Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Firenze

Comunicati Stampa

 

 VERTICE AD IMPRUNETA SUI FURTI IN APPARTAMENTO

 
Riunito il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica sui furti in abitazione registrati nel territorio del Chianti fiorentino. Ci saranno più controlli e più videosorveglianza.
 
Più controlli e più videosorveglianza contro i furti, ma anche un maggior coinvolgimento dei cittadini. E’ quanto emerso al termine del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che si è riunito ieri mattina al Comune di Impruneta per analizzare il fenomeno dei furti in appartamento nel territorio del Chianti fiorentino. All’incontro, presieduto dal prefetto Luigi Varratta, hanno partecipato i sindaci di Impruneta, Bagno a Ripoli, San Casciano Val di Pesa, Tavarnelle Val d’Elsa, Barberino Val d’Elsa e Greve in Chianti. Era presente anche l ’assessore provinciale alle Politiche sociali, sicurezza e legalità Antonella Coniglio.
“Abbiamo registrato un aumento di furti nelle case, un dato allarmante – ha dichiarato il prefetto Varratta - da qui la decisione di fare tutti insieme il punto della situazione per individuare nuove strategie di prevenzione e contrasto, intervenendo con azioni mirate. E’ una situazione che può destare preoccupazione ed è da seguire con attenzione”.
L’analisi dei dati ha messo in rilievo un incremento dei furti in appartamento, soprattutto nei territori di Bagno a Ripoli e Impruneta. Il fenomeno, sul quale si è accentrata l’attenzione del tavolo, è stato messo in relazione anche con l’attuale congiuntura economica. L’instabilità finanziaria e l’abbassamento dei livelli occupazionali, è stato rilevato, incidono su alcune tipologie di reati, come quelli predatori e contro la persona.
Per fronteggiare la situazione, è stato deciso di rafforzare i controlli sul territorio e la videosorveglianza pubblica sarà incrementata. Ma un aiuto prezioso alle forze dell’ordine può venire anche da una maggior collaborazione con i cittadini. ”E’ necessario metter in campo uno sforzo progettuale ampio - ha affermato Varratta – contro questi crimini che colpiscono le persone nella loro intimità e nei loro beni più cari”. Sul fronte della lotta ai furti, infatti, è strategico che la gente assuma comportamenti e strumenti di autotutela. Il che significa dotare le proprie case di telecamere, porte e finestre blindate, ma anche prestare più attenzione al proprio ambiente di vita, segnalando a polizia e carabinieri ogni movimento sospetto. Proprio per sensibilizzare i cittadini su questo aspetto, si farà più serrata la campagna di informazione portata avanti finora dai comuni, attraverso incontri pubblici con le forze dell’ordine, la cui stretta vicinanza al territorio e ai suoi problemi è stata sottolineata positivamente da tutti i sindaci presenti all’incontro.
 
Firenze, 22 ottobre 2013
Pubblicato il :

 A.A.A. TRADUTTORI CERCASI

 
La Prefettura cerca traduttori per lo Sportello Unico per l’Immigrazione. Indetta un’indagine di mercato per selezionare la ditta che fornirà il servizio di interpreti. Le domande vanno presentate entro il 25 ottobre.
 
Cercasi mediatori linguistico-culturali da assegnare allo Sportello Unico per l’Immigrazione della Prefettura. Undici interpreti nelle lingue più utilizzate nei contatti con i cittadini extra-UE: cinese, arabo, albanese, cingalese, filippino, georgiano, bangla, russo, spagnolo, urdu (lingua nazionale del Pakistan), spagnolo e wolof (parlato in Senegal). E’ partita l’indagine esplorativa di mercato per individuare le imprese più idonee a fornire questi professionisti che avranno il compito di facilitare la comunicazione tra gli operatori dello Sportello e gli utenti. Una volta selezionate, le imprese potranno partecipare alla gara di appalto del servizio, che si svolgerà presumibilmente il 2 dicembre 2013. L’importo base è di 39.989 euro (compresa Iva). Tutte le informazioni nell’avviso pubblico pubblicato sul sito www.prefettura.it/firenze .
Per partecipare sarà necessario aver maturato almeno 5 anni di esperienza a favore della pubblica amministrazione nel settore immigrazione. Coloro che sono interessati potranno inviare le loro offerte esclusivamente per P.E.C., posta elettronica certificata, all’indirizzo immigrazione.preffi(at)pec.interno.it entro le ore 12 di giovedì 25 ottobre .
 
Il progetto di mediazione linguistico-culturale PrOMed (Promozione-Orientamento-Mediazione), ideato dalla Prefettura e approvato dal Ministero dell’Interno, è sovvenzionato dal Fondo Europeo per l’Integrazione. Un finanziamento che l’Unione Europea assegna alle proposte ritenute più valide per migliorare l’inclusione sociale dei cittadini stranieri. Il progetto è giunto già alla sua seconda edizione. I mediatori si sono infatti rilevati un aiuto prezioso per l’integrazione. Non hanno solo provveduto a tradurre, ma hanno anche aiutato lo straniero a comprendere gli adempimenti e il funzionamento della pubblica amministrazione.
Firenze, 18 ottobre 2013
 
Pubblicato il :

 APERTURE STRAORDINARIE DEL COMPLESSO DI SANTO SPIRITO

Un accordo speciale fra il Comune di Firenze, il Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno (già impegnati sulla base del Protocollo di intesa del 19 aprile 2012 ad una più incisiva collaborazione per la valorizzazione delle Chiese del Fondo site in Firenze), i Padri Agostiniani del Convento di Santo Spirito e il Centro documentale dell’Esercito di Firenze consentirà, nei prossimi tre mesi, di tornare a vedere il complesso monumentale di Santo Spirito nella sua originaria interezza, accedendo, con un ciclo di visite guidate, agli spazi di maggiore interesse storico e artistico delle parti del’antico convento normalmente non fruibili.
 
Il rinomato complesso, fondato dagli Agostiniani nella seconda metà del XIII secolo, si sviluppa a fianco della basilica di Santo Spirito, capolavoro di architettura rinascimentale, realizzato nel XV secolo su progetto di Filippo Brunelleschi, in sostituzione di una più modesta chiesa duecentesca. Già sede dello Studio Generale dell’Ordine e prestigioso centro della vita politica e culturale della città, il convento deve la sua moderna configurazione, articolata intorno a due chiostri monumentali, a una serie di importanti opere di rinnovamento e ampliamento compiute su progetto di Bartolomeo Ammannati, tra il XVI e il XVII secolo.
Dalla soppressione delle corporazioni religiose del 1866 discende l’attuale suddivisione dell’antico convento in aree di diversa proprietà e destinazione d’uso: gli spazi riservati alla comunità Agostiniana, il museo comunale Fondazione Salvatore Romano e il Centro documentale dell’Esercito.  
 
Le visite guidate, promosse dai Musei Civici Fiorentini e curate dall’Associazione MUS.E, includeranno la basilica di Santo Spirito con i suoi capolavori, fra i quali il Crocifisso di Michelangelo Buonarroti – patrimonio del fondo Edifici di Culto, l’antico Cenacolo con la Fondazione Salvatore Romano e, per la prima volta, alcuni spazi del convento agostiniano normalmente non accessibili al pubblico, come il Chiostro dei Morti e il Refettorio Nuovo con le Tre Cene affrescate da Bernardino Poccetti.
 
Il lunedì sarà possibile visitare eccezionalmente anche gli ambienti della parte del complesso che oggi ospita il Centro documentale dell’Esercito, come il Chiostro Grande di Bartolomeo Ammannati e la trecentesca Cappella Corsini.   
 
Questo il calendario degli appuntamenti:  
 
Sabato      h15.00
Domenica       h15.00
Lunedì           h14.30
19 ottobre
20 ottobre
21 ottobre
2 novembre
3 novembre
4 novembre
16 novembre
17 novembre
18 novembre
30 novembre
1 dicembre
2 dicembre
14 dicembre
15 dicembre
16 dicembre
28 dicembre
29 dicembre
30 dicembre
4 gennaio
5 gennaio
 
 
Meeting Point:
Fondazione Salvatore Romano - Piazza Santo Spirito 29, Firenze
Durata: 1h15’
 
Costi:
Intero                                                                          € 5,00
Ridotto             >65 e 18-25                                          € 4,00
Ridotto             < 18 e possessori di Firenze Card               € 4,00             
 
Si consiglia la prenotazione.
 
Per informazioni e prenotazioni :  
Tel. 055-2768224 055-2768558
Mail: info(at)muse.comune.fi.it
 
 
Pubblicato il :

 
Torna su