]]>

Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Firenze


Comunicati Stampa

 

 VERTICE AD IMPRUNETA SUI FURTI IN APPARTAMENTO

 
Riunito il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica sui furti in abitazione registrati nel territorio del Chianti fiorentino. Ci saranno pi controlli e pi videosorveglianza.
 
Pi controlli e pi videosorveglianza contro i furti, ma anche un maggior coinvolgimento dei cittadini. E’ quanto emerso al termine del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che si riunito ieri mattina al Comune di Impruneta per analizzare il fenomeno dei furti in appartamento nel territorio del Chianti fiorentino. All’incontro, presieduto dal prefetto Luigi Varratta, hanno partecipato i sindaci di Impruneta, Bagno a Ripoli, San Casciano Val di Pesa, Tavarnelle Val d’Elsa, Barberino Val d’Elsa e Greve in Chianti. Era presente anche l ’assessore provinciale alle Politiche sociali, sicurezza e legalit Antonella Coniglio.
“Abbiamo registrato un aumento di furti nelle case, un dato allarmante – ha dichiarato il prefetto Varratta - da qui la decisione di fare tutti insieme il punto della situazione per individuare nuove strategie di prevenzione e contrasto, intervenendo con azioni mirate. E’ una situazione che pu destare preoccupazione ed da seguire con attenzione”.
L’analisi dei dati ha messo in rilievo un incremento dei furti in appartamento, soprattutto nei territori di Bagno a Ripoli e Impruneta. Il fenomeno, sul quale si accentrata l’attenzione del tavolo, stato messo in relazione anche con l’attuale congiuntura economica. L’instabilit finanziaria e l’abbassamento dei livelli occupazionali, stato rilevato, incidono su alcune tipologie di reati, come quelli predatori e contro la persona.
Per fronteggiare la situazione, stato deciso di rafforzare i controlli sul territorio e la videosorveglianza pubblica sar incrementata. Ma un aiuto prezioso alle forze dell’ordine pu venire anche da una maggior collaborazione con i cittadini. ”E’ necessario metter in campo uno sforzo progettuale ampio - ha affermato Varratta – contro questi crimini che colpiscono le persone nella loro intimit e nei loro beni pi cari”. Sul fronte della lotta ai furti, infatti, strategico che la gente assuma comportamenti e strumenti di autotutela. Il che significa dotare le proprie case di telecamere, porte e finestre blindate, ma anche prestare pi attenzione al proprio ambiente di vita, segnalando a polizia e carabinieri ogni movimento sospetto. Proprio per sensibilizzare i cittadini su questo aspetto, si far pi serrata la campagna di informazione portata avanti finora dai comuni, attraverso incontri pubblici con le forze dell’ordine, la cui stretta vicinanza al territorio e ai suoi problemi stata sottolineata positivamente da tutti i sindaci presenti all’incontro.
 
Firenze, 22 ottobre 2013
Pubblicato il 22/10/2013 ultima modifica il 04/11/2013 alle 13:01:00

 A.A.A. TRADUTTORI CERCASI

 
La Prefettura cerca traduttori per lo Sportello Unico per l’Immigrazione. Indetta un’indagine di mercato per selezionare la ditta che fornir il servizio di interpreti. Le domande vanno presentate entro il 25 ottobre.
 
Cercasi mediatori linguistico-culturali da assegnare allo Sportello Unico per l’Immigrazione della Prefettura. Undici interpreti nelle lingue pi utilizzate nei contatti con i cittadini extra-UE: cinese, arabo, albanese, cingalese, filippino, georgiano, bangla, russo, spagnolo, urdu (lingua nazionale del Pakistan), spagnolo e wolof (parlato in Senegal). E’ partita l’indagine esplorativa di mercato per individuare le imprese pi idonee a fornire questi professionisti che avranno il compito di facilitare la comunicazione tra gli operatori dello Sportello e gli utenti. Una volta selezionate, le imprese potranno partecipare alla gara di appalto del servizio, che si svolger presumibilmente il 2 dicembre 2013. L’importo base di 39.989 euro (compresa Iva). Tutte le informazioni nell’avviso pubblico pubblicato sul sito www.prefettura.it/firenze .
Per partecipare sar necessario aver maturato almeno 5 anni di esperienza a favore della pubblica amministrazione nel settore immigrazione. Coloro che sono interessati potranno inviare le loro offerte esclusivamente per P.E.C., posta elettronica certificata, all’indirizzo immigrazione.preffi(at)pec.interno.it entro le ore 12 di gioved 25 ottobre .
 
Il progetto di mediazione linguistico-culturale PrOMed (Promozione-Orientamento-Mediazione), ideato dalla Prefettura e approvato dal Ministero dell’Interno, sovvenzionato dal Fondo Europeo per l’Integrazione. Un finanziamento che l’Unione Europea assegna alle proposte ritenute pi valide per migliorare l’inclusione sociale dei cittadini stranieri. Il progetto giunto gi alla sua seconda edizione. I mediatori si sono infatti rilevati un aiuto prezioso per l’integrazione. Non hanno solo provveduto a tradurre, ma hanno anche aiutato lo straniero a comprendere gli adempimenti e il funzionamento della pubblica amministrazione.
Firenze, 18 ottobre 2013
 
Pubblicato il 18/10/2013 ultima modifica il 04/11/2013 alle 13:01:39

 APERTURE STRAORDINARIE DEL COMPLESSO DI SANTO SPIRITO

Un accordo speciale fra il Comune di Firenze, il Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno (gi impegnati sulla base del Protocollo di intesa del 19 aprile 2012 ad una pi incisiva collaborazione per la valorizzazione delle Chiese del Fondo site in Firenze), i Padri Agostiniani del Convento di Santo Spirito e il Centro documentale dell’Esercito di Firenze consentir, nei prossimi tre mesi, di tornare a vedere il complesso monumentale di Santo Spirito nella sua originaria interezza, accedendo, con un ciclo di visite guidate, agli spazi di maggiore interesse storico e artistico delle parti del’antico convento normalmente non fruibili.
 
Il rinomato complesso, fondato dagli Agostiniani nella seconda met del XIII secolo, si sviluppa a fianco della basilica di Santo Spirito, capolavoro di architettura rinascimentale, realizzato nel XV secolo su progetto di Filippo Brunelleschi, in sostituzione di una pi modesta chiesa duecentesca. Gi sede dello Studio Generale dell’Ordine e prestigioso centro della vita politica e culturale della citt, il convento deve la sua moderna configurazione, articolata intorno a due chiostri monumentali, a una serie di importanti opere di rinnovamento e ampliamento compiute su progetto di Bartolomeo Ammannati, tra il XVI e il XVII secolo.
Dalla soppressione delle corporazioni religiose del 1866 discende l’attuale suddivisione dell’antico convento in aree di diversa propriet e destinazione d’uso: gli spazi riservati alla comunit Agostiniana, il museo comunale Fondazione Salvatore Romano e il Centro documentale dell’Esercito.  
 
Le visite guidate, promosse dai Musei Civici Fiorentini e curate dall’Associazione MUS.E, includeranno la basilica di Santo Spirito con i suoi capolavori, fra i quali il Crocifisso di Michelangelo Buonarroti – patrimonio del fondo Edifici di Culto, l’antico Cenacolo con la Fondazione Salvatore Romano e, per la prima volta, alcuni spazi del convento agostiniano normalmente non accessibili al pubblico, come il Chiostro dei Morti e il Refettorio Nuovo con le Tre Cene affrescate da Bernardino Poccetti.
 
Il luned sar possibile visitare eccezionalmente anche gli ambienti della parte del complesso che oggi ospita il Centro documentale dell’Esercito, come il Chiostro Grande di Bartolomeo Ammannati e la trecentesca Cappella Corsini.   
 
Questo il calendario degli appuntamenti:  
 
Sabato      h15.00
Domenica       h15.00
Luned           h14.30
19 ottobre
20 ottobre
21 ottobre
2 novembre
3 novembre
4 novembre
16 novembre
17 novembre
18 novembre
30 novembre
1 dicembre
2 dicembre
14 dicembre
15 dicembre
16 dicembre
28 dicembre
29 dicembre
30 dicembre
4 gennaio
5 gennaio
 
 
Meeting Point:
Fondazione Salvatore Romano - Piazza Santo Spirito 29, Firenze
Durata: 1h15’
 
Costi:
Intero                                                                          € 5,00
Ridotto             >65 e 18-25                                          € 4,00
Ridotto             < 18 e possessori di Firenze Card               € 4,00             
 
Si consiglia la prenotazione.
 
Per informazioni e prenotazioni :  
Tel. 055-2768224 055-2768558
Mail: info(at)muse.comune.fi.it
 
 
Pubblicato il 17/10/2013 ultima modifica il 17/10/2013 alle 13:09:00

 SCUOLA SICURA INSIEME AI NASTRI DI PARTENZA

 
Nell’offerta formativa 2013/2014 oltre 30 proposte che le scuole potranno scegliere direttamente online. Quest’anno entra in gioco per la prima volta l’Universit di Firenze che valuter il feed-back dell’iniziativa.
 
Con l’inizio del nuovo anno scolastico, si rimette in moto “Scuola Sicura Insieme”, il progetto educativo che si rivolge alle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Firenze con l’obiettivo di accrescere nei giovani la cultura della sicurezza. Dall’11 ottobre l’offerta formativa sar consultabile sul sito www.prefettura.it/firenze e gli istituti scolastici potranno scegliere direttamente online i programmi che ritengono pi idonei ai propri studenti. Si tratta di oltre 30 proposte didattiche che quest’anno mirano soprattutto a stimolare nei ragazzi la consapevolezza del proprio ruolo di cittadini attivi. Il progetto 2013/2014 stato elaborato dal comitato provinciale “Scuola Sicura Insieme”, coordinato dalla Prefettura e composto da forze dell’ordine, Comuni di Firenze, Empoli e Sesto Fiorentino, I.N.P.S., Agenzia delle Entrate, Direzione Territoriale del Lavoro, A.S.L., 118 Firenze Soccorso, Aci, Unione Montana dei Comuni del Mugello e CONI. Quest’anno partecipa per la prima volta l’Universit di Firenze che attraverso il Dipartimento di Psicologia Cognitiva valuter il feed-back dell’iniziativa. Al termine dell’anno scolastico, infatti, sar divulgato in via sperimentale un questionario a un campione di studenti delle medie superiori. Lo scopo quello di verificare come e quanto i ragazzi si siano sentiti coinvolti nel progetto in modo da calibrare meglio i programmi futuri.   
Firenze, 9 ottobre 2013
Pubblicato il 09/10/2013 ultima modifica il 06/11/2013 alle 18:14:24

 UN SUCCESSO LA GIORNATA DI PALAZZO MEDICI RICCARDI

 
Oltre 400 persone hanno visitato stamani il palazzo, aperto eccezionalmente in occasione della “Giornata Nazionale delle biblioteche Biblio Pride 2013”. Prefetto: ripeteremo presto l’iniziativa.
 
Tanto pubblico, attento e incuriosito, ha partecipato oggi alla visita di Palazzo Medici Riccardi, eccezionalmente aperto alla citt in occasione della “Giornata nazionale delle biblioteche Biblio Pride 2013”. Oltre 400 persone hanno affollato le sale della Biblioteca Riccardiana e Moreniana, gli uffici del presidente della Provincia e gli ambienti pubblici e privati del prefetto, stanze queste ultime che finora non sono mai state inserite in alcun percorso di visita. “ Abbiamo colto l’opportunit offerta dalla Giornata Nazionale delle Biblioteche ha spiegato il prefetto Luigi Varratta per mostrare luoghi sconosciuti ai fiorentini e che comunque appartengono ai fiorentini. Ci sono opere d’arte, arazzi, statue, mobili, tutti pezzi di grande pregio artistico che non sono stati mai ammirati prima d’ora ”. Un’idea accolta molto bene dalla citt. I posti per seguire l’itinerario guidato sono andati esauriti fin dal primo giorno di prenotazione. “ Abbiamo fatto l’en plein ha aggiunto Varratta e credo che con un interesse cos alto ripeteremo presto l’iniziativa. Voglio ringraziare il presidente della Provincia Andrea Barducci e la direttrice della Riccardiana Giovanna Lazzi, per aver reso possibile questa giornata speciale”.
L’apertura straordinaria degli uffici e delle sale private del prefetto ha permesso di visitare il salone di Carlo VIII, la galleria delle Vetrate che si apre sul cortile di Michelozzo, la sala della Musica, la terrazza che offre inediti scorci su San Lorenzo. E’ stato possibile affacciarsi anche sulla celebre scala a chiocciola progettata dall’architetto Ferdinando Tacca a met del Seicento (non percorribile per motivi di sicurezza), che con la sua forma sinuosa sale da pianoterra fino al tetto del palazzo. Il percorso si concluso davanti al Crocifisso ligneo policromo, esposto per la prima volta, intagliato dallo scultore don Romualdo e dipinto da Neri di Bicci. Un’opera che risale al 1461 e che proviene dal monastero delle monache agostiniane di San Gaggio di propriet del Fondo Edifici Culto del Ministero dell’Interno che l’ha recentemente restaurata.
Firenze, 5 ottobre 2013
Pubblicato il 05/10/2013 ultima modifica il 09/10/2013 alle 12:04:56

 PARTECIPA! UN CLICK PER DIRE LA NOSTRA

 
Online un questionario perch i cittadini possano dare la loro opinione sulle riforme costituzionali.
 
 
 
I cittadini possono esprimere il loro parere sulle riforme costituzionali con un click. Il Governo ha infatti pubblicato online una consultazione popolare per consentire un’ampia partecipazione della gente su un tema tanto importante. All’indirizzo www.partecipa.gov.it , fino all’8 ottobre, attivo un questionario sulle forme di governo, sulle funzioni del Parlamento, sul referendum e sulle autonomie locali. Il test, che si compila direttamente in internet, si compone di tre livelli: una parte pi semplice e breve, un’altra pi articolata di approfondimento e infine un’area di discussione, dove possibile lasciare commenti liberi e proporre idee e soluzioni.
L’iniziativa “Partecipa!”, avviata da Ministero per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, si inserisce in un’azione di comunicazione che, a costo zero attraverso l’utilizzo degli strumenti informatici, si rivolge a tutti i cittadini. Siti internet, mail, newsletter sono i canali che saranno impiegati per diffondere la conoscenza sulle riforme costituzionali. Si voluto in questo modo stimolare la partecipazione popolare alle decisioni pubbliche, accelerando allo stesso tempo il percorso di alfabetizzazione informatica.
Sullo stesso sito, alla voce “contatti”, raggiungibile l’helpdesk Linea Amica, il contact center della pubblica amministrazione verso i cittadini, dove un call center e una chat offrono aiuto a chi si avesse difficolt nel compilare i questionari.
Firenze, 5 ottobre 2013
Pubblicato il 05/10/2013 ultima modifica il 09/10/2013 alle 12:05:29

 GIORNATA STORICA A PALAZZO MEDICI RICCARDI

 
Sabato 5 ottobre apertura straordinaria di Palazzo Medici Riccardi al pubblico. Per la prima volta saranno visitabili l’appartamento e l’ufficio del prefetto.
 
Nell’ambito delle iniziative per la “Giornata nazionale delle biblioteche Bibliopride 2013”, sabato 5 ottobre Palazzo Medici Riccardi aprir i suoi battenti gratuitamente alla citt. Saranno visitabili la Biblioteca Riccardiana, recentemente restaurata, le sale del presidente della Provincia e, per la prima volta, le stanze del prefetto. “ Sono molto contento di aprire gli ambienti pubblici e privati del Palazzo del Governo – ha spiegato il prefetto Luigi Varratta Sar cos possibile visitare luoghi che appartengono ai fiorentini, ma che finora sono rimasti fuori dagli abituali itinerari turistici . Spero che si possano ripetere presto iniziative come questa ”. Un’iniziativa quella di Bibliopride della quale il presidente della Provincia Andrea Barducci condivide appieno lo spirito. “ L’idea che si festeggi l’orgoglio bibliotecario – ha sottolineato Barducci - mi trova in piena sintonia, e mi auguro che siano molti i visitatori di Palazzo Medici Riccardi e della Biblioteca Riccardiana, che contiene uno straordinario patrimonio di volumi e manoscritti ”.
Il percorso messo a punto per la giornata consentir di vedere sala Luca Giordano, la Biblioteca Riccardiana, le stanze del presidente e del vice presidente della Provincia, la camera tradizionalmente riservata al Presidente della Repubblica, il salone di Carlo VIII, la galleria delle Vetrate che si apre sul cortile di Michelozzo, la sala della Musica, la terrazza che si protende verso piazza San Lorenzo, i salotti e gli uffici del prefetto. Sar possibile affacciarsi anche sulla celebre scala a chiocciola progettata dall’architetto Ferdinando Tacca a met del Seicento (non percorribile per motivi di sicurezza), che con la sua forma sinuosa sale da pianoterra fino al tetto del palazzo. La cappella di Benozzo Gozzoli, che non inserita in questo percorso monumentale, potr essere liberamente visitata dal pubblico prima dell’uscita.
 
L’apertura straordinaria dell’appartamento del prefetto completa l’itinerario gi sperimentato nelle precedenti iniziative offerte al pubblico, congiungendo la zona medicea con l’area del palazzo aggiunta successivamente dai marchesi Riccardi. Si crea cos un itinerario completo e di grande fascino all’interno di uno dei pi importanti monumenti fiorentini. Gli affreschi, comprensibili nella loro complessit e interezza solo seguendo lo snodarsi delle stanze, rivelano la sensibilit barocca che si incontra con la raffinatezza medicea della zona pi antica. Il palazzo, oggi vissuto con i ritmi e le limitazioni imposti dall’utilizzo istituzionale degli ambienti, riacquista cos la sua connotazione di elegante dimora signorile, svelando anche dettagli nascosti, scale, passaggi segreti e scorci magnifici sulla citt. Le molte opere d’arte visibili nel percorso, che provengono da complessi religiosi e dai musei fiorentini, costituiscono un ulteriore elemento pochissimo noto. La Biblioteca Riccardiana con questa nuova e ulteriore apertura – ha spiegato la direttrice della Biblioteca Giovanna Lazzi - si inserisce perfettamente nel percorso storico e culturale del Palazzo senza abdicare al suo ruolo di ‘contenitore’ eccellente di uno straordinario patrimonio librario, anzi chiaramente rivelando la sua fisionomia come punto nodale di quel mirabile itinerario ideato dai Riccardi ”.
 
Saranno organizzati visite guidate (massimo 40 persone per gruppo), ogni mezz’ora a partire dalle 9,30 fino alle 13. Il giro completo del percorso dura un’ora e mezzo. Si consiglia di prenotare la visita al numero telefonico della Biblioteca Riccardiana (055 212586) che risponde da luned a venerd 8-14 e il gioved anche fino alle 17.
Firenze, 1 ottobre 2013
Pubblicato il 01/10/2013 ultima modifica il 09/10/2013 alle 12:06:20

 



Torna su