Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Cremona

Comunicati stampa

 

 Nucleo ispettivo covid - Prima riunione

Prima riunione del Nucleo ispettivo COVID-19 annunciato nei giorni scorsi dalla Prefettura.

Questa mattina, in videoconferenza, si è formalmente riunito per la prima volta, sotto la direzione del Capo di Gabinetto della Prefettura di Cremona, dott. Alfonso Sadutto, il gruppo di controllo che nelle prossime settimane sarà chiamato a monitorare l'esatta esecuzione delle misure per il contrasto alla diffusione del Covid-19 presso gli ambienti di lavoro nella delicata transizione verso la fase 2 con la graduale riapertura di molte attività economiche.

Il nucleo ispettivo, che si avvale della partecipazione del Comando provinciale dell'Arma dei Carabinieri, del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro e dell'ATS Valpadana, darà concreto avvio alle operazioni di accertamento a partire dalla settimana prossima, procedendo ad effettuare verifiche sulla base di pochi, semplici ma fondamentali, punti cardine che si impongono in questa delicata fase per la tutela della salute dei lavoratori ma anche dell'utenza e della collettività intera.

Nel fare questo, come chiarito anche nel corso dell'incontro con le organizzazioni di categoria del territorio, il nucleo ispettivo non svolgerà soltanto una funzione repressivo-sanzionatoria, ma sarà chiamato in primo luogo ad essere per gli operatori economici una guida in grado di dare indicazioni sulla corretta attuazione delle prescrizioni contenute nel protocollo dello scorso 24 aprile concordato dalle parti sociali con il favore del governo.

Grazie all'attività del nucleo sarà possibile mettere in luce le criticità da correggere per ottemperare in modo pieno ed efficace alle linee guida in materia di contenimento del contagio ed intervenire in tempi rapidi per rimuoverle, andando incontro a sanzioni e altre conseguenze ai sensi di legge nei casi più gravi oppure nei casi di evidente assenza di collaborazione.

La missione del Nucleo ispettivo non è punire ma garantire la tutela della salute, assicurare che i risultati guadagnati duramente da tutti in questi mesi non vengano dissipati e consentire un ritorno graduale alla normalità.

Una missione che è nell'interesse di tutti portare a compimento e che pertanto avrà nella collaborazione di tutte le parti il suo principale alleato.

 

Pubblicato il
:

 Costituzione del Nucleo Ispettivo COVID 19

Nuova Fase dell'emergenza e nuove modalità operative di controllo sul rispetto delle misure disposte dal Governo per la tutela della salute, in modo particolare presso gli ambienti di lavoro. Questo il punto al centro della riunione in videoconferenza convocata stamattina dal Prefetto di Cremona, dott. Vito Danilo Gagliardi, per la costituzione di uno specifico NUCLEO ispettivo anti COVID-19 per la verifica del rispetto delle misure di tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori concordate dalle parti sociali con il favore del Governo nell'ambito del protocollo allegato al più recente D.P.C.M. del 26 aprile 2020.

Secondo quanto stabilisce il D.P.C.M. infatti, le imprese che non risultano sospese devono rispettare i protocolli condivisi di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 siglati da Governo e parti sociali per le attività produttive, con sospensione se non vengono assicurati adeguati livelli di protezione.

A tale scopo, in linea di continuità con le iniziative già assunte e la precedente costituzione di uno specifico Osservatorio sulla materia in seno al Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, nel prendere atto e aderire alle sollecitazioni manifestate in tal senso nei giorni scorsi anche dalle Organizzazioni Sindacali del territorio, viene costituito uno specifico nucleo ispettivo che si occuperà in modo stabile e continuativo del monitoraggio in parola, con il coordinamento della Prefettura cui verranno periodicamente riferiti i risultati degli accertamenti eseguiti.

Il Nucleo Ispettivo COVID si avvarrà della collaborazione, quali componenti permanenti, del Comando Provinciale dell'Arma dei Carabinieri, dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro (con particolare riguardo al Nucleo territoriale del Lavoro dei Carabinieri), del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e infine dell'ATS Valpadana.

Il Nucleo, fin da subito operativo grazie alle informazioni elaborate dalla Prefettura, potrà agire anche sulla base di specifiche segnalazioni per interventi mirati allo scopo di intercettare e rilevare ogni eventuale violazione o criticità in grado di mettere a rischio la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nel contesto dello specifico impianto di misure per il contenimento del contagio.
Pubblicato il
:

 
Torna su