Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Firenze

Comunicati Stampa

 

 FESTA DELLA REPUBBLICA, PROGRAMMA DELLE CERIMONIE

Lunedì 2 giugno si svolgeranno le manifestazioni per commemorare la fondazione della Repubblica. Prima l’Alzabandiera e l’omaggio ai Caduti in piazza dell’Unità d’Italia. Poi la tradizionale cerimonia in piazza della Signoria con la consegna delle onorificenze e delle medaglie d’onore agli ex internati.
Si terrà lunedì 2 giugno in piazza della Signoria la cerimonia per festeggiare il 68° anniversario della fondazione della Repubblica. Le celebrazioni saranno aperte, alle ore 10,40, dall’intervento del prefetto Luigi Varratta che leggerà anche il messaggio del Capo dello Stato.
 
Il programma proseguirà con la consegna delle onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana – OMRI, a 27 cittadini della provincia di Firenze che si sono distinti “nel campo delle lettere, delle arti, della economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari” o per aver svolto lunghi e onorati servizi nelle carriere civili e militari. La cerimonia si concluderà con l’assegnazione di sei medaglie d’onore ad ex deportati e internati nei lager nazisti durante la seconda guerra mondiale. Alla manifestazione parteciperanno il sindaco Dario Nardella, i sindaci dei comuni dove risiedono gli insigniti, le associazioni degli ex internati.
Prima di questo evento, alle ore 10.00 in piazza dell’Unità d’Italia, Alzabandiera e deposizione da parte del prefetto della corona in onore ai Caduti.
Elenco degli insigniti OMRI:
Cavalieri : Idamo Batignani, Fausto Birigazzi, Generoso Ceruolo, Giuseppe Cesare, Marcello Della Valle, Roberta Doni, Aliviero Fossi, Gianni Leonardi, Epifanio Giuseppe Lo Sardo, Loreto Mastrogiacomo, Dante Nannoni, Lenin Paoli, Paolo Parigi, Michele Pes, Alessandro Puccini, Ciro Raineri, Romolo Riccio, Pietro Massimo Spagli, Mario Alfio Davide Spina, Dino Xaiz.
Ufficiali: Gianfranco Brosco Giovanni Mola, Alessandra Terrosi, Nicola Zito
Commendatori : Osvaldo Casto, Mario Di Gangi, Vincenzo Umbrella  
Elenco degli insigniti con le medaglie d’onore:
Luigi Barbetti, Giovanni Cavigli, Silvano Bertini, Francesco Pucci, Erasmo Frizzi, David Romiti.
Firenze, 30 maggio 2014
Pubblicato il :

 STAGE PER STUDENTI UNIVERSITARI

 
Una convenzione permetterà di effettuare tirocini formativi in Prefettura.
 
Accrescere il proprio bagaglio formativo con esperienze sul campo. Questo lo scopo di una convenzione firmata nei giorni scorsi tra il prefetto Luigi Varratta e il rettore dell’Università di Firenze Alberto Tesi. L’accordo offre ai giovani la possibilità di effettuare stage in Prefettura, che integrano il loro percorso di studio e che si configurano come un vero e proprio strumento di perfezionamento e orientamento. “ Si tratta di un’opportunità – spiega Varratta – che permette agli studenti di misurarsi direttamente con una realtà lavorativa particolare e di acquisire conoscenze che potranno rivelarsi molto utili dal punto di vista professionale ”. Anche il rettore Tesi sottolinea l’importanza di questa iniziativa formativa che arricchisce il percorso universitario con l’inserimento in una struttura pubblica. “ Con la firma di questa convenzione - dichiara Tesi - l’Università di Firenze amplia significativamente la sua offerta di stage e tirocini curriculari destinati agli studenti delle lauree triennali e magistrali, dando inizio a una proficua collaborazione con un’importante istituzione pubblica. ” I tirocinanti svolgeranno attività pratiche, sotto la guida di un tutor, in vari settori e uffici e al termine la Prefettura redigerà una relazione sul percorso seguito e sulle competenze acquisite.
Tempi e modalità degli stage saranno fissati prossimamente da Prefettura e Università in progetti formativi che saranno definiti sulla base degli impegni assunti con questa convenzione.
 
Firenze, 28 maggio 2014
Pubblicato il :

 ELEZIONI 2014, COSA C’E’ DA SAPERE

 
Pubblicata sul sito della Prefettura la guida per l’elettore.
 
Quando si vota, dove, come e con quale sistema elettorale. Tutto spiegato nella guida che la Prefettura ha pubblicato sul suo sito www.prefettura.it/firenze , nello Speciale Elezioni 2014.
 
Il 25 maggio gli elettori della provinciali Firenze sono chiamati a un doppio appuntamento, quello delle elezioni europee e delle amministrative, tranne che nei comuni di Campi Bisenzio, Impruneta, Marradi, Reggello e Rignano sull’Arno, dove non si voterà per il rinnovo dei sindaci e dei consigli comunali.
I n tutto circa 760mila cittadini si recheranno alle urne. Utile allora ricordare gli orari di voto, l’importanza della tessera elettorale (dove e come chiederne un duplicato se si è smarrita), la possibilità di votare a casa per chi ha gravi infermità, il voto assistito per coloro che sono impediti fisicamente e hanno bisogno di un accompagnatore. E poi i colori delle schede elettorali: rossa per le europee e azzurra per le amministrative. Ma al voto si arriva bene informati se si sa soprattutto come votare. Ecco allora che la guida illustra le diverse modalità, a seconda che si tratti di consultazioni europee o amministrative. E in particolare spiega come si eleggono i sindaci e i consigli comunali in base alla popolazione del comune di residenza, se sopra o sotto i 15mila abitanti, e come si manifestano le preferenze per i candidati.
Firenze, 21 maggio 2014
Pubblicato il :

 DISINENSCO ORDIGNO BELLICO, PREFETTO: GRAZIE A TUTTI

 
L’intervento si è svolto stamani a Sesto Fiorentino.
 
Il prefetto Luigi Varratta ha espresso soddisfazione per l’esito delle operazioni e per la perfetta gestione di tutto l’evento. “Ringrazio i sindaci di Sesto Fiorentino e di Calenzano – ha detto – per il grande lavoro fatto e per l’impegno messo in campo in ogni fase che ha preparato questa giornata. Grazie alle forze dell’ordine, alle polizie municipali, al Genio Ferrovieri dell’Esercito, alla protezione civile, ai vigili del fuoco, al 118, ai tanti volontari e a tutte le altre componenti della complessa macchina organizzativa”. Infine Varratta ha espresso gratitudine anche agli oltre 7000 residenti che stamani hanno dovuto lasciare le loro abitazioni. “Un grazie di cuore – ha detto - ai cittadini per la pazienza e la collaborazione che hanno dimostrato. Stamani hanno dovuto sopportare un disagio, ma era necessario per la loro sicurezza”.
 
Firenze, 18 maggio 2014
 
Pubblicato il :

 DISINNESCO ORDIGNO BELLICO. INDICAZIONI PER LA STAMPA

 
Quando, come e dove seguire le operazioni di disinnesco della bomba e di evacuazione della popolazione residente nella zona di pericolo.
 
Domenica 18 maggio, dalle 9 alle 12, sarà disinnescato e rimosso l’ordigno bellico della seconda guerra mondiale, rinvenuto in un cantiere edile in via Chini 61, zona Padule, al confine tra i comuni di Sesto Fiorentino e Calenzano. Per motivi di sicurezza, le operazioni richiedono lo sgombero delle strade, delle case, dei negozi e l’evacuazione dei circa 7mila residenti nella Danger Zone, un’area con un raggio di 500 metri intorno all’ordigno.
Per seguire gli avvenimenti:
1)      Alle 8,30 presso la sede della protezione civile del comune di Sesto Fiorentino in via Paganini 16, dove sarà costituito l’I.C.P (Incident Control Point), il vice prefetto Anna Maria Santoro, che coordinerà le operazioni, e il sindaco Gianni Gianassi forniranno alla stampa tutte le informazioni necessarie.
2)      Alle 9.00 si potranno effettuare riprese dell’ordigno sul luogo del rinvenimento, alla presenza degli artificieri del Genio Ferrovieri.
3)      Seguirà un sopralluogo nelle strade da sgomberare, dove forze dell’ordine, polizia municipale e volontari verificheranno l’effettivo allontanamento di tutte le persone.
  Si raccomanda di essere puntuali.
Sia la perlustrazione della zona da evacuare che la ricognizione all’ordigno potranno essere fatte solo con l’accompagnamento della polizia municipale e si potranno compiere con dei pulmini che il comune metterà a disposizione della stampa presso l’I.C.P.
Chi intende partecipare, è pregato di comunicarlo all’ufficio stampa del comune di Sesto Fiorentino con una mail a ufficio.stampa(at)comune.sesto-fiorentino.fi.it  .  
Firenze, 16 maggio 2014
Pubblicato il :

 SUMMIT IN PREFETTURA PER IL MOTOMONDIALE

Esaminati tutti gli aspetti organizzativi del Gran Premio del Mugello che si corre il 1° giugno. Sarà adottata anche quest’anno l’ordinanza antialcol.
E’ stato messo a punto nel corso di una riunione in Prefettura il piano di viabilità e sicurezza per la gara del campionato mondiale di motociclismo che si svolgerà all’autodromo del Mugello, prove comprese, da 30 maggio al 1° giugno. La preparazione dell’evento, ormai consolidata, ogni volta viene rivista e affinata a Palazzo Medici Riccardi in modo da garantire condizioni di sicurezza e viabilità sempre migliori ai tanti appassionati che seguiranno la corsa. Anche quest’anno è previsto l’arrivo di un gran numero di spettatori che, sulla base dell’attuale prevendita, è stimato superiore del 10% a quello del 2013 (quando si registrarono circa 90mila presenze nella sola giornata di domenica). Notevole quindi l’impatto della manifestazione su tutta l’area mugellana e l’incontro è servito proprio a mettere a fuoco gli aspetti principali della complessa organizzazione che vede tanti attori in campo. Alla riunione, presieduta dal prefetto Luigi Varratta, hanno partecipato infatti i vertici provinciali delle forze dell’ordine, l’amministratore delegato dell’Autodromo Paolo Poli, la Provincia, Autostrade per l’Italia, il commissario di Scarperia-San Piero, i comandanti delle polizie municipali dei comuni del Mugello.
Sul piano della circolazione, per garantire un traffico fluido soprattutto nella giornata della gara del Gran Premio, saranno intensificati tutti i servizi di viabilità e controllo da parte delle forze di polizia. Al casello autostradale di Barberino, dalle 5 alle 12 di domenica 1° giugno, le dieci corsie saranno riservate esclusivamente ai veicoli provenienti dall’A1 (più altre tre piste dedicate alle sole moto). Nel pomeriggio la situazione si invertirà per favorire il deflusso. Rafforzato tutto il personale, anche ai caselli di Roncobilaccio e di Pian del Voglio. Sulle strade provinciali saranno disposti sensi unici di marcia per facilitare la circolazione dei veicoli. Verrà posta anche una cartellonistica provvisoria per indicare a motociclisti e automobilisti i percorsi alternativi in caso di congestione del traffico. Confermati i parcheggi a disposizione del pubblico, nelle vicinanze del circuito, e i servizi navetta.
Per quanto riguarda la sicurezza degli spettatori, sarà attiva all’interno dell’autodromo la sala GOS (Gruppo Operativo Sicurezza), presieduta da un rappresentante del questore, per monitorare continuamente la situazione grazie all’impianto di videosorveglianza. Molta attenzione sarà dedicata al perimetro dell’impianto, dove pattuglie a cavallo di polizia e corpo forestale dello stato controlleranno la recinzione per evitare intrusioni dall’esterno. Un grande impegno anche sul fronte della tradizionale invasione della pista alla fine della gara. Saranno posizionati ai varchi appositi “dissuasori” presidiati dal personale del circuito e dalle forze dell’ordine, disposti a pettine in modo da consentire l’ingresso in pista solo al pubblico a piedi e non alle due ruote.
Infine, il prefetto adotterà, come nelle precedenti edizioni, l’ordinanza per limitare il consumo di alcol. Nei comuni di Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo, Scarperia- San Piero, Vaglia e Vicchio saranno vietate sia la vendita per asporto di bevande alcoliche di qualunque gradazione sia la somministrazione di quelle superalcoliche (con quantità di alcol superiore al 21%, compresi i cocktail) dalle ore 18 di sabato 31 maggio alle ore 3 di domenica 1° giugno.
Firenze, 12 maggio 2014
 
Pubblicato il :

 VARRATTA: “BRAVI POLIZIA E CARABINIERI”

 
Il prefetto si è complimentato con le forze dell’ordine per l’arresto dell’omicida di Ugnano.
“Bravi Polizia e Carabinieri – ha detto il prefetto Luigi Varratta complimentandosi stamani con il questore Raffaele Micillo e il comandante provinciale dell’Arma Andrea Taurelli Salimbeni dopo l’arresto dell’omicida della giovane rumena. “E’ stato svolto un lavoro straordinario – ha aggiunto - che ha permesso di assicurare alla giustizia con eccezionale tempestività un pericoloso assassino”.
  Firenze, 9 maggio 2014
Pubblicato il :

 ORDIGNO BELLICO RINVENUTO A SESTO FIORENTINO

 
Si svolgeranno domenica 18 maggio le operazioni di disinnesco della bomba, risalente alla seconda guerra mondiale, ritrovata in un cantiere edile in zona Padule. Prevista l’evacuazione di circa 7mila persone. Prefetto Varratta: “Qualche disagio, ma la cittadinanza può stare tranquilla”
 
Sarà disinnescato e rimosso nella mattinata di domenica 18 maggio l’ordigno bellico inesploso risalente alla seconda guerra mondiale, rinvenuto in un cantiere edile in zona Padule, al confine tra i comuni di Sesto Fiorentino e Calenzano. Il piano degli interventi e di informazione alla popolazione è stato illustrato stamani dal prefetto Luigi Varratta, dal sindaco Gianni Gianassi e dall'assessore Maria Pia Bonato, delegata dal sindato Alessio Biagioli. Nell’area interessata dalle operazioni dovranno essere sgombrati tutti gli edifici, le strade e saranno circa 7mila le persone da evacuare. Sarò disposto inoltre il blocco momentaneo della circolazione stradale, della linea ferroviaria, del servizio pubblico di autobus e sarà vietato il sorvolo aereo della zona. “ Siamo tenuti a prendere tutte le precauzioni del caso ha spiegato Varratta per garantire la sicurezza dei cittadini, ma la gente può stare tranquilla. Le operazioni si svolgeranno nei tempi previsti e il disagio sarà limitato a due-tre ore. Le abitazioni vuote saranno sorvegliate dalle forze dell’ordine e dalla polizia municipale per evitare che qualche malintenzionato faccia incursioni indesiderate approfittando della situazione“.
La rimozione delle spolette e il successivo brillamento saranno effettuati dagli artificieri dal Nucleo E.O.D. del Genio Ferrovieri dell’Esercito di stanza a Castelmaggiore (Bologna). Tutta la zona sarà messa in sicurezza e sorvegliata da forze dell’ordine e vigili urbani, con l’ausilio dell’8° Reparto Volo della Polizia. Saranno presenti inoltre i Vigili del Fuoco e il servizio emergenza 118 con ambulanza e personale medico a bordo. Saranno allertate, come prevede la procedura, le strutture ospedaliere. Prenderanno parte anche 150 volontari. Al termine del disinnesco, l’ordigno sarà trasportato, con la scorta della Polizia Stradale, alla miniera di Monsavano, nel comune di Pelago, dove verrà fatto brillare in sicurezza .
Cittadini, esercizi commerciali e ogni altra attività della zona hanno già ricevuto un primo avviso. I comuni di Sesto Fiorentino e Calenzano hanno distribuito nelle settimane scorse un volantino che spiega nel dettaglio come comportarsi. Abitazioni ed edifici dovranno essere lasciati entro le ore 9 di domenica. Il via alle operazioni sarà dato dalla sirena della Ginori (due suoni di quindici secondi ciascuno). Un suono prolungato di trenta secondi indicherà invece la fine degli interventi (tempo stimato circa 2-3 ore). Solo a partire da quel momento sarà possibile far ritorno nelle proprie case.
Chi non è in grado di organizzarsi autonomamente, potrà trascorrere il tempo necessario nei centri di accoglienza predisposti per l’occasione alla Misericordia di Sesto Fiorentino (piazza S. Francesco 37), alla Casa del Popolo di Querceto (via Napoli 79), al Circolo 8 Marzo (viale Ariosto 210) e all’associazione Auser (via Pasolini 105), a partire dalle ore 8. Per informazioni di carattere generale sull’evento è possibile rivolgersi al call center integrato dell’area fiorentina 055.055 dal lunedì al sabato con orario 8-20 oppure alla segreteria del Comando di Polizia Municipale di Sesto Fiorentino 055/4496503-0554496504 dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 12,30. Per le persone non autosufficienti o in particolari condizioni di salute che necessitano di trasporto e sistemazione è invece necessario rivolgersi con urgenza al n. verde dedicato 800.401084.
A partire dalle ore 8, sarà istituito, presso la sede della Protezione Civile del Comune di Sesto Fiorentino, un posto di comando, denominato I.C.P. ( Incident Control Point ), per sovraintendere a tutte le operazioni. Coordinato dalla Prefettura, sarà composto da rappresentanti di: Reggimento Genio Ferrovieri di Castel Maggiore, Questura, Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, Sezione Polizia Stradale, Polizia di Frontiera, Polizia Ferroviaria, VIII Reparto Volo della Polizia di Stato di Firenze, Protezione Aziendale di RFI, ENAC, ENAV, Gestore Aeroportuale, Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, Comune di Sesto Fiorentino, Comune di Calenzano, Protezione Civile Provinciale, 118, Enel, Terna, Estrareti Gas, Publiacqua, ATAF(per il coordinamento del trasporto pubblico).
Firenze, 8 maggio 2014
Pubblicato il 08/05/2014
Ultima modifica il 09/05/2014 alle 10:30:23

 NIENTE SCIOPERO DOMANI A PERETOLA

 
Accordo raggiunto stamani in Prefettura. Revocato lo sciopero del personale di terra all’aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze. Voli regolari.
 
Revocato lo sciopero indetto per domani 3 maggio allo scalo fiorentino. E’ questo l’esito della riunione di raffreddamento che si è tenuta stamani in Prefettura, a cui hanno partecipato la dirigenza di Aeroporto di Firenze Spa - ADF e le organizzazioni sindacali del personale di gestione aeroportuale e dei servizi di handling. Da tempo è in corso una vertenza sindacale con conseguente stato di agitazione del personale, a seguito della disdetta di tutti gli accordi integrativi formalizzata dall’azienda il 28 febbraio scorso. All’incontro le parti hanno trovato un accordo significativo che ha permesso di annullare lo sciopero di domani e conseguentemente di rendere lo scalo completamente operativo, oltretutto in una giornata importante sotto il profilo del movimento turistico. In base all’intesa, Adf ritira “la comunicazione di disdetta degli accordi aziendali”, come si legge nel verbale siglato stamani, e si riaprono le trattative sindacali, con un primo incontro fissato in azienda il prossimo 13 maggio, nel quale verranno definiti tempi, punti e metodologie del confronto.
Firenze, 2 maggio 2014
Pubblicato il :

 PRIMO MAGGIO, CONSEGNA STELLE AL MERITO DEL LAVORO

 
In Palazzo Vecchio la tradizionale cerimonia per la consegna delle onorificenze a coloro che si sono distinti nella propria attività lavorativa. Il prefetto Varratta: “L’obiettivo di tutti: poter celebrare il lavoro ogni giorno”.
 
Sono sessantacinque i lavoratori toscani che sono stati insigniti stamani della “Stella al Merito del Lavoro” nel corso di una cerimonia organizzata dalla Prefettura nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. L’onorificenza viene conferita tradizionalmente il Primo Maggio dal Presidente della Repubblica a coloro che si sono distinti, nella propria esperienza lavorativa, per laboriosità, perizia e condotta morale. E anche “ per gli insegnamenti che hanno saputo trasmettere ai colleghi più giovani ”, ha sottolineato il prefetto Luigi Varratta inaugurando la cerimonia. “ Perché tramandare competenze – ha aggiunto - mostrare con la forza dei fatti e dei comportamenti, più che con le parole, l’importanza di agire con serietà, onestà ed impegno, rappresentano il modo più efficace per contribuire al progresso duraturo di una comunità.”.
Una ricorrenza bella e importante che “ oggi ha assume anche un sapore amaro” ha sottolineato Varratta “ a causa delle preoccupazioni che tutti nutriamo per la crisi economica e occupazionale che stiamo attraversando ”. “ Le cifre della disoccupazione sono intollerabili - ha proseguito - perché dietro questi numeri ci sono i volti e le angosce di tante donne e uomini che combattono quotidianamente con la paura atroce di non riuscire a provvedere alle esigenze delle proprie famiglie. E nel caso dei giovani senza lavoro, la paura di non riuscire a costruirsi un futuro e una famiglia ”. Il prefetto ha quindi posto l’accento sul significato che la festa assume in questo particolare momento storico. La crisi e la mancanza di lavoro rischiano di creare fatture fra i cittadini, ha affermato, tensioni e contrapposizioni sociali tra chi conserva un impiego e chi si vede escluso dal mondo del lavoro. “ Celebrare il Primo Maggio oggi vuol dire avere la consapevolezza che il lavoro è un valore fondamentale per l’individuo e la comunità, un patrimonio comune, fattore che unisce e non divide la società”. E infine rivolgendosi ai dipendenti della pubblica amministrazione, Varratta ha detto “ portiamo sulle spalle grandi responsabilità che assumono un rilievo ancor maggiore oggi davanti a milioni di connazionali che affrontano pesanti difficoltà e che guardano alle istituzioni cercando una risposta, un aiuto, un segnale di speranza. Abbiamo la fortuna di lavorare e di farlo al servizio del Paese con lo scopo di contribuire al bene comune”. L’obiettivo di tutti deve essere quello di poter celebrare il lavoro ogni giorno, non solo il Primo Maggio – ha concluso il prefetto – con la serietà, la costanza e la generosità del nostro impegno”.
Dopo il prefetto, hanno preso la parola il sindaco reggente Dario Nardella, la vice presidente della Regione Toscana Stefania Saccardi, il vice presidente della Provincia di Firenze Tiziano Lepri, il presidente regionale dell’Associazione nazionale Seniores d’Azienda Vincenzo D’Angelo, il console regionale della Federazione Maestri del Lavoro Alberto Taiti, e il direttore regionale del Lavoro Sergio Trinchella. In sala, i prefetti della Toscana che hanno consegnato l’onorificenza ai propri cittadini e le autorità civili e militari. (sl)
 
Elenco insigniti 2014 (suddivisi per provincia di residenza):
Firenze : Maria Altamura, Iolanda Basagni, Andrea Bianchi, Rodolfo Bianconi, Claudio Calosi, Rosa Maria Del Piero, Maurizio Di Francia, Roberto Fontani, Giancarlo Gigli, Franco Grazzi, Marco Malesci, Cristina Menci, Alessandro Pacetti, Gianluca Poggiolini, Rita Pratellesi, Andrea Pratesi, Stefano Sani, Barnaba Trinca, Maria Vopi, Alessandro Zuri
Arezzo : Antonio Amorosi, Roberto Biancucci, Giulio Bigozzi, Roberta Brocchi, Maria Teresa Iacomoni, Carlo Lenzi, Enzo Mancioppi, Rizieri Padelli
Grosseto : Roberto Arcioni, Beatrice Leporini, Cesare Quintavalle
Livorno : Ivo Baggiani, Giancarlo Baldanzi, Attilio Bargagli, Vinicio Monnanni, Marcello Murziani, Alessandro Oliviero
Lucca : Maria Rosa Anzevino, Pietro Franceschini, Rinaldo Giometti, Claudio Paoli, Luigi Pardini, Fabrizio Pellegrinotti, Armando Tabarracci
Massa Carrara : Francesco Forni, Augusto Perini, Walter Tardelli
Pisa : Luciano Badii, Roberto Chiappe, Daniele Del Corso, Iliano Tempesti, Alessandro Vallini
Pistoia : Marco Frosini, Fabrizio Nesti, Cristina Riccio, Moreno Stagi, Stefano Trallori
Prato: Lucia Bacarelli, Andrea Lazzareschi Sergi, Stefano Romagnani
Siena :Marco Bettarini, Luciano Boschi, Paola Galli, Enzo Gambelli, Rossana Mili.
  Firenze, 1° maggio 2014
Pubblicato il 01/05/2014
Ultima modifica il 02/05/2014 alle 13:06:13

 
Torna su