Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Catania

Comunicati Stampa

 

 SICUREZZA STRADALE NELLE PROSSIME FESTIVITA' PASQUALI, 25 APRILE E 1 MAGGIO

     In occasione delle prossime festività pasquali, del 25 aprile e del 1° maggio durante le quali è previsto un incremento del traffico veicolare sulle principali arterie stradali ed in particolare lungo gli itinerari che conducono alle località turistiche della provincia, il Prefetto di Catania ha richiamato l'attenzione dei Sindaci della Città metropolitana, dei Dirigenti del Compartimento e della Sezione della Polizia stradale di Catania, del Comandante dei Vigili del fuoco, del Direttore generale dell'ASP e della Centrale operativa del 118, del Dirigente del Dipartimento Regionale di Protezione Civile - Servizio Sicilia Sud-Orientale e del Dirigente del Compartimento ANAS e Presidente del Consorzio per le Autostrade Siciliane.

     Al fine di contenere l'incidentalità stradale e garantire la sicurezza degli spostamenti è stato, pertanto, richiesto di assicurare, da parte di tutti i soggetti cui compete l'espletamento dei servizi di polizia stradale, sia un rafforzamento della vigilanza sulle strade sia un'efficace attività di prevenzione e repressione delle norme di comportamento alla guida.

     Parallelamente è stata sollecitata l'attivazione di servizi atti a garantire tempestivi interventi di assistenza e soccorso alle persone in viaggio in caso di situazioni emergenziali dovute all'intensità del traffico, ad incidenti o per situazioni meteorologiche avverse, con l'apporto dei Vigili del Fuoco, del personale dell'A.N.A.S., delle società concessionarie autostradali e delle strutture sanitarie, nonché delle articolazioni locali della Protezione Civile.

     Tenuto conto del prioritario impegno della Polizia Stradale lungo la viabilità autostradale ed extraurbana principale, nonché dei servizi che l'Arma dei Carabinieri e le altre Forze di Polizia effettueranno sulla restante viabilità ordinaria, è stato richiesto anche il contributo della Polizia Provinciale e delle Polizie locali, in stretto raccordo con i suddetti Organi di polizia e con le altre componenti del più ampio sistema di intervento, in modo da garantire un presidio della viabilità efficace, diffuso e percepibile dalla cittadinanza.

     Sono stati, altresì, interessati direttamente i Sindaci allo scopo di sensibilizzare i dipendenti Uffici di Polizia Municipale per la predisposizione dei servizi di specifica competenza sulla rete viaria di pertinenza comunale, con particolare attenzione alla rilevazione di eventuali incidenti stradali in ambito urbano, attivando, inoltre, le articolazioni locali della Protezione Civile per garantire, in caso di necessità, immediata assistenza agli utenti nonché per implementare la circolarità delle informazioni inerenti la viabilità.

     Particolare attenzione è stata dedicata, infine, alla necessità di fornire massima diffusione all'utenza di notizie tempestive e aggiornate sul traffico e sulla percorribilità delle strade attraverso gli organi di informazione locali e all'esigenza di garantire completezza e tempestività dei flussi informativi verso Viabilità Italia al verificarsi di eventuali situazioni di criticità della circolazione, anche sulla viabilità alternativa alla rete autostradale, la cui piena fruibilità da parte dell'utenza è elemento fondamentale per un'efficace gestione dei flussi di traffico.

Pubblicato il :

 COMITATO PROVINCIALE PER L'ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA

    Giovedì 18 aprile si è svolto, presso il Palazzo del Governo, il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto.

    Alla riunione hanno partecipato il Questore, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, il Dirigente dell'Ufficio di Polizia di Frontiera, il Comandante della Capitaneria di Porto, il Comandante del 5° Reggimento Superga , Responsabile del Contingente dell'Esercito dell'Operazione Strade Sicure , l'Assessore all'Ambiente, Ecologia e Sicurezza Urbana e l'Assessore a Decentramento, Periferia e Polizia Municipale del Comune di Catania, il Comandante della Polizia Locale, il Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria Provinciale, il Direttore del Servizio 118, il Dirigente dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro.

     Il Comitato, in adesione alla più recente legislazione e alle ultime direttive del Ministro dell'Interno in materia di sicurezza urbana, è già impegnato in un lavoro di ridefinizione degli obiettivi strategici, con conseguente rimodulazione del nuovo Piano di Controllo Coordinato del Territorio , nel quale si delinea una complessiva strategia di intervento e di tutela rafforzata non solo del centro cittadino ma anche dei quartieri periferici, con una capillare, dinamica e incisiva presenza delle Forze dell'Ordine e con la partecipazione della Polizia Locale.

     In tale ottica, particolare attenzione è stata dedicata all'esame del sistema di videosorveglianza e a tal riguardo è stato istituito in Prefettura un Gruppo di Lavoro del quale fanno parte le Forze dell'Ordine, l'Amministrazione Comunale, la Polizia Locale e la Capitaneria di Porto per assicurarne la piena funzionalità e l'implementazione.

     L'Amministrazione Comunale, inoltre, sta provvedendo all'approvazione del nuovo Regolamento di Polizia Urbana, al quale il legislatore demanda l'individuazione di specifiche aree ritenute maggiormente a rischio, con particolare riferimento a quelle su cui insistono presidi sanitari, scuole, plessi scolastici e siti universitari, musei, aree e parchi archeologici, complessi monumentali o altri istituti e luoghi della cultura o comunque interessati da consistenti flussi turistici, arre destinate allo svolgimento di fiere, mercati, pubblici spettacoli, ovvero adibite a verde pubblico , aree sulle quali si applica il provvedimento di D.A.SPO. urbano , di cui al decreto legge n.14 del 2017, successivamente modificato dal decreto legge 113 del 2018, c.d. decreto sicurezza , che affida ai Sindaci e alle Autorità di Pubblica Sicurezza strumenti operativi peculiari, con particolare riferimento all'ordine di allontanamento e al divieto di accesso.

     In tale contesto, sarà attivato celermente un apposito Gruppo di Lavoro, coordinato dalla Prefettura, del quale faranno parte i rappresentanti del Comune, della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Capitaneria di Porto, al fine di procedere ad una preliminare analisi di contesto, in funzione di una dettagliata mappatura del territorio del Comune, per evidenziare le criticità riscontrate, che parta dal centro storico e dai luoghi principali della "movida" catanese, per raggiungere anche le periferie della città, con particolare attenzione alle piazze di spaccio e alle aree abbandonate.

     Tale mappatura dovrà essere portata a definizione entro il mese di maggio e costituirà la base di una proposta che potrà orientare gli interventi di prevenzione e anche l'applicazione di strumenti specifici in tal senso, quali l'ordine di allontanamento, il D.A.SPO. urbano e gli altri strumenti previsti dalla recente normativa.

     Sul punto, l'Amministrazione Comunale, nello spirito della massima condivisione, ha confermato, in sede di Comitato, il proprio intendimento di portare a celere definizione il Regolamento di Polizia Urbana, richiedendo eventualmente la procedura d'urgenza per l'esame del Consiglio Comunale, organo competente all'approvazione del nuovo Regolamento.

     Il Prefetto ha affermato che "le Forze dell'Ordine, con grande professionalità, abnegazione e spirito di sacrificio fanno molto, ma occorre che assieme si faccia ancora di più" .

     In tale quadro il valore aggiunto è dato dalla cooperazione tra Forze dell'Ordine, Polizia Locale e Organi territoriali, anche sanitari, volta ad assicurare all'Amministrazione Comunale ogni utile forma di collaborazione per l'applicazione degli specifici strumenti di competenza previsti dalla recente normativa Le criticità riscontrate recentemente sul territorio richiedono, infatti, il coordinamento sempre più stringente tra le diverse componenti dello Stato e del territorio, anche e soprattutto in chiave di prevenzione, al fine di rafforzare la sicurezza effettiva e percepita dai cittadini.

    Occorrono, pertanto, urgenti interventi di prevenzione in forma integrata, che, soprattutto nella zone della movida catanese, hanno avuto già inizio negli ultimi fine settimana con iniziative di carattere straordinario e con la partecipazione dell'Esercito e della Polizia Locale e che saranno ulteriormente incrementati anche con la collaborazione dei servizi dell'Azienda Sanitaria Provinciale.

     Ciò anche attraverso coordinate e condivise azioni di prevenzione e contrasto delle situazioni di illegalità diffusa, quali l'uso, la vendita e la cessione di sostanze stupefacenti, l'abuso di sostanze alcoliche, l'occupazione arbitraria di immobili, l'irregolarità degli esercizi commerciali, con l'intervento dell'Ispettorato del Lavoro e dei Nuclei Speciali dell'Arma dei Carabinieri, e qualsiasi altro comportamento che generi disagio per la collettività.

     Nel corso delle prossime riunioni del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, verrà svolta l'audizione anche dei rappresentanti delle associazioni di categoria dei commercianti e delle associazioni di cittadini, che possono essere d'ausilio nella formulazione delle più adeguate strategie di intervento, anche in riferimento all'individuazione delle aree maggiormente a rischio.

Pubblicato il :

 VISITA DEL CONSOLE GENERALE DI FRANCIA

    Il Prefetto di Catania Claudio Sammartino ha ricevuto in visita istituzionale, presso il Palazzo del Governo, il Console Generale di Francia a Napoli, Direttore dell ' Institut Francais Napoli Laurent Burin des Roziers, accompagnato dal Console Onorario Avvocato Ferdinando Testoni Blasco.

    Nel corso del cordiale incontro, il Console ha presentato la propria comunità, illustrando le iniziative che essa svolge e manifestando il proprio apprezzamento per il contesto territoriale provinciale, nel quale la comunità francese risulta perfettamente integrata.

    Il Prefetto ha dialogato col Console sulle principali problematiche di ordine e sicurezza pubblica e di rilevanza socio-economica che riguardano il territorio della provincia.

    Il Prefetto ha assicurato la massima collaborazione istituzionale dei propri Uffici nei confronti dell'Ufficio consolare, formulando i propri auguri di buon lavoro al Console Generale, recentemente insediatosi nella sua funzione.


Pubblicato il :

 PROBLEMATICHE RELATIVE AI LAVORATORI DEL CARA LOTTO 1 E LOTTO 3

     Nel corso delle ultime settimane sono state ricevute presso questa Prefettura alcune delegazioni di Organizzazioni Sindacali e di lavoratori del CARA di Mineo e, in particolare, quelli delle ditte aggiudicatarie dei servizi distintamente del Lotto 1 (servizi alla persona) e del Lotto 3 (servizi di pulizia).

     I lavoratori dipendenti delle suddette società hanno lamentato, tra l'altro, la mancata corresponsione di mensilità arretrate da parte dei rispettivi datori di lavoro.

     Per quanto attiene il Lotto n. 1, la Prefettura di Catania, pur avendo ricevuto solo di recente la documentazione a corredo delle fatture dei mesi di ottobre e novembre 2018 da parte della ditta aggiudicataria e pur in presenza di non completezza della stessa documentazione, ha, comunque, provveduto ad effettuare un pagamento in acconto delle predette fatture per evitare, per quanto possibile, ripercussioni sui lavoratori.

     Per quanto riguarda il Lotto n. 3, invece, alcune questioni applicative del capitolato d'appalto e del relativo contratto sollevate dalla stessa ditta e che incidono sulla esatta determinazione del corrispettivo dei servizi sono state approfondite in occasione di riunione congiunta con i responsabili ed il legale della predetta ditta.

     Anche in tal caso, pur essendo stata rilevata un'incompleta produzione della documentazione a corredo delle fatture, questa Prefettura ha in corso di adozione tutte le iniziative necessarie al fine di addivenire al pagamento dei corrispettivi all'impresa nel rispetto delle norme contrattuali e del Codice dei contratti.

Pubblicato il :

 RIUNIONE IN PREFETTURA CONCERNENTE LA VERTENZA DEI LAVORATORI DELLA SOCIETA" COOPERATIVA MURATORI CEMENTISTI"

Si è svolta presso la Prefettura una riunione, convocata dal Prefetto di Catania Claudio Sammartino, concernente la vertenza dei lavoratori della società "Cooperativa Muratori Cementisti" di Ravenna, impegnata, per conto della Ferrovia Circumetnea, nel completamento dei lavori della "Metroplitana" di Catania e in particolare nei cantieri dei tratti "Palestro-Stesicoro" e "Nesima- Monte Po".

Lo stato di crisi della predetta società, che allo stato si trova sottoposta a procedura di concordato preventivo presso il Tribunale Fallimentare di Ravenna, ha provocato alcuni ritardi nel pagamento degli stipendi e la preoccupazione dei 200 lavoratori impegnati circa la prosecuzione dell'opera ed il conseguente mantenimento dei livelli occupazionali.

In relazione alla convocazione della riunione le OO.SS. hanno deciso unanimemente di sospendere lo sciopero proclamato in attesa delle risultanze della riunione.

Detta riunione, alla quale hanno partecipato i segretari generali delle OO.SS., il direttore generale di Ferrovia Circumetnea e il rappresentante della CMC, ha consentito di concordare un cronoprogramma condiviso tra stazione appaltante ed impresa esecutrice per consentire la ripresa dei lavori e, nel contempo, il pagamento delle retribuzioni arretrate ai dipendenti.

In particolare si è convenuto che la F.C.E. si impegna a pagare entro pochi giorni alla CMC un S.A.L. di 4,3 milioni di euro; con tale somma la CMC pagherà le imprese subappaltatrici del lavori della tratta Nesima - Monte Po. Successivamente la CMC trasmetterà le fatture quietanziate delle predette ditte subappaltatrici alla F.C.E. che potrà così liquidare un ulteriore S.A.L. di 2,5 milioni di euro consentendo altresì, la riapertura dei cantieri. Il rappresentante della CMC a sua volta, ha assicurato che la società provvederà a pagare ai dipendenti la mensilità di febbraio entro il prossimo 15 aprile.

Le OO.SS. pur manifestando soddisfazione per l'accordo raggiunto, sono state riconvocate per il 15 aprile per monitorare l'attuazione del cronoprogramma, il rispetto delle scadenze e il pagamento delle spettanze ai lavoratori.

 

 

 

                                                                    

Pubblicato il :

 
Torna su