Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Firenze

NOTIZIE

 

 LA CORTE DEI CONTI CELEBRA LA PROPRIA STORIA

 

 

A Firenze il convegno "150 anni della prima parifica del Rendiconto Generale dello Stato" promosso dalla Corte dei Conti per ripercorrere l'evoluzione della propria storia e del proprio ruolo di garanzia.

 

Si è tenuto oggi nel Salone Carlo VIII di Palazzo Medici Riccardi, sede della Prefettura di Firenze, il convegno " 150 anni dalla prima parifica del Rendiconto Generale dello Stato ", promosso dalla Presidenza della Corte dei Conti e dalla Sezione regionale di controllo per la Toscana. Un momento di riflessione che prende lo spunto da una storica ricorrenza, la prima approvazione del pareggio del bilancio statale, avvenuta il 19 febbraio 1870 a Firenze, allora capitale del Regno d'Italia, per ripercorrere l'evoluzione delle strutture contabili e la loro funzione di custodi della gestione finanziaria corretta e trasparente dello Stato e delle Regioni. Un tema sempre di grande attualità perché la parificazione del rendiconto generale offre ogni anno la fotografia della situazione finanziaria dell'intero Paese, rappresentando per l'intera comunità un prezioso strumento di conoscenza dell'attività svolta dalle pubbliche amministrazioni e per gli organi rappresentativi l'opportunità di interventi legislativi per meglio centrare gli obiettivi di contabilità pubblica.

I lavori, introdotti e presieduti dal presidente della Corte dei Conti Angelo Buscema , sono stati aperti dagli interventi di Laura Lega , prefetto di Firenze, di Cristina Zuccheretti , presidente della Sezione regionale di controllo per la Toscana, di Eugenio Giani , presidente del Consiglio regionale toscano e di Dario Nardella sindaco di Firenze.

Quindi illustri relatori, partendo dalla consultazione di testi originari dell'epoca, hanno tracciato la storia dell'alta istituzione contabile, articolata in due sessioni.

Nella prima, "Firenze capitale, il contesto politico amministrativo post-unitario ed il ruolo della Corte dei conti", sono intervenuti Cosimo Ceccuti (presidente della "Fondazione Spadolini" e direttore "Nuova Antologia), Bernardo Sordi (professore ordinario di Storia del diritto medievale e moderno dell'Università degli Studi di Firenze) e Luciano Cimbolini (dirigente Servizi ispettivi di finanza pubblica della Ragioneria Generale dello Stato).

Nella seconda, "L'evoluzione della contabilità pubblica, dei controlli e del giudizio di parifica", si sono tenute le relazioni di Bernardo Giorgio Mattarella (professore ordinario di Diritto amministrativo della LUISS "Guido Carli" di Roma) e Carlo Chiappinelli (presidente della Sezione centrale controllo gestione delle amministrazioni dello Stato).

Ha concluso il convegno il vice presidente della Corte costituzionale, Aldo Carosi .

 

Firenze, 19 febbraio 2020

Pubblicato il
:

 'CORONAVIRUS", AL VIA MONITORAGGIO TEMPERATURA VIAGGIATORI IN ARRIVO DA VOLI INTERNAZIONALI

Secondo le direttive della Protezione civile nazionale. In Toscana lo faranno i volontari delle Misericordie.

Partirà nelle prossime ore negli aeroporti Galileo Galilei di Pisa e Amerigo Vespucci di Peretola il monitoraggio della temperatura corporea di tutti i viaggiatori in arrivo da voli internazionali.

Si tratta di una direttiva della Protezione civile nazionale, alla cui applicazione è preposto l'Usmaf (Ufficio sanitario marittimo aereo e di frontiera). In Toscana saranno i volontari della Misericordia a svolgere questo compito: prima soltanto a Pisa e Peretola, in attesa di mettere presto a regime anche l'aeroporto di Grosseto e il porto di Livorno.

Secondo la procedura concordata tra Ministero della salute e Protezione civile (inviata con una circolare a tutte le Regioni), ai viaggiatori verrà misurata la temperatura con un termometro laser e verrà sottoposto un quesito anamnestico: provenienza, sintomatologia, ecc. Se hanno temperatura superiore a 37,5 gradi, provengono da zone a rischio e rientrano nei casi sospetti previsti dalle linee guida del Ministero della salute (recepite dal protocollo regionale), dovrà essere subito attivato il 118 e i viaggiatori trasportati nell'ospedale di riferimento. Sono ospedali di riferimento tutti quelli in cui è presente un reparto di malattie infettive.

Pubblicato il
:

 "CORONAVIRUS", TASK FORCE REGIONALE

E l'immediata attivazione di un'indagine epidemiologica, perché i due cinesi ricoverati allo Spallanzani di Roma hanno soggiornato due giorni a Firenze. Queste le novità da parte della Regione per quanto riguarda il coronavirus.

La Regione ha istituito una task force per garantire tutti gli interventi attualmente ed eventualmente necessari nel caso di una possibile diffusione del coronavirus, per tradurre a livello regionale le indicazioni del Ministero. La task force, permanentemente attiva, è coordinata da Emanuela Balocchini, dirigente del settore prevenzione collettiva della Regione. Della task force fanno parte le direzioni sanitarie delle aziende, le competenze di laboratorio, l'organizzazione del 118 e la componente sanitaria della Protezione civile, l'Ars (Agenzia regionale di sanità), l'igiene pubblica, la rappresentanza di medici di medicina generale e pediatri, un rappresentante delle terapie intensive, malattie infettive, pronto soccorso, servizio prevenzione e protezione, e una componente delle professioni sanitarie, a cui si affiancano le competenze regionali dei settori ospedaliero e territoriale e quello della comunicazione e ufficio stampa.

Sulle pagine del sito della Regione, all'indirizzo https://www.regione.toscana.it/-/coronavirus , si possono trovare le informazioni e i link utili per conoscere meglio il fenomeno del coronavirus 2019-nCoV. Cos'è, come si contrae, come proteggersi, i sintomi, il trattamento; a chi rivolgersi in caso di sintomi, le indicazioni del Ministero.

E' giunta alla Regione notizia ufficiale che i due cittadini cinesi ricoverati allo Spallanzani di Roma con positività al coronavirus sono passati da Firenze, dove hanno soggiornato due giorni. La Regione ha immediatamente attivato l'indagine epidemiologica, per individuare i possibili contatti a rischio (contatto stretto, ravvicinato e continuo).

"E' improbabile - dichiara il dottor Danilo Tacconi, direttore di Malattie infettive A.S.L. Toscana sud est - che i due cittadini cinesi possano aver contagiato altre persone nelle varie città visitate, perché il virus si trasmette solo con un contatto molto ravvicinato ("contatto stretto"), con il quale si intende, secondo le indicazioni ministeriali: esposizione dovuta ad assistenza sanitaria, compresa assistenza diretta a pazienti affetti da nCoV, lavorare con operatori sanitari infettati da nCoV, visitare pazienti o permanere nello stesso ambiente di un paziente con nCoV; lavorare a stretto contatto o condividere la stessa classe con un paziente con nCoV; viaggiare con un paziente con nCoV, con qualsiasi mezzo di trasporto; vivere nella stessa casa di un paziente con nCoV".

Le autorità sanitarie della Regione sono in contatto stretto e continuo con le Prefetture, i sindaci, il console generale della Repubblica Popolare Cinese a Firenze Wang Wengang, per monitorare costantemente la situazione e mettere in atto tutte le iniziative che via via si renderanno necessarie.

È attualmente in corso una riunione del Comitato operativo della Protezione civile nazionale con i rappresentanti delle Regioni, alla quale partecipano il coordinatore della task force regionale e il direttore del Dipartimento salute della Regione Toscana.

A seguito delle prime indicazioni del Ministero, Estar (Ente di supporto tecnico amministrativo regionale) ha immediatamente effettuato gli acquisti necessari, per una cifra complessiva di 200.000 euro: mascherine (per ora 287.000, altre 11.500 arriveranno entro la metà di febbraio), e camici (135.000, altri 17.000 sono in arrivo).

 

 
Pubblicato il
:

 "CORONAVIRUS": LA CIRCOLARE DEL DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO

Pubblichiamo la circolare del Ministero dell'interno, Dipartimento dei vigili del fuoco, con le raccomandazioni di natura precauzionale a tutela della salute.

Segnaliamo tra l'altro:

L'Organizzazione Mondiale per la Sanità rende continuamente disponibili sul proprio indirizzo web informazioni continuamente aggiornate sullo stato di diffusione mondiale, e sui progressi nella lotta al virus. In particolare ai fini dell'autoprotezione individuale dal contagio l'O.M.S. raccomanda i seguenti punti, che hanno lo scopo di ridurre l'esposizione e limitare il raggio di trasmissione di patologie e che includono igiene delle mani e respiratoria nonché un approccio sicuro all'alimentazione:
  • Lavare frequentemente le mani strofinandole bene usando soluzioni alcoliche o acqua e  sapone;
  • Coprire con il gomito flesso o con un fazzoletti di carta la bocca e il naso quando si  starnutisce o si tossisce;
  • Evitare contatti ravvicinati con chiunque abbia febbre e tosse;
  • Se si riscontrano febbre, tosse e difficoltà respiratorie ricercare immediatamente cure mediche e riferire il percorso e i luoghi in cui si è stati al medico;
  • Evitare contatti con animali vivi in aree mercatili;
  • Evitare il consumo di carne e prodotti animali crudi o poco cotti.
  • Gestire con attenzione carne cruda, latte e organi animali per evitare episodi di contaminazione incrociata con cibi crudi.
Pubblicato il 03/02/2020
Ultima modifica il 03/02/2020 alle 10:08:47

 
Torna su