Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Firenze

Comunicati Stampa

 

 FIORENTINA-TOTTENHAM. PREFETTO: "GRAZIE A TUTTI"



 

Varratta si complimenta con le forze dell'ordine e ringrazia la città e i tifosi viola e inglesi. “E’ stata una bellissima serata di sport. Firenze ha dimostrato ancora una volta di essere grande città dell’accoglienza”

 

Grande soddisfazione ha espresso il prefetto Luigi Varratta al termine del match di Europa League Fiorentina-Tottenham che si è giocato ieri sera allo stadio Franchi di Firenze. “E’ stata una bellissima serata di sport” ha detto Varratta complimentandosi con le forze dell’ordine per l'ottimo lavoro svolto prima e durante la partita. "Un grazie molto sentito - ha detto stamani Varratta - al questore Raffaele Micillo, al comandante provinciale dell'Arma Marco Lorenzoni e al comandante provinciale della Guardia di Finanza Leandro Cuzzocrea per come sono stati gestiti ordine e sicurezza pubblica". "Ringrazio anche il comandante della polizia municipale Marco Andrea Seniga – ha aggiunto - per l'impegno profuso in sinergia con le forze dell'ordine.". Un pensiero grato anche ai commercianti e alle loro associazioni di categoria per la comprensione e il rispetto dei divieti disposti. “Il successo della serata è frutto di un gioco di squadra – ha sottolineato il prefetto – al quale hanno partecipato tutti, ognuno per la propria parte. Anche i cittadini, i tifosi viola e i supporters inglesi che hanno saputo vivere l’importante evento sportivo con corretta partecipazione. E Firenze ha dimostrato ancora una volta di essere grande città dell’accoglienza”.

 
Firenze,  27 febbraio 2015

Pubblicato il :

 PARTITA FIORENTINA - TOTTENHAM


 
Pronto il piano sicurezza per la partita di Europa League che si gioca giovedì Monitoraggio tifosi inglesi, presidi di polizia, bus navetta per lo stadio, ordinanza antialcol, chiusura anticipata alle 24 di bar, ristoranti, discoteche, locali, minimarket. Varratta: “Che sia lo sport a vincere”.

 

E’ stata firmata stamani dal prefetto Luigi Varratta l’ordinanza antialcol per il match di Europa League Fiorentina-Tottenham che si giocherà allo stadio Franchi di Firenze giovedì 26 febbraio. Il provvedimento è stato adottato al termine del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito ieri sera a Palazzo Medici Riccardi proprio per esaminare la questione. Al tavolo di Varratta il sindaco Dario Nardella, i vertici provinciali delle forze dell’ordine, le associazioni di categoria degli esercenti commerciali e un delegato alla sicurezza della Fiorentina Calcio. “Abbiamo deciso di mettere in campo misure delle grandi occasioni per garantire un match in cui sia lo sport a vincere- ha detto il prefetto-  ma anche alla luce di quanto accaduto a Roma con i tifosi del Feyenoord”. Il dispositivo sicurezza del quale parla Varratta comprende le misure delineate giorni fa al tavolo tecnico del questore: una task-force monitorerà costantemente i movimenti dei tifosi del Tottenham fin dal loro arrivo a Firenze e presidi delle forze di polizia saranno disposti nelle piazze e a tutela dei monumenti per evitare danni al patrimonio artistico. In più ieri sera è stato deciso di approntare un servizio di bus navetta per accompagnare i tifosi inglesi da piazza della Stazione allo stadio (e ritorno a fine partita), con partenza dalle ore 15,30 e un percorso stradale dedicato. Questo per consentire un maggior controllo della tifoseria ospite e impattare il meno possibile sul traffico cittadino.

E veniamo all’ordinanza antialcol. Con il previsto arrivo di un numero considerevole di supporters del Tottenham (si parla di 2000-2500 tifosi) “sussiste – si legge nel provvedimento - una potenziale situazione di rischio per l’ordine e la sicurezza pubblica connessa al consumo di bevande alcoliche ed alla prevedibile dispersione di un elevato numero di contenitori di vetro e, soprattutto, all’uso degli stessi come corpi contundenti o armi improprie per offendere ed arrecare danno a cose e persone”. Una previsione che ha spinto il prefetto, nell’ambito delle sue specifiche competenze di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica,  di adottare un divieto che è così articolato:

è anticipata alle ore 24 dei giorni mercoledì 25 e giovedì 26 febbraio la chiusura di tutti gli esercizi  autorizzati alla somministrazione e vendita di bevande da asporto, ubicati in tutto il Centro Storico della città di Firenze nell’area delimitata dai viali di circonvallazione e dalla cerchia delle mura, a destra e sinistra del fiume Arno; 

 
è anticipata alle ore 24 del giorno 26 febbraio la chiusura di tutti gli esercizi ubicati in zona Stadio, autorizzati alla somministrazione e vendita di bevande da asporto; nell’area delimitata da Piazza delle Cure - Viale dei Mille - Via Pacinotti - Via del Pratellino - Via Del Campo D'Arrigo - Viale De Amicis - Viale Lungo l'Africo - piazza Alberti - Viale Ojetti -Viale Righi - Viale Volta;

 
 dalle ore 14.00 del 25 febbraio alle ore 24.00, orario di chiusura anticipato di cui al punto 1), è comunque vietata la vendita per asporto in forma fissa ed ambulante di bevande alcoliche di qualunque gradazione e di ogni altra bevanda in contenitori di vetro e/o lattine in tutti gli esercizi pubblici e di vicinato ubicati nel Centro Storico della città di Firenze, nell’area delimitata dai viali di circonvallazione e dalla cerchia delle mura, a destra e sinistra del fiume Arno; 

 
dalle ore 14.00 del 26 febbraio alle ore 24.00, orario di chiusura anticipato di cui al punto 1), è comunque vietata la somministrazione di bevande alcoliche di qualunque gradazione e la vendita per asporto in forma fissa ed ambulante di bevande alcoliche di qualunque gradazione e di ogni altra bevanda in contenitori di vetro e/o lattine, all’esterno dello Stadio A. Franchi nell’area delimitata da Piazza delle Cure - Viale dei Mille - Via Pacinotti - Via del Pratellino - Via Del Campo D'Arrigo - Viale De Amicis - Viale Lungo l'Africo - piazza Alberti - Viale Ojetti -Viale Righi - Viale Volta;

 
dalle ore 14.00 alle ore 18.00 del 26 febbraio, è vietata la somministrazione di bevande alcoliche di qualunque gradazione e la vendita per asporto in forma fissa ed ambulante di bevande alcoliche di qualunque gradazione e di ogni altra bevanda in contenitori di vetro e/o lattine, per tutti gli esercizi che si affacciano su Piazza Stazione e su Piazza S. Maria Novella e zone immediatamente limitrofe;

 
dalle ore 14 di mercoledì 25 alle ore 04 di venerdì 27 è comunque vietato detenere confezioni di bevande alcoliche che, in relazione alla quantità, risultino evidentemente non destinate al mero uso/consumo personale, nonché il consumo sulla pubblica via di bevande alcoliche nel Centro Storico della città di Firenze, nell’area delimitata dai viali di circonvallazione e dalla cerchia delle mura, a destra e sinistra del fiume Arno ed in zona Stadio, come sopra individuata.

 
Firenze,  24 febbraio 2015

Pubblicato il :

 MIGRANTI, GARA PER GESTIONE SERVIZI DI PRIMA ACCOGLIENZA



Il bando è pubblicato sul sito della Prefettura. 


Al via una nuova gara per assegnare il servizio di prima accoglienza a favore dei migranti nel periodo aprile – dicembre 2015. Alla Prefettura è necessario infatti reperire posti dove ospitare gli extracomunitari, oltre quelli già individuati in base al bando precedente, scaduto il 31 dicembre 2014 e prorogato fino al 31 marzo di quest’anno. Si tratta della gestione dell’ospitalità sia dei migranti tuttora presenti nei centri già individuati sia di quelli che saranno assegnati in futuro alla provincia di Firenze 

Oggetto dell’appalto è l’espletamento di una serie di servizi che consistono nel fornire alloggio, vitto, pulizia, fornitura di biancheria e abbigliamento, prodotti per l’igiene personale, nonché la gestione amministrativa degli ospiti, l’assistenza generica alla persona (compresa la mediazione linguistica, il primo orientamento, l’assistenza nella richiesta di protezione internazionale), il pocket money giornaliero e la tessera telefonica. 

Secondo quanto disposto dal Ministero dell’Interno, il prezzo a base d’asta per questo servizio è fissato, per ogni migrante e al giorno, in 34 euro più iva. Per cui l’importo complessivo presunto dell’appalto è di 9milioni e 180 mila euro, determinato sulla base della quota provinciale di cittadini extracomunitari già presenti e di quelli che saranno accolti in futuro, per un numero indicativo di 1000. L’ammontare definitivo dell’appalto sarà calcolato in fase di esecuzione del servizio secondo le prestazioni effettivamente erogate. 

Sono ammessi a partecipare alla gara  i soggetti indicati all’articolo 34 del Codice dei Contratti, oltre le associazioni, fondazioni e altri organismi che abbiano tra i propri fini istituzionali quello di operare in un settore di intervento pertinente con i servizi di accoglienza che sono oggetto del bando. Le strutture alberghiere, interessate a partecipare alla gara, dovranno convenzionarsi con tali operatori. 

Ogni altra informazione sui requisiti per concorrere, sulle modalità di gara, sulle ammissioni e valutazioni delle offerte, su iter e i criteri di aggiudicazione sono disponibili nella documentazione ufficiale di gara, consultabile sul sito della Prefettura www.prefettura.it/firenze,  sezione Amministrazione  Trasparente > Bandi di gara e contratti > Bandi di gara e contratti.

Firenze,  13 febbraio 2015

Pubblicato il :

 A.A.A. CERCASI CASERMA PER I CARABINIERI DI SCANDICCI



 

Immobile indipendente, superficie complessiva di 4000 metri quadri, vicino alle principali vie di comunicazione. Le offerte vanno presentate entro il prossimo 16 marzo.

 

La Prefettura cerca un immobile in affitto da destinare a sede della Compagnia Carabinieri di Scandicci. L’edificio dovrà essere indipendente, con una superficie complessiva di circa 4000 metri quadri, ubicato nel Comune di Scandicci o in una zona  ritenuta idonea allo scopo dal Comando Provinciale dell’Arma e trovarsi in prossimità delle principali vie di comunicazione. Lo stabile dovrà essere realizzato in conformità alle norme vigenti in materia di impiantistica, risparmio energetico, utilizzo delle fonti rinnovabili, eliminazione delle barriere architettoniche e di sicurezza dei luoghi di lavoro. 

Privati e imprese, interessate a concedere in locazione un immobile con queste caratteristiche, potranno far pervenire le loro offerte alla Prefettura di Firenze, Ufficio Accasermamento, via Giacomini 8, entro il 16 marzo 2015, corredata di planimetrie quotate e firmate e di una proposta di canone da sottoporre a parere di congruità dell’Agenzia del Demanio. 

Ulteriori chiarimenti possono essere richiesti al Comando Provinciale Carabinieri di Firenze oppure direttamente alla Compagnia Carabinieri di Scandicci.

Firenze, 12 febbraio 2015

Pubblicato il :

 10 FEBBRAIO, “GIORNO DEL RICORDO” IN MEMORIA DELLE VITTIME DELLE FOIBE



Cerimonia in Prefettura per la consegna della medaglia del Presidente della Repubblica alla memoria di Anacleto Bacchi, vittima delle foibe.

 

In occasione del Giorno del ricordo, che si celebra oggi 10 febbraio, il prefetto Luigi Varratta ha ricevuto a Palazzo Medici Riccardi Enzo Bacchi per consegnare la medaglia e l’attestato del Presidente della Repubblica in memoria del sacrificio dello zio Anacleto Bacchi, vittima delle foibe. Una breve e sentita cerimonia durante la quale Varratta ha ripercorso la storia di quel periodo,“ una follia – ha detto il prefetto – come la Shoah che abbiamo commemorato pochi giorni fa. Soprattutto i giovani devono averne una coscienza continua, specialmente ora che nel mondo accadono tanti fatti tragici che annientano la dignità umana”.

Anacleto Bacchi era originario di Calenzano, località nel comune di San Miniato di Pisa. Soldato nella seconda guerra mondiale, fatto prigioniero dalle parti di Zagabria, scomparve e fu dato per disperso. Dopo decenni di lunghe e minuziose ricerche, è stato appurato che fu vittima delle foibe. Il nipote Enzo Bacchi, che abita a Empoli, non ha un ricordo diretto dello zio; era troppo piccolo a quei tempi, però in famiglia ne hanno sempre parlato molto. “Son cose da non dimenticare – ha detto Bacchi – c’è tanto male nel mondo, ma voglio avere fiducia”.

Altri due cittadini, i cui familiari risiedono in provincia di Firenze, sono stati insigniti dello stesso riconoscimento alla memoria. Si tratta di Giorgio Baldini e di Aldo Bartolini, i cui congiunti hanno scelto di ritirare la medaglia nel corso della cerimonia nazionale che si svolge oggi pomeriggio a Roma, a  palazzo Montecitorio. 

Firenze, 10 febbraio 2015

Pubblicato il :

 INFORMAZIONI IN DIECI LINGUE PER DARE UNA MANO AGLI IMMIGRATI


La Prefettura ha tradotto in albanese, arabo, bangla, cinese, francese, inglese, russo, spagnolo, cingalese e tagalog (parlato nelle Filippine) le notizie base su una serie di servizi resi ai cittadini stranieri. Un progetto scelto dal Ministero Interno e finanziato con fondi europei.

E’ complessa la burocrazia per lo straniero che vive e lavora in Italia. Un mondo nel quale si orienta con difficoltà sia per la complessità delle norme sia per i termini usati, di non facile interpretazione per chi non conosce bene l’italiano. Un aiuto arriva ora dalle “Schede informative semplificate multilingue” realizzate dalla Prefettura in dieci lingue: albanese, arabo, bangla, cinese, francese, inglese, russo, spagnolo, cingalese e tagalog, idioma parlato nelle Filippine. Le schede forniscono le informazioni di base sulle pratiche che l’immigrato si trova ad affrontare più spesso: ricongiungimento familiare, permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, test di italiano e ritorno volontario assistito. Si tratta di agili vademecum su come e cosa fare, dove recarsi, quali documenti occorre presentare,  i tempi di attesa, le domande e le risposte più frequenti, tutto spiegato con un linguaggio semplice e chiaro.

La traduzione è stata resa possibile grazie al progetto "ProMed: Promozione, Orientamento, Mediazione", messo a punto dalla Prefettura e ritenuto dal Ministero dell’Interno valido al punto da inserirlo, insieme a soli altri 16 progetti su tutto il territorio nazionale, tra le iniziative che si avvalgono delle risorse comunitarie FEI, il Fondo Europeo per l'integrazione di cittadini di Paesi terzi, programma generale di solidarietà e gestione dei flussi migratori. La diverse versioni in lingua sono state realizzate dai mediatori linguistico-culturali che operano allo Sportello Unico per l’Immigrazione della Prefettura.

Le “Schede informative semplificate multilingue” sono consultabili su PAeSI, il portale che offre in modo integrato e coordinato l’accesso telematico alle informazioni e ai servizi resi dalla pubblica amministrazione agli stranieri immigrati. L’indirizzo web è: http://www2.immigrazione.regione.toscana.it/?q=risorsepertema&temaid=329&tema=Schede .

Firenze,  6 febbraio 2015

Pubblicato il :

 FARO PUNTATO SU PIAZZA BRUNELLESCHI

 

Prefetto, sindaco e rettore a Palazzo Medici Riccardi per la sicurezza dell’area davanti alla Facoltà di Lettere. Varratta: “Trovato un buon punto di sinergia”

 

Saranno installate telecamere, impegnati vigilantes per la sorveglianza interna e intensificati i controlli interforze. Queste le soluzioni adottate dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, riunito stamani in Prefettura, per fronteggiare nell’immediato la situazione di piazza Brunelleschi. L’area limitrofa alla Facoltà di Lettere è tornata in questi giorni all’attenzione delle istituzioni a seguito di un episodio di aggressione subito da un addetto alle pulizie che lavorava nella struttura universitaria. Il prefetto Luigi Varratta, il sindaco Dario Nardella, il rettore Alberto Tesi e i vertici provinciali delle forze di polizia hanno fatto il punto e deciso di incrementare il livello di sicurezza della zona attraverso tre misure. Il Comune procederà all’installazione di due telecamere, supporti ritenuti decisivi sia come deterrente sia come strumenti di verifica nel caso siano necessari approfondimenti investigativi su fatti avvenuti. L’Università si avvarrà di una vigilanza interna alla sede della facoltà di Lettere, operativa da ieri. Infine sarà rafforzata la sorveglianza da parte della forza pubblica, con ripetuti passaggi delle pattuglie già attive in questa parte della città, coordinati ai servizi antidegrado che vengono svolti ogni mattina dalla polizia municipale. “Oggi abbiamo trovato un buon punto di sinergia – ha detto il prefetto Varratta al termine dell’incontro –  che permette a ognuno, nell’ambito delle proprie competenze,  di mettere in campo interventi che potranno far sentire più sicuri i residenti e coloro che frequentano per studio e lavoro l’università”

Per quanto riguarda infine la prospettiva futura dell’area, il sindaco Nardella ha confermato che andrà avanti con il progetto di riqualificazione della piazza. 

 

Firenze, 4 febbraio 2014

Pubblicato il :

 
Torna su