Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Ferrara

Comunicati stampa

 

 Il Prefetto Michele Campanaro incontra l'Ambasciatore della Repubblica di Moldova in Italia, Stela Stîngaci.

Il Prefetto di Ferrara Michele Campanaro ha ricevuto questo pomeriggio in visita istituzionale, presso Palazzo Giulio d'Este, l'Ambasciatore della Repubblica di Moldova in Italia, Stela Stîngaci.

L'alto diplomatico era accompagnato dal rappresentante della comunità moldava e parroco della Chiesa Ortodossa moldava di Ferrara, Oleg Vascautan,

L'incontro si è svolto in un clima sereno e cordiale ed ha rappresentato l'occasione per discutere delle opportunità e delle prospettive dei rapporti moldo-italiani a livello locale e delle problematiche della comunità moldava presente in provincia di Ferrara, per oltre 2.000 residenti.

"In questa provincia - ha ricordato il Prefetto Campanaro - risiede una numerosa comunità di cittadini moldavi, il 6,8% della popolazione straniera, occupata principalmente, per la componente femminile, nel settore dell'assistenza e dei servizi alle persone. Donne e uomini che hanno costruito la loro parabola di integrazione all'insegna di un lavoro dal valore sociale importante, talvolta insostituibile, verso i quali la comunità ferrarese è sinceramente riconoscente".

L'Ambasciatore ha espresso vivo interesse per la provincia di Ferrara ed ha ringraziato il Prefetto per la calorosa accoglienza ricevuta, con l'auspicio che non mancheranno ulteriori occasioni di incontro nel territorio ferrarese per rinsaldare il rapporto tra i due Stati.

Il Rappresentante del Governo ha espresso un sentito ringraziamento all'Ambasciatore per la visita che si inserisce nella prospettiva di un rapporto sempre più sinergico tra i due Paesi, sottolineando l'importanza di tali momenti di conoscenza e scambio di reciproche esperienze necessarie a realizzare iniziative culturali, commerciali ed economiche di comune interesse.

 

Ferrara, 15 ottobre 2018

                                                                                       L'addetto stampa
 

Pubblicato il :

 Il Prefetto Michele Campanaro alla inaugurazione della mostra fotografica dell'Aeronautica Militare, allestita nell'ambito delle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra.

Il Prefetto di Ferrara, dr. Michele Campanaro, ha presenziato stamane, insieme con il Comandante del Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico (FE) Gen. Div. A. Antonio Conserva ed il Sindaco di Ferrara avv. Tiziano Tagliani, alla cerimonia di inaugurazione, nel salone d'Onore della Residenza Municipale di Ferrara, della Mostra fotografica "Dalla Grande Guerra ed il Campo di Volo di Poggio Renatico, alla conquista dello spazio", allestita dall'Aeronautica Militare nell'ambito delle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra e dei 100 anni di Aviazione a Poggio Renatico-Ferrara.

Il 23 ottobre 1918 dall'Aeroporto di Poggio Renatico (FE), realizzato pochi mesi prima a seguito dell'arretramento nella pianura padana del dispositivo aeronautico italiano dopo la disfatta di Caporetto, decollò una squadriglia di aerei da combattimento Caproni che, assegnati alla "Massa da Bombardamento" nell'ambito della famosa battaglia di Vittorio Veneto, presero parte alle missioni decisive per il successo italiano nella Grande Guerra contro l'Impero Austro-Ungarico.

La mostra documentaria e fotografica, curata dal Servizio Biblioteche e Archivi-Centro di Documentazione Storica del Comune di Ferrara, racconta l'evoluzione dell'aviazione italiana di Poggio Renatico (FE), a partire dal primo conflitto mondiale sino ai giorni nostri.

Attualmente il Comando Operazioni Aeree con base a Poggio Renatico (FE), che ha competenze sull'intero territorio nazionale, svolge attività operativa ed addestrativa, dalla difesa aerea, al soccorso aereo, al trasporto aereo ed al comando e controllo aeronautico in tutte le sue forme.

 

Ferrara, 9 ottobre 2018

                                                                                            L'addetto stampa
 
 
 
Pubblicato il :

 Sicurezza urbana e sicurezza allo stadio comunale 'P.Mazza" sul tavolo del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica di Ferrara.

 
Nel corso della riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, che il Prefetto Michele Campanaro ha presieduto stamane presso la Sede di palazzo Giulio d'Este, sono stati affrontati i temi afferenti all'attuazione della sicurezza urbana, in relazione all'ampliamento del sistema di videosorveglianza ed alla predisposizione di servizi di controllo straordinari, e quelli relativi alle misure di sicurezza esterna al nuovo impianto sportivo "P. Mazza" del capoluogo. All'incontro hanno partecipato, oltre ai vertici provinciali delle Forze dell'Ordine, l'Assessore alla Sicurezza del Comune di Ferrara, Aldo Modonesi, accompagnato dall'Assessore allo Sport, Simone Merli, dal dirigente del Settore Opere Pubbliche, Luca Capozzi e dal Comandante della Polizia Municipale, Laura Trentini, ed il delegato alla sicurezza della società sportiva SPAL, Fabiana Lorenzoni.

 
Sul tema della sicurezza urbana, il Prefetto ha, anzitutto, sottolineato il percorso di scambio e profonda collaborazione con l'amministrazione comunale, fortemente accelerato negli ultimi mesi e che ha portato alla presentazione da parte del Comune di Ferrara di un progetto di implementazione del sistema di videosorveglianza per ulteriori 36 telecamere a regime, che si aggiungeranno alle 102 già operative. Sul progetto il Comitato Provinciale ha espresso parere positivo, anche per la condivisione delle zone ritenute di maggiore interesse ai fini dell'ordine e della sicurezza pubblica.

" Un allargato sistema di videosorveglianza - ha ricordato il Prefetto - è prezioso strumento operativo a supporto dell'attività del Sindaco per potenziare, d'intesa con l'Autorità di governo sul territorio, il contrasto al degrado urbano ed elevare i livelli di sicurezza ".

Prendendo, inoltre, spunto dalle ultime Linee Guida per l'attuazione della sicurezza urbana, recentemente adottate con accordo in Conferenza Stato-Città autonomie locali, il Prefetto ha disposto una intensificazione dei servizi di prevenzione e controllo sulla Città di Ferrara, mirati in particolare ai pubblici esercizi ed al contrasto dei reati in materia di spaccio di sostanze stupefacenti.

In chiusura di riunione, il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica ha esaminato e dato il via libera ad una modifica al piano di afflusso e deflusso dello stadio comunale "P. Mazza" di Ferrara, oggetto di recenti lavori di ampliamento che hanno portato la capienza complessiva dell'impianto sportivo da 13.020 a 16.134 spettatori.

 

Ferrara, 3 ottobre 2018

                                                                                               L'addetto stampa
Pubblicato il :

 
Torna su