Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Firenze

Comunicati Stampa

 

 CERIMONIA DI CONSEGNA DELLE MEDAGLIE DELLA LIBERAZIONE

In occasione della "Giornata dell'Unità Nazionale, della Costituzione, dell'Inno e della Bandiera" che si celebra il 17 marzo, le onorificenze sono state conferite a partigiani e combattenti della guerra di Liberazione e della Resistenza. Giuffrida: "Un simbolo di gratitudine".

 

Sono 17 le Medaglie della Liberazione consegnate oggi nel corso di una cerimonia che si è tenuta in Prefettura in occasione della "Giornata dell'Unità Nazionale, della Costituzione, dell'Inno e della Bandiera" che si celebra il 17 marzo.

Si tratta di un riconoscimento che viene conferito a partigiani e combattenti che si sono distinti per coraggio e abnegazione nella guerra di Liberazione e nella Resistenza. " Quello che vi consegno oggi è un simbolo di gratitudine , ha affermato il prefetto Alessio Giuffrida nell'aprire la commemorazione, " per ciò che avete fatto in un momento drammatico per il nostro Paese, durante il quale non avete mai smesso di credere in un futuro migliore e avete difeso con onore e sacrificio i principi di libertà e indipendenza su cui si fondano la Repubblica e la Costituzione" .

Le medaglie, istituite dal ministero della Difesa nel 2015, sono coniate in bronzo e recano stilizzato un particolare della cancellata del Mausoleo delle Fosse Ardeatine, opera dello scultore Mirko Basaldella. Sono state consegnate dal prefetto Alessio Giuffrida e dai sindaci e vice sindaci dei comuni di provenienza degli insigniti: erano presenti per Calenzano Alessio Biagioli, per Empoli Brenda Barnini, per Montelupo Fiorentino Paolo Masetti, per Pelago Renzo Zucchini, per Pontassieve Monica Marini, per Reggello Cristiano Benucci, per Rufina Mauro Pinzani. Per Firenze ha partecipato la vice sindaca Cristina Giachi e per Sesto Fiorentino è intervenuto il vice sindaco Damiano Sforzi.

Nel corso della serata sono stati suonati l'Inno di Mameli, l'Inno Europeo e musiche varie, eseguiti dal "Battrio" di clarinetti del Conservatorio di Musica "Luigi Cherubini" di Firenze.

Elenco degli insigniti suddivisi per comune di provenienza

Firenze : Silvano Baiano, Luciano Nati, Pietro Sbaccheri

Calenzano : Ernesto Caselli

Empoli : Paolo Baggiani, Gianfranco Carboncini, Dario Del Sordo, William Lucchesi

Montelupo Fiorentino : Mario Frosini, Ugo Morchi

Pelago : Natale Benvenuti

Pontassieve : Osvaldo Guidi, Renato Monciatti

Reggello : Luigi Simoni

Rufina : Pilade Paterni, Dino Rossi

Sesto Fiorentino : Federico Sabatini

Firenze, 17 marzo 2017

 

Pubblicato il :

 DECRETO FLUSSI 2017, AL VIA LA PRECOMPILAZIONE DELLE DOMANDE

 

  A LIVELLO NAZIONALE INTERESSATI 30.850 LAVORATORI STRANIERI

 

Le quote per la provincia di Firenze verranno fissate più avanti. Le domande si compilano online sul sito del Ministero dell'Interno.

 

Da domani, 14 marzo, per i lavoratori stranieri sarà possibile precompilare, sul sito del Ministero dell'Interno, le domande di nullaosta per lavoro non stagionale e per le conversioni da lavoro stagionale a lavoro subordinato e autonomo. Dal 21 marzo potranno essere precompilate le richieste per lavoro stagionale.

Lo stabilisce la circolare congiunta dei ministeri dell'Interno e del Lavoro sulla base del nuovo decreto "Programmazione transitoria dei flussi d'ingresso dei lavoratori non comunitari nel territorio dello Stato per l'anno 2017" che ha fissato le quote nazionali. Si tratta di 30.850 ingressi complessivi, così suddivisi:

-13850 quote sono destinate alle conversioni in permessi di soggiorno per lavoro subordinato o autonomo per coloro che sono già sul territorio nazionale con permessi di soggiorno ad altro titolo (lavoro stagionale, studio, tirocinio e/o formazione professionale, lungo soggiornanti da altro Stato membro dell'Unione Europea)

-17.000 quote sono riservate agli ingressi per lavoro stagionale dei cittadini dei Paesi terzi che, nella maggior parte dei casi, hanno sottoscritto con l'Italia accordi di riammissione: Albania Algeria, Bosnia-Herzegovina, Repubblica di Corea, Costa d'Avorio, Egitto, Etiopia, Ex repubblica Jugoslava di Macedonia, Filippine, Gambia, Ghana, Giappone, India, Kosovo, Mali, Marocco, Mauritius, Moldova, Montenegro, Niger, Nigeria, Pakistan, Senegal, Serbia, Sri Lanka, Sudan, Ucraina e Tunisia. Entro le 17.000 unità, inoltre, 2.000 quote sono riservate ai lavoratori non comunitari che abbiano fatto ingresso in Italia per prestare lavoro subordinato stagionale per almeno una volta nei cinque anni precedenti e per i quali il datore di lavoro presenti richiesta di nulla osta pluriennale per lavoro subordinato stagionale.

 Il decreto flussi è stato registrato alla Corte dei Conti il 3 marzo scorso e sarà pubblicato nei prossimi giorni sulla Gazzetta Ufficiale, mentre la circolare ministeriale che illustra i contenuti del decreto e la procedura per l'invio delle domande è consultabile all'indirizzo:


 

Firenze, 13 marzo 2017

Pubblicato il :

 LA SICUREZZA IN CITTA'

Al comitato di oggi fotografia della situazione attuale e pianificazione futura.

L'attività di controllo del territorio da parte delle forze dell'ordine è stata al centro del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza pubblica che si è riunito stamani a Palazzo Medici Riccardi. Il prefetto Alessio Giuffrida, il questore Alberto Intini, il comandante dei Carabinieri Giuseppe De Liso, il comandante della Guardia di Finanza Benedetto Lipari, il sindaco Dario Nardella, l'assessore alla sicurezza Federico Gianassi e il consigliere metropolitano Angelo Bassi hanno fatto il punto sulla sicurezza nelle varie zone della città. E' stato registrato un impegno costante ad ampio raggio, accompagnato anche da azioni mirate come quelle in corso in Oltrarno contro lo spaccio di droga. Le varie problematiche cittadine sono ben conosciute alle forze dell'ordine, zona per zona, e per ogni diverso fenomeno (come traffico di stupefacenti, prostituzione, abusivismo commerciale) è stata approntata una risposta adeguata con dispiego di uomini e mezzi, anche in sinergia con la polizia municipale, per ottenere sempre migliori risultati. Il tutto accompagnato da un intenso lavoro investigativo.

Riguardo alle strategie future, al tavolo di oggi si è parlato ampiamente delle nuove misure sulla sicurezza urbana, il decreto legge n. 14/2017, che promuove un sistema ancor più integrato tra Stato ed Enti Locali per la vivibilità e il decoro delle città, da perseguire attraverso interventi di riqualificazione delle aree più degradate, l'eliminazione dei fattori di marginalità ed esclusione sociale, la prevenzione della criminalità, il rispetto della legalità e della convivenza civile. Il provvedimento ha rafforzato i poteri di ordinanza del sindaco, estendendoli a numerosi settori di intervento e stabilendo forme di collaborazione inter-istituzionale tra le diverse amministrazioni competenti, anche per individuare gli spazi cittadini da sottoporre a particolare tutela, come le aree interne delle infrastrutture (ferroviarie, aeroportuali e di trasporto pubblico locale) e i luoghi della cultura interessati da consistenti flussi turistici, su cui si trovano musei, complessi monumentali, parchi. Si è trattato di una prima riflessione operativa così da cominciare a definire il lavoro dei prossimi mesi.

 

Firenze, 1° marzo 2017

Pubblicato il :

 
Torna su