Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Firenze

Comunicati Stampa

 

 CONFERENZA NAZIONALE SUI DIRITTI DEI BAMBINI

Il prefetto Laura Lega ha partecipato alla Conferenza nazionale "Lo sguardo dei bambini sul futuro - 30 anni di Convenzione sui diritti dei bambini" che si è tenuta oggi all'Istituto degli Innocenti di Firenze.

Si è tenuta oggi presso l'Istituto degli Innocenti la "Conferenza nazionale per la giornata per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza".

L'evento, alla presenza del Ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti che ha svolto la relazione conclusiva, ha visto gli interventi della Presidente della Commissione Parlamentare per l'Infanzia e l'Adolescenza Licia Ronzulli, dell'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza Filomena Albano, del Capo Dipartimento Famiglia presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri Ilaria Antonini, dell'Assessore della Regione Toscana Stefania Saccardi, dell'Assessore del Comune di Firenze Sara Funaro, della Presidente dell'Istituto degli Innocenti Maria Grazie Giuffrida, di numerosi parlamentari ed operatori del settore.

Nel corso della Conferenza, il prefetto Lega ha riportato l'esperienza avviata con la costituzione nella Prefettura di Firenze del "Tavolo per la violenza ai minori", che sta portando avanti strategie per "fare rete" e assicurare sul territorio metropolitano fiorentino un maggior coordinamento delle iniziative a favore delle vittime di abusi e maltrattamenti. Il Tavolo nasce da un protocollo d'intesa per rafforzare l'azione di prevenzione, chiamando a raccolta le energie di tutti coloro che a vario titolo si occupano della cura del minore, tra cui anche l'Istituto degli Innocenti. Si è trattato di un patto dalle caratteristiche innovative - ha spiegato Lega - che ha portato all'attivazione di un tavolo per valorizzare l'azione di ciascun componente e mettere a fattor comune il patrimonio di competenze e di professionalità di tutti coloro che operano in questo settore. " Il nostro obiettivo è quello di consolidare la rete esistente a sostegno dei minori , ha riferito il prefetto, favorire lo scambio di informazioni, conoscenze e dati in modo da assicurare una migliore interazione tra i servizi pubblici sociali e sanitari con le aree giudiziaria e scolastica ".

Firenze, 22 novembre 2019

Pubblicato il
:

 CONVEGNO "I REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED IL DANNO ERARIALE"

 

 

In Prefettura un convegno a cui hanno partecipato autorevoli rappresentanti delle istituzioni, tra cui il vice procuratore generale della Corte dei Conti Sergio Auriemma, sul tema del danno erariale.

Il buon andamento della Pubblica Amministrazione, il suo efficace ed efficiente funzionamento, la sua gestione economicamente produttiva, la responsabilità dei suoi amministratori, gli effetti distorsivi del danno erariale. Sono alcuni degli argomenti trattati nel convegno " I reati contro la Pubblica Amministrazione e il danno erariale ", tenutosi oggi a Palazzo Medici Riccardi e organizzato dalla Prefettura di Firenze e sostenuto da ANFACI - Associazione Nazionale Funzionari Amministrazione Civile Interno per offrire al territorio un importante momento di approfondimento su temi di particolare interesse per gli amministratori pubblici. Autorevoli rappresentanti delle istituzioni si sono confrontati davanti ad una folta platea composta dai prefetti toscani, i sindaci della provincia fiorentina, i dirigenti degli uffici statali periferici. L'accento è stato posto sulla natura del danno erariale, sulla sua evoluzione normativa e giurisprudenziale, sulla sua portata applicativa, sulla possibile perdita di risorse pubbliche e sulla conseguente lesione all'immagine della pubblica amministrazione, che tanto incide sul rapporto di fiducia tra cittadini e istituzione pubblica.

I lavori sono stati aperti dal saluto del prefetto di Firenze Laura Lega, a cui è seguito l'intervento introduttivo del presidente della Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti per la Toscana, Amedeo Federici, dopodiché il procuratore regionale della Corte dei Conti per la Toscana, Acheropita Mondera, ha parlato dei "Principi generali della responsabilità amministrativo-contabile".

E' stata quindi la volta del vice procuratore generale della Corte dei Conti, Sergio Auriemma, intervenuto su un tema specifico, dal titolo "Tipologie di responsabilità erariale correlate a funzioni degli Uffici Territoriali del Governo". Ha chiuso i lavori il professore di diritto amministrativo dell'Università degli Studi di Firenze, Mario Pilade Chiti, che ha tratteggiato il quadro relativo al "Danno erariale e principio costituzionale del giusto processo".

Firenze, 22 novembre 2019
Pubblicato il 22/11/2019
Ultima modifica il 29/11/2019 alle 12:35:41

 IL PREFETTO LAURA LEGA IN VISITA ALLA SINAGOGA DI FIRENZE

Il Prefetto Laura Lega si è recata stamani alla Sinagoga di Firenze dove è stata accolta dal Rabbino Capo Gad Fernando Piperno e dal Presidente della Comunità Ebraica di Firenze David Liscia. Una visita che il Prefetto ha voluto come segno di attenzione alla comunità ebraica in un momento che vede il riacutizzarsi di sentimenti antisemiti.

Un incontro molto cordiale che ha rappresentato l'occasione per parlare del rapporto tra lo Stato italiano e la comunità israelitica, parte integrante di quella nazionale. Il Prefetto ha ricordato i principi sanciti dalla Costituzione sul pluralismo religioso e sulla libertà di confessione come diritto fondamentale e inviolabile dell'individuo, principi protetti e garantiti dalla nostra Carta. Da qui la necessità, ha sottolineato Lega, di consolidare nella comunità il senso di piena condivisione di questo forte sistema valoriale.

Lega ha accennato al fatto che oggi siamo a pochi giorni di distanza dall'anniversario del 6 novembre 1943, data della deportazione degli ebrei di Firenze, un momento tragico che " la città deve aver vissuto come una lacerazione molto forte, ha detto il prefetto, così come è avvenuto a Roma per la deportazione del Ghetto nell'ottobre di quello stesso anno". " Per noi è un dovere rafforzare la lotta all'antisemitismo e a qualunque forma di razzismo legato al credo religioso. Per questo ritengo importante, ha proseguito , lavorare insieme in un tavolo interreligioso, che farò partire a breve, con la partecipazione dei rappresentanti di tutte le fedi".

In conclusione si è parlato anche di un rafforzamento delle misure a protezione della Sinagoga in un quadro di sicurezza generale.

Firenze, 15 novembre 2019

Pubblicato il
:

 IL VICE PREFETTO VICARIO DI FIRENZE NOMINATO PREFETTO DI CROTONE

Il vice prefetto vicario di Firenze Tiziana Tombesi è stata nominata prefetto e dal prossimo 25 novembre guiderà la Prefettura di Crotone. Lo ha stabilito il Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese.

Tombesi, nata a Macerata, 63 anni, laureata in Giurisprudenza, è vice prefetto vicario di Firenze dall'aprile 2017. E' stata vicaria anche delle Prefetture di Perugia e di Macerata.

 


 

Firenze, 14 novembre 2019

Pubblicato il
:

 IL CENSIMENTO PERMANENTE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI, POTENZIALITA' E PROSPETTIVE

Un convegno in Prefettura sulla nuova rilevazione generale.

Sono circa 108 mila le famiglie campione in Toscana (15 mila in provincia di Firenze) coinvolte dal "Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni" che interessa 120 comuni toscani (di cui 21 in provincia di Firenze). E' questo uno dei dati emersi nel corso del convegno, organizzato oggi a Palazzo Medici Riccardi dalla Prefettura di Firenze e dall' Ufficio Territoriale Istat per l'Emilia Romagna, la Toscana e l'Umbria, allo scopo di fare il punto sulle potenzialità e prospettive della nuova rilevazione, la cui seconda edizione è stata avviata nel mese di ottobre. Nel corso dell'evento, dal titolo " I benefici informativi del Censimento della popolazione e abitazioni ", si è discusso, in particolare, dell'utilizzo dei dati, della loro condivisione inter-istituzionale e della sensibilizzazione degli stakeholders sul valore rivestito dall'informazione statistica ufficiale come supporto alle istituzioni per avviare politiche economiche e sociali sempre più efficaci.

Questo Censimento presenta numerose novità. Innanzitutto diventa permanente in quanto verrà svolto annualmente invece che ogni dieci anni. Inoltre, sarà effettuato intervistando un campione di famiglie e sarà realizzato esclusivamente con modalità digitale. La rilevazione fornirà comunque una fotografia esaustiva della realtà perché, accanto alle informazioni raccolte sul campo presso la popolazione, si avvarrà anche di tutti i dati disponibili nella pubblica amministrazione, attraverso una efficace interazione delle fonti. Si tratta di una evoluzione operativa per venire incontro alla crescente complessità della società e ai suoi repentini mutamenti.

" Il Censimento generale è di fondamentale importanza , ha sottolineato il prefetto Laura Lega , fin da quando è nato con l'Unità d'Italia nel 1861 e così strutturato è andato avanti ogni dieci anni per quindici edizioni fino al 2011. Oggi la strategia di Istat è cambiata, ma ci restituisce ugualmente uno spaccato della vita italiana, essenziale per indirizzare al meglio la governance nazionale e territoriale. Nel quadro di una approfondita conoscenza del nostro Paese e delle nostre comunità, è fondamentale il ruolo dei Comuni per la ricaduta delle politiche locali e per la funzione che svolgono nelle operazioni censuarie, così come quello delle Prefetture in quanto uffici provinciali di Censimento".

Nella "società liquida" di oggi, in rapida trasformazione, la nuova rilevazione permette una fotografia istantanea della realtà, attraverso l'utilizzo di metodi innovativi e con una significativa riduzione dei costi e meno disturbo per le famiglie, aumentando al contempo la qualità e quantità dell'offerta statistica . E' il frutto di un lavoro intenso che ha visto interagire la macchina organizzativa dell'Istat insieme alle istituzioni, alle Prefetture, ai Comuni e accanto a loro le famiglie. Si comincerà a vedere il risultato di questo gioco di squadra alla prima restituzione dei dati, prevista tra dicembre e gennaio.  

" Il Censimento è una grande operazione statistica , ha spiegato Alessandro Valentini, dirigente dell'Ufficio Territoriale dell'Istat per l'Emilia-Romagna, Toscana e Umbria, che offre un indispensabile contributo conoscitivo, evidenziando i valori del territorio, i suoi punti di forza e di debolezza. La rilevazione permanente mette a disposizione della pubblica amministrazione una grande massa informativa da sfruttare per la pianificazione delle politiche locali e per affrontare le sfide del prossimo futuro".

Nel corso del convegno odierno, dopo il saluto del prefetto Laura Lega e l'intervento del dirigente Istat Alessandro Valentini, hanno preso la parola Simona Mastroluca della Direzione Centrale Istat per le statistiche sociali e il censimento della popolazione, Alessandra Petrucci, direttore del Dipartimento di Statistica, Informatica, Applicazioni "G. Parenti" dell'Università degli Studi di Firenze, Simone Gheri, direttore Anci Toscana, Simona Coccetta, vice presidente dell' Unione Statistica Comuni Italiani e Gianni Dugheri dell'Ufficio Statistica del Comune di Firenz e.

Firenze, 14 novembre 2019

Pubblicato il
:

 
Torna su