di accoglienza straordinaria e temporanea nonché delle strutture SPRAR della provincia di Isernia.
Nel corso della giornata, i funzionari dell'OIM hanno fornito un inquadramento generale del fenomeno, anche dal punto di vista normativo, con particolare riferimento al reato di tratta, alle categorie di migranti vulnerabili e alle vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale e lavorativo, anche attraverso l'illustrazione di casi concreti.
Sono state, inoltre, illustrate le strategie di risposta al fenomeno e gli strumenti di tutela delle vittime.
Sebbene in provincia di Isernia non siano pervenute sinora segnalazioni di denuncia, la giornata ha costituito un utile momento di confronto tra l'OIM e il personale a vario titolo coinvolto nella gestione dei cittadini stranieri richiedenti la protezione internazionale, con il coordinamento della Prefettura, incrementando il bagaglio di conoscenze e gli strumenti in possesso degli operatori.
Pubblicato il :

 
Torna su