Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Forlì-Cesena

Cosa puo' fare chi riceve un verbale per violazione delle norme Covid19?

 
PAGARE IL VERBALE :
 
  • VERBALI PER VIOLAZIONI NOTIFICATE FINO AL 15 MAGGIO :
- 15 Giugno per il pagamento scontato del 30%;
- 15 Luglio per il pagamento in misura ridotta. 
 
  • VERBALI PER VIOLAZIONI NOTIFICATE TRA IL 16 E IL 31 MAGGIO :
- 30 giorni per il pagamento scontato del 30%;
- 60 giorni per il pagamento in misura ridotta.
 
  • VERBALI PER VIOLAZIONI NOTIFICATE DAL 1 GIUGNO IN POI :
- 5 giorni per il pagamento scontato del 30%;
- 60 giorni per il pagamento in misura ridotta.
 
Il pagamento, in tutti i casi, dovrà essere eseguito con bonifico bancario,  IBAN IT12A0100003245350014356006, intestato alla Tesoreria Centrale di Roma, sul quale l'interessato dovrà indicare, quale CAUSALE il numero del verbale di contestazione e la provincia ove è avvenuto l'accertamento (Forlì-Cesena) .
 
 
CHIEDERE LA RATEIZZAZIONE :
 
La normativa vigente non contempla la rateizzazione del verbale di accertamento, ma prevede unicamente la possibilità per l'interessato di chiedere la rateizzazione dell'ordinanza ingiuntiva, emessa dal Prefetto una volta che sono decorsi i 60 giorni per poter effettuare il pagamento del verbale.
Tuttavia, l'interessato potrà far pervenire il modello ISTANZA RATEIZZAZIONE VERBALE/ORDINANZA INGIUNTIVA , che sarà tenuto in debito conto da questo Ufficio al momento della redazione dell'ordinanza-ingiunzione .
 
NOTA BENE: In caso di rateizzazione non si potrà beneficiare dello sconto del 30% , pertanto, le rate saranno calcolate sull'importo della sanzione NON scontato.
 
 
PRESENTARE SCRITTI/DOCUMENTI DIFENSIVI :
 
 
Il trasgressore che vuole CONTESTARE UN VERBALE ACCERTATO IN PROVINCIA DI FORLI'-CESENA , può presentare scritti difensivi   con il MODULO PER PRESENTARE RICORSO , entro 30 giorni dalla contestazione o notificazione del verbale .
 
Per i verbali ricevuti fino al 15 maggio 2020, i 30 giorni a disposizione dell'interessato cominciano a decorrere dal 16 maggio 2020. Per i verbali ricevuti dal 16 maggio in poi, il termine di 30 giorni comincia a decorrere dal giorno della contestazione o notificazione del verbale.
 
Nello scritto andranno indicate le argomentazioni difensive ed eventuali  documenti/materiale fotografico a sostegno delle proprie motivazioni . Andrà inoltre allegata copia del verbale che si intende contestare .
 
Nel caso si ritenga utile, l'interessato potrà chiedere di essere sentito personalmente .
 
Nella medesima istanza, nell'eventualità che le tesi difensive non vengano accolte, e nel caso in cui non si intenda ricorrere avverso la successiva ordinanza-ingiunzione innanzi al Giudice di Pace, si potrà richiedere di poter usufruire della rateizzazione della somma ingiunta con ordinanza .
 
Gli scritti difensivi di cui sopra dovranno essere trasmessi a questa Prefettura con le seguenti modalità:
- a mezzo raccomandata A/R alla Prefettura di Forlì-Cesena-Area III/Ufficio Depenalizzazione, al seguente indirizzo: Piazza Ordelaffi, nr. 2-47121 Forlì (FC) oppure
-  tramite P.E.C. al seguente indirizzo:  protocollo.preffc(at)pec.interno.it
 
La presentazione degli scritti difensivi è totalmente gratuita .
 
 
COME PROSEGUE IL PROCEDIMENTO :
 
 
Valutate le memorie difensive e svolta l'eventuale audizione , questo Ufficio:
 
1) se ritiene di accogliere gli scritti difensivi presentati , emette ordinanza motivata di archiviazione ed il procedimento si intenderà concluso favorevolmente nei confronti del ricorrente;
 
2) se ritiene di NON accogliere gli scritti difensivi, emette ordinanza-ingiunzione con la quale determina la somma dovuta per la violazione e ne ingiunge il pagamento, insieme con le spese, all'autore della violazione ed, eventualmente, all'obbligato in solido.
 
In quest'ultimo caso, l'interessato potrà:
 
a) effettuare il pagamento della somma indicata nell'ordinanza-ingiunzione;
b) chiedere la rateizzazione della somma , ove ne sussistano le condizioni (condizioni economiche disagiate);
c) presentare ricorso, entro 30 giorni dalla notifica dell'ordinanza-ingiunzione, all'Autorità Giudiziaria competente , indicata sulla medesima ordinanza.
 
In proposito si specifica che, vista l'emergenza sanitaria in atto,   il termine di 30 giorni inizia a decorrere dal 16 maggio 2020 .
Infine, decorso inutilmente il termine fissato per il pagamento o in caso di rigetto del ricorso dinanzi all'Autorità Giudiziaria, si procederà alla riscossione delle somme dovute mediante formazione di ruolo esattoriale, con le ulteriori maggiorazioni di legge.
 
 
PER INFORMAZIONI ULTERIORI CHIAMARE IL NUMERO 0543/719111
Oppure SCRIVERE UNA MAIL ( SPECIFICANDONE L'OGGETTO ) ALL'INDIRIZZO
 
 

Data pubblicazione il 21/05/2020
Ultima modifica il 09/06/2020 alle 10:59

 
Torna su