Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Firenze

Comunicati Stampa

 

 VIOLENZA SUI MINORI, ESPERTI A CONFRONTO

 

 

 

A Palazzo Medici Riccardi il convegno "La violenza sui minori: strumenti e prospettive di azione" organizzato d'intesa con Telefono Azzurro.

Un patto sociale tra istituzioni e società civile è il messaggio che emerge dal convegno "La violenza sui minori: strumenti e prospettive di azione" che il prefetto Laura Lega ha organizzato oggi a Palazzo Medici Riccardi, d'intesa con Telefono Azzurro. Una mattinata dedicata a una riflessione a più voci su un tema protagonista delle cronache di tutti giorni, in cui i bambini e gli adolescenti non solo sono oggetto di violenza fisica e morale e di violenza assistita, ma sempre più spesso prendono anche parte a fatti criminosi. "Se una società come quella attuale non riesce ad espungere un fenomeno che incrina così profondamente il nostro sistema di valori, ha dichiarato il prefetto Laura Lega nel suo intervento di saluto, è una società che ha un corto circuito etico. Dobbiamo chiamare tutti a responsabilità perché si possa realmente stringere un patto sociale forte tra istituzioni e società civile per affrontare questo fenomeno sempre più drammatico in maniera corale e fare uno scatto in più". Creare un rete in cui anche i cittadini possono rivestire un ruolo fondamentale, non solo dimostrando dissenso sociale nei confronti di coloro che perpetrano reati e comportamenti sbagliati verso i minori, ma anche concreta vicinanza e solidarietà verso chi è in difficoltà. "Siamo una comunità solidale e coesa, composta di cittadini attivi, ha sottolineato il prefetto, e questo ci impone di trovare vigorose sinergie non solo tra istituzioni, ma anche con il mondo del volontariato, dello sport e della scuola in tutte le sue declinazioni".


Dopo l'introduzione del prefetto Laura Lega e il saluto del sindaco Dario Nardella, si è tenuta una tavola rotonda a cui hanno partecipato gli attori più competenti del territorio e qualificati esperti della materia per fare il punto sul fenomeno da tutte le angolazioni. Moderati dal direttore del Corriere Fiorentino, Paolo Ermini, sono intervenuti il cardinale Giuseppe Betori, il presidente di Telefono Azzurro Ernesto Caffo, il procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Firenze Giuseppe Creazzo, il procuratore presso il Tribunale dei Minorenni Antonio Sangermano, il presidente dell'Istituto degli Innocenti Maria Grazia Giuffrida, l'assessore al Welfare del Comune di Firenze Sara Funaro, la professoressa Ersilia Menesini del Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell'Ateneo fiorentino, il direttore sanitario dell'Ospedale Meyer e il direttore Servizio Polizia Postale e delle Telecomunicazioni Nunzia Ciardi.

La Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza, Filomena Albano, ha inviato un video messaggio che è stato proiettato nel corso dei lavori.

Firenze, 16 gennaio 2019

 

Pubblicato il :

 CONFERENZA REGIONALE DEI PREFETTI TOSCANI

 

 

Incontro a Palazzo Medici Riccardi tra i dieci prefetti della Toscana. Al centro del vertice: l'accoglienza dei migranti, le problematiche dei produttori di latte ovino, l'emergenza cinghiali e ungulati, i siti di stoccaggio dei rifiuti.

 

Il prefetto Laura Lega ha riunito a Palazzo Medici Riccardi i colleghi della Toscana per un confronto approfondito su alcune problematiche comuni di interesse regionale. Erano presenti i prefetti di Arezzo Anna Palombi, di Grosseto Cinzia Torraco, di Livorno Gianfranco Tomao, di Lucca Maria Laura Simonetti, di Massa Carrara Paolo D'Attilio, di Pisa Giuseppe Castaldo, di Pistoia Emilia Zarrilli, di Prato Rosalba Scialla e di Siena Armando Gradone.

Al tavolo è stata effettuata un'analisi del sistema complessivo dell'accoglienza dei migranti in regione. Sono state esaminate le singole realtà territoriali per trovare soluzioni condivise a situazioni comuni. In particolare, sono stati affrontati gli aspetti amministrativi e contabili dei bandi di gara per la gestione dei centri di accoglienza dei richiedenti asilo, la cui emanazione è prevista a breve.

I prefetti hanno poi parlato dei problemi che sta attraversando il settore dell'allevamento ovino in relazione al prezzo del latte, dell'emergenza cinghiali e ungulati e delle varie questioni che riguardano i siti di stoccaggio dei rifiuti.

Firenze, 15 febbraio 2019

 

Pubblicato il :

 IL PREFETTO LEGA RICEVE IL DIRETTORE NAZIONALE DELLA DIA

 

 

Il prefetto Laura Lega ha ricevuto ieri a Palazzo Medici Riccardi il generale Giuseppe Governale, direttore nazionale della DIA, accompagnato da Nicola Franco, capo centro DIA a Firenze.

E' stato un incontro cordiale che ha costituito l'occasione per una riflessione comune su alcuni aspetti della sicurezza della provincia fiorentina.

 

Firenze, 13 febbraio 2019

 

Pubblicato il :

 IL PREFETTO LEGA CONVOCA IL TAVOLO SUGLI INCIDENTI STRADALI

Presentato il Report 2018 sull'incidentalità stradale in provincia di Firenze. Punto sugli autovelox. Costituito l'Osservatorio permanente per il monitoraggio del fenomeno.

E' emergenza incidenti stradali in provincia di Firenze. Nel primo semestre del 2018 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, gli incidenti mortali sono aumentati del 54,2% (passati da 24 a 37), con un aumento anche delle persone decedute (+48%): 37 vittime a fronte delle 25 dei primi sei mesi del 2017. Sono diminuiti, invece, gli incidenti stradali con feriti (scesi da 2.496 a 2.367, un calo pari a -5,2%), e il numero delle persone infortunate (-3,4%). Sono i dati più significativi che emergono dalla nuova edizione dell'Indagine sugli incidenti stradali che la Prefettura conduce annualmente per monitorare il fenomeno in provincia. Il report è stato presentato al tavolo che il prefetto Laura Lega ha convocato ieri a Palazzo Medici Riccardi, a cui hanno partecipato forze dell'ordine, vigili del Fuoco, sindaci e amministratori locali, polizia metropolitana, polizie municipali, Anas, Motorizzazione Civile, Azienda USL Toscana Centro, Azienda Ospedaliera Careggi. E' intervenuto anche il presidente di Aci Firenze, Massimo Ruffilli. Obiettivo dell'incontro: un focus approfondito tra soggetti istituzionali, forze di polizia, enti proprietari ed enti gestori della rete viaria per individuare le cause e gli interventi da adottare.

" Siamo di fronte a una vera e propria emergenza , ha dichiarato il prefetto Laura Lega, che dobbiamo affrontare tutti insieme, in una logica di squadra, mettendo a fattor comune le proprie esperienze per sviluppare un'azione corale, coordinata e condivisa. Così potremo meglio affrontare un fenomeno che dipende da molteplici fattori, comportamentali e strutturali".

Durante l'incontro è stato esaminato complessivamente l'assetto viario dell'area metropolitana in modo da capire dove e come è meglio intervenire per ridurre i fattori di rischio con le misure più adeguate in base alle diverse caratteristiche strutturali. E' stato poi fatto il punto sugli autovelox presenti sul territorio, per i quali la Prefettura sta già conducendo una ricognizione. Un altro monitoraggio verrà effettuato dai comuni e dalle polizie municipali per verificare che ogni dispositivo sia conforme alle direttive ministeriali e che continui a rispondere alle esigenze che ne hanno determinato la collocazione stradale. I risultati di questo ulteriore check verranno esaminati alla prossima riunione, prevista per metà marzo. Si terranno, inoltre, tavoli ad hoc con amministratori locali e polizie municipali per esaminare le specifiche realtà territoriali in modo da attivare le azioni mirate e calibrate più idonee.

Insieme agli aspetti della viabilità, sono stati analizzati anche i fattori comportamentali scorretti che sono tra le prime cause di incidente. Tra le condotte più pericolose, si annoverano l'eccesso di velocità, la guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di stupefacenti, il mancato utilizzo delle cinture e del casco, l'uso del cellulare da parte del conducente, la distrazione di pedoni e ciclisti.

" Dobbiamo recuperare un senso di responsabilità da parte di tutti , ha sottolineato il prefetto Lega, esiste un problema effettivo di educazione stradale che non va sottovalutato. Occorre intervenire anche sulla mentalità dell'utente della strada".

Per questo motivo l'Osservatorio permanente sugli incidenti stradali lavorerà anche per diffondere la cultura e i valori della sicurezza stradale. L'Osservatorio, che è stato costituito ieri, si occuperà principalmente di monitorare il numero e la tipologia di incidenti, di pianificare gli interventi coordinati delle forze dell'ordine e delle polizie locali, di misurare l'efficacia delle attività di contrasto intraprese.

Firenze, 13 febbraio 2019
Pubblicato il 13/02/2019
Ultima modifica il 13/02/2019 alle 15:50:49

 PREFETTO LEGA INTERVIENE ALLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

 

Riunione alla Camera di Commercio di Firenze.

 

Il prefetto Laura Lega ha partecipato alla Consulta delle Associazioni, convocata ieri presso la Camera di Commercio di Firenze. Erano presenti, oltre a Leonardo Bassilichi, presidente dello stesso organismo camerale, Confindustria Firenze, Associazione Generale Cooperative Italiane, Asso.To.S.C.A., Confartigianato, C.N.A., Confesercenti, Confcommercio, Consulta delle Libere Professioni, Cispel, Unione Provinciale Agricoltori, Federazione Provinciale Coltivatori diretti, C.I.A. Toscana Centro, Lega Regionale Toscana Cooperative e Mutue, Confcooperative Toscana Nord, Compagnia delle Opere e Conflavoro PMI Firenze.

"L'occasione è stata preziosa, ha dichiarato il prefetto, per illustrare il progetto 'PA-Imprese: alleate per lo sviluppo' ed inoltre per affrontare i temi legati al rischio di infiltrazioni criminali nel tessuto produttivo".

Firenze, 12 febbraio 2019

Pubblicato il :

 CORSO PER ESPERTI IN 'INTELLIGENCE E SICUREZZA NAZIONALE"

 

Università di Firenze e Presidenza del Consiglio dei Ministri formano una nuova generazione di professionisti di intelligence per il settore pubblico e privato.

 

Si è svolta oggi in Prefettura la manifestazione conclusiva del corso di perfezionamento post laurea in "Intelligence e sicurezza nazionale", organizzato dall'Università di Firenze, in collaborazione con il Dipartimento informazione e sicurezza della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il corso, che si prefigge lo scopo di formare una nuova generazione di esperti di intelligence in campo pubblico e privato, ha costituito un'importante occasione formativa per neolaureati e operatori del settore, ai quali ha offerto un'opportunità di aggiornamento professionale in linea con i più avanzati standard internazionali.

Alla cerimonia conclusiva di oggi sono intervenuti il prefetto Laura Lega, il direttore del corso, Luciano Bozzo e il prefetto Adriano Soi, attualmente docente di Intelligence e National Security alla Facoltà "Cesare Alfieri" di Firenze.

" Un'offerta didattica multidisciplinare che consente una formazione d'eccellenza , ha dichiarato il prefetto Lega , e offre un'opportunità di aggiornamento professionale anche al personale delle forze di polizia. L'attività di intelligence riveste un ruolo strategico nel contesto della sicurezza e ha bisogno di figure professionali con competenze sempre più specifiche per fronteggiare nuove e crescenti sfide ".


L'attività formativa, che ha preso avvio lo scorso 12 ottobre, si è articolata in cento ore didattiche (tenutesi al Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell'Ateneo Fiorentino), alle quali hanno partecipato 27 studenti ai quali oggi, al termine della manifestazione, sono stati consegnati gli attestati di partecipazione.

 

Firenze, 8 febbraio 2019

 

Pubblicato il :

 VISITA DEL PREFETTO ALLA SALA INTEGRATA DI PROTEZIONE CIVILE

Visita del Prefetto alla Sala Integrata di Protezione Civile. Sopralluogo alla palazzina incendiata di Campi Bisenzio.

Il Prefetto Laura Lega si è recata stamani alla Sala Integrata di Protezione Civile della Prefettura e della Città Metropolitana di Firenze all' Olmatello, punto di forza e di eccellenza della collaborazione tra le due realtà nella prevenzione e gestione delle emergenze in provincia. Ha incontrato il personale che giorno e notte presta la propria opera, raccordandosi con la Prefettura, con spirito di servizio e di dedizione, mettendo in campo una grande professionalità. Gli operatori hanno mostrato al Prefetto i mezzi e le strumentazioni che consentono di monitorare in tempo reale le varie situazioni di criticità in provincia.

Di seguito, Lega si è recata nel Comune di Campi Bisenzio accompagnata dall'Assessore alla Protezione Civile Riccardo Nucciotti per constatare le conseguenze dell'incendio che nella nottata di venerdì scorso ha interessato una intera palazzina in centro completamente distrutta ed evacuata.

Firenze 3 febbraio 2019
Pubblicato il :

 VERTICE SULLA SICUREZZA NELL'AREA DEL MUGELLO

 

Il Prefetto porta il Comitato Ordine e Sicurezza sul territorio

Punto situazione sulla sicurezza del Mugello. Calo generale dei reati. Molto efficace la sinergia operativa tra le forze di polizia.

 

E' complessivamente positivo l'andamento dei reati nei comuni del Mugello, dove si registra, nel 2018 rispetto al 2017, un trend in diminuzione dei delitti commessi (si è rilevato finora -8%, ma il dato non è ancora consolidato). E' quanto emerge dall'analisi effettuata nell'ambito del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito oggi, in un clima estremamente positivo, a Borgo San Lorenzo. Il prefetto Laura Lega, infatti, ha voluto fare il punto sulla sicurezza con l'Unione montana dei Comuni del Mugello e ha presieduto un incontro al quale hanno partecipato i vertici provinciali delle forze dell'ordine e i sindaci Paolo Omoboni (Borgo San Lorenzo), Giampiero Mongatti (Barberino di Mugello), Claudio Scarpelli (Firenzuola), Stefano Passiatore (Dicomano), Tommaso Triberti (Marradi), Cristian Menghetti (Palazzuolo sul Senio), Federico Ignesti (Scarperia e San Piero) e Roberto Izzo (Vicchio).


L'insieme dei reati non desta allarme - è la valutazione fatta dal tavolo - e i furti, il reato predatorio che maggiormente incide sulla percezione di sicurezza dei cittadini, sono diminuiti del 19% circa, ad eccezione di quelli in abitazione che segnano un +8% circa.

Sono risultati ottenuti grazie alla positiva sinergia tra le forze dell'ordine e le polizie municipali, una stretta collaborazione che ha consentito di svolgere un attento e capillare controllo dei territori, al quale darà un ulteriore valido supporto il sistema unico di videosorveglianza che è stato inaugurato ufficialmente proprio due giorni fa. Si tratta di una rete integrata di 25 telecamere ad alta risoluzione, che copre tutti i comuni del Mugello (ad eccezione di Firenzuola). Il servizio è molto performante perché i dispositivi video sono in grado di leggere la targa dei veicoli anche di notte e di trasmettere le informazioni alla compagnia Carabinieri di Borgo San Lorenzo e al comando unico della Polizia Municipale, permettendo così alle forze di polizia di risalire in tempo reale ad ogni tipo di informazione sul veicolo controllato.

" Grazie a questa iniziativa , ha dichiarato il prefetto Laura Lega, si potrà assicurare al territorio una protezione maggiore, anche in chiave di prevenzione e di deterrenza. Al tempo stesso, i cittadini potranno sentirsi più sicuri sapendo che un sistema ad alta tecnologia vigila su di loro".

Il presidente dell'Unione dei Comuni Mugello Paolo Omoboni ha sottolineato "Un incontro molto positivo, un grande segnale di attenzione verso il territorio da parte del prefetto. Si è analizzata la situazione locale, ha aggiunto, con dati positivi sui reati, che confermano un trend a livello aggregato in diminuzione. Ma abbiamo il dovere di fare di più. Sulla sicurezza, abbiamo ribadito l'importanza che amministrazioni e forze dell'ordine siano in costante contatto, lavorino insieme per essere ancora più efficaci, per prevenire e reprimere reati. Abbiamo dei progetti a livello locale, con investimenti importanti. Tra questi, il sistema videosorveglianza territoriale integrato che abbiamo appena inaugurato".

Si proseguirà, quindi, sulla strada già intrapresa che ha dato risultati positivi, quella della fattiva cooperazione tra le forze di polizia, rimodulando, quando necessario, le presenze e i servizi in base anche alle peculiarità dei diversi territori e agli obiettivi da raggiungere di volta in volta.

 Firenze, 1° febbraio 2019

Pubblicato il :

 
Torna su