Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Enna

Comunicato Stampa

 

 Coronavirus: Nessun positivo tra i 35 migranti ospitati a Pergusa. Conclusione della quarantena e prossimo trasferimento nei Siproimi e nei centri per MSNA.

 
La procedura di sorveglianza attiva dei migranti sottoposti a quarantena fiduciaria presso la struttura dell'Ente gestore Cooperativa Ippocrate, sita in Enna, si è conclusa con l'esito negativo del tampone comunicato in data odierna relativo all'unico ospite ancora con esito incerto. Tutti i 35 migranti attualmente ospitati presso il Cas risultano, pertanto, negativi al Covid-19 e per gli stessi è prevista, nei prossimi giorni, la riallocazione - ex art. 16 del D.L. 34/2020 - presso i centri Siproimi da parte del Servizio centrale del Ministero dell'Interno, ovvero presso i centri atti ad accogliere minori stranieri non accompagnati (MSNA).

Risultati, altresì, negativi gli operatori nonché gli addetti all'assistenza e alla vigilanza degli ospiti.

Enna, 28/08/2020

Pubblicato il
:

 Esercizio domiciliare del voto per gli elettori sottoposti a trattamento domiciliare o in condizioni di quarantena o di isolamento fiduciario per Covid-19.

 
Si comunica che nella Gazzetta Ufficiale n. 203 dello scorso 14 agosto è stato pubblicato il decreto legge 14 agosto 2000, n. 103 che, all'articolo 3, disciplina le modalità di esercizio del diritto di voto per gli elettori sottoposti a trattamento domiciliare o in condizioni di quarantena o di isolamento fiduciario per Covid-19.

Tali elettori, che saranno ammessi al voto presso il Comune di residenza, devono far pervenire al Sindaco del Comune nelle cui liste sono iscritti, con modalità individuate dall'Ente medesimo, anche telematiche, in un periodo compreso tra il 10° ed il 5° giorno antecedente quello della votazione e, quindi, tra il 10 settembre ed il 15 settembre 2020 (per il referendum costituzionale) e tra il 24 settembre ed il 29 settembre 2020 (per le consultazioni amministrative per l'elezione del Sindaco e del Consiglio comunale dei Comuni interessati), una dichiarazione attestante la volontà di esprimere il voto presso il proprio domicilio, con l'indicazione completa dell'indirizzo, unitamente ad una dichiarazione rilasciato dal funzionario medico designato dalla competente Azienda Sanitaria Provinciale, in data non anteriore al 14° giorno antecedente la data della votazione (rispettivamente, il 6 settembre 2020, per il referendum costituzionale, ed il 20 settembre 2020, per le elezioni amministrative), che attesti lo stato di trattamento domiciliare o in condizioni di quarantena o di isolamento fiduciario per Covid-19.

Pubblicato il
:

 Intensificati nuovamente i controlli sul territorio per la verifica del rispetto delle nuove disposizioni anti-Covid dettate con ordinanza del Ministro della Salute del 16 agosto 2020.

In sede di riunione tecnica, tenutasi nella mattina del 18 agosto 2020 presso la Prefettura di Enna, il Prefetto di Enna, dott.ssa Matilde Pirrera, ha coordinato le locali Forze di polizia, programmando un'azione di intensificazione dei controlli nel territorio della provincia in ragione della nuova stretta avviata dal Governo.

Il Ministro della Salute, con ordinanza del 16 agosto 2020, come noto, ha fatto obbligo dalle ore 18:00 alle ore 06:00 di usare protezioni delle vie respiratorie anche all'aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie) se risulti più agevole il formarsi di assembramenti, spontanei e/o occasionali.

È stata, altresì, disposta la sospensione delle attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all'aperto o al chiuso.

Proprio al fine di contenere il rischio di un ulteriore aumento dei contagi, già registrato nelle ultime settimane in tutto il territorio nazionale, è stato deciso in accordo con i rappresentanti della Questura e dei Comandi Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di focalizzare l'attenzione su alcuni luoghi particolarmente frequentati soprattutto dalle fasce più giovani della popolazione, rivelatesi maggiormente inclini al mancato rispetto delle precauzioni anti-Covid.

Le disposizioni richiamate, peraltro, fanno espresso rinvio alle sanzioni già previste con D.L. n. 19/2020, conv. in l. n. 35/2020 (art. 4).


Pubblicato il
:

 Approvazione dei documenti di protezione civile delle dighe

 
Si comunica che in data odierna il Prefetto ha provveduto con proprio decreto - come previsto al punto 6, dalla circolare P.C.M. n. DSTN/2/7019 del 29 marzo 1996, recante " Disposizioni inerenti l'attività di Protezione Civile nell'ambito dei bacini in cui siano presenti Dighe " ed a seguito della definizione dell'iter istruttorio da parte Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Ufficio Tecnico per le Dighe di Palermo, all'approvazione dei documenti di protezione civile inerenti le dighe Ancipa e Pozzillo , gestite da ENEL Green Power S.p.A, Nicoletti , Olivo e Villarosa , gestite dal Dipartimento Regionale dell'Acqua e dei Rifiuti - Servizio Gestione Infrastrutture per le Acque. Nei predetti documenti sono state specificate ed aggiornate le condizioni per l'attivazione del sistema di protezione civile e le comunicazioni e le procedure tecnico-amministrative da attuare nel caso di eventi, temuti o in atto, coinvolgenti gli impianti di ritenuta o una loro parte e rilevanti ai fini della sicurezza delle dighe e dei territori di valle ("rischio diga") e nel caso di attivazione degli scarichi delle dighe stesse, con portate per gli alvei di valle che possono comportare fenomeni di onde di piena e rischi di esondazione ("rischio idraulico a valle"), ai sensi della Direttiva P.C.M. dell'8 luglio 2014. Gli stessi, per una opportuna diffusione, sono stati pubblicati in una apposita sezione ( Protezione Civile Piani di Emergenza ) del sito ufficiale della Prefettura, che verrà progressivamente integrata con i documenti, in corso di definizione da parte del predetto organo periferico del Servizio nazionale dighe, dei restanti invasi presenti nel territorio provinciale, nonché dei piani di emergenza dei siti a rischio di incidente rilevante di quelli adibiti a stoccaggio e trattamento di rifiuti non pericolosi sempre presenti in questo territorio.

Pubblicato il
:

 Avviati i lavori della Commissione di accesso presso il Comune di Barrafranca

 
Il Prefetto di Enna, dott.ssa Matilde Pirrera, esercitando la delega conferita dal Ministro dell'Interno, ha provveduto a nominare una Commissione di indagine presso il Comune di Barrafranca, ai sensi dell'art. 143, comma 2, del D. Lgs. n. 267/2000, composta da tre funzionari della pubblica amministrazione.
La Commissione, affiancata da un gruppo di supporto, ha avviato i lavori nella mattina dell'11 agosto 2020 e avrà il compito di verificare, mediante l'accesso agli atti dell'ente, la sussistenza di possibili infiltrazioni o condizionamenti, diretti o indiretti, da parte della criminalità organizzata di tipo mafioso o similare, tali da alterare il procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi ed amministrativi.
Entro tre mesi dalla data di accesso, rinnovabili una volta per un ulteriore periodo massimo di tre mesi, la commissione dovrà terminare gli accertamenti e rassegnare al Prefetto le proprie conclusioni.
Pubblicato il
:

 Accoglienza migranti in quarentena

 
Si comunica che nel corso della giornata di oggi, domenica 9 agosto 2020, sulla base delle immediate sinergie intercorse con l'Assessorato Regionale della Salute, la Prefettura di Palermo, il Comune di Enna, il Comitato Regionale per la Sicilia della Croce Rossa Italiana e le Aziende Sanitarie di Palermo ed Enna, i 15 migranti risultati positivi al Covid-19, in atto ospitati presso il Centro di Accoglienza "La Porta del Mondo", gestito dalla Cooperativa Ippocrate di Enna, saranno trasferiti a cura della stessa Croce Rossa, presso l'Hotel San Paolo Di Palermo già individuato dalla Regione Siciliana quale struttura Covid attivata. In relazione a tale situazione, comunque, l'Azienda Sanitaria locale continuerà a disporre adeguata sorveglianza sanitaria sia nei confronti del rimanente gruppo di migranti, alloggiati presso la predetta struttura che degli operatori della medesima, tutti risultati negati al tampone del Covid-19. La restante comunità ospite del centro è caratterizzata da una particolare fragilità sociale per la presenza di due donne singole, di dieci minori non accompagnati e di quattro nuclei familiari di cui fanno parte quattro donne e cinque minori  di età inferiore a cinque anni.
Pubblicato il
:

 Marcinelle: Il Teatro come spazio di condivisione e relazione per non dimenticare ...

Raffigurazione evocativa Sabato 8 agosto ricorrere la "Giornata del sacrificio del lavoro italiano nel mondo" istituita in memoria della tragedia di Marcinelle, per ricordare tutti i connazionali caduti sul lavoro in patria ed all'estero (immagini di repertorio) .
 
Manifesto dell'evento teatrale di M. Incudine Per commemorare i 136 connazionali che hanno perso la vita in quel tragico momento la Prefettura di Enna invita a voler partecipare, alla visione del lavoro Teatrale "262 Vestiti Appesi" - dedicato a quell'evento da Mario Incudine, artista locale di enorme talento, co-prodotto dall'associazione teatrale "Angelo Musco" di Catania, dal Bois Du Cazier di Marcinelle e dall'associazione GAGS, che ha goduto del patrocino non oneroso della Presidenza della Camera dei deputati della Repubblica italiana.
 
Alla strage di Marcinelle, Mario Incudine ha anche dedicato una mirabile l'interpretazione della canzone "U trenu di lu suli" scritta dal Poeta contemporaneo Ignazio Buttitta e la canzone "Escusè mua" .
 
La condivisione collettiva di questi contenuti, rappresenta in questo preciso momento storico, segnato ancora dalla emergenza epidemiologica, l'occasione per rendere un doveroso omaggio simbolico e, allo stesso modo, concreto, a tutte le vittime sul lavoro per custodire e diffondere la memoria di quel tragico evento anche fra i più giovani per non dimenticare e rafforzare il senso di unità di questo nostro grande Paese.
Pubblicato il
:

 Incontro istituzionale sulla viabilità

Foto 01 Nella mattinata di oggi nel Salone di Rappresenta della Prefettura, alla presenza del Vice Ministro alla Infrastrutture e dei Trasporti, On. Giancarlo Cancelleri, si è tenuta una riunione del Tavolo permanente, istituito dal Prefetto Dr. Matilde Pirrera al fine di monitorare i molteplici aspetti connessi alle attuali condizioni di percorribilità delle strade statali e provinciali e degli interventi in corso di realizzazione o in programma in questo territorio.
All'incontro hanno partecipato, oltre ai componenti di diritto del Tavolo -  Libero Consorzio Comunale di Enna, Polizia Stradale e ANAS - la Deputazione Nazionale e Regionale, il Provveditore Interregionale per le opere pubbliche per la Sicilia e la Calabria nonché i Sindaci dei Comuni della Provincia.
Il predetto Tavolo, che si riunisce con cadenza predefinita ed esamina alternativamente la situazione della viabilità provinciale e statale, nell'occasione ha proceduto, secondo il previsto ordine del giorno, alla disamina dei lavori in atto e in prospettiva sulla cosiddetta direttrice "NORD-SUD" e di quelli programmati dall'Anas sul Viadotto "Euno" (svicolo autostradale di ingresso al Capoluogo) - arterie, come è noto, di strategica importanza per la mobilità e per i conseguenti riflessi sullo stato dell'economia di queste zone.
In ordine ai lavori sulla Nord-Sud, il Coordinatore regionale dell'ANAS, in premessa, ha riassunto il quadro della situazione sui lotti già appaltati - in particolare sui lotti B4b e B2 - e di quelli in corso di appalto a seguito della progettazione esecutiva nonché dei lotti del tratto C. Relativamente a questi ultimi, l'ANAS ha assunto impegno di formulare un progetto di fattibilità che sarà sottoposto entro il mese di ottobre al Tavolo che si riunirà presso la sede del Comune di Nicosia.
Con riferimento, invece, ai lavori sul Viadotto Euno, grazie ai contributi forniti nelle precedenti riunioni dai vari interlocutori l'ANAS ha rivisitato il progetto, che conferma la durata dei lavori in circa 620 giorni, consentendo comunque la costante fruibilità dell'asse viario principale e dello stesso svincolo, tranne che una prevista totale chiusura per soli 60 giorni, durante i quali, al fine di ridurre al minino i disagi per l'utenza e rispettare il cronoprogramma, i lavori verranno effettuati h24.
L'incontro ha rappresentato una occasione per sviluppare nuove sinergie sull'importante tematica fra il MIT, la Deputazione Nazionale e Regionale, Prefettura  e le Amministrazioni locali.
 
Foto 02   Foto 03
Foto 04   Foto 05
Pubblicato il
:

 
Torna su