Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Ferrara

Cittadinanza


 
customer (citizen) satisfaction web
IMPORTANTE
Per la consultazione dello stato di avanzamento delle istanze è necessario accedere a
Cittadinanza italiana, dal 18 maggio basta un click per la richiesta -
Vai alla procedura on line  (sito web Ministero dell'Interno)
 
Orari e modalità di ricevimento del pubblico 
(In vigore dal 01/10/2015)
 
Lunedì (9.30 - 13.00)
per informazioni, solleciti, consegna integrazioni documenti, ecc...;

Martedì (14.00 - 15.00)
per informazioni, solleciti, consegna integrazioni documenti, ecc....);

Mercoledì (9.30 - 13.00)
Solo su appuntamento
presentazione documenti per le nuove istanze inviate on line ;

Venerdì (9.30 - 13.00)
Solo su appuntamento
consegna decreti di rilascio/diniego cittadinanza.
 
La cittadinanza italiana, basata principalmente sullo "ius sanguinis" (diritto di sangue), per il quale il figlio nato da padre italiano o da madre italiana è italiano, è regolata attualmente dalla legge 5 febbraio 1992, n.91 e successive modifiche e integrazioni, e dai regolamenti di esecuzione.
I principi su cui si basa la cittadinanza italiana sono:
la trasmissibilità della cittadinanza per discendenza "iure sanguinis"
l'acquisto "iure soli" (per nascita sul territorio) in alcuni casi
la possibilità della doppia cittadinanza
la manifestazione di volontà per acquisto e perdita
.
.
► I principi alla base di un diritto fondamentale, l'uguaglianza tra l'uomo e la donna, la volontà di evitare condizioni di apolidia. Come si acquista, come si perde e come si riacquista ( pagina del sito del Ministero dell'interno )
.


Addetti: Lauretta Gnani - Monica Manfredini
Orario di apertura al pubblico
Telefono: 0532 294425 - 0532 294488
Indirizzo di posta elettronica: lauretta.gnani(at)interno.it ; monica.manfredini(at)interno.it
 
 
 
Compilazione domanda on line
 

Riferimenti normativi
  • Legge 5 febbraio 1992, n. 91
  • D.P.R. 12 ottobre 1993, n. 572
  • D.P.R. 18 aprile 1994, n. 362
  • Legge n.94 del 15 luglio 2009
  • Ministero Interno - Direttiva 7 marzo 2012

 

Ultima modifica il 20/06/2016 alle 11:44

 
Torna su