Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Forlì-Cesena

Comunicati stampa elezioni

 

 Elezioni della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica di domenica 4 marzo 2018: indicazioni sulle modalità di voto degli elettori residenti all'estero e in materia di propaganda elettorale.

In vista dello svolgimento delle elezioni politiche del 4 marzo 2018, il Ministero dell'Interno , con circolare n. 1/2018 dello scorso 5 gennaio, nel fornire ulteriori indicazioni per quanto riguarda le modalità di voto degli elettori residenti, anche temporaneamente, all'estero, ha ritenuto utile richiamare sinteticamente le scadenze ed i principali adempimenti prescritti dalla normativa vigente in materia di propaganda elettorale, di seguito indicati sommariamente:

 

a) Parità di accesso ai mezzi di informazione durante la campagna elettorale
b) Delimitazione ed assegnazione di spazi per le affissioni di propaganda elettorale
c) Inizio della propaganda elettorale. Divieto di alcune forme di propaganda
d) Propaganda elettorale fonica su mezzi mobili
e) Uso di locali comunali
f) Agevolazioni fiscali
g) Diffusione di sondaggi demoscopici e rilevazioni di voto da parte di istituti demoscopici
h) Inizio del divieto di propaganda elettorale
 

            Per una più approfondita lettura delle indicazioni in  tal senso fornite, si invita a voler consultare l 'apposita sezione sul sito di questa Prefettura , ove è stata inserita la richiamata circolare ministeriale con relativi allegati.
 

 
Pubblicato il :

 Elezioni della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica del 4 marzo 2018

Elezioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica di domenica 4 marzo 2018 : termini e modalita' di esercizio dell'opzione degli elettori residenti all'estero per il voto in Italia.

 

Il Presidente della Repubblica, con decreti del 28 dicembre 2017, pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 29 dicembre 2017, ha proceduto allo scioglimento del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati e alla convocazione dei comizi elettorali per il giorno di domenica 4 marzo 2018.

 

         Con altri due decreti presidenziali, nella medesima data del 28 dicembre 2017, è stata disposta, distintamente per la Camera dei deputati e per il Senato della Repubblica, l'assegnazione del numero dei seggi spettanti, rispettivamente, alle circoscrizioni elettorali o regioni del territorio nazionale, ai collegi plurinominali all'interno delle circoscrizioni o regioni stesse e alle ripartizioni della circoscrizione Estero.

 

In vista, pertanto, della prossima consultazione elettorale, il Ministero dell'Interno, con circolare in data 29 dicembre 2017, ha richiamato i primi adempimenti da porre in essere per l'organizzazione del procedimento elettorale.

In particolare, per ciò che attiene i termini e le modalità di esercizio di voto degli elettori residenti all'estero il succitato Ministero dell'Interno ha evidenziato che i medesimi, ai sensi della legge 27 dicembre 2001, n. 459 e del D.P.R. 2 aprile 2003 n. 104, votano per corrispondenza per eleggere i propri rappresentanti alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica scegliendoli fra i candidati che si presentano nella propria ripartizione della circoscrizione Estero.

La predetta normativa, nel prevedere la modalità di voto per corrispondenza da parte di tali elettori - i cui nominativi vengono inseriti d'ufficio nell'elenco degli elettori residenti all'estero - fa comunque salva la possibilità dei medesimi elettori di optare per il voto in Italia, in favore di candidati della circoscrizione nella quale è ricompreso il proprio comune d'iscrizione nelle liste elettorali.

L'opzione è valida solo per una consultazione elettorale. Conseguentemente la scelta di votare in Italia eventualmente espressa in occasione di precedenti consultazioni ha esaurito ogni efficacia.

Il suddetto diritto, ove non sia già esercitato in corso d'anno 2017 con espresso riferimento alle prossime elezioni politiche e cioè, entro l'anno precedente a quello previsto per la scadenza naturale della legislatura (marzo 2018), può essere esercitato, per effetto dell'avvenuto scioglimento anticipato delle Camere, entro il 10° giorno successivo all'indizione delle elezioni (a decorrere dalla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del relativo decreto di indizione) anche utilizzando un modello appositamente predisposto.

Tale modello di opzione dovrà pervenire entro il termine sopraindicato all'ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza. Pertanto, qualora esso venga inviato per posta, l'elettore ha l'onere di accertarne la ricezione, da parte dell'Ufficio consolare, entro il termine prescritto. L'opzione può essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio.

Nell'evidenziare come sarà predisposto sul sito di questa Prefettura U.T.G. apposita sezione nella quale saranno pubblicate circolari ed altre comunicazioni inerenti le consultazioni in argomento, si comunica che il modello in questione predisposto dal Ministero degli Affari Esteri, potrà comunque essere reperito presso i consolati, i patronati, le associazioni, i "Comites", oppure in via informatica sul sito del proprio Ufficio consolare.

 

Forlì 3 gennaio 2018
Pubblicato il :

 
Torna su