Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Imperia

NOTIZIE

 

 Proseguono in Prefettura gli incontri per il nuovo corso di laurea in Scienze del Turismo

Proseguono in Prefettura gli incontri di consultazione delle parti sociali finalizzati alla istituzione di una nuova laurea triennale in Scienze del Turismo da attivarsi a Imperia, presso il Polo universitario decentrato.
Oggi pomeriggio, nell’ambito di un’apposita riunione coordinata dal Prefetto Fiamma Spena, il Prof. Riccardo Ferrante dell’Università degli Studi di Genova, coadiuvato dal Presidente della SPUI Massimiliano Ambesi, ha illustrato il progetto ai rappresentati provinciali delle Organizzazioni Sindacali CGIL, CISL, UIL e UGL.
Il corso di laurea, è stato evidenziato, dovrà essere modulato anche sulla base delle specifiche competenze richieste dal territorio, così da costituire un'effettiva opportunità occupazionale e di sviluppo per la provincia e per le aree limitrofe.
Tutti i presenti hanno manifestato grande apprezzamento per l’iniziativa avviata dall’Ateneo genovese, nella convinzione che proprio il settore turistico rappresenti la più importante opportunità di rilancio dell’economia del Ponente Ligure. Un settore particolarmente complesso ed articolato che va dalla gestione delle imprese alberghiere alla valorizzazione delle tipicità enogastronomiche e delle risorse ambientali e culturali. Una tale complessità richiede competenze specifiche e dunque un percorso formativo di livello universitario. In proposito le Organizzazioni Sindacali hanno, tra l’altro, evidenziato l’opportunità che il corso sia caratterizzato da un il profilo di eccellenza e dalla capacità di interessare un bacino territoriale vasto che si estenda anche ad altre regioni.
I referenti dell’Università e della SPUI hanno poi sottolineato che il nuovo corso andrebbe ad implementare l’offerta del Polo didattico imperiese, che contando circa 1.200 iscritti rappresenta già una realtà molto significativa nel panorama universitario ligure.
Pubblicato il :

 VISITA IN PREFETTURA DEL CONSOLE GENERALE DEGLI STATI UNITI D'AMERICA KYLE SCOTT

Il Prefetto di Imperia Fiamma Spena ha ricevuto questa mattina in Prefettura la visita ufficiale del Console Generale degli Stati Uniti d'America a Milano Dr. Kyle R. Scott. 
L'incontro, nel corso del quale è stato sottolineato dal Prefetto l'aspetto dei tradizionali ed ormai collaudati rapporti di reciproca amicizia e collaborazione tra i due Stati, ha fornito l'occasione per un utile scambio di considerazioni sulle più rilevanti tematiche di interesse istituzionale.
Il colloquio, improntato alla massima cordialità, ha permesso alle due autorità di discutere a lungo della realtà provinciale per un comune scambio di vedute sulle prospettive turistiche ed economiche del territorio con particolare riferimento alle realtà produttive.
L’ incontro si è concluso con il tradizionale scambio di doni di cortesia, il Prefetto ha donato al Console Generale un volume dedicato ai Comuni della provincia di Imperia, il Console Scott ha ricambiato con un volume dedicato agli Stati Uniti d’America.
 
Prefetto Spena e Console Generale USA Kyle Scott
Pubblicato il :

 Riunione in Prefettura: un progetto per il nuovo corso di laurea in Scienze Turistiche ad Imperia

La Scuola di Scienze Sociali dell'Università di Genova, cui fanno capo i Dipartimenti di Economia, Giurisprudenza, Scienze Politiche e Scienze della Formazione, sta analizzando la possibilità di istituire una nuova laurea triennale in Scienze del Turismo da attivarsi a Imperia, presso il Polo Universitario decentrato. L’iniziativa coinvolge anche la Scuola di scienze umanistiche.
Questa laurea, fortemente interdisciplinare, dovrebbe preparare a sbocchi professionali nei settori del turismo, dello spettacolo, delle attività sociali eco-compatibili, e della comunicazione turistica. 
Il corso di laurea dovrebbe essere programmato anche in base alle specifiche competenze richieste dal territorio, così da costituire un'effettiva opportunità occupazionale e di sviluppo per la provincia e per le aree limitrofe. 
La tematica è stata trattata nel pomeriggio di ieri, 30 settembre, presso questa Prefettura, nel corso di un’apposita riunione che ha costituito un primo momento di approfondimento e un’occasione per raccogliere dalle parti interessate utili indicazioni sul tipo di formazione ritenuto necessario ai giovani destinati ad operare fattivamente nell'ambito turistico del ponente ligure.
Presenti al tavolo, coordinato dal Prefetto Fiamma Spena, il Preside della Scuola di Scienze Sociali, Prof. Paolo Comanducci, il Delegato del Rettore per il Polo di Imperia, Prof. Pierluigi Chiassoni, il delegato della Commissione didattica Prof. Riccardo Ferrante, il Presidente dell’Amministrazione Provinciale, il Sindaco di Imperia e Amministratori dei Comuni di Sanremo e di Albenga, il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, il Presidente della SPUI, rappresentanti della Camera di Commercio e il Presidente dell’Unione Industriali di Imperia.
Tutti i presenti hanno manifestato grande apprezzamento per l’iniziativa avviata dall’Ateneo genovese, nella convinzione che proprio il settore turistico rappresenti la più importante opportunità di rilancio dell’economia locale. Un settore particolarmente complesso ed articolato che va dalla gestione delle imprese alberghiere alla valorizzazione delle tipicità enogastronomiche e delle risorse ambientali e culturali. Una tale complessità richiede competenze specifiche e dunque un percorso formativo di livello universitario.
Il corso in scienze turistiche del ponente ligure diverrebbe un polo di attrazione per l’intera regione, e non solo. Le figure professionali così formate potrebbero trovare sbocchi occupazionali anche oltre confine. Il nuovo corso andrebbe ad implementare l’offerta del Polo didattico imperiese, che contando circa 1.200 iscritti rappresenta già una realtà molto significativa nel panorama universitario. 
Dopo questa prima importante riunione di indirizzo, il tavolo si è aggiornato per una ravvicinata riunione tecnica nell’ambito della quale incomincerà a essere definito l’ordinamento didattico, in modo da individuare i corsi di insegnamento più rispondenti alle competenze richieste. Gli enti locali hanno assicurato che non faranno mancare il loro apporto.
Pubblicato il :

 
Torna su