Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Genova

Emersione di rapporti di lavoro

Emersione rapporti di lavoro
Nella G.U. n. 128 del 19-5-2020, è stato pubblicato il Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020, che ha l'obiettivo di favorire l'emersione di rapporti di lavoro irregolare in corso con cittadini stranieri, nonché di rilasciare permessi di soggiorno temporanei ai cittadini stranieri che ne erano già in possesso, scaduti dal 31 ottobre 2019 non rinnovati né convertiti in altro titolo di soggiorno.
 
Le disposizioni si applicano esclusivamente ai seguenti settori di attività:
  • agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse;
  • assistenza alla persona per se stessi o per componenti della propria famiglia, ancorché non conviventi, affetti da patologie o handicap che ne limitino l'autosufficienza;
  • lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare.
Le istanze possono essere presentate unicamente dal datore di lavoro dal 1° giugno 2020 al 15 luglio 2020 rispettivamente presso:
a) l'I.N.P.S., per le domande di emersione di cittadini italiani e comunitari;
b) lo Sportello Unico per l'Immigrazione presso la Prefettura per le domande di emersione per i lavoratori stranieri non comunitari ;
c) la Questura per il rilascio dei permessi di soggiorno ai lavoratori stranieri con contratto di soggiorno scaduto;
La domanda allo Sportello Unico della Prefettura (caso b) possono essere presentate esclusivamente   con   modalità informatiche dalle ore 7,00 alle ore 22.00 dal 1° giugno 2020 al 15 luglio   2020 attraverso l'applicativo all'indirizzo  https://nullaostalavoro.dlci.interno.it .
 
NON SARANNO ACCETTATE ISTANZE INOLTRATE IN MODALITA' DIVERSE
Lo Sportello Unico, dopo aver ricevuto le domande, avvierà la trattazione in ordine cronologico, dopo avere ricevuto i pareri della Questura e dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro.
 
Qualora ambedue i pareri siano favorevoli (e non vi siano motivi ostativi) il datore di lavoro e il lavoratore, saranno convocati presso lo Sportello Unico della Prefettura, per la stipula del contratto di soggiorno che andrà firmata dalle parti.
Lo straniero deve dimostrare di essere presente nel territorio nazionale da una data anteriore all'8 marzo 2020.
Ai fini dell'accesso alla procedura, è previsto il pagamento di un contributo di 500 per ciascun lavoratore, e di un ulteriore contributo forfettario per le somme dovute dal datore di lavoro a titolo retributivo, contributivo e fiscale, che sarà determinato in seguito.
Riferimenti normativi:
D.L. n. 34/2020 art.103
Decreto 27 maggio 2020 del Ministro dell'Interno di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, sulle modalità di presentazione dell'istanza di emersione di rapporti di lavoro
Ulteriori approfondimenti nel sito web del Ministero dell'Interno


Data pubblicazione il 12/06/2020
Ultima modifica il 26/11/2020 alle 08:00

 
Torna su