Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Ferrara

Comunicati stampa

 

 Riunito a Comacchio (FE) il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza per il potenziamento dei servizi di vigilanza estiva sul litorale ferrarese.

 
Presieduto dal Prefetto, dr. Michele Campanaro, si è riunito stamane, presso il Municipio di Comacchio (FE), il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica per la pianificazione dei servizi di vigilanza e controllo del territorio sul litorale ferrarese in vista della stagione estiva.

Alla riunione erano presenti il Sindaco di Comacchio, dr. Marco Fabbri, il Sindaco di Fiscaglia, dr.ssa Sabina Mucchi, intervenuta in rappresentanza dell'Amministrazione Provinciale insieme con il comandante della Polizia Provinciale, dr. Claudio Castagnoli; i vertici di Questura, Comando Provinciale dei Carabinieri, Comando Provinciale della Guardia di Finanza, Guardia Costiera, Polizia Stradale e Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco; il Segretario Generale della Camera di Commercio di Ferrara, dr. Mauro Giannattasio, insieme con i rappresentanti provinciali di Ascom e Confesercenti.

"Dal tavolo odierno - ha osservato il Prefetto - è venuto fuori un modello di forte sinergia fra pubblico e privato, capace di mettere a punto e condividere strategie sempre più efficaci nella gestione del sistema sicurezza".

Il Prefetto ha, quindi, illustrato le modalità d'impiego dei concorsi - per complessive 61 unità aggiuntive, tra Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza - autorizzati dal Ministero dell'Interno per le esigenze di rafforzamento del dispositivo ordinario, ai fini del potenziamento dei servizi di vigilanza estiva. Un forte impegno è stato, altresì, assicurato dalla Guardia Costiera che, nell'ambito della operazione "Mare Sicuro 2018", garantirà, lungo i 40 km. del litorale del Circondario marittimo da Comacchio a Goro, uno specifico dispositivo di sicurezza funzionale ai bisogni dell'utenza.

Attenzione particolare alla prevenzione ed al contrasto all'abusivismo commerciale ed alla contraffazione, attraverso l'elaborazione di una progettualità specifica, messa a punto con la collaborazione dell'Amministrazione provinciale e del Comune di Comacchio ed il sostegno economico della Camera di Commercio di Ferrara e delle associazioni di categoria. "Il progetto ˊUn mare di legalitàˋ - ha evidenziato il Prefetto - sostenuto dalle Amministrazioni Locali e dagli operatori economici, con l'impiego di volontari di tre Associazioni guidati dai Comandi della Polizia Provinciale e della polizia Municipale di Comacchio, è più di una campagna di informazione e sensibilizzazione sul consumo consapevole e sicuro. E' la dimostrazione che, anche in questo settore, la condivisione e l'impegno comune consentono di raggiungere risultati insperati".

Il progetto " Un mare di legalità " impegnerà i volontari delle Associazioni G.E.V., Agriambiente e Lida tutti i sabati e tutte le domeniche della stagione estiva, lungo i lidi di Comacchio, ove la Polizia Municipale garantirà un potenziamento dei servizi di vigilanza, con l'integrazione di 38 unità (3 a tempo indeterminato e 35 a tempo determinato), l'acquisto di quad per il controllo sull'arenile e l'ampliamento dei turni di servizio, nelle fasce notturne.

 

Ferrara, 20 giugno 2018

                                                                                                        L'addetto stampa
 
 
 
 
 
 
 
Pubblicato il :

 Sottoscritti dal Prefetto di Ferrara e dal Direttore Regionale dell'Agenzia del Demanio di Bologna gli atti per l'avvio della procedura di gara di individuazione del 'custode-acquirente".

Il Prefetto di Ferrara, dr. Michele Campanaro e il Direttore Regionale dell'Agenzia del Demanio, Ing. Giuseppe Tancredi, hanno firmato oggi in Prefettura la determina a contrarre relativa alla procedura di gara relativa all'affidamento, in ambito provinciale, del servizio di recupero, custodia e acquisto dei veicoli oggetto del provvedimento di sequestro amministrativo, fermo o confisca ai sensi dell'art. 214 bis del D. Lgs. n. 285/92.

La sottoscrizione dell'atto consente, quindi, di avviare la gara - che si svilupperà con procedura aperta e con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa - per la stipula di apposita convenzione tra Ministero dell'Interno e Agenzia del Demanio, da una parte, ed il c.d. "custode-acquirente" ex art. 214 bis del Codice della Strada, dall'altra, con significative economie di gestione.

L'esecuzione del servizio affidato al "custode-acquirente" avrà una durata complessiva di 36 mesi, per un importo a base d'asta di euro 198.520,00, oltre IVA.

Maggiori dettagli sul sito web istituzionale www.prefettura.it/ferrara , nella sezione Gare e Contratti.

Ferrara, 14 giugno 2018

                                                                                                         L'addetto stampa
 

foto  
Pubblicato il :

 Sottoscritti nuovi patti per l'attuazione della sicurezza urbana. Oggi la firma del Patto tra Prefetto e i Sindaci di Tresigallo e Voghiera.

Il Prefetto di Ferrara, dr. Michele Campanaro e i Sindaci di Tresigallo, dr. Andrea Brancaleoni, e Voghiera, dr.ssa Chiara Cavicchi, hanno firmato, questa mattina, nella sede della Prefettura, il Patto per l'attuazione della sicurezza urbana, previsto dall'art. 5 del decreto legge 20 febbraio 2017 n. 14 recante "Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città" (il cd. Decreto Minniti).

"Gli obiettivi specifici di questi Patti - ha osservato il Prefetto - sono la prevenzione della criminalità diffusa e predatoria, in particolare nelle zone maggiormente degradate, e la promozione della legalità e del contrasto dei comportamenti che turbano il libero utilizzo degli spazi pubblici. Altro obiettivo è la promozione del rispetto del decoro urbano, anche valorizzando forme di collaborazione tra le amministrazioni competenti".

L'accordo segue a quelli analoghi sottoscritti con i Sindaci di Comacchio, Cento, e Ferrara a testimonianza dell'attenzione delle Amministrazioni comunali del territorio verso i temi della sicurezza urbana, " ....rappresentando questo strumento pattizio - ha ricordato il Rappresentante del Governo - una importante modalità di rafforzamento delle sinergie tra Stato ed Enti Locali, per dare alle Comunità locali risposte rapide e efficaci".

Il documento individua quale obiettivo prioritario l'installazione e/o il potenziamento dei sistemi di videosorveglianza comunali nelle aree del territorio comunale maggiormente interessate da situazioni di degrado e di illegalità.

Il Patto stabilisce che i sistemi integrati di videosorveglianza, realizzati nel rispetto delle disposizioni dell'Autorità Garante per il trattamento dei dati personali, siano oggetto di valutazione da parte del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, per le modalità di impiego e ogni aspetto tecnico operativo, in coerenza con le direttive ministeriali emanate dal Ministero dell'Interno.

Presso la Prefettura sarà istituita una cabina di regia, composta dai rappresentanti delle Forze di polizia e della Polizia locale, con il compito di monitorare lo stato di attuazione del Patto firmato oggi in presenza dei vertici provinciali delle Forze dell'Ordine.

 

Ferrara, 13 giugno 2018

                                                                                                         L'addetto stampa
 
 
foto 1
 
 
Pubblicato il :

 Sottoscritta dal Prefetto una convenzione di tirocinio curricolare con l'Università degli Studi di Ferrara.

Grazie ad una convenzione di tirocinio curricolare sottoscritta dal Prefetto di Ferrara, dr. Michele Campanaro e dal Direttore Generale dell'Università degli Studi di Ferrara, dr. Giuseppe Galvan, gli studenti del locale Ateneo svolgeranno tirocini formativi in Prefettura, a completamento del loro percorso di studi.

Si tratta di una importante opportunità con cui, completando il percorso curricolare presso gli Uffici del Palazzo di Governo, gli universitari ferraresi potranno prendere una prima conoscenza diretta del mondo del lavoro e fare una scelta professionale futura più consapevole.

Sui siti web della Prefettura e dell'Università degli Studi di Ferrara saranno pubblicati, nei prossimi giorni, i bandi di selezione, con l'individuazione delle tematiche oggetto dei tirocini curricolari.

 

Ferrara, 12 giugno 2018

                                                                                                        L'addetto stampa

 


 
Pubblicato il :

 Le celebrazioni a Ferrara della Festa della Repubblica

Si sono svolti anche a Ferrara, in un clima di sentita partecipazione popolare, i festeggiamenti per il 72° anniversario della nascita della Repubblica Italiana.

Dopo il tradizionale alzabandiera e la deposizione della corona d'alloro al monumento della Torre della Vittoria in piazza Trento e Trieste alla presenza delle massime autorità civili, militari e religiose della provincia, il Prefetto dr. Michele Campanaro ha letto il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e successivamente, parlando a titolo personale, ha sottolineato il grande valore della democrazia e del voto a suffragio universale espresso per la prima volta nel 1946. «Settant'anni fa - ha ricordato il Rappresentante del Governo - tra grandi speranze di ricostruire nacque la democrazia ma ancora oggi il nostro paese ha bisogno dello stesso sforzo e impegno, perché non fu la sorte a decidere ma la conquista di un popolo durante un percorso che ebbe nella Resistenza il suo apice e che le nuove generazioni devono conoscere ». E nel citare figure di insigni padri costituenti quali quelle di Pietro Calamandrei e Aldo Moro, nel quarantennale della morte, il Prefetto ha voluto ricordare i costituenti ferraresi Vincenzo Cavallari, Luigi Preti e Ilio Bosi e l'importante contributo da loro reso nella stesura della Carta fondamentale.

La cerimonia è proseguita nella serata al Teatro Comunale di Ferrara "Claudio Abbado", con una iniziativa aperta a tutta la cittadinanza: un estratto della rappresentazione teatrale degli studenti della scuola elementare "M. Poledrelli" e della scuola media "T. Tasso" di Ferrara sul tema della Costituzione dal titolo "La Costituzione in blu". Successivamente, il Prefetto ha proceduto alla consegna delle medaglie d'onore del Presidente della Repubblica agli ex internati di guerra o ai loro familiari, nell'ultimo conflitto mondiale, nonché delle Onorificenze al Merito della Repubblica Italiana.

Di seguito l'elenco dei premiati:

 

Elenco Internati Militari Italiani
 
Marino Bencivelli       
alla memoria               
Voghiera
Enrico Bezzi              
alla memoria               
Argenta
Osvaldo Mascellani   
VIVENTE  
Argenta
Sante Patrizio Bittoto 
alla memoria               
 
Amleto Canella          
alla memoria               
Ferrara
Vittorio Canella         
alla memoria               
Ferrara
Danilo Martini           
alla memoria               
 
Lino Montanari          
alla memoria               
Ferrara
Aldo Sacenti              
alla memoria               
Ferrara
 
 
 
Elenco Onorificenze al Merito della Repubblica
 
 
GRADO
INSIGNITO
COMUNE RESIDENZA
1

 
CAVALIERE

 
Mario BENIN
FERRARA
2

 
CAVALIERE

 
Col. Andrea DESIDERI
FERRARA  

Comandante Prov.le Carabinieri di Ferrara
3

 
CAVALIERE

 
Maria Luisa MASTELLA
FERRARA
4

 
CAVALIERE

 
Dott. Pasquale SANZARI
FERRARA
5

 
CAVALIERE

 
Col. Umberto CAPPUCCIO
FERRARA
6

 
CAVALIERE

 
Flavio SCHIANO DI COLA FLAVIO
FERRARA
 

A conclusione della serata si è tenuto il concerto della "Fanfara della Scuola Marescialli e Brigadieri dell'Arma dei Carabinieri in Firenze".
 

Ferrara, 2 giugno 2018

                                                                                       L'addetto stampa

 

 
 
foto 1  
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
Pubblicato il :

 Il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica di Ferrara mette a punto le misure di security per il 'Comacchio Beach Festival 2018".

 
Presieduta dal Prefetto di Ferrara, dr. Michele Campanaro, si è tenuta la riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica che ha affrontato i temi delle misure di sicurezza da attuarsi in occasione del "Comacchio Beach Festival 2018".

 

Presenti alla riunione, il Sindaco della Città di Comacchio (FE), accompagnato dal Comandante della Polizia Municipale, il Questore, i Comandanti Provinciali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei Vigili del Fuoco.

Nel corso della riunione di Comitato, sono state definite le misure di security per l'edizione 2018 del "Comacchio Beach Festival", appuntamento tradizionale di inizio della stagione estiva sul litorale estense e che quest'anno è in programma nelle giornate dell'8 e 9 giugno prossimi, richiamando nella località marina la presenza di migliaia di cittadini provenienti da più parti del Paese.

In aggiunta alle misure di safety , già individuate dalla Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, in occasione dei concerti programmati sulla spiaggia di Porto Garibaldi di Comacchio, nelle due serate dell'8 e 9 giugno, sono state disposte, d'intesa con l'Amministrazione Locale, le ulteriori misure fissate in materia dalle recenti direttive ministeriali (dal potenziamento dei controlli ai varchi nell'area della manifestazione, al divieto di consumo di alcol e di introduzione di bottiglie di vetro).

Infine, sul lungomare comacchiese, particolarmente affollato di turisti, sono state messe a punto specifiche, puntuali misure ai fini antiterrorismo, con l'impiego di barriere jersey e la presenza di Unità Operative Speciali.

  

                                                                                               L'addetto stampa

Ferrara, 1° giugno 2018
Pubblicato il :

 Action day contro i furti di metallo: un'azione coordinata in 12 Stati membri dell'Unione Europea

 


 

Il 30 maggio 2018 si è svolto l'action day contro i furti di metallo, durante il quale le Forze di Polizia e personale dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno operato sinergicamente, grazie anche al coordinamento, a livello locale, delle Autorità Provinciali di Pubblica Sicurezza, per contrastare in maniera strutturata questo fenomeno criminale.

L'iniziativa, organizzata e coordinata, a livello nazionale, dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale, è stata svolta, contestualmente, in Italia e in altri 11 Paesi dell'Unione Europea (Belgio, Bulgaria, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna e Regno Unito).

L'attività operativa è un chiaro monito per i criminali dediti al furto di metallo, in particolare del rame, e per alcuni operatori del settore che si imbattono, talvolta incautamente, in acquisti di metalli di dubbia provenienza.

L'operazione è stata proposta dall'Italia nell'ambito della Piattaforma multidisciplinare europea contro le minacce criminali e ha visto il coinvolgimento dell'Agenzia dell'Unione europea per la cooperazione nell'attività di contrasto (Europol) e dell'Agenzia dell'Unione europea per la formazione delle autorità di contrasto (Cepol).

Le Forze dell'ordine hanno effettuato controlli su tutto il nostro territorio presso i commercianti di rottami, nei cantieri, lungo le strade di frontiera e le linee ferroviarie. Sono stati controllati anche numerosi soggetti sospettati di ricettazione.

Durante l'action day sono stati effettuati dalle Forze di Polizia controlli incrociati in tempo reale con le banche dati di Europol. Il riscontro investigativo rileva che il metallo rubato è spesso trasportato attraverso diversi confini e venduto come rottame, lontano dalla scena del crimine.

In Italia hanno preso parte 10.427 operatori (suddivisi in 5.200 pattuglie) della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Dai risultati, ancora parziali, emerge che sono state controllate più di 25.000 persone e circa 2.000 aziende per lo più operanti nel settore del riciclo dei metalli. Sono stati effettuati, inoltre, rilevanti sequestri di rame e di altri metalli (alluminio, ottone, ferro / acciaio, ecc.) di illecita provenienza e di veicoli utilizzati per trasportare il materiale.

Inoltre, circa 100 funzionari dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno eseguito, presso diversi uffici doganali portuali e terrestri, 30 controlli sulle spedizioni internazionali che hanno interessato oltre 1.050.000 Kg. tra rottami e cascame di rame, ferro, acciaio, ottone e zinco.

I risultati complessivamente conseguiti dall'Italia e dagli altri 11 Stati europei saranno comunicati, non appena terminato il vaglio delle singole posizioni, con una successiva nota stampa.

Per maggiori approfondimenti sul fenomeno dei furti di rame in Italia e sull'attività dell'Osservatorio nazionale Furti di Rame, istituito presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, si rinvia al seguente link:


 

Pubblicato il :

 
Torna su