Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Como

Sequestro veicoli

Dirigente Dell'Area:Dott.ssa Delia NICOTRA
Email Dirigente Dell'Area: delia.nicotra(at)interno.it

SEQUESTRO DI VEICOLI

Per ottenere informazioni relative al sequestro del proprio veicolo (dissequestro, rateizzazione, confisca ecc.) è possibile scrivere ai seguenti indirizzi email:
depenalizzazione.pref_como@interno.it

per comunicazioni con posta certificata (P.E.C.) l'indirizzo è il seguente: depenalizzazione.prefco@pec.interno.it
La risposta viene generalmente fornita nell'arco di qualche ora oppure, in casi particolari, in un paio di giorni.

L'UFFICIO E' APERTO AL PUBBLICO SOLO NEL GIORNO DI VENERDI' DALLE 9:00 ALLE 13:00
Responsabile del procedimento: Dirigente: Dott.ssa Delia NICOTRA
Responsabile U.O. Sives: Dr.ssa Rosanna CHECCHIA
Orari di ricevimento: Il Venerdì dalle 09:00 alle 13:00
Ubicazione dell'Ufficio: 2° Piano
Email dell'ufficio:
Telefoni:
Fax:
  • 031317494 

Situazione:

L'ipotesi più frequente riguarda il sequestro del veicolo (autovettura, camion, ciclomotore, ecc.) può avvenire per mancanza della copertura assicurativa (art. 193 C.d.S.)
Cosa Fare
Se il veicolo è stato sottoposto a sequestro amministrativo il proprietario dello stesso, o persona delegata, può ottenere la restituzione del mezzo presentando istanza di dissequestro direttamente all'organo verbalizzante.
L'istanza in carta libera dovrà essere corredata dai seguenti documenti:
  • ricevuta di pagamento della sanzione pecuniaria (il pagamento deve essere effettuato  entro  60 giorni dalla notifica o contestazione del verbale)
  • certificato assicurativo del veicolo attestante la copertura per almeno 6 mesi
E' utile precisare che la sanzione pecuniaria di cui sopra è ridotta a un quarto quando l'interessato entro 30 giorni dalla contestazione della violazione, previa autorizzazione dell'organo accertatore, provvede alla demolizione del veicolo e alle relative formalità relative alla radiazione.
In questo caso l'interessato ha la disponibilità del veicolo e dei relativi documenti esclusivamente per le operazioni di demolizione e radiazione previo versamento presso l'organo accertatore di una cauzione pari all'importo minimo edittale (l'importo indicato sul verbale).
A demolizione avvenuta, che dovrà essere certificata a norma di legge ed esibita all'organo accertatore, all'interessato verrà restituita la cauzione decurtata dell'importo previsto a titolo di sanzione amministrativa, verrà cioè restituito un importo pari a tre quarti della cauzione.

Qualora nei termini previsti non sia stato proposto ricorso e non sia avvenuto il pagamento della sanzione, il relativo verbale costituisce titolo esecutivo ai sensi dell'art. 203, comma 3 del C.d.S. ed il veicolo viene confiscato ai sensi dell'art. 213.
Sequestro ai fini della confisca
Per le violazioni degli artt. 93, comma 7 (circolazione con veicolo non immatricolato), 97 comma 5 e 7 (circolazione con ciclomotore per il quale non è stato rilasciato il certificato di circolazione) e 214, comma 8 (circolazione con veicolo sottoposto a fermo amministrativo esclusi i fermi fiscali ), il C.d.S. prescrive la sanzione accessoria del sequestro ai fini della confisca, pertanto, nelle predette fattispecie non è prevista alcuna possibilità di dissequestro del veicolo.
E' comunque possibile proporre ricorso dal conducente o dal proprietario del veicolo al Prefetto entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notifica del verbale relativo alla violazione. Il Prefetto decide entro 90 giorni dal completamento dell'istruttoria. Se il verbale è archiviato viene disposto immediatamente il dissequestro del mezzo. Contro l'ordinanza di rigetto del ricorso può essere proposto ricorso al Giudice di pace entro 30 giorni dalla notifica della stessa.
Avverso il provvedimento prefettizio di confisca è ammesso ricorso davanti al Giudice di Pace competente per territorio, entro 30 gg. o 60 se da residente all'estero, dalla notifica, ai sensi dell'art. 22 della legge 689/81.
RATEIZZAZIONE
La rateizzazione della sanzione, registrata sul verbale di contestazione, può essere richiesta con domanda in carta semplice.
Occorre precisare che, ai sensi dell'art. 202-bis del C.d.S. l'istanza deve essere presentata entro 30 giorni dalla notifica del verbale e che l'importo minimo per il quale si chiede la rateizzazione è di 200 euro.
Le richieste di rateizzazione riferite a verbali contestati dagli organi di polizia statale (Carabinieri, G.d.F. e Polizia Stradale ecc.) vanno presentate al Prefetto mentre nel caso di verbali redatti da polizie locali la richiesta andrà presentata al Sindaco competente.

La domanda (vedi modello A  richiesta di rateizzazione)  
deve essere accompagnata da un'autocertificazione del richiedente, relativa alla sua situazione economica (vedi modello di autocertificazione stato reddituale o economico)
La rateizzazione può essere richiesta anche per una ordinanza-ingiunzione del Prefetto. (vedi allegato B)
   
 
Articoli 213 e 214 C.d.S. :
Nuove procedure per l'applicazione della misura cautelare del sequestro amministrativo e della sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo.
Vedi Sezione Allegati nel blocco in basso (dalla Circolare n. 35, prot. n. M/6326/50-17 del 21 settembre 2007 ad All. 16)
Attivazione Gestione Sistema Informatico Veicoli Sequestrati (S.I.VE.S.)
Circolari Prefettura di Como
 
Contratto con il custode-acquirente provinciale
 
 
Vedi Sezione Allegati nel blocco in basso (dalla Circolare n. 352163/2007 del 6 agosto 2008 alla Circ. n. 2163/2007 del 27 settembre 2008).
Riferimenti normativi: 
  • Nuovo Codice della Strada (art. 203 e 206); 
  • Decreto Legislativo 30.4.1992 n. 285, e relativo Regolamento di esenzione D.P.R. 16.12.1992, n. 495;
  • Decreto Legislativo 10.09.1993, n. 360;
  • Legge 24.11.1981, n. 689 

Data pubblicazione il 01/01/2001
Ultima modifica il 06/09/2021 alle 14:22

 
Torna su