Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Genova

Ricorsi avverso i provvedimenti del sindaco quale ufficiale del governo

Ricorsi avverso i provvedimenti del sindaco quale ufficiale del governo
 
I cittadini possono presentare ricorso gerarchico al Prefetto avverso i seguenti atti, non definitivi, adottati dal Sindaco:
  1.  diniego di iscrizione o di cancellazione  di un soggetto e/o di un nucleo familiare dall'anagrafe della popolazione  residente
  2.  iscrizione d'ufficio all'anagrafe della popolazione residente o trasferimento della residenza 
  3. rifiuto di rilasciare un certificato anagrafico o rilascio di un certificato contenente errori
 
Dirigente:  vice prefetto Maria Pia GIACOBONE
Responsabile del procedimento:  vice prefetto Maria Pia GIACOBONE
Funzionario addetto: 
Beatrice BRUZZONE

Ubicazione:  Largo San Giuseppe, 18 (piano settimo)
Orario di apertura al pubblico:  su appuntamento
Telefono: 
010.5360.459
Indirizzo di posta elettronica: 
beatrice.bruzzone(at)interno.it  
Indirizzo P.E.C.: entilocali.prefge(at)pec.interno.it
 
 
Chi può fare ricorso
Il destinatario del provvedimento dell'Ufficiale d'Anagrafe e, comunque,  chiunque abbia un interesse giuridicamente rilevante.


Cosa fare
Il ricorso deve essere proposto alla Prefettura-U.T.G. della provincia  in cui ha sede il Comune che ha emesso l'atto nel  termine di trenta giorni  dalla data della notifica  del provvedimento dell'Ufficiale d'Anagrafe.
Il ricorso può essere inviato a mezzo P.E.C. all'indirizzo entilocali.prefge(at)pec.interno.it ,  può essere spedito alla Prefettura-U.T.G. mediante lettera raccomandata e, in tal caso, la data di spedizione vale quale data di presentazione, oppure può essere consegnato a mano all'Ufficio previo appuntamento.

Il Prefetto, compiuti i necessari accertamenti può:
- sospendere gli effetti del provvedimento impugnato
- respingere il ricorso, se riconosce infondato il ricorso
- accogliere il ricorso ed annullare o riformare l'atto impugnato  

Contro il provvedimento del Prefetto è ammesso ricorso giurisdizionale al Tribunale competente per territorio nei tempi e con le modalità indicate dal codice di procedura civile.

Documentazione richiesta
  1. ricorso con apposta marca da bollo telematica da 16,00 euro
  2. ogni atto o documento utile a sostenere le motivazioni del ricorso  
Riferimenti normativi
 
  • Legge 24 dicembre 1954, n. 1228
  • D.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199
  • D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223


Data pubblicazione il 26/09/2006
Ultima modifica il 05/05/2020 alle 14:47

 
Torna su