Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Cosenza

Codice Univoco: 5VGI6M

Si comunica che, ai sensi del Decreto in oggetto indicato, con decorrenza 6 giugno 2014 , i fornitori di questa Prefettura dovranno produrre esclusivamente fatture elettroniche, nel rispetto delle specifiche tecniche reperibili sul sito  www.fatturapa.gov.it

 

Eventuali fatture ricevute dopo tale data in formato non elettronico saranno restituite perché emesse in violazione di legge.

 

Per le finalità di cui sopra, l'articolo 3, comma 1, del citato d.m. n.55/2013 prevede che l'Amministrazione individui i propri Uffici deputati alla ricezione delle fatture elettroniche inserendoli nell'Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA), che provvede a rilasciare per ognuno di essi un Codice Univoco Ufficio secondo le modalità di cui all'allegato D "Codici Ufficio" del Decreto stesso.

 

Il Codice Univoco Ufficio è una informazione OBBLIGATORIA della fattura elettronica e rappresenta l'identificativo univoco che consente al Sistema di Interscambio (SdI), gestito dall'Agenzia delle Entrate, di recapitare correttamente la fattura elettronica all'Ufficio destinatario.

 

A completamento del quadro regolamentare, si segnala che l'allegato B "Regole Tecniche" al citato d.m. 55/2013, contiene le modalità di emissione e di trasmissione della fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione per mezzo dello SdI, mentre l'allegato C "Linee Guida" del medesimo decreto, riguarda le operazioni per la gestione dell'intero processo di fatturazione.

 

Quanto sopra premesso si comunica che il Codice Univoco Ufficio al quale dovranno essere indirizzate a far data dal 06/06/2014 le fatture elettroniche è: 5VGI6M

.

Oltre al "Codice Univoco Ufficio" che deve essere inserito obbligatoriamente nell'elemento "Codice Destinatario" del tracciato della fattura elettronica, occorre altresì indicare nella fattura anche le seguenti informazioni:  

 

Informazione
Elemento del tracciato fattura elettronica
Codice Unitario Progetto
Codice CUP
Codice Identificativo Gara
Codice CIG
<< altra informazione >> 
<< altro elemento >> 
 

Riguardo i codici CUP e CIG si richiama l'attenzione su quanto disposto, di recente, dall'articolo 25 del D.L. n.66 del 24.4.2014.

 

In particolare il comma 3 del suddetto articolo 25 stabilisce che le Pubbliche Amministrazioni NON POSSONO procedere al pagamento delle fatture elettroniche che non riportano i codici CIG e CUP ai sensi del comma 2.

 

Ciò detto si ritiene utile riportare il suddetto comma 2.

"Al fine di assicurare l'effettiva tracciabilità dei pagamenti da parte delle Pubbliche Amministrazioni, le fatture elettroniche emesse verso le stesse Pubbliche Amministrazioni riportano:

 

1)      Il Codice Identificativo Gara (CIG), tranne i casi di esclusione dall'obbligo di tracciabilità di cui alla legge 13 agosto 2010, n.136;

 

2)      Il Codice Unico di Progetto (CUP), in caso di fatture relative a opere pubbliche, interventi di manutenzione straordinaria, interventi finanziati da contributi comunitari e ove previsto ai sensi dell'articolo 11 della legge 16 gennaio 2003, n.3."

 

Quanto, poi, al campo  << altra informazione >> si ritiene utile che vengano indicate informazioni dettagliate sull'oggetto della fattura stessa che consentano a questo Ufficio di poter velocizzare al massimo i tempi di smistamento delle fatture al personale che ha curato l'ordine di fornitura ed a quello che si occuperà della conseguente liquidazione della spesa.

 

Le fatture cartacee emesse prima del 6 giugno e pervenute a questo ufficio fino al 6 settembre 2014 saranno regolarmente lavorate e saldate (ferma restando naturalmente l'attività di liquidazione delle fatture stesse, cioè la verifica dell'esistenza dell'ordine e della regolarità della fornitura), mentre saranno rifiutate quelle emesse in forma cartacea il 6 giugno 2014 o dopo tale data, ovvero, pur se emesse nei termini corretti, quelle non rispondenti alle specifiche tecniche.

 

 

IL DIRIGENTE S.C.G.F

(GIORDANO)
 

Ultima modifica il 09/06/2014 alle 13:43

 
Torna su