Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Firenze

Comunicati Stampa

 

 EMERGENZA CINGHIALI

 

 

 

Rischi per la pubblica incolumità e la sicurezza stradale. Il prefetto Laura Lega fa il punto situazione. Costituito un tavolo tecnico per il controllo della viabilità.

Un tavolo tecnico per individuare in particolare le zone della viabilità fiorentina dove maggiore è il rischio della presenza di cinghiali e valutare le misure da assumere per ridurre le situazioni di pericolo per la viabilità e l'incolumità pubblica.

E' il primo step deciso nel corso della riunione che il prefetto Laura Lega ha convocato a Palazzo Medici Riccardi, su richiesta della Polizia Provinciale. L'obiettivo dell'incontro era quello di fare il punto sulle attività di controllo dei cinghiali che invadono con sempre maggiore frequenza i centri abitati e le strade, rappresentando così un pericolo anche per la sicurezza dei cittadini e degli automobilisti.

All'incontro hanno partecipato rappresentanti della Regione Toscana, della Città Metropolitana di Firenze, delle Forze dell'Ordine, della Polizia Stradale, della Polizia Provinciale, della Direzione fiorentina del IV Tronco di Autostrade per l'Italia, di Anas e delle Associazioni di categoria degli agricoltori.

" E' stata l'occasione per avere un confronto a più voci , ha detto il prefetto Laura Lega, e condividere un'analisi complessiva della situazione attuale in modo da comprendere come e dove intervenire, alla luce degli strumenti normativi vigenti. Sono emerse numerose ipotesi di lavoro, ha aggiunto il prefetto , che saranno tradotte in azioni concrete nell'ambito di una prossima fase operativa ".

Sarà pertanto convocato a breve un tavolo tecnico, con la partecipazione anche di Autostrade e ANAS, allo scopo di individuare quelle aree del tessuto viario provinciale dove è stata registrata una maggiore presenza di cinghiali e valutare gli interventi da adottare per limitare i rischi per la viabilità e l'incolumità pubblica.

Firenze, 30 gennaio 2019

Pubblicato il :

 LA SCOMPARSA DI ZAMBERLETTI. IL RICORDO DEL PREFETTO LAURA LEGA

 

"Firenze deve ricordare Giuseppe Zamberletti, ha dichiarato il Prefetto Laura Lega, non solo come fondatore della Protezione Civile, ma per l'impegno profuso nell'estate del 1985 per risolvere il problema della siccità a Firenze, che stava tenendo sotto schiaffo il territorio con l'Arno pressoché asciutto. Un'esemplare e straordinaria azione di squadra , ha proseguito il Prefetto, che vide coinvolta in prima linea la Prefettura di Firenze con le altre Istituzioni del territorio -Regione e Comune-  nel sollecitare un urgente intervento della neonata Protezione Civile guidata da Zamberletti ed insieme venne messo a punto un tempestivo piano di emergenza che consentì il ritorno alla normalità con il ripristino del servizio idrico".


 

Firenze, 27 gennaio 2019

 

Pubblicato il :

 ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO, SI PUO' FARE ANCHE IN PREFETTURA

Prefettura e Ufficio Scolastico Regionale alleati per favorire concrete prassi di "buona scuola". Prefetto Lega: "Una sfida che coniuga le competenze scolastiche con esperienze nel contesto istituzionale".

 

Al via una importante partnership tra la Prefettura e l'Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana con l'obiettivo di coordinare i progetti di alternanza scuola-lavoro. E' quanto prevede il protocollo d'intesa siglato oggi a Palazzo Medici Riccardi tra il prefetto Laura Lega e il direttore regionale Ernesto Pellecchia, accompagnato dal rappresentante provinciale Roberto Curtolo. L'alternanza scuola-lavoro è una modalità didattica innovativa, introdotta dalla legge cosiddetta "la Buona Scuola" del 2017, per consentire agli studenti di testare sul campo le conoscenze acquisite sui banchi, arricchire la loro formazione e orientare il loro piano di studi in un'ottica di lavoro futuro.

Grazie a questo accordo, Prefettura e Ufficio Scolastico regionale " si impegnano - come recita il testo - a coordinare le rispettive azioni, ciascuno nell'ambito delle proprie competenze e nel rispetto dei principi e delle scelte di autonomia scolastica, per promuovere, implementare e sostenere la realizzazione di percorsi di alternanza scuola-lavoro, attraverso azioni integrate e/o congiunte per la messa a sistema di un modello condiviso ".

La Prefettura quindi individuerà, nel proprio ambito, le aree operative disponibili ad accogliere gli studenti, consentendo il loro accesso alle proprie strutture e mettendo a disposizione personale specializzato con funzioni di tutor. I vari percorsi saranno monitorati, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale, in modo da effettuare una valutazione delle attività svolte dagli studenti.

Dal canto suo, l'Ufficio Scolastico Regionale concorderà con la Prefettura, all'inizio di ogni anno scolastico, i progetti di intervento e il numero di allievi da inserire in ogni percorso di alternanza. Inoltre provvederà ad informare, attraverso i propri canali di diffusione, le scuole secondarie di secondo grado delle attività messe in campo con la Prefettura, promuovendole e valorizzandole.

Un gruppo di coordinamento, appositamente costituito dai rappresentati dei due enti firmatari, si occuperà di pianificare i percorsi da realizzare.

" Siamo di fronte a un cambiamento culturale importante , ha sottolineato il prefetto Laura Lega, che permette di costruire concrete buone prassi di studio-lavoro a favore dei nostri giovani. Un progetto strategico, una sfida che coniuga le competenze scolastiche anche con esperienze nel contesto istituzionale, oltre che con il tessuto produttivo locale".

" Un accordo che arricchisce ulteriormente il quadro delle collaborazioni che l'Ufficio Scolastico Regionale sta conducendo già da tempo , ha spiegato il direttore Ernesto Pellecchia, per sviluppare in modo sempre più organico ed efficace l'alternanza scuola-lavoro. L'intesa di oggi consentirà agli studenti di conoscere concretamente l'assetto organizzativo della Prefettura, le sue competenze e le sue funzioni e di misurarsi, al tempo anche con le questioni relative al rispetto della legalità".

 

Firenze, 25 gennaio 2019

 

Pubblicato il :

 GIORNO DELLA MEMORIA 2019, CERIMONIA IN PREFETTURA

Cerimonia in Prefettura per celebrare la ricorrenza con gli studenti di alcune scuole. Interventi del prefetto, del rabbino capo e del rettore. Consegna delle medaglie d'onore agli ex deportati. Presenti in sala il sindaco Nardella e l'arcivescovo Betori.

 

Gli studenti di alcune scuole dell'area metropolitana fiorentina sono stati i protagonisti della cerimonia, che si è svolta oggi a Palazzo Medici Riccardi, per celebrare il "Giorno della memoria 2019". Una ottantina di ragazze e ragazzi della scuola media "Dino Compagni" di Bagno a Ripoli, della scuola media "Altero Spinelli" di Scandicci e dell'istituto alberghiero "Aurelio Saffi" di Firenze hanno partecipato alla manifestazione portando i loro contributi. Alcuni hanno letto brani, altri hanno esposto i risultati di una ricerca, altri ancora hanno suonato pezzi musicali.


Testimonianze molto sentite che hanno aggiunto un particolare significato ad un evento molto partecipato. Dopo i saluti del prefetto Laura Lega, hanno parlato il rabbino capo della comunità ebraica fiorentina, Amedeo Spagnoletto, e il rettore dell'Università di Firenze, Luigi Dei, che è intervenuto con la Lectio "Primo Levi fra chimica, letteratura e memoria". " La democrazia ha bisogno di memoria , ha detto il prefetto Laura Lega. Oggi si incrocia la memoria privata delle famiglie, i cui congiunti hanno vissuto la terribile esperienza dei campi di sterminio, con la memoria collettiva della nostra comunità nazionale, che deve rimanere viva e che ha bisogno di essere costantemente alimentata, soprattutto nei più giovani ".

  Giorno della memoria 2019 2

E' seguita la consegna delle medaglie d'onore del Presidente della Repubblica agli ex deportati della provincia di Firenze nei campi di prigionia nazisti durante il secondo conflitto mondiale. I riconoscimenti, attribuiti alla memoria, sono stati assegnati dal prefetto Laura Lega e dagli amministratori dei comuni di residenza dei familiari che hanno ritirato il riconoscimento: per Gennaro Strino era presente il sindaco di Reggello Cristiano Benucci, per Pompeo Giacomo Basso il vice sindaco di Scandicci Andrea Giorgi e per Dino Calistri l'assessore fiorentino Massimo Fratini.

Tra le autorità presenti nel salone Carlo VIII, il sindaco di Firenze Dario Nardella e l'arcivescovo Giuseppe Betori.

Firenze, 25 gennaio 2019

Pubblicato il :

 SERVIZIO CIVILE IN PREFETTURA, ANCORA POCHI GIORNI PER PRESENTARE LA DOMANDA

 

 

Scade il 30 gennaio il termine per presentare la domanda. Dieci posti disponibili nella Prefettura fiorentina.

 

Ancora pochi giorni di tempo per presentare la domanda per svolgere il servizio civile in Prefettura. Scade mercoledì 30 gennaio il termine entro il quale si può inviare la richiesta per i dieci posti disponibili nella Prefettura fiorentina: sei posti sono riservati al progetto "Accoglienza Immigrazione" e quattro al progetto "Cittadinanza".

E' una novità di quest'anno, secondo quanto stabilito da un bando nazionale, che si avvale dei finanziamenti del Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione del Ministero dell'Interno. Coloro che sono interessati a prestare il servizio civile universale in programmi di carattere istituzionale, possono partecipare alla selezione, presentando domanda entro il prossimo 30 gennaio.

Informazioni dettagliate, bando e descrizione dei progetti al seguente link:


 

Firenze, 24 gennaio 2019

 

Pubblicato il :

 MIGRANTI IN ARRIVO IN TOSCANA DA CASTELNUOVO DI PORTO

Precisazione della Prefettura.

 

In relazione alle recenti notizie di stampa, si precisa che la Prefettura di Firenze ha avvisato con mail già in data 18 gennaio scorso, secondo consueta e concordata prassi, gli interlocutori della Regione Toscana in merito al trasferimento in questa regione di 45 migranti provenienti dal Cara di Castelnuovo di Porto.

Con tale comunicazione, la Prefettura ha anche fornito dettagliato piano di riparto a livello delle singole province dei 45 richiedenti la protezione umanitaria internazionale.

Firenze, 24 gennaio 2019

Pubblicato il :

 IL PREFETTO LEGA INCONTRA L'AMBASCIATORE DI NORVEGIA

 

 

Il prefetto Laura Lega ha ricevuto oggi a Palazzo Medici Riccardi l'ambasciatore di Norvegia in Italia, Margit F. Tveiten, accompagnata dal console onorario Pier Ettore Olivetti Rason.


 

Un incontro cordiale che ha rappresentato l'occasione per una riflessione sui rapporti amichevoli tra i rispettivi Paesi, confermando quello spirito di collaborazione che ha contraddistinto finora la reciproca relazione. La conversazione si è accentrata, in particolare, sulle questioni della sicurezza interna e internazionale, dell'immigrazione e della cultura.

 

Firenze, 17 gennaio 2019

 

Pubblicato il :

 PA E IMPRESE: ALLEATI PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

 

A Palazzo Medici Riccardi, un confronto per individuare strategie operative comuni. Prefetto Lega: "Ripensare la relazione tra il sistema pubblico locale e gli attori produttivi per garantire benessere sociale ed economico, occupazione e sicurezza".

Condividere valori, contenuti e obiettivi allo scopo di ottenere il miglior risultato possibile per il sistema produttivo locale. Con questo obiettivo il prefetto Laura Lega ha riunito a Palazzo Medici Riccardi una rappresentanza del mondo imprenditoriale e della dirigenza degli uffici statali periferici.

Una burocrazia ridondante, complessa nelle sue articolazioni, con lunghi tempi di risposta, allontana le istituzioni statali dal mondo delle imprese e dalla società civile. Così la pubblica amministrazione viene vissuta con ostilità, anziché volano di sviluppo per il sistema economico e sociale. Da qui l'esigenza di semplificare e individuare buone prassi per garantire efficacia ed efficienza all'azione amministrativa, fattore fondamentale per la competitività e la crescita economica del territorio. Per giungere a ciò, è indispensabile che PA e imprese siano sempre più vicine per interagire in un'ottica di fattiva collaborazione. "Occorre lavorare insieme, conoscersi meglio e muoversi in un'ottica culturale diversa", ha dichiarato il prefetto Lega. "Si deve superare una narrazione antica di contrapposizione tra pubblico e privato e puntare a potenziare l'azione di sistema per generare maggiore benessere sociale ed economico per il territorio. Questo significa favorire l'occupazione e ridurre le aree di marginalità, garantendo così complessive condizioni di maggiore legalità e sicurezza".

A tal fine la Prefettura intende dare il via ad un processo di partenariato tra PA e mondo delle imprese improntato alla piena collaborazione nel rispetto delle reciproche responsabilità. Si tratta di un'esperienza già sperimentata dal Prefetto Lega nello scorso triennio e che ha dato positivi risultati, presentati anche al Forum PA 2018. Il vertice è stato occasione per l'illustrazione di tali progettualità anche grazie alla partecipazione del presidente e del direttore generale di Assindustria Veneto Centro. 

"La particolarità di queste iniziative, ha spiegato Lega, è quella di mettere insieme in un unico contenitore una visione unitaria condivisa tra pubblico e privato e di creare alleanze utili per il territorio e la collettività. Le best practice avviate allora possono fungere da guida e da stimolo. Ritengo importante ripensare la relazione tra il sistema locale pubblico e gli attori produttivi del territorio per garantire benessere sociale ed economico, occupazione e quindi sicurezza".

Alla riunione, tenutasi nel pomeriggio di ieri 15 gennaio, hanno partecipato, sul fronte delle imprese, il presidente della Camera di Commercio di Firenze, Leonardo Bassilichi, e il presidente di Confindustria Firenze, Luigi Salvadori. Per quanto riguarda le istituzioni pubbliche, erano presenti i vertici provinciali delle Forze dell'Ordine, dei Vigili del Fuoco e della Polstrada, il presidente del Tribunale di Firenze, i direttori dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro, dell'Agenzia delle Entrate, delle Dogane, di I.N.P.S., di I.N.A.I.L. e di ARPAT, rappresentanti della Procura della Repubblica e della Motorizzazione Civile.

PA E IMPRESE: ALLEATI PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

I presenti hanno condiviso ed apprezzato, in particolare, l'approccio culturale innovativo e la volontà di approfondire la conoscenza tra le esigenze del settore pubblico e quelle del mondo privato, nello spirito di un vero e proprio patto sociale. Si procederà quindi in questa direzione, con il coinvolgimento progressivo anche delle altre associazioni di categoria eventualmente interessate, puntando all'ottimizzazione organizzativa, alla semplificazione delle procedure, al miglioramento della qualità dei servizi, alla riduzione dei costi, all'aumento dei livelli di produttività e a garantire una maggiore trasparenza. "La Prefettura è a disposizione, ha concluso il prefetto Lega, anche per organizzare momenti formativi mirati, verso le imprese, sulla normativa e sugli strumenti offerti dalle diverse discipline vigenti, nel quadro di una programmazione organica".

 

Firenze, 16 gennaio 2019
Pubblicato il :

 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE, DA QUEST'ANNO SI PUO' SVOLGERE IN PREFETTURA

Per la prima volta da quest'anno si potrà effettuare il servizio civile universale anche nelle Prefetture. Dieci posti nella sede di Firenze. Domanda entro il 30 gennaio.

Sono dieci i posti disponibili nella Prefettura di Firenze per coloro che intendono svolgere il servizio civile universale impegnandosi in programmi di carattere istituzionale. Lo ha stabilito un bando per la selezione, a livello nazionale, di 613 volontari, avvalendosi dei finanziamenti del Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione del Ministero dell'Interno. Nella sede della Prefettura fiorentina sei posti sono riservati al progetto "Accoglienza Immigrazione" e quattro al progetto "Cittadinanza". Per partecipare alla selezione, occorre presentare domanda entro il 30 gennaio.

Al seguente link si potranno trovare informazioni dettagliate, il bando e la descrizione dei progetti:


 

Firenze, 11 gennaio 2019

 

Pubblicato il :

 COMUNE DI BARBERINO TAVARNELLE, PRONTA LA SQUADRA PREFETTIZIA

I commissari prefettizi guideranno il nuovo Comune Barberino Tavarnelle fino alle prossime elezioni amministrative.
 

 

Il prefetto Laura Lega ha firmato oggi il decreto di nomina del sub-commissario per la provvisoria gestione del nuovo Comune Barberino Tavarnelle. Si tratta di Calogero Ragusa che affiancherà il commissario Bruna Becherucci, designata dal prefetto Lega il 21 dicembre scorso, e già al lavoro dal primo gennaio. Si completa così la squadra che guiderà l'ente fino all'insediamento degli organi ordinari, che avverrà a seguito delle prossime elezioni amministrative. Becherucci e Ragusa (che ha anche le funzioni vicarie del commissario) svolgeranno i poteri assegnati al sindaco, alla giunta e al consiglio comunale e saranno coadiuvati da un comitato consultivo composto dai due sindaci che sono stati finora in carica.

La fusione dei Comuni di Barberino Val d'Elsa e di Tavarnelle Val di Pesa è stata sancita dalla legge regionale 63 del 26 novembre 2018.


Il commissario Bruna Becherucci, viceprefetto, coniugata con due figlie, laureata in Scienze Politiche all'Università degli Studi Firenze con 110 lode, master di secondo livello in "Mediazione e gestione dei conflitti", ha prestato servizio, oltre che alla Prefettura di Firenze, in quelle di Arezzo, Padova, Forlì-Cesena e Prato. A Firenze è dirigente dell'Area II Enti Locali e Consultazioni Elettorali. Nel corso della carriera, ha maturato esperienze a tutto campo nei numerosi ambiti di competenza della Prefettura, svolgendo anche, nel 2014, le funzioni di commissario prefettizio per la fusione del Comune di Castelfranco Piandiscò, in provincia di Arezzo.
 
 
 
 
 


Calogero Ragusa, laureato in Economia e Commercio all'Università di Roma "La Sapienza", dottore commercialista e revisore dei conti, è attualmente dirigente del Servizio di Contabilità e Gestione Finanziaria della Prefettura di Firenze. Ha lavorato al Ministero dell'Interno e alle Prefetture di Lucca, Pisa, Pistoia e Prato, maturando esperienze ispettive presso enti e collegi sindacali e assumendone anche la presidenza. Ha inoltre ricoperto la carica di commissario presso il Comune di Pietrasanta (Lucca) e sub-commissario a Figline e Incisa Valdarno e a Sesto Fiorentino.
 
 
 
 
 
 

Firenze, 10 gennaio 2019

 
Pubblicato il :

 
Torna su