Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Firenze

Comunicati Stampa

 

 FESTA DELLA POLIZIA: IL PLAUSO DEL PREFETTO PER IL COSTANTE IMPEGNO E LA VICINANZA ALLE FAMIGLIE DEI CADUTI

Il Prefetto di Firenze, Alessandra Guidi, ha partecipato stamani al 169° anniversario della Fondazione della Polizia di Stato, che si è svolto in Questura con la deposizione di una corona in memoria dei Caduti a causa dell'attuale recrudescenza del virus.

La Festa della Polizia coincide con la pubblicazione della Legge 121/1981, che ha ridisegnato l'architettura del sistema della pubblica sicurezza, a rimarcare l'inscindibile legame tra i valori e i principi che hanno ispirato quella riforma e la missione affidata alla Polizia di Stato.

Una missione prioritariamente volta alla tutela dei diritti di libertà costituzionalmente garantiti di cui la sicurezza è una declinazione fondamentale.

In questa direzione, il Prefetto rivolge un sentito ringraziamento al Questore Filippo Santarelli e a tutte le donne e gli uomini della Polizia di Stato che in questa provincia hanno testimoniato quotidianamente di saper interpretare al meglio la funzione affidatagli da quella legge e di saperlo fare con quello spirito di servizio, di solidarietà e di umanità che li fa essere straordinari "compagni" al fianco di ciascun cittadino in difficoltà.

Un particolare pensiero rivolge infine alle famiglie di tutti gli operatori di polizia che pure condividono con loro le ansie ed i rischi della professione e soprattutto a quelle che piangono la perdita dei loro cari, caduti in servizio nell'assolvimento del proprio dovere o perché portati via dalla pandemia.

Grazie

 

Firenze, 10 aprile 2021

Pubblicato il
:

 TAVOLO OPERATIVO IN PREFETTURA SULLA LEGALITA' E LA SICUREZZA DEL LAVORO: FOCUS SULL'EDILIZIA

Il Prefetto di Firenze, Alessandra Guidi, ha convocato stamani un tavolo di lavoro per un focus sul settore delle costruzioni nell'area metropolitana fiorentina. Hanno partecipato Forze dell'ordine, organi ispettivi (A.S.L., Ispettorato del Lavoro, Vigili del Fuoco, I.N.A.I.L., I.N.P.S.) e i Sindacati confederali CGIL, CISL e UIL.

La proposta di un momento di confronto a livello provinciale è arrivata proprio dalle organizzazioni sindacali, che hanno rilevato come la recrudescenza di infortuni sul lavoro non direttamente collegati al contagio da Covid 19 richieda momenti di riflessione congiunta soprattutto in alcuni settori, tra cui il comparto edile, che destano forte preoccupazione in un momento in cui la recessione economica in atto e l'aumento delle condizioni di povertà possono favorire l'illegalità e costituire un drammatico moltiplicatore degli infortuni e delle malattie professionali.

E' stato deciso di mettere a punto un percorso di condivisione di dati e informazioni sintomatici di situazioni di illegalità, a partire dalle circostanze anomale riscontrate nel corso di attività ispettive e dalle situazioni segnalate alle Organizzazioni sindacali, che consentano anche alle Forze di Polizia di avviare iniziative mirate a prevenire e contrastare infiltrazioni mafiose nel circuito legale dell'economia.

" Il comparto edile è da sempre uno dei settori più a rischio di infiltrazioni della criminalità organizzata, oltre che uno dei più colpiti da infortuni e malattie professionali ", ha dichiarato il Prefetto Guidi, " e proprio in questo momento occorre una particolare sinergia tra tutti gli attori del territorio, con l'imminente avvio di importanti lavori per la manutenzione e lo sviluppo delle infrastrutture e l'apertura di nuovi cantieri in conseguenza della prossima messa a disposizione degli Enti territoriali di importanti risorse economiche, previste dal Piano nazionale di ripresa e resilienza ".

Il Tavolo opera in linea con i lavori del Comitato regionale art. 7 d.lgs.81/2008 e con le recenti "Linee guida per l'attività di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro" adottate dalla Regione Toscana, e si inserisce nel quadro della collaborazione già in atto con gli enti territoriali attraverso i patti volti al rafforzamento dei controlli antimafia negli appalti.

 

Firenze, 9 aprile 2021

Pubblicato il
:

 IL PREFETTO IN VISITA ALLA SINAGOGA DI FIRENZE

Il Prefetto Alessandra Guidi si è recata stamani alla Sinagoga di Firenze, dove è stata accolta dal Rabbino Capo Gadi Piperno e dalla Vice Presidente della Comunità Ebraica di Firenze Brett Lalonde.

Un incontro molto cordiale che ha rappresentato l'occasione per parlare del rapporto tra lo Stato italiano e la comunità israelitica, parte integrante di quella nazionale, e per poter proseguire in un percorso di valorizzazione del pluralismo religioso, espressione del principio costituzionale di laicità inclusiva.

" La comunità ebraica fiorentina, grazie alle numerose attività sociali e culturali aperte alla cittadinanza, ha sempre rappresentato un importante punto di riferimento per Firenze ", ha detto il Prefetto Guidi. " L'obiettivo futuro della Prefettura, nel momento in cui la fine dell'emergenza sanitaria lo consentirà, sarà quello di consolidare momenti di condivisione e dialogo interreligioso e interculturale ".

 

Firenze, 8 aprile 2021

Pubblicato il
:

 Il prefetto rinnova l'invito ad intensificare i controlli per il rispetto delle norme anti-covid

Il prefetto di Firenze Alessandra Guidi, in linea con quanto già disposto nel Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica del 29 marzo scorso, ha rinnovato l'invito alle Forze di polizia statali e locali affinché sia assicurato, in attuazione dell'ordinanza adottata dalla questura, il rigoroso rispetto della normativa volta a prevenire il contagio da coronavirus e di tutte le disposizioni che disciplinano i comportamenti che devono essere tenuti nella c.d. "zona rossa", con particolare riferimento al divieto di generale assembramento nei classici luoghi di ritrovo - aree verdi, giardini, vie e piazze di maggior afflusso - nell'intero ambito provinciale, anche sulla base delle intese avute con tutti i sindaci del territorio che hanno assicurato piena disponibilità dei rispettivi Corpi di polizia locale ad operare in concorso.

 L'attività di controllo sull'osservanza delle suddette misure non potrà in ogni caso prescindere dall'analogo impegno di ciascun cittadino a tenere comportamenti responsabili per evitare la crescita della curva dei contagi, nella consapevolezza che il sacrificio richiesto consentirà di tornare quanto prima ad una condizione di normalità.

 Il prefetto ha infine formulato gli auguri di serene festività pasquali a tutta la collettività ringraziando i tantissimi operatori - donne e uomini - impegnati in questi giorni nelle attività di prevenzione e controllo del territorio.

 

Firenze, 3 aprile 2021

Pubblicato il
:

 BENI CONFISCATI NELLA PROVINCIA DI FIRENZE, IL PUNTO IN PREFETTURA

A Palazzo Medici Riccardi si è tenuta la riunione di insediamento del nuovo Nucleo di Supporto per l'amministrazione e la gestione dei beni sottratti alla criminalità organizzata.

 Il Prefetto di Firenze Alessandra Guidi ha coordinato in data odierna la riunione di insediamento del Nucleo di Supporto, ricostituito, con una nuova composizione, presso la Prefettura di Firenze e che ha valenza fondamentale per la restituzione al circuito della legalità dei beni sottratti alle mafie.

Si tratta di un tema strategico, soprattutto in un momento come questo in cui si deve dare sicurezza all'economia legale, provata dall'attuale crisi, in cui più alto è il rischio di infiltrazioni criminali.

Nel corso dell'incontro, sono stati condivisi con i componenti del Nucleo - del quale fanno parte rappresentanti delle Forze di Polizia, dell'Autorità Giudiziaria, della Regione, degli enti territoriali, della Camera di Commercio e di altre istituzioni statali - percorsi di valorizzazione dei beni confiscati presenti nel territorio, sottratti alla criminalità, condividendo il forte valore di un'azione efficace e sinergica, anche nella direzione di iniziative volte ad accelerare il percorso di restituzione dei beni confiscati alla comunità, con il coinvolgimento di soggetti del Terzo Settore.

Il Prefetto ha preannunciato che sarà costituito quanto prima anche il Tavolo Provinciale Permanente sulle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata, secondo quanto previsto dall'art. 41 ter del Codice Antimafia.

   

Firenze,1 aprile 2021

Pubblicato il
:

 
Torna su