Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Genova

Spettacolo

Presso la Prefettura è istituita la Commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo. La Commissione, come prevede l'art. 142 del Regolamento per l'esecuzione del T.U.L.P.S. (R.D. 6.5.1940, n. 635)
 
  • Esprime un parere sui progetti di nuovi locali di pubblico spettacolo e impianti sportivi, o di sostanziali modificazioni a quelli esistenti (c.d. parere di fattibilità);
  • verifica le condizioni di solidità, di sicurezza e di igiene dei locali realizzati o ristrutturati (c.d. verifica dell'agibilità).
 
 
L'art. 4 del D.P.R. 28 maggio 2001 n. 311, modificando gli artt. 141 e 142 del Regolamento R.D. 6.5.1940 n. 635, ha previsto le competenze della Commissione Provinciale di Vigilanza Locali Pubblico Spettacolo in relazione a:
  • locali cinematografici o teatrali con capienza superiore a 1300 spettatori;
  • spettacoli viaggianti con capienza superiore a 1300 spettatori;
  • altri locali o impianti con capienza superiore a 5000 spettatori;
  • parchi di divertimento e attrezzature da divertimento meccaniche o elettromeccaniche che comportino sollecitazioni fisiche degli spettatori o del pubblico partecipante ai giochi superiori ai livelli indicati con decreto del Ministro dell'Interno, di concerto con il Ministro della Sanità;
  • manifestazioni temporanee con affluenza di pubblico superiore alle 5000;
  • locali, impianti ed attività di pubblico spettacolo con capienze inferiori a quelle sopra riportate, ma ricadenti in Comuni presso i quali la commissione comunale non è istituita o le sue funzioni non sono esercitate in forma associata.
 
Dirigente: vice prefetto Maria Pia GIACOBONE
Responsabile del procedimento: vice prefetto Maria Pia GIACOBONE
Funzionario Addetto :Roberta PASTORINO
Ubicazione: Largo San Giuseppe, 18 (piano settimo)
Orario di apertura al pubblico: su appuntamento
Telefono: 010.5360.460
Indirizzo di posta elettronica: roberta.pastorino(at)interno.it
 
Chi può fare la richiesta
Gestori di locali pubblici e organizzatori di manifestazioni pubbliche possono presentare domanda per la verifica di agibilità e/o il parere di fattibilità tramite il Comune competente al rilascio della licenza di agibilità e di esercizio.
 
Cosa fare
Il parere e la verifica vengono richiesti dal Comune ove ha sede il locale o l'impianto competente a rilasciare la licenza di agibilità (art. 80 T.U.L.P.S.) e di esercizio (art. 68 T.U.L.P.S.), ove prevista. Le relative domande devono essere indirizzate al Sindaco, che provvederà ad inoltrarle alla competente Prefettura-U.T.G., e devono contenere le seguenti indicazioni:
1) Tipo di richiesta:
 
 A. Esame progetto per parere preventivo di fattibilità. Specificare se si tratta di:
   nuova realizzazione;
  •    variazione allo stato attuale;
  •    adeguamento alle norme vigenti;
  •    integrazione a precedente progetto;
  •    attuazione di precedenti prescrizioni.
  B. Sopralluogo per verifica dell'agibilità.
 
 
2) Tipo di attività (con riferimento al Decreto del Ministro dell'Interno 19.8.1996 "Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo" -, S.O. n. 149 alla G.U., S.G. n. 214 del 12.9.1996 - art. 1 per i locali di pubblico spettacolo e al Decreto 18.3.1996 "Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio degli impianti sportivi" -, S.O. n. 61 alla G.U., S.G. n. 85 dell'11.4.1996 - art. 1 per gli impianti sportivi).
 
 
3) Dati relativi al proprietario (o al responsabile legale dell'attività, se l'immobile è condotto in locazione):
  •    Nome e cognome;
  •    data e luogo di nascita;
  •    residenza;
  •    recapito telefonico.
 
 4) Nome, cognome e recapito telefonico del progettista.
   
5) Eventuali riferimenti a precedenti atti della C.P.V.L.P.S. (citare n. di protocollo e data).
 
 6) Elenco dei documenti tecnici allegati alla domanda.
 
 
 
Documentazione richiesta
Riferimenti normativi
  • Art. 19 D.P.R. n. 616 del 24 luglio 1977
  • Art. 80 del T.U.L.P.S
  • Artt. 141 e 142 del Regolamento di attuazione del T.U.L.P.S.
  • D.P.C.M. 1/3/1991 (limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno)
  • D.P.C.M. 12.3.1994 (Istituzione del Dipartimento dello Spettacolo)
  • D.P.C.M. 8.9.1994 (Determinazione dei criteri per la concessione dell'autorizzazione all'apertura di sale cinematografiche)
  • D.P.R. 28 maggio 2001 n. 311 regolamento per la semplificazione dei procedimenti relativi alle autorizzazioni per lo svolgimento di attività disciplinate dal T.U.L.P.S.
  • Decreto del Ministero dell'Interno 25.8.1989 (norme per la sicurezza, per la costruzione e l'esercizio di impianti sportivi
  • Decreto del Ministero dell'Interno datato 22.2.1996 n. 261 regolamento recante norme sui servizi di vigilanza antincendio da parte dei Vigili del Fuoco sui luoghi di spettacolo e di trattenimento
  • Decreto del Ministero dell'Interno del 12.4.1996 sulle regole tecniche di prevenzione incendi per gli impianti termici alimentati da combustibili gassosi
  • Decreto legge 30.9.1994 n. 562
  • Decreto Ministero dell'Interno 18/3/1996 n. 61 "Norme per la costruzione e la sicurezza degli impianti sportivi", coordinato con le modifiche e le integrazioni introdotte con decreto del Ministro dell'Interno del 06 Giugno 2005
  • Decreto Ministero dell'Interno del 19/8/1996 n. 149 sull'approvazione delle regole tecniche di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio di locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo
  • Legge 9.1.1989, n. 13 "Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati"
  • D.P.R. 24.7.1996 n. 503
  •  D.P.R. 28 maggio 2001 n. 311;
  • Circolare telegrafica del Ministero dell'Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza del 7 giugno 2017;
  • Circolare del Ministero dell'Interno - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del 19 giugno 2017 " Manifestazioni pubbliche. Indicazioni di carattere tecnico in merito a misure di safety ";
  • Circolare del Ministero dell'Interno - Dipartimento dei Vigili del Fuoco del 20 luglio 2017 "Manifestazioni organizzate in aree di libero accesso al pubblico. Indicazioni operative";
  • Circolare del Ministero dell'Interno - Gabinetto del Ministro del 28 luglio 2017 "Modelli organizzativi per garantire alti livelli di sicurezza in occasione di manifestazioni pubbliche. Direttiva";
  • Circolare del Ministero dell'Interno - Gabinetto del Ministro del 18 luglio 2018 protocollo n. 11001/1/110/(10) "Modelli organizzativi e procedurali per garantire alti livelli di sicurezza in occasione di manifestazioni pubbliche. Direttiva" , le cui allegate linee guida sostituiscono le " Linee guida ", allegate alla Circolare del Ministero dell'Interno - Gabinetto del Ministro del 28 luglio 2017, quale utile supporto per l'individuazione delle più idonee misure di contenimento del rischio in relazione a manifestazioni caratterizzate da rilevanti profili di complessità o delicatezza.  

Data pubblicazione il 26/09/2006
Ultima modifica il 07/05/2020 alle 14:43

 
Torna su