Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Imperia

NOTIZIE

 

 Prosegue l’attività di sensibilizzazione nei confronti del problema alcool

Si è riunito questa mattina in Prefettura il Gruppo di Lavoro  per la realizzazione degli obiettivi previsti dal “Protocollo Alcool Responsabile” allo scopo di definire le iniziative da pianificare nel corso del 2015.
Il Gruppo, coordinato dal Viceprefetto Vicario Reggente, dr.ssa Anna Aida Bruzzese, è composto da un’articolata rete di soggetti a vario titolo interessati al fenomeno dell’abuso di alcool e alla prevenzione dei comportamenti a rischio da parte della popolazione giovanile. Hanno difatti partecipato alla riunione rappresentanti di Questura, Comune di Imperia, Ufficio Scolastico Provinciale, A.S.L. 1 Imperiese, Camera di Commercio e associazioni di categoria dei locali pubblici.
Nel corso dell’incontro si è sviluppato uno scambio di opinioni in merito alle azioni da porsi in essere per la sensibilizzazione a tutto campo sul problema. Dal confronto sono emerse numerose proposte, tutte inserite nel programma di attività per i prossimi mesi.
Queste le iniziative che verranno avviate nel breve periodo.
Nel mese di gennaio si terrà presso la Camera di Commercio la seconda edizione del corso di formazione multidisciplinare rivolto ai gestori dei pubblici esercizi.
Inoltre, sempre all’inizio del 2015, sulla scorta dell’esperienza realizzata durante lo scorso anno scolastico, verrà emanato un nuovo bando di concorso per la realizzazione di un breve filmato autoprodotto incentrato sulle tematiche dell’abuso di alcool. L’iniziativa sarà rivolta agli studenti di tutte le scuole medie superiori della provincia e consentirà alla classe selezionata di partecipare a iniziative di specifico interesse dei giovani, scambi culturali ovvero, come per la precedente edizione del concorso, progetti nell’ambito del circuito di alternanza scuola-lavoro.
I ragazzi delle scuole superiori saranno altresì coinvolti direttamente nell’ideazione di un nuovo marchio - identificativo del progetto istituzionale di prevenzione e responsabilizzazione sul fenomeno - da esporsi nei locali frequentati dai giovani in segno di adesione.  
Pubblicato il :

 Statale Aurelia chiusa a Bordighera per lavori da gennaio

Il Comitato Operativo per la Viabilità  si è riunito in Prefettura il 19 novembre scorso per esaminare le azioni da intraprendere in occasione della prevista demolizione e ricostruzione del ponte per l’adeguamento idraulico del rio Borghetto, atteso che tale intervento comporterà modifiche alla viabilità dell’arteria principale S.S. n. 1 Aurelia nel Comune di Bordighera.
Alla riunione, presieduta dal Viceprefetto Vicario, erano presenti  il Sindaco del Comune di Bordighera accompagnato dal Comandante della Polizia Locale e dai tecnici dell’Ente Locale, i rappresentanti della Questura, della Polizia Stradale, del Comando Provinciale dei Carabinieri, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, dell’ANAS e dell’Autostrada dei Fiori.
Il Sindaco del Comune rivierasco ha illustrato il piano di esecuzione delle opere : i lavori di demolizione e di rifacimento del ponte prevedono una prima fase nella quale verrà effettuata la palificazione cui seguiranno gli interventi strutturali per una durata complessiva di  4 mesi circa, a decorrere dal prossimo mese di gennaio.             
L’esecuzione delle opere, indispensabili per attenuare il rischio esondazione del rio Borghetto, comporteranno un dirottamento del traffico che abitualmente percorre la Strada Statale Aurelia. Dopo attenta analisi sulla proposta del Comandante della Polizia Locale si è convenuto che:
-  il traffico della via Aurelia proveniente da Ventimiglia verrà deviato sull’asse via Pasteur - Romana - deviazione in via G. Rossi e ritorno sulla via Aurelia/Vittorio Emanuele; 
-   i veicoli provenienti da Sanremo, con peso inferiore a 3.5 tonnellate, avranno la possibilità di inserirsi sulla via Romana già all'ingresso del abitato, ovvero potranno seguire la deviazione sull’asse delle vie Vittorio Veneto - Romana - Pasteur - C. Augusto, con possibilità di rientro sulla via Aurelia da via Cagliari - via degli Amici. 
Il Lungomare Argentina, compreso il tratto di collegamento con il Comune di Vallecrosia potrà essere usato dai mezzi di soccorso e nelle situazioni di emergenza.
La variazione del percorso comporterà un aumento dei tempi di percorrenza stimato in circa 10 minuti.
E’ in corso un approfondimento in merito alla percorribilità dei  veicoli con massa superiore a 3,5 e inferiore a 6,5 tonnellate sull’asse delle vie Vittorio Veneto - Romana - Pasteur - C. Augusto, con possibilità di rientro sulla via Aurelia da via Cagliari - via degli Amici, per i mezzi provenienti da Sanremo. I veicoli di portata superiore, comunque, dovranno utilizzare la tratta autostradale Taggia – Ventimiglia e viceversa, per cui sarà predisposta idonea segnaletica sia sulla rete autostradale che nei comuni limitrofi, quali Ventimiglia e Vallecrosia a ovest e Taggia, Sanremo ed Ospedaletti ed est.
In considerazione del rilievo che assume detta modifica della viabilità ordinaria, è emersa la necessità che venga data la massima pubblicità all’entrata in vigore delle ordinanze sindacali di interdizione al traffico del ponte dell’Aurelia che attraversa il rio  Borghetto e alla conseguente indicazione  degli itinerari alternativi da percorrere. Tali informazioni sui tempi e su eventuali precisazioni e modifiche degli itinerari da seguire saranno riportate anche da questo sito web.
Verranno garantiti i servizi del trasporto pubblico che interessano la cittadina rivierasca in virtù di un intese dell’Amministrazione Locale con la società di gestione, Riviera Trasporti, e con la Provincia, ente concedente di tale servizio .
Si soggiunge che sono all’esame forme di intervento nei confronti della società “Autostrada  dei Fiori” per valutare la possibilità di agevolazioni agli automobilisti nel pagamento del pedaggio autostradale per la tratta Taggia - Ventimiglia e viceversa in concomitanza con lo svolgimento dei lavori.
Pubblicato il :

 Sinergie per il ripristino della strada provinciale per Castellaro

Si è svolta nella mattinata del 21 novembre 2014 in Prefettura la riunione per  individuare e coordinare le iniziative degli Enti coinvolti ( Amministrazione provinciale e Comuni di Castellaro, Riva Ligure e Taggia ) per i lavori necessari al completo ripristino della viabilità sulla SP.51 per Castellaro. L’arteria, infatti,  viene interdetta al transito, a titolo precauzionale, ogniqualvolta viene diramato lo stato di allerta metereologica,  attesa la grave compromissione del sito in conseguenza degli eventi alluvionali del gennaio scorso, costringendo gli abitanti del piccolo centro ad un lungo percorso alternativo.
Nell’incontro sono state esaminati  i molteplici aspetti che riguardano la SP.51, dalla messa in sicurezza del sito agli interventi prodromici  alla definitiva sistemazione del suo tracciato, problematiche che richiedono lo sviluppo di sinergie tra gli Enti.
In particolare, a breve l’Amministrazione provinciale avvierà le procedure per aggiudicare le opere di messa in sicurezza che saranno finanziate dalla Regione Liguria  con i fondi destinati a fronteggiare gli interventi urgenti per i danni causati dagli eventi calamitosi del gennaio scorso – che avevano compromesso anche la strada per Castellaro. I lavori , secondo quanto dichiarato dal Presidente della Provincia, avranno inizio tra febbraio e marzo 2014.
Contestualmente verrà avviato un sistema di monitoraggio del sito che consentirà la chiusura automatica della strada qualora venissero rilevati dei movimenti del terreno, ovviando all’attuale modalità di chiusura precauzionale dell’arteria. Si è convenuto, inoltre, di coordinare e raccordare i sistemi di rilevazione di movimenti franosi già pianificati dai singoli Comuni interessati.
Gli stessi Comuni, per i territori di pertinenza, hanno in parte adottato e provvederanno ad emettere ulteriori, apposite ordinanze affinché i proprietari dei terreni  interessati effettuino i lavori di regimentazione delle acque –interventi indispensabili  perché la realizzazione degli interventi sul tracciato stradale non venga vanificata. Per tale motivo, grande attenzione verrà rivolta all’esecuzione delle anzidette ordinanze sindacali, dal momento che le opere di incanalamento delle acque dei fondi privati sono a carico dei privati stessi e, ove necessario, le Amministrazioni comunali dovranno sostituirsi a coloro che non adempiono.
Un ulteriore, complesso e oneroso intervento si richiede peraltro anche per il collettamento delle acque a valle dell’arteria provinciale, nella fascia litoranea. Per tale intervento, poiché al momento non vi sono stanziamenti da parte della Regione Liguria, occorrerà reperire le risorse occorrenti, non ancora quantificate.       
Si è convenuta l’opportunità di esaminare congiuntamente le problematiche che emergeranno nel corso delle varie fasi degli interventi, alla luce delle soddisfacenti sinergie emerse nella riunione.
All’incontro, presieduto del Viceprefetto Vicario reggente, hanno preso parte il Presidente della Provincia ed i Sindaci  e gli assessori dei citati Comuni unitamente ai rispettivi tecnici.
Pubblicato il :

 Un progetto contro il bullismo

Sul sito  http://discobull.dlci.interno.it sono consultabili le attività del progetto 'Abbandono scolastico e bullismo: quali rischi tra i giovani?', promosso dal Ministero dell’Interno e finanziato con il Fondo europeo di sviluppo regionale nell’ambito del Programma operativo nazionale (Pon) ‘Sicurezza per lo Sviluppo’
Il progetto si è concluso il 31 marzo 2014 ed ha coinvolto nove scuole nelle regioni Campania, Calabria, Puglia e Sicilia. L’obiettivo è stato quello di realizzare interventi di prevenzione primaria e di recupero dei ragazzi coinvolti nei fenomeni di dispersione scolastica, bullismo e per la diffusione della sicurezza e della legalità.
Gli interventi promossi hanno comportato la realizzazione di “buone prassi” esportabili anche in altre realtà territoriali.
Hanno aderito all'iniziativa soggetti pubblici e privati attivi sui territori interessati, tra i quali dirigenti scolastici, docenti, giovani a rischio e le famiglie, le prefetture e, in generale, tutte le strutture impegnate in attività per ragazzi.
Pubblicato il :

 I diritti delle persone non udenti : delegazione in Prefettura

Manifestazione dell’Ente nazionale per la protezione e l’assistenza dei sordi (E.N.S.) oggi 11 novembre 2014 a Imperia. L’iniziativa rientra nell’ambito della più ampia attività di protesta nazionale per i diritti delle persone non udenti.
Dopo un corteo presso le principali vie cittadine e conclusosi davanti al Palazzo del Governo, una delegazione, ricevuta presso gli uffici della Prefettura, ha evidenziato le ragioni della mobilitazione con particolare riferimento alla mancata approvazione della Lingua dei Segni Italiana (LIS) ma anche per accelerare l’iter della proposta di legge per l’abbattimento di tutte le barriere della comunicazione. Nell’occasione è stato consegnato un documento per l’inoltro alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Governo.
Nel corso dell’incontro sono state affrontate la maggiori problematiche riguardanti le persone non udenti, con riguardo soprattutto ai bambini sordi - circa una quarantina in provincia di Imperia - iscritti alla scuola dell’obbligo. La delegazione, nel soffermarsi sugli elementi di criticità in ambito scolastico, ha rimarcato la necessità di figure di sostegno con specifiche competenze nell’interpretariato e nell’assistenza alla comunicazione.
A Imperia particolarmente attiva è la sezione provinciale E.N.S. che porta avanti un articolato quadro di iniziative consistenti in servizi di segretariato rivolti agli aderenti ma anche in programmi di sensibilizzazione tesi a ridurre le barriere invisibili e favorire le relazioni interpersonali nonché corsi di formazione finalizzati a diffondere la conoscenza della Lingua dei Segni nella popolazione
Pubblicato il :

 Aggiornamento della situazione:CCS in Prefettura

Il punto della situazione sulle condizioni del territorio a fronte delle abbondanti precipitazioni che hanno interessato e che continuano a riguardare questa provincia è stato oggetto della riunione del Centro Coordinamento Soccorsi (CCS) che si è svolto oggi 11 novembre 2014 in Prefettura.
Presieduto dal Viceprefetto Vicario reggente dr.ssa Anna Aida Bruzzese, all’incontro hanno preso parte il Presidente della Provincia accompagnato dai tecnici della medesima Amministrazione, l’Assessore all’Ambiente e alla protezione civile del Comune di Imperia, i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, della Capitaneria di Porto, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, del Corpo Forestale dello Stato, dell’ANAS, del Servizio di Emergenza dell’A.S.L. “118”, dell’Autostrada dei Fiori, degli Enti erogatori di pubblici servizi  (Riviera Trasporti, ENEL, TELECOM, ITALGAS) e del volontariato.
Dalla disamina degli interventi effettuati emerge  come alcune zone dell’Imperiese siano state interessate da allagamenti di sottopassi, di scantinati, di parcheggi e di negozi, ma la situazione più complessa riguarda la viabilità provinciale e comunale, dove smottamenti e movimenti franosi hanno condotto a molteplici limitazioni della circolazione ( riduzioni delle careggiate con istituzione di sensi unici alternati, introduzioni di limiti sulla portata dei mezzi che possono transitare, ecc). Alcune interdizioni e limitazioni della circolazione, invero, trovano la loro origine nella fragilità infrastrutturale determinata da precedenti eventi meteorici.
Si sono verificate, inoltre, temporanee interruzioni all’erogazioni dell’elettricità per alcuni nuclei abitati, attualmente ripristinate.
Pertanto, è stata richiamata l’attenzione di tutte le componenti della protezione civile a proseguire con massima e costante attenzione l’attività di monitoraggio sia dei movimenti franosi, sia dei corsi d’acqua, nonché di tutte le situazioni di particolare vulnerabilità emerse, predisponendo, inoltre, i dispositivi necessari per dare tempestive risposte per il soccorso alle persone nel caso in cui si configurassero situazioni di pericolo per la pubblica incolumità.
In tale ottica alcuni Sindaci hanno già deciso di attivare i rispettivi C.O.C.(Centro Operativo Comunale), anche al fine di assicurare una regia coordinata degli interventi in sede locale.
In relazione al coordinamento delle emergenze a livello sovracomunale la Prefettura di Imperia ha preallertato i Comuni che sono capofila dei 9 C.O.M. (Centri Operativi Misti) in cui è suddivisa la provincia, in modo che tali organismi possano venire attivati appena questo Ufficio ne riscontrerà la necessità, d’intesa con i Sindaci interessati.
In ragione  degli sviluppi della situazione, non si esclude una nuova riunione del C.C.S. a breve, dal momento che fino alle ore 15 di domani questo territorio è  interessato dallo stato di Allerta 2 – diramato dalla Regione Liguria.

Pubblicato il :

 Un sms contro lo spaccio di sostanze stupefacenti e contro il bullismo

Con l’inizio dell’anno scolastico il Ministro dell’Interno ha avviato un’azione di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti e al fenomeno del bullismo con il coinvolgimento di tutte le componenti interessate, a partire dalle famiglie e dal mondo della scuola.

In particolare, da lunedì 27 ottobre, dopo l’esperienza maturata in provincia di Roma, è stato esteso a livello nazionale un apposito servizio telefonico che consente di segnalare gli episodi in questione mediante l’invio di un sms.

Il numero telefonico prescelto è il 43002. Chiunque può inviare comunicazioni anche in forma anonima riguardanti episodi vissuti o di cui è a conoscenza, indicando il nome della provincia.

Il progetto si inserisce fra le iniziative tese ad affrontare i complessi fenomeni di disagio psicologico e sociale dei più giovani attraverso strumenti di comunicazione molto diffusi fra i ragazzi.

In questa provincia l’argomento è stato esaminato il 22 ottobre scorso in Prefettura nell’ambito di una riunione presieduta dal Viceprefetto Vicario reggente, dr.ssa Anna Aida Bruzzese.

Nel corso dell’incontro - cui hanno partecipato i vertici provinciali delle Forze dell’Ordine, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Imperia e il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale - sono state esposte le finalità del progetto e sono state discusse le modalità operative di funzionamento del nuovo servizio telefonico.

Gli sms inviati giungeranno alla centrale operativa della Questura che disporrà tempestivamente il conseguente intervento o curerà lo smistamento delle segnalazioni ricevute sulla base di quanto previsto dai Piani di Controllo Coordinato del Territorio.

A livello scolastico l’iniziativa è stata discussa il 27 scorso nell’ambito della Conferenza dei Presidi, allargata per l’occasione a un dirigente della Polizia di Stato e ad un ufficiale dei Carabinieri.

Il progetto rappresenta un’implementazione delle attività già avviate da tempo dalle forze di polizia in collaborazione con le istituzioni scolastiche, tese alla diffusione della cultura della legalità fra gli studenti.

Con cadenza trimestrale le forze dell’ordine trasmetteranno alla Prefettura un report sui risultati conseguiti, così da poter effettuare un periodico punto di situazione sui fenomeni in questione e programmare ulteriori attività di prevenzione anche attraverso il diretto coinvolgimento degli studenti, delle associazioni dei genitori e delle forze del volontariato.

La riunione è stata anche occasione per esaminare il trend relativo al consumo delle sostanze stupefacenti – desunto dalle segnalazioni che pervengono al Nucleo Operativo Tossicodipendenze presso questa Prefettura: al riguardo, la Dr.ssa Bruzzese ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa proprio in considerazione dell’aumento, in ambito provinciale, dell’uso in particolare di cannabis tra gli adolescenti.

 

Pubblicato il :

 Riunione del CCS in Prefettura

Nel pomeriggio di oggi 4 novembre 2014 alle ore 17, presieduto dal Viceprefetto Vicario reggente dr.ssa Anna Aida Bruzzese, si è riunito il Centro Coordinamento Soccorsi (CCS), per esaminare la situazione della provincia interessata dal maltempo già da alcune ore (in stato di allerta 1 dalle 12 di ieri) e per adottare idonee misure per il coordinamento degli interventi che si dovessero rendere necessari, a livello sovracomunale, alla luce della diramazione dell’allerta 2 da parte della Regione Liguria - allerta che riguarda il territorio imperiese dalle 17 di oggi fino alla mezzanotte di domani.

Alla riunione erano presenti il Presidente dell’Amministrazione Provinciale, accompagnato dai dirigenti del settore viabilità e protezione civile, il Sindaco di Imperia ed il Sindaco di Diano Marina, il Vice Questore Vicario con il Capo Gabinetto della Questura di Imperia, i rappresentanti del Comando provinciale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, il Comandante della Capitaneria di Porto, i rappresentanti della Polizia di Frontiera e del Centro di Dogana e di Cooperazione di Ventimiglia, il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco insieme al Vice Comandante del medesimo Corpo, il Comandante provinciale del Corpo Forestale dello Stato, il referente del Servizio 118, i rappresentanti di ANAS, di Rete Ferroviaria Italiana, nonché di alcuni tra gli Enti erogatori di servizi al pubblico (telefonia e gas) ed il referente del volontariato di protezione civile.

I presenti hanno relazionato, per le parti di rispettiva competenza, sugli interventi effettuati nell’emergenza (principalmente per allagamenti e per ripristino viabilità) e sulle iniziative adottate (chiusura scuole e strade a titolo precauzionale).

Alla luce di quanto è emerso, è stato disposto che i Comuni capofila (Ventimiglia, Bordighera, Camporosso, Sanremo, Taggia, Pieve di Teco, Pontedassio, Imperia, Diano Marina) dei 9 Centri Operativi Misti in cui è divisa la provincia pre-allertino le componenti dei rispettivi C.O.M. affinché tali organismi sovracomunali di raccordo e di coordinamento nell’emergenza possano essere attivati, se le circostanze lo richiedono, nelle prossime ore.

Massima e costante, infatti, è l’attività di monitoraggio del territorio e delle situazioni di rischio da parte di tutte le componenti del sistema di protezione civile nonché l’operatività dei dispositivi di emergenza per soccorso alla popolazione che hanno il loro punto di coordinamento nel CCS in Prefettura.

Pubblicato il :

 
Torna su